Energia elettrica e gas: gli indennizzi automatici

NEWS DI Leggi e Normative Tecniche08 Ottobre 2016 ore 09:24
Energia elettrica e gas: se non rispettano i livelli standard gli operatori devono corrispondere ai consumatori gli indennizzi automatici fissati dall'Autorità.

Fornitura di energia elettrica e gas e indennizzi


gasNegli ultimi anni l'Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico ha emanato una serie di provvedimenti volti a contenere i disagi subiti dai consumatori in seguito ai disservizi in materia di energia elettrica e gas.

Le possibili ipotesi, come vedremo, sono varie; per adesso pensiamo, solo per fare un esempio, ai casi di errata fatturazione, ritardata attivazione della fornitura, mancata o ritardata risposta a reclamo, etc.

Le delibere cui ci riferiamo nel presente articolo sono principalmente: ARG/elt 198/11 (che regola la qualità nella distribuzione e misura dell'elettricità), ARG/gas 120/08 (che regola la qualità e le tariffe nella distribuzione e misura del gas), ARG/com 164/08 (che regola la qualità nella vendita di luce e gas) e, recentemente, la delibera 463/2016/R/com (del 4 agosto 2016, sulla fatturazione per la luce e il gas); ma gli indennizzi sono previsti anche in altri provvedimenti quali, ad esempio, le Delibere 99/11 (Testo integrato sulla morosità per il gas) e 258/15 (Testo integrato sulla morosità elettrica).

Vediamo dunque cosa prevedono in sintesi detti atti, in particolare, a proposito di indennizzi automatici, rimandando come sempre alla lettura integrale dei provvedimenti e al consulto di esperti in casi più complessi.

Il principio di fondo che seguono le norme è quello di prevedere degli standard qualitativi in relazione a determinati indicatori, superati i quali si dà per presunto il disagio subito e scatta per il consumatore il diritto a un determinato indennizzo.

Le norme non riguardano solo gli indennizzi per le utenze abitative, ma noi, date le tematiche di cui si occupa lavorincasa .it, daremo attenzione a quelle che più interessano l'abitazione.


Indennizzo e risarcimento del danno


elettricitàRicordiamo che con il concetto di indennizzo ci si riferisce al pagamento di un importo che in maniera forfetaria, diciamo così, rappresenta il disagio (presunto); esso si differenzia dal risarcimento del danno, che consiste nel pagamento di una somma parametrata alla misura del danno effettivamante accertato.

L'indennizzo insomma è dovuto senza accertamenti del caso concreto; al contempo, però esso ha degli importi molto contenuti.

Sta poi al consumatore, a seconda del caso specifico, decidere se accontentarsi dell'indennizzo o pretendere un vero e proprio risarcimento del danno.

In tale ultimo caso, ovviamente il danno dovrà essere provato e quantificato; se la richiesta di risarcimento non sarà soddisfatta o comunque se non si raggiungerà un accordo tra le parti, si apriranno le porte del tribunale, unica sede dove pretendere senza se e senza ma il risarcimento del danno, naturalmente, verificata la sussistenza di tutte le condizioni necessarie.

L'indennizzo, dunque, è una forma di compensazione del disagio subito, prevista per un'esigenza di opportunità, cioè per contemperare contrapposti interessi: da un lato la tutela dei disagi subiti dai consumatori, dall'altro il risparmio di tempi e costi nella gestione delle contestazioni.


Indennizzi e qualità per l'energia elettrica


Qui alcuni dei livelli specifici di qualità dei servizi di distribuzione e misura per la fornitura di energia elettrica e relativi indennizzi (v. Del. 198/11):

Indicatore

Standard

Indennizzo in € per
esecuzione oltre lo standard ma entro un tempo doppio dello standard

Indennizzo in € per esecuzione entro un tempo triplo dello standard

Indennizzo in € per esecuzione oltre un tempo triplo dello standard

Preventivi per lavori sulla rete (connessioni ordinarie)

20 gg. lavorativi

35

70

105

Esecuzione di lavori semplici (connessioni ordinarie)

15

35

70

105

Attivazione della fornitura

5

35

70

105

Disattivazione della fornitura su richiesta del cliente

5

35

70

105

Riattivazione della fornitura in seguito a sospensione per morosità

1

35

70

105

Ripristino della fornitura in seguito a guasto del contatore

3-4 ore

35

70

105

Comunicazione dell’esito della verifica del contatore su richiesta del cliente

15 gg

35

70

105

Sostituzione del contatore guasto

15 gg

35

70

105

Comunicazione dell’esito della verifica della tensione su richiesta del cliente

20 gg

35

70

105

Ripristino del valore corretto della tensione di fornitura

50 gg

35

70

105



Indennizzi e qualità per il gas


calcolo indennizziQui invece alcuni dei livelli specifici di qualità dei servizi di distribuzione e misura per la fornitura di gas e relativi indennizzi (v. Del. 120/08); ci riferiamo solo alle utenze con contatori fino alla classe G25, limite in cui rientrano solitamente le utenze domestiche:





Indicatore

Standard per contatori classe G25

preventivi per lavori semplici

15 gg

preventivi per lavori complessi

40 gg

esecuzione lavori semplici

10 gg

attivazione fornitura

10 gg

disattivazione fornitura su richiesta del cliente

5 gg

riattivazione della fornitura in seguito a sospensione della morosità

2 gg feriali

riattivazione della fornitura in seguito a sospensione per potenziale pericolo

2 gg feriali

verifica della pressione di fornitura

10 gg

fascia di puntualità appuntamenti

2 ore

raccolta della misura se contatore accessibile

Per tipologia di Cliente ai sensi dell’articolo 14, comma 14.1, del TIVG*

messa a disposizione dati tecnici

acquisibili con lettura del contatore

10 gg

messa a disposizione di altri dati tecnici

15gg



(*Secondo l'art.14, co.14.1 l’impresa di distribuzione deve effettuare almeno i seguenti tentativi di lettura del contatore del gas naturale riconsegnato:

a) per i punti di riconsegna con consumo annuo fino a 500 Smc/anno: 1 tentativo per anno;
b) per i punti di riconsegna con consumo annuo superiore a 500 Smc/anno e fino a 1.500 Smc/anno: 2 tentativi per anno;
c) per i punti di riconsegna con consumo annuo superiore a 1.500 Smc/anno e fino a 5.000 Smc/anno: 3 tentativi per anno anno;
d) per i punti di riconsegna con consumo annuo superiore a 5.000 Smc/anno: un tentativo mensile).


