Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Contratto di locazione e danni degli animali domestici

Il proprietario deve risarcire i danni causati dal proprio animale, anche nel caso in cui i danni sono causati dall'animale all'abitazione presa in locazione.
25 Novembre 2020 ore 13:49 - NEWS Affittare casa

Animali e danni all’immobile locato


Chi abita una casa in locazione ed è proprietario di un animale domestico risponde dei danni causati da questo all'immobile e ai beni di arredo. È quanto affermato, tra l’altro, dal Tribunale di Monza nella sentenza n. 923 del 2020.

cane e danni in casa in affitto
Il giudice afferma che se il proprietario in via extracontrattuale è tenuto alla rifusione dei danni ai beni altrui causati dal proprio animale, tanto più lo è in questo caso, in cui sussiste un rapporto contrattuale che comporta, per il conduttore, un obbligo di diligente custodia del bene e che prevede un espresso divieto di tenere animali quando possano nuocere all'immobile.


Danni causati dall’animale all’immobile locato: la sentenza di Monza


Il giudizio deciso dalla sentenza del Tribunale di Monza riguardava, tra l’altro, la richiesta di risarcimento dei danni, operata dal locatore di un’abitazione nei confronti del conduttore.
Gli elementi che risultano a disposizione del giudice sono i seguenti.

Nel verbale di riconsegna dell’immobile risulta evidenziato un grave danno al divano.

Tale danno - si afferma - deriva con evidenza da un uso del bene non conforme a quanto stabilito nel contratto; infatti, una clausola vietava al conduttore di tenere animali che potessero causare danni al bene.

Sempre nel verbale di consegna dell’immobile, nell’elenco dello stato dei beni all’interno dell’immobile, alla voce divano risulta l’espressione:

da verificare Trib. Monza n. 923/2020

Inoltre, non risulta contestata la riferibilità del divano all’arredo come risulta dalle fotografie del divano presenti in atti.

Nel caso in esame il giudice rileva che non è oggetto di contestazione che i conduttori avevano un animale da compagnia. Non risulta nemmeno contestata l’affermazione per cui il divano fosse nuovo all'inizio della locazione .

Inoltre, da altra produzione fotografica risultano graffi a due tende, anche queste, in via presuntiva, riferibili all'animale da compagnia dei ricorrenti.


Obbligo al risarcimento del danno: i principi


Com'è noto, afferma il giudice, anche in via extra-contrattuale qualora l’animale produca danni a terzi, il proprietario è tenuto a risarcirli. In caso di locazione la responsabilità, contrattuale, deriva dalla violazione dell’obbligo di custodia previsto dalle norme nonché nella specie dalla violazione della clausola contrattuale che vieta di tenere animali che possano nuocere all'immobile.

Spieghiamo meglio e chiariamo subito che si tratta di due piani ben distinti: avere un animale domestico può comportare in sede civile due tipi di responsabilità, extracontrattuale e contrattuale, che richiedono il verificarsi di distinte condizioni.
animale domestico
Secondo un principio basilare di convivenza civile, ognuno di noi è ritenuto responsabile dei danni cha causa agli altri. Questo principio di fondo assume delle forme specifiche in diritto, e in particolare nel diritto civile, penale e amministrativo.

Noi ci occuperemo dell’ambito civile.

Qui vediamo che le norme prevedono (ed è quel che qui a noi interessa) anche le responsabilità che sorgono in capo ai padroni per i danni prodotti dal proprio animale.



In particolare, in sede civile, la responsabilità può percorrere due strade maestre: quella della responsabilità extracontrattuale e quella della responsabilità contrattuale.

Come è facile evincere, la differenza di fondo è per quel che qui interessa, che la seconda presuppone che il danno sia conseguenza della violazione di un obbligo contrattuale.

Dunque, sempre in sede civile, in via extracontrattuale si può essere responsabili per i danni prodotti dal proprio animale ai sensi della norma di cui all’art. 2052 c.c. secondo cui:

Il proprietario di un animale o chi se ne serve per il tempo in cui lo ha in uso, è responsabile dei danni cagionati dall’animale, sia che fosse sotto la sua custodia, sia che fosse smarrito o fuggito, salvo che provi il caso fortuito art. 2052 c.c.


Così, se ad esempio io lascio la porta di casa aperta e il mio cane fugge da casa e aggredisce qualcuno oppure danneggia uno suo bene, rispondo dei danni, salvo che provi il caso fortuito.

Per quanto riguarda la responsabilità contrattuale, bisogna fare riferimento alla specifica figura contrattuale; come detto, infatti, la responsabilità contrattuale deriva dalla violazione di obblighi previsti per il contratto e dunque la valutazione richiede un’ipotesi di contratto specifico.


Danni dell'animale all'immobile in locazione, la responsabilità


Per tornare al caso della locazione, tra gli obblighi del conduttore vi è quello di custodire l’immobile (precisamente, per l’art. 1587 co. 1 n.1 c.c. il conduttore deve:

prendere in consegna la cosa e osservare la diligenza del buon padre di famiglia nel servirsene per l’uso determinato nel contratto o per l’uso che può altrimenti presumersi dalle circostanze art. 1587 co.1 n.1 c.c.

e riconsegnarlo nello stato in cui l’ha ricevuta in conformità alla descrizione fatta dalle parti, salvo il deterioramento o il consumo risultante dall’uso in conformità al contratto.

gatti in casa in affitto e danni
In assenza di descrizione si presume che il bene sia stato consegnato in buono stato di manutenzione; ne consegue che nel caso in cui il locatore lamenti un danno, il conduttore ne deve rispondere. Il conduttore comunque non risponde del perimento o del deterioramento dovuti a vetustà) (ex art. 1590 c.c. e ss.).

