Mediazione civile

NEWS DI Normative01 Giugno 2010 ore 14:25
Come il nuovo procedimento di mediazione interessera' il contenzioso sulla casa.

Mediazione civileIl d.lgs n. 28 del 4 marzo 2010 ha introdotto nell'ordinamento italiano norme in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali.

In sostanza, come ci dice l'ultimo articolo del decreto succitato (art. 24) trascorsi dodici mesi dall'entrata in vigore del testo di legge, per tutta una serie di materie, prima d'intraprendere una causa, sarà necessario esperire un tentativo di mediazione indispensabile ai fini della corretta instaurazione dell'eventuale successivo contenzioso giudiziario.

Si tratta, facendo un paragone, del ben noto tentativo obbligatorio di conciliazione previsto in materia di diritto del lavoro.

La mediazione interesserà un vasto ambito di materie e sarà obbligatoria indipendentemente dal valore della controversia.



Vale la pena cercare di capire, in relazione alla casa , quando sarà necessario azionare questo procedimento.

Ai sensi dell'art. 5, d.lgs n. 28/10, chi intende esercitare in giudizio un'azione relativa ad una controversia in materia di condominio, diritti reali, […] locazione, comodato, […] è tenuto preliminarmente a esperire il procedimento di mediazione ai sensi del presente decreto […]. L'esperimento del procedimento di mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale.

Il tentativo di conciliazione dovrà essere effettuato se la controversia verte in materia condominiale.

Allo stesso modo se il motivo della contesa ha a che vedere con il diritto di proprietà; si pensi a quelle ipotesi in cui sorgono contrasti in merito all'altezza degli alberi, alla loro distanza dal confine o ancora all'altezza ed alla proprietà dei muri di confine, alla concessione di servitù ecc.



Mediazione civileAl pari delle prime due materie anche le controversie inerenti il contratto di locazione e quello di comodato soggiacciono al tentativo di conciliazione.

Si badi che per quanto concerne le questioni attinenti lo sfratto per morosità e licenza di finita locazione, non v'è alcun obbligo di procedere con il tentativo di conciliazione prima d'iniziare una causa.

Ai sensi dell'art. 6 del decreto legislativo:
Il procedimento di mediazione ha una durata non superiore a quattro mesi.

Il termine di cui al comma 1 decorre dalla data di deposito della domanda di mediazione, ovvero dalla scadenza di quello fissato dal giudice per il deposito della stessa e, anche nei casi in cui il giudice dispone il rinvio della causa ai sensi del quarto o del quinto periodo del comma 1 dell'articolo 5, non è soggetto a sospensione feriale
.

L'intento del legislatore delegato è quello di far giungere le parti ad un accordo, contenendo i tempi di questa procedura stragiudiziale in un lasso di tempo ragionevole al fine, altresì, di decongestionare il carico giudiziario.

Gli oneri di accesso alla conciliazione, a dire di molti, sono l'ennesimo costo posto a carico dei cittadini che rischiano semplicemente di vedere rallentati i tempi del ricorso alla giustizia ordinaria.


Non rientrano tra le materie per le quali sarà obbligatorio conciliare le controversie inerenti la garanzia e i difetti di funzionamento degli elettrodomestici.
Ciò vuol dire che in questi casi non sarà obbligatorio (resterà quindi facoltà delle parti) esperire il tentativo di mediazione prima d'intraprendere un giudizio civile.

Stesso discorso per ciò che concerne i contratti d'appalto, non solo quelli relativi alla costruzione dell'immobile ma anche quelli inerenti l'installazione d'impianti (es. riscaldamento, satellitare, fotovoltaico ecc.).

Il risultato del tentativo di mediazione prende il nome di conciliazione.

Mediazione civileÈ importante evidenziare che a differenza degli arbitrati (ossia dei giudizi svolti dinanzi a giudici privati), dove al termine del procedimento l'arbitro esprime un giudizio, nella conciliazione le parti possono addivenire ad un accordo oppure il tentativo può avere effetto negativo.

Il conciliatore, quindi, non ha il compito esprimere un giudizio del merito ma, eventualmente, formulare una proposta conciliativa che nulla, si ribadisce, ha a che vedere con una sentenza o un provvedimento decisorio altrimenti detto.

