Liti tra vicini ed amministratore di condominio, tra doveri e opportunità d'intervento

NEWS DI Liti tra condomini18 Maggio 2016 ore 11:57
Le liti condominiali propriamente dette sono diverse dalle liti tra vicini che nascono perché si vive nello stesso edificio: quale il ruolo dell'amministratore?
liti condominiali , liti tra vicini , litigi , liti bagatellari

Liti tra condomini


Lite condominialeÈ usuale, lo dicono le statistiche ed il vivere quotidiano, che le liti più frequenti (non solo quelle che affollano le aule di giustizia) siano quelle tra vicini; si tratta di quelle che vengono genericamente chiamate liti condominiali.

Vedremo qui di seguito come in questa definizione si concentrino controversie che molto spesso vedono il condominio solamente come sfondo.

C'è chi si lamenta per l'uso della radio ad alto volume a ogni ora del giorno e della notte.
C'è chi ritiene intollerabili gli odori del barbecue che il proprio vicino ha installato su sul balcone.

I motivi di screzio sono tanti e l'elenco potrebbe continuare ancora per molto: sedie strisciate per terra, rumore provocato dai tacchi, sgocciolamento dei panni, caduta costante di oggetti per terra, urla, ecc.

Il più delle volte queste controversie vengono definite liti bagatellari, per rimarcarne la scarsa importanza: questa definizione, probabilmente non tiene in considerazione il fatto che molti di questi contrasti, sovente, assumono importanza fondamentale nella vita quotidiana finendo per deteriorare rapporti umani – e quindi giuridici – piuttosto che ricomporli; senza dimenticare le ipotesi – minoritarie ma certo non mancanti – di casi di liti tra vicini che sfociano il fatti delittuosi.

In questo contesto non è raro che i condòmini, esasperati dalle intemperanze dei propri vicini, si rivolgano all' amministratore di condominio chiedendo un aiuto per risolvere il problema.

Cosa può fare il mandatario dei comproprietari?
Quali i suoi poteri?

A ben vedere, in queste circostanze i poteri dell'amministratore di condominio sono molto limitati.

Il mandatario dei condòmini, come dice chiaramente l'art. 1130 c.c., ha degli obblighi d'intervento solamente con riferimento alle parti comuni dell'edificio.


Liti e ruolo dell’amministratore di condominio


Nell’ambito delle prerogative e delle incombenze che la legge pone in capo all’amministratore di condominio non ve n’è alcuna che direttamente riguarda l’obbligo di gestire o intervenire nelle liti tra vicini in generale.

Ciò non vuol dire che non esistano fattispecie in relazione alle quali il mandatario non abbia alcun potere o obbligo. Leggendo bene le norme che disciplinano le principali prerogative dell’amministratore si colgono due le eccezioni:

a) quando le intemperanze dei uno dei comproprietari creino danno o pericolo di danno per le cose comuni. In tal caso il legale rappresentante dei condomini avrebbe diritto d'intervenire a tutela delle stesse.

b) il regolamento di origine contrattuale vieti espressamente determinate condotte.

In queste circostanze, ai sensi dell'art. 1130, primo comma nn. 1 e 2, c.c., l'amministratore è tenuto ad intervenire, agendo anche per le vie legali, al fine di ottenerne il rispetto.

In definitiva è possibile affermare che in assenza delle due condizioni appena citate non v'è da meravigliarsi se alla richiesta d'intervento formulata all'amministratore lo stesso dica che non è nel suo potere intervenire.


Liti tra vicini e amministratore di condominio mediatore


Si sente spesso dire che quello dell’amministratore di condominio, nell’ambito dei rapporti tra vicini è anche un ruolo di mediatore tra le diverse istanze che possono confliggere.

In effetti, come si diceva in principio, non è raro che i condòmini interpellino il loro legale rappresentante per ottenere la risoluzione di problemi rispetto ai quali, formalmente, non ha alcun potere.

Lite tra viciniIl caso probabilmente più frequente è quello della TV ad alto volume. Si è detto che in simili circostanze l’amministratore non ha alcun obbligo di intervento.

Assenza di obblighi, tuttavia, non vuol dire assenza di opportunità. È vero, nulla farebbe di illecito se l’amministratore declinasse la richiesta d’intervento del condomino.