Indennizzi base classe G6 e classe G25



Indicatori

Indennizzi base classe G6

Indennizzi base classe G25

preventivi per lavori semplici

30

60

preventivi per lavori complessi

30

60

esecuzione lavori semplici

30

60

attivazione fornitura

30

60

disattivazione fornitura su richiesta del cliente

30

60

riattivazione della fornitura in seguito a sospensione della morosità

30

60

verifica della pressione di fornitura

30

60

fascia di puntualità appuntamenti

30

60

raccolta della misura se contatore accessibile

30




Indennizzi e vendita energia e gas


In questo caso gli indennizzi si riferiscono al mancato rispetto di livelli standard in caso di reclami e rettifiche di fatturazione.

Anche in questo caso sono infatti previsti standard specifici (v. Del.164/08) e corrispondenti indennizzi tra cui:

Indicatori

Standard

risposta motivata ai reclami scritti

40 gg solari

rettifica di fatturazione

90 gg solari

rettifica di doppia fatturazione

20 gg solari



In tutti i detti casi è previsto un indennizzo automatico base pari a 20 euro, il quale aumenta a 40 se il ritardo è oltre il tempo doppio ma entro il tempo triplo dello standard, e a 60 se il ritardo è oltre il tempo triplo dello standard.


Indennizzi automatici e scaglioni


In caso di mancato rispetto dei livelli di qualità è dunque dovuto il pagamento di un indennizzo, in genere nella prima bolletta utile.

Al superamento del livello di legge esistono vari scaglioni:

a) oltre lo standard, ma entro il doppio dello standard,

b) oltre un tempo doppio dello standard, ma entro ma entro un tempo triplo,

c) oltre un tempo triplo, per la misurazione del ritardo, in funzione dei quali aumenta l'indennizzo da corrispondere:
nel caso a) varrà l'indennizzo base, nel caso b) varrà il doppio dell'indennizzo base, nel caso c) varrà il triplo dell'indennizzo base.

riproduzione riservata
Articolo: Luce e gas: gli indennizzi automatici
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.

Luce e gas: gli indennizzi automatici: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Luce e gas: gli indennizzi automatici che potrebbero interessarti
Nuove regole su distacco forniture per morosità

Nuove regole su distacco forniture per morosità

Burocrazia e utenze - L'Autorità per l'energia ha introdotto nuove regole e garanzie per evitare ai consumatori il distacco delle forniture per morosità, senza adeguato preavviso.
Cosa fare in caso di malfunzionamento del contatore del gas

Cosa fare in caso di malfunzionamento del contatore del gas

Leggi e Normative Tecniche - Cosa prevede la legge se il contatore del gas non funziona? Vediamo come sono disciplinati la verifica del contatore, la ricostruzione dei consumi e gli indennizzi
Il malfunzionamento del contatore dell'energia elettrica

Il malfunzionamento del contatore dell'energia elettrica

Leggi e Normative Tecniche - Abbiamo il dubbio o la certezza che il nostro contatore dell'energia elettrica non funzioni correttamente? Vediamo che fare, dalla verifica del contatore in poi

Le novità sulle bollette luce e gas a partire da luglio 2016

Leggi e Normative Tecniche - Se si riceve una bolletta anomala si può fare reclamo a cui il fornitore deve dare risposta scritta e non potrà procedere al distacco. Le novità da luglio 2016.

Piano C.A.S.E. per l'Abruzzo

Normative - Approvato in Consiglio dei Ministri un pacchetto di provvedimenti che prevede anche misure per l'edilizia colpita dal sisma.

La procedura per la definizione della controversia nei servizi di telecomunicazione

Burocrazia e utenze - Controversie nei servizi di telecomunicazione: se il tentativo di conciliazione non riesce, si può chiedere la definizione della lite all'Agcom e/o rivolgersi al giudice.

Verifica funzionamento contatore elettricità

Impianti - Nel caso in cui sorgano dubbi sul funzionamento del contatore dell'energia elettrica è possibile contattare il venditore del servizio per chiederne una verifica.

Software per risparmio energetico

Impianti - Google prepara il lancio sul web di un software open source per monitorare i consumi energetici.

Condominio e pagamento delle spese legali

Condominio - Se il condominio si rivolge ad un avvocato per la propria tutela, la controparte deve rimborare questo costo se l'intervento del legale è diventato necessario.
REGISTRATI COME UTENTE
294.375 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Solforatrice a zaino elettrica dinamica volpi
    Solforatrice a zaino elettrica...
    275.84
  • Marazzi covent garden "energia"
    Marazzi covent garden "...
    1078.00
  • Scalda acqua a pompa di calore Rapax V2
    Scalda acqua a pompa di calore...
    2698.00
  • Immergas caldaia a condensazione victrix tera 28
    Immergas caldaia a condensazione...
    899.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Pensiline.net
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Black & Decker
  • Weber
  • Faidatebook
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.