Malte compatibili per i restauri

NEWS DI Restauro edile11 Aprile 2015 ore 14:46
Per non favorire situazioni di degrado, nella manutenzione degli edifici storici è necessario servirsi di prodotti compatibili con le materie prime tradizionali.

Importanza dei materiali negli interventi di recupero


Negli interventi su superfici di pregio è molto importante scegliere materiali compatibili.Durante un intervento di restauro o di semplice manutenzione in un edificio storico (ad esempio la pulitura o il risarcimento di eventuali lacune), soprattutto in presenza di superfici di pregio e/o decorate è assolutamente fondamentale scegliere i materiali più adatti: infatti, un materiale non compatibile anzichè migliorare la situazione potrebbe compromettere l'efficacia dell'intervento, accelerare una situazione di potenziale degrado o addirittura crearne di nuovo.


Caratteristiche di una malta per interventi di recupero


Le malte di restauro devono essere compatibili con i materiali originali.Particolare attenzione va posta sopratutto nella scelta dei componenti con cui preparare le malte per la ristilatura dei giunti delle murature, la stuccatura di eventuali lesioni, la riadesione di parti cadute o pericolanti, la risarcitura di eventuali lacune e l'esecuzione di un nuovo strato di intonaco.

Infatti, in questi casi le malte di restauro devono possedere alcune caratteristiche ben precise:

- una resistenza meccanica simile a quella delle malte originali ancora presenti: infatti, resistenze meccaniche molto diverse potrebbero creare tensioni anomale, contribuendo alla disgregazione e/o polverizzazione degli intonaci, dei mattoni o dei conci di materiale lapideo;

- basse percentuali di sali solubili in acqua, che potrebbero provocare pericolose efflorescenze e sub-efflorescenze saline, le quali a loro volta hanno un ruolo determinante in varie forme di degrado (tra cui la scagliatura e l'esfoliazione della pietra);

- lo stesso colore del materiale originale, sopratutto nel caso delle risarciture di un intonaco pigmentato in pasta o della stuccatura di lesioni in un rivestimento di pietra o di marmo artificiale, ovviamente allo scopo di non compromettere l'aspetto della superficie trattata.

Va quindi esclusa tassativamente qualsiasi malta cementizia, perchè molto ricca di sali solubili e con una resistenza meccanica troppo elevata, mentre sono ovviamente indicate le materie prime tradizionali, e cioè la calce aerea e la calce idraulica naturale.

Si possono inoltre utilizzare le ricette consigliate dai trattatisti, che prevedono generalmente l'uso di sabbia di fiume accuratamente lavata e la presenza di additivi per rendere idraulica anche una malta di calce aerea, tra cui ad esempio il caolino (cioè l'argilla bianca), le scorie di altoforno, il cocciopesto (mattoni e cocci di terracotta finemente macinati) e la pozzolana (lapilli vulcanici).

Particolarmente resistenti - e indicate per interventi in zone molto umide o addirittura sott'acqua - sono la malta di cocciopesto e di pozzolana, entrambe già ben conosciute dagli antichi Romani e descritte da Vitruvio.


Novità dal mercato delle malte per restauro


Per la buona conservazione di una muratura, la manutenzione dei giunti di malta è fondamentale.Tuttavia, la confezione di una malta con i metodi tradizionali risulta oggi molto complessa per numerosi motivi:
- la calcinazione delle rocce carbonatiche e lo spegnimento della calce viva avvengono con metodi industriali, e perciò il prodotto finito ha caratteristiche diverse rispetto ai leganti tradizionali;
- il lungo periodo di stagionatura richiesto dalle antiche regole dell'arte rende anti-economica la preparazione del grassello direttamente in cantiere;
- il reperimento degli additivi tradizionali può essere difficoltoso, e perciò comportare un aumento dei costi;
- la confezione della malta direttamente in cantiere secondo le ricette dei trattatisti richiede manodopera esperta.

Per risolvere questo problema le aziende del settore hanno perciò commercializzato una vasta gamma di prodotti appositamente studiati per il recupero e la manutenzione degii edifici storici.