È fatto obbligo per gli avvocati, infine, di informare i clienti della possibilità e/o della necessità di attivare il procedimento di mediazione e dei relativi benefici (art. 4 d.lgs n. 28/2010).

riproduzione riservata
Articolo: Mediazione civile
Valutazione: 5.40 / 6 basato su 5 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Mediazione civile: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Gena Solinto
    Gena Solinto
    Lunedì 7 Ottobre 2013, alle ore 21:03
    E' da un anno circa che chiedo ai miei condomini di rivedere le tabelle millesimali non legittimate da alcuna delibera e non riportanti l'esatto stato dei luoghi.
    Ora sono costretta per i loro rifiuti ad agire per vie giudiziali: secondo la nuova legislazione, occorre passare attraverso la mediazione?
    Ringrazio in anticipo.
    rispondi al commento
    • Legale
      Legale Gena Solinto
      Martedì 8 Ottobre 2013, alle ore 13:14
      Si, la mediazione è obbligatoria anche per questa materia.
      rispondi al commento
  • Michele Valle
    Michele Valle
    Mercoledì 12 Settembre 2012, alle ore 00:55
    Dopo la sentenza di Lamezia Terme è ancora valida la precisazione che per quanto concerne le questioni attinenti lo sfratto per morosità e licenza di finita locazione, non v'è alcun obbligo di procedere con il tentativo di conciliazione prima d'iniziare una causa?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Mediazione civile che potrebbero interessarti
Unità immobiliare condominiale: frazionamento e vendita

Unità immobiliare condominiale: frazionamento e vendita

I proprietari delle unità immobiliari hanno diritto a partecipare all'assemblea e la deliberazione assunta senza la loro convocazione è annullabile, in quanto risulta viziato.
Quando si applica l'art. 1126 C.C. per la ripartizione spese di condominio?

Quando si applica l'art. 1126 C.C. per la ripartizione spese di condominio?

L'art. 1126 del codice civile disicplina la ripartizione delle spese per i lastrici di uso esclusivo. Vediamo se si può applicare anche in altri casi.
Forse non è condominio, ma sicuramente è comunione, se risulta dall'atto di acquisto

Forse non è condominio, ma sicuramente è comunione, se risulta dall'atto di acquisto

In tema di condominio negli edifici, le parti comuni sono quelle accessorie al godimento delle unità immobiliari, o comunque quelle indicate negli atti d'acquisto.
Contestazione della ripartizione delle spese condominiali

Contestazione della ripartizione delle spese condominiali

La ripartizione delle spese condominiali dev'essere contestata attravero l'impugnazione della delibera. L'importante è saper scegliere quale contestare.
Appartamento in comunione ed uso esclusivo

Appartamento in comunione ed uso esclusivo

In tema di beni in comunione, è illegittimo l'uso esclusivo da parte di uno dei due comproprietari se l'altro non è d'accordo perché così si limita quel diritto.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.389 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Rifacimento coperture Prato e provincia
    Rifacimento coperture prato e...
    50.00
  • Realizzazioni cappotti termici Prato e provincia
    Realizzazioni cappotti termici...
    39.00
  • Demolizione tramezzi e trasporto macerie Roma dintorni
    Demolizione tramezzi e trasporto...
    60.00
  • Posatura di parquet prefinito Roma e provincia
    Posatura di parquet prefinito roma...
    25.00
  • Multisplit a parete LG serie EP SMART INVERTER
    Multisplit a parete lg serie ep...
    980.58
  • Ponte giulio specchio inclinabile con vetro di
    Ponte giulio specchio inclinabile...
    183.75
  • Dipinto italiano paesaggio neoclassico dei primi del
    Dipinto italiano paesaggio...
    1275.00
  • Coppia di tavolini in mogano stile luigi
    Coppia di tavolini in mogano stile...
    563.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Faidatebook
  • Weber
  • Kone
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 160 000.00
foto 4 geo Viterbo
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 59 000.00
foto 4 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 68.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
€ 500.00
foto 2 geo Roma
Scade il 31 Luglio 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.