Acquisti con assegni senza clausola di non trasferibilità: scattano Maxi Sanzioni

Flash News DI Leggi e Normative Tecniche03 Marzo 2018 ore 09:48
Acquisti con assegno senza clausola di non trasferibilità. Le maxi sanzioni applicate hanno reso necessario l'intervento del Parlamento per trovare una soluzione

Lo stop del Parlamento alle Maxi Sanzioni


La commissione Finanze alla Camera chiede di apportare un correttivo al decreto antiriciclaggio che ha determinato l’applicazione di pesanti sanzioni a carico di coloro che hanno emesso assegni senza la clausola di non trasferibilità.
Notevoli le polemiche insorte nelle ultime settimane. Si auspica il ritorno a sanzioni meno gravose nei confronti di chi ha commesso delle irregolarità.

La norma riguarda gli assegni con importi superiori ai 1.000 euro. Attenzione, dunque, quando si acquista ad esempio un divano o un grosso elettrodomestico. Ricordiamo che le sanzioni sono a carico sia di chi emette l’assegno per effettuare il pagamento, sia di chi lo ha accettato.

Poiché il problema ha ormai acquisito un’importanza mediatica, viste le ripercussioni sulle tasche di molti cittadini, è stato necessario un intervento volto a porre fine alla situazione. La questione è insorta a causa dell’inasprimento di multe e sanzioni della normativa antiriciclaggio.


Assegno clausola di non trasferibilità
Cosa prevede dunque il decreto 90/2017 entrato in vigore il 4 luglio scorso?
Le sanzioni previste vanno da 3.000 euro a ben 50.000 euro. Variata (in aumento) anche la soglia per poter aderire all’oblazione, ovvero il diritto del consumatore di pagare la somma scontata entro il termine di 60 giorni, al fine di evitare il contenzioso con la Ragioneria territoriale.

In cosa è consistito l’intervento del Parlamento?
Si richiede al governo di rendere più proporzionale l’impianto sanzionatorio, al fine di renderlo più adeguato all’entità della violazione, spesso avvenuta per mera dimenticanza. Si chiede di riparametrare e rendere più congrue le penalità da applicare, soprattutto nel caso di importi esigui. Lo scopo dell’intervento voluto dall’onorevole Sergio Boccadutri, è quello di evitare i potenziali effetti distorsivi derivanti dall’applicazione di maxi sanzioni.

Molti assegni emessi oggi dalle banche contengono stampata la suddetta clausola di non trasferibilità. Tuttavia, vi sono in giro ancora vecchi blocchetti che ne sono privi e per i quali occorre metterla a mano. Una banale svista può portare all’applicazione di una multa salata.
Anche se Abi e Bankitalia non hanno diffuso dei dati ufficiali circa il numero di assegni senza clausola attualmente in circolazione, la percezione da parte delle Ragionerie territoriali è che i consumatori arrabbiati siano parecchi.

riproduzione riservata
Articolo: Maxi sanzioni per acquisti con assegni senza clausola di non trasferibilità
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.

Maxi sanzioni per acquisti con assegni senza clausola di non trasferibilità: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Maxi sanzioni per acquisti con assegni senza clausola di non trasferibilità che potrebbero interessarti
Scaduta sanatoria catastale

Scaduta sanatoria catastale

Catasto - Il 30 aprile scorso è scaduto il termine ultimo per presentare la sanatoria catastale e mettere in regola i cosiddetti immobili fantasma.
Maxi bollette della luce: prescrizione a due anni

Maxi bollette della luce: prescrizione a due anni

Burocrazia e utenze - Stop alle maxibollette della luce; dal 1° marzo riconosciuta la prescrizione breve di 2 anni a tutela dei consumatori. Lo dice l'Arara con una recente delibera.
Dal 2018 abolizione dei maxi conguagli per le bollette di luce e gas

Dal 2018 abolizione dei maxi conguagli per le bollette di luce e gas

Burocrazia e utenze - Da marzo 2018 potremo dire addio ai maxi conguagli effettuati nelle bollette relative ai consumi di luce, acqua e gas. Termine di prescrizione sarà di due anni.

Vendita e locazione senza APE

Normative - Il decreto Destinazione Italia stabilisce che, in caso di assenza di APE negli atti di compravendita immobiliare, possano scattare maxi multe fino a 18.000 euro.

Nuove multe condominiali

Condominio - La riforma del condominio ha aumentato gli importi irrogabili a titolo di sanzione per l'inosservanza del regolamento condominiale. Chi può elevare le sanzioni?

APE nelle aste giudiziarie

Leggi e Normative Tecniche - Uno studio del Notariato analizza la normativa per individuare se nel caso di aste giudiziarie è necassario l'Attestato di Prestazione Energetica dell'immobile.

Multe condominiali e poteri dell'assemblea

Condominio - La legge n. 220/12 aveva aggiornato gli importi delle sanzioni irrogabili per violazioni del regolamento condominiale.Il d.l. n. 145/13 ha precisato alcuni aspetti.

Donazione: quando è previsto l'APE

Proprietà - In caso di trasferimento a titolo gratuito, come la donazione, vi è l'obbligo di dotazione dell'APE, l'attestato di prestazione energetica, e non di allegazione.

Nuove regole per gli annunci immobiliari

Normative - Dal primo gennaio 2012 sarà obbligatorio riportare l'indice di prestazione energetica negli annunci di compravendite immobiliari, ai sensi del D.Lgs 28/2011.
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.