Per il restauro delle tipiche cupole siciliane sono particolarmente indicati gli intonaci colorati in pasta.Il gruppo industriale Tradimalt s.p.a. propone ad esempio le linee Biostorical e Magistra, comprendenti tra gli altri:
- il grassello, venduto già pronto per l'uso in contenitori sigillati: formato da calce aerea e polvere di marmo, si presta molto bene per la finitura superficiale degli intonaci (cioè per l'esecuzione dell'ultimo strato chiamato velo, tonachino o colletta) e la confezione di stucchi;
- una malta specifica per la ristilatura dei giunti delle murature, a base di calce idraulica naturale e aggregati di natura calcarea in curva granulometrica 0,0-0,6 mm, di colore nocciola chiaro e aspetto simile alle malte tradizionali: già premiscelata nelle proporzioni ideali, necessita solo dell'aggiunta del corretto quantitativo di acqua e di una breve fase di preparazione;
- gli intonaci colorati in pasta, disponibili in una vasta gamma di tinte (azzurro, verde, grigio, nero, rosso, rosa, beige e arancione) e particolarmente indicati per il rivestimento delle facciate , dei lastrici solari e delle cupole tipiche dell'architettura del Sud Italia e della Sicilia.

L'Azienda Mapei - una vera e propria garanzia dati i molti decenni di esperienza nel settore - ha invece messo a punto Mape-Antique, un sistema per il risanamento di murature con umidità di risalita capillare, formato da vari prodotti a base di calce idraulica naturale ed eco-pozzolana, e resistenti ai sali solubili:
- malta di allettamento, ottima per il tamponanento di porte e finestre, la risarcitura delle lacune murarie o gli interventi di cuci-scuci;
- intonaco di fondo traspirante, ideale per asciugare le murature con evidenti danni da umidità di risalita capillare o realizzare zoccoli basamentali esteticamente apprezzabili;
- malta da rasatura traspirante a grana fine per l'esecuzione di intonaci a civile.

riproduzione riservata
Articolo: Malte per restauri
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.

Malte per restauri: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Malte per restauri che potrebbero interessarti
Pozzolana, cocciopesto e malte idraliche

Pozzolana, cocciopesto e malte idraliche

Materiali edili - Le malte idrauliche, ottenute da alcuni tipi di calce o aggiungendo additivi come il cocciopesto e la pozzolana, fanno presa in ambienti molto umidi o sottacqua
Lavorazioni tradizionali per intonaci a regola d'arte

Lavorazioni tradizionali per intonaci a regola d'arte

Pittura e decorazioni - Lavorazioni tradizionali per intonaci a regola d'arte: le ricette dei trattatisti, la pozzolana, il cocciopesto e la corretta sovrapposizione degli strati.
La malta: caratteristiche e utilizzo

La malta: caratteristiche e utilizzo

Materiali edili - La malta è un impasto di acqua, legante e inerte usato per realizzare murature portanti e di tamponamento o per il loro rivestimento, sotto forma di intonaco.

Risanare una muratura dall'umidità con gli intonaci macroporosi

Risanamento umidità - L'intonaco ha un ruolo fondamentale nel risanamento di una muratura dall'umidità di risalita, sia nella fase di asciugatura, che nella successiva protezione.

Composizione, caratteristiche e uso della malta bastarda

Materiali edili - La malta bastarda si caratterizza per la presenza di due leganti, generalmente calce e cemento o gesso e calce, e viene utilizzata per costruire muri e intonaci

L'intonaco di cocciopesto

Materiali edili - Tra i rivestimenti naturali più utilizzati per risolvere il problema dell'umidità nelle pareti c'è l'intonaco di cocciopesto, un'antica tecnica tuttora valida.

Preparare malte di calce e cemento rapido

Fai da te Muratura - Per piccoli interventi di muratura in casa, può essere necessario ricorrere alla preparazione della malta, variando le caratteristiche a seconda dell'uso.

Malte fai da te

Fai da te Muratura - Gli impasti di inerti e leganti (le cosiddette malte) sono di vario tipo in funzione dei componenti e delle loro proporzioni. Ecco come vanno preparate in modo opportuno.

Recuperare nel centro storico

Restauro edile - Quando si tratta di intervenire in zone storiche o in un centro storico con riqualificazioni o ristrutturazioni di immobili, non è mai cosa semplice: malte e calci.
REGISTRATI COME UTENTE
295.772 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Grassello calce lucido naturale
    Grassello calce lucido naturale...
    30.00
  • Pittura antimuffa di calce Muffaway
    Pittura antimuffa di calce muffaway...
    42.49
  • Stucco antico spatolato milano
    Stucco antico spatolato milano...
    30.00
  • Biasi caldaia a condensazione rinnova cond x
    Biasi caldaia a condensazione...
    1030.00
integra
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Faidacasa.com
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Faidatebook
  • Black & Decker
  • Weber
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.