Uscendo dal campo per comportamenti giuridicamente doverosi, tuttavia, in termini di relazioni interpersonali l’intervento del mandatario potrebbe assumere un valore pari se non maggiore al corretto espletamento dei suoi compiti.

Un amministratore di condominio che intervenendo grazie alla sua autorevolezza ed esperienza riesce a comporre una lite o comunque un contrasto, probabilmente è apprezzato allo stesso modo se non di più di quello che tiene correttamente il registro di anagrafe condominiale.

Chiaramente le due attività non sono alternative e il rispetto dei compiti impartiti dalla legge resta imprescindibile (non si può utilizzare come giustificazione della mancata apertura di un conto corrente intestato al condominio, l’aver fatto da paciere nelle liti sul pianerottolo ), ma la competenza nella gestione dei conflitti rappresenta un aspetto sempre più importante nel bagaglio professionale di un amministratore.

Gestione dei conflitti nello spirito di risoluzione bonaria vuol dire prima di ogni cosa capacità di ascolto e comprensione delle parti finalizzato ad accompagnarle verso una soluzione che non sia imposta dall’alto – a meno che ciò non sia richiesto – ma sia il frutto del dialogo stesso tra le medesime.

Nulla vieta che siano le parti congiuntamente a rivolgersi all’amministratore di condominio per chiedere a lui una soluzione della questione che le sta facendo litigare; in questa ipotesi la soluzione proposta dall’amministratore non ha alcun valore vincolante se le parti non si siano impegnate a rispettarla.


Liti tra vicini, mediazione e ADR in generale


Il ricorso alla mediazione prevista dal d.lgs n. 28 del 2010 oppure alle altre procedure di risoluzione alternativa delle controversie (acronimo in lingua inglese è ADR) può essere un modo più efficace di risoluzione delle liti tra vicini?

La risposta, ad avviso di chi scrive, è positiva se chi ha un problema vuole risolverlo senza avere assieme a tale necessità quella di ottenere un’affermazione giudiziale di colpevolezza della controparte.

Chi non sopporta la TV ad alto volume del proprio vicino, oppure il rumore di tacchi e sedie ad ogni ora del giorno e delle notte, probabilmente ha più a cuore che questi fatti cessino al di là del fatto che la cessazione avvenga perché l’ha sentenziato un giudice, oppure l’hanno deciso degli organismi che gestiscono la risoluzione alternativa delle controversie.

Certamente non sfugge che molte di queste procedure necessitano di una convergenza di intenti delle parti per risolvere il conflitto. Insomma la mediazione, al pari dell’arbitrato e di ogni altro metodo alternativo di risoluzione del conflitto ha bisogno dell’adesione di entrambe le parti. Un processo (civile o penale) può essere celebrato in contumacia, un procedimento di mediazione, invece, non prevede questa soluzione.

È chiaro, quindi, che l’assoluta sordità del nostro interlocutore a risolvere bonariamente o comunque fuori dalle aule di giustizia la controversia rappresenta un ostacolo insormontabile che fa diventare necessitata la strada della giustizia ordinaria.

È utile ricordare che le controversie tra vicini che non riguardino le parti comuni dell’edificio o comunque la proprietà non sono soggette al tentativo obbligatorio di mediazione previsto dal d.lgs n. 28 del 2010.

L’attivazione della procedura, quindi, non è doverosa, ma semplicemente volontaria.

riproduzione riservata
Articolo: Liti tra vicini e ruolo dell'amministratore
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 2 voti.