In effetti viene facile chiedersi: come si fa a valutare se il divano, ad esempio, è stato danneggiato dal conduttore?

L’immobile potrebbe ad esempio essere danneggiato fin dall’inizio perché così consegnato al conduttore. Il codice come abbiamo visto ci dà i criteri.

Spiega il giudice che:

In tema di risarcimento del danno per l'inadempimento o l'inesatto adempimento dell'obbligo del conduttore - previsto dall'art. 1590 c.c. - di restituire la cosa locata nel medesimo stato in cui l'aveva ricevuta, salvo il deterioramento o il consumo risultante dall'uso della stessa in conformità del contratto, incombe sul locatore fornire la prova del fatto costitutivo del vantato diritto, e cioè il deterioramento intervenuto tra il momento della consegna e quello della restituzione dell'immobile, mentre sul conduttore grava l'onere di dimostrare il fatto impeditivo della sua responsabilità, e cioè che il deterioramento si è verificato per uso conforme al contratto o per fatto a lui non imputabile. Trib. Monza n. 923/2020


Nel caso deciso dalla sentenza del Tribunale di Monza, la presenza della clausola sottolinea, possiamo dire, la responsabilità del proprietario dell’animale, ma, per quanto detto, questa ci sarebbe comunque stata.

Nel caso di specie, risulta che il divano all’inizio della locazione era nuovo.

Da quanto detto si evince l’importanza della menzione scritta dello stato dell’immobile e dell’arredo sia all’inizio che alla fine del contratto.

riproduzione riservata
Articolo: Locazione e divieto di avere animali in casa
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.

Locazione e divieto di avere animali in casa: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
323.161 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Locazione e divieto di avere animali in casa che potrebbero interessarti


Affitto: non sono dovuti i lavori di tinteggiatura a fine locazione

Affittare casa - Quando si lascia la casa in affitto l'inquilino non è obbligato a tinteggiare le pareti. Lo dice la Corte di cassazione con la recente sentenza n. 29329 del 2019

Assicurazione per affitto

Affittare casa - Ci sono diversi modi per tutelarsi da un affittuario insolvente, tra cui la stipula di un'apposita polizza. Ma esistono anche delle polizze pensate per gli inquilini.

Nuovo modello RLI per la registrazione e la rinegoziazione del canone d'affitto

Affittare casa - Dal 1° settembre obbligatorio l'uso di un nuovo modello RLI per la registrazione contratti di locazione immobiliari e per la richiesta revisione canone d'affitto.

Niente detrazione interessi del mutuo se l'affitto è in corso

Detrazioni e agevolazioni fiscali - È possibile detrarre gli interessi passivi del mutuo contratto per l'acquisto di un immobile non adibito ad abitazione principale? Vediamo cosa dice la legge.

Registrare un contratto d'affitto

Affittare casa - I contratti di locazione, fatta eccezione per quelli di durata inferiore ai 30 giorni vanno tutti registrati e depositati presso l'ufficio dei registri immobiliari entro e non oltre i venti giorni che seguono la stipula del contratto.

Affitto: il locatore può cedere il contratto senza consenso dell'inquilino

Affittare casa - Per la cessione del contratto di locazione da parte del padrone di casa non è richiesto il consenso del conduttore. Lo dice la Cassazione con una recente sentenza

Affitto e obbligo di APE

Affittare casa - In occasione di un contratto di affitto in quali casi bisogna dotarsi di Attestato di Prestazione Energetica, allegarlo al contratto o consegnarlo al conduttore?

Bonus affitti 2020: arriva il bando della Regione Campania

Affittare casa - Pubblicato il bando della Regione Campania per accedere al bonus affitti. La domanda di partecipazione va fatta esclusivamente online, entro il 13 marzo prossimo

Fideiussione per affitto

Affittare casa - La fideiussione è una forma di garanzia che il proprietario di un immobile può richiedere come condizione indispensabile per la firma di un contratto di affitto.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lucav22
Salve a tutti, volevo sapere se io (conduttore) potessi chiedere la restituzione dei canoni versati per un immobile ad uso abitativo tramite contratto di locazione non registrato...
lucav22 29 Dicembre 2020 ore 19:08 19
Img fabriziolepiscopo
Avrei una richiesta di informazioni in merito alle detrazioni fiscali su ristrutturazione immobile. Trovandomi in una casistica particolare, non ho trovato una risposta esaudiente...
fabriziolepiscopo 17 Settembre 2020 ore 19:34 1
Img francoli
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello...
francoli 23 Luglio 2020 ore 16:37 6
Img barbarafranzoni
Buongiorno. Sono in affitto dal 2009 con contratto 4+4 regolarmente rinnovato. A gennaio il proprietario mi ha mandato una raccomandata dicendo che entro il 31 luglio dovrò...
barbarafranzoni 23 Luglio 2020 ore 16:33 7
Img apache7
Buongiorno vorrei chiedere un vs parere. Starei per acquistare una seconda casa vicino al mare come investimento da poter locare d'estate, la mia disponibilità non è...
apache7 18 Maggio 2020 ore 16:05 2