Liti tra vicini e ruolo dell'amministratore: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Paolo Pizzato
    Paolo Pizzato
    Venerdì 30 Giugno 2017, alle ore 17:51
    Sono Paolo Pizzato e già in passato ho posto gentilmente una questione, alla quale ho avuto rapida e gentile risposta - Grazie . In questo caso si tratta di un condomino che si è assunto il compito della piccola manutenzione delle parti comuni : sfalcio del prato, cura delle piante, pulizia del vano di ingresso, delle scale e della cabina ascensore.
    Recentemente, a causa di interventi di tinteggiatura del mio appartamento, è sfociata una lite tra il suddetto condomino e uno degli operatori della tinteggiatura, in quanto secondo il condomino non c'era stata sufficiente cura nel mantenere pulite scale e ascensore durante i vari transiti tra il furgone dove i tinteggiatori tenevano gli attrezzi e il mio appartamento.
    Quel caso è finito con le mie scuse appese nella bacheca dell'atrio di ingresso e con la pulizia, sempre da parte mia, di scale e ascensore.
    La mia prima domanda è la seguente : è ammesso che chi si occupa di detta manutenzione sia un condomino ?
    E se si, non si configura una sorta di "conflitto di interesse" che limita la mia libertà nel godere delle parti comuni ( devo stare sempre attento a non sporcare scale e atrio, e se fuori piove sono costretto a tirnare a ripulire subito dopo essere entrato in casa perchè altrimenti mi trovo un messaggio in bacheca con la richiesta di pulirsi bene le scarpe e sgocciolare bene l'ombrello in caso di pioggia).
    Oggi ho trovato in bacheca il seguente messaggio :"Si prega di utilizzare il corrimano interno in ferro e non quello esterno in vetro ( le scale sono dotate di parapetto in vetro ) per evitare di sporcare ( il vetro appunto ).
    E se io potessi utilizzare una sola mano, mi andrebbe bene quando salgo e quando invece scendo non potrei appoggiare la mano sul vetro per avere la giusta sicurezza che il parapetto stesso mi dovrebbe offrire. 
    E' contestabile questa faccenda ?
    Paolo PizzatoVia Vallenari 6630173 Mestre (Ve)tel. 3383663056
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Paolo Pizzato
      Venerdì 7 Luglio 2017, alle ore 16:21
      Mi pare che più che di contestazioni in senso legale qui si debba provare a dialogare per smussare queste spilolosità. Poi, se vuoi contestare il tutto sicuramente hai buone opportunità.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Liti tra vicini e ruolo dell'amministratore che potrebbero interessarti
Liti tra vicini e ruolo dell'amministratore

Liti tra vicini e ruolo dell'amministratore

Liti tra condomini - Le liti più frequenti sono quelle tra vicini, soprattutto in condominio. Qual'è il ruolo dell'amministratore di condominio in caso di litigi sul pianerottolo.
Liti condominiali

Liti condominiali

Liti tra condomini - Si parla spesso di cause condominiali, vale la pena comprendere più da vicino quali sono queste controversie, quando sorgono e quali sono i ruoli di amministratore.
Condominio: dissenso dalle liti

Condominio: dissenso dalle liti

Liti tra condomini - In tema di condominio negli edifici, nei casi di liti (attive e passive) di competenza assembleare i condòmini possono esercitare il diritto di dissentire dalla lite.

La nomina del curatore speciale del condominio

Liti tra condomini - La questione della nomina del curatore speciale del condominio, è strettamente connessa con le liti che interessano la compagine condominiale.

Liti condominiali, chiesto l'intervento delle Sezioni Unite

Condominio - La Cassazione, più nello specifico la seconda sezione del Supremo Collegio, con ordinanza interlocutoria n

Ripartizione delle spese legali derivanti da cause condominiali, ipotesi e soluzioni

Ripartizione spese - In tema di cause condominiali è utile distinguere le posizioni dei vari condòmini al fine di poter valutare se imporgli parte del pagamento per l'onorario dell'avvocato.

Risarcimento danni quando la lite in condominio è troppo lunga

Liti tra condomini - Liti condominiali troppo lunghe, importante sentenza della Corte di Cassazione relativamente alle liti condominiali ed alla loro eccessiva durata.

Prepotenze in condominio

Liti tra condomini - Tra le lamentele più ricorrenti di chi abita in condominio v?è quella relativa alle prepotenze dei propri vicini di casa.Musica ad alto volume a tutte

Spese legali in condominio

Ripartizione spese - In tema di cause condominiali le spese legali devono essere sostenute da tutti i condòmini, eccezion fatta per il caso di dissenso dalla lite ai sensi dell'art. 1132 c.c.
REGISTRATI COME UTENTE
296.443 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Installazione di antenne
    Installazione di antenne...
    54.00
  • Porta basculante blindata
    Porta basculante blindata...
    690.00
  • Pavimenti pavè
    Pavimenti pavè...
    30.00
  • Case in legno Bologna
    Case in legno bologna...
    1150.00
Natale in Casa
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Policarbonato online
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Black & Decker
  • Faidatebook
  • Weber
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.