Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Contraente non udente e lettura dell'atto notarile

Il non udente deve leggere l'atto notarile se la minorazione è tale da impedirgli di comprendere ciò che è stato scritto come manifestazione della sua volontà.
14 Novembre 2019 ore 13:36 - NEWS Leggi e Normative Tecniche

Non udente e atto notarile


Alcune norme della legge notarile (L. n. 89/1913) contengono determinate prescrizioni per il caso in cui uno dei contraenti, o comunque, una delle parti di un atto notarile sia sordo.

Vediamo in sintesi cosa è previsto dalle norme e alcune decisioni che le hanno applicate.


Non udente e rogito: le norme


Per quanto riguarda le norme, ci riferiamo in particolare agli artt. 56 e 57 della legge notarile.

Sottoscrizione rogito
Il primo prevede, per quanto qui interessa, che se una delle parti è completamente priva dell'udito, deve leggere l'atto e nell'atto stesso si dovrà fare menzione della lettura; se la persona non sa leggere, deve partecipare un interprete, che dev'essere nominato dal tribunale tra le persone abituate a parlare con il soggetto e che sia capace di farsi comprendere con segni e gesti.

Può essere nominato interprete chi ha i requisiti per essere testimone degli atti notarili; l'interprete deve prestare giuramento davanti al notaio e anche di ciò dev'essere fatta menzione nell'atto (secondo quanto disposto dall'art. 55 co.2 della legge notarile).

Il testimone può essere scelto tra parenti e affini della persona sorda e non può essere contemporaneamente testimone e fidefaciente; quest'ultimo è in sostanza il soggetto, conosciuto dal notaio, che interviene quando il notaio non è certo dell'identità delle parti per affermare la loro identità.

L'interprete deve poi sottoscrivere l'atto.

Sempre per quanto qui interessa, l'art. 57 prevede che se una delle parti è un muto o sordo, oltre alla presenza dell'interprete la persona deve leggere l'atto e scrivere alla fine dell'atto di averlo letto e che il contenuto è conforme alla sua volontà.
Nel caso in cui non sappia o non possa leggere e scrivere, la legge prevede che il suo linguaggio a segni debba essere compreso anche da uno dei testimoni o che altrimenti intervenga all'atto un secondo interprete.


Contraente non udente e atto notarile: alcune decisioni


Il mancato rispetto delle prescrizioni riguardanti la lettura da parte del contraente sordo e la presenza dell'interprete è motivo di nullità dell'atto; lo prevede la stessa legge notarile.

Lettura atto notarile
La nullità è stata dichiarata, ad esempio, dalla Corte di Cassazione nella sentenza n. 22944 nel 2019 in un caso relativo a una persona muta e impossibilitata a muoversi a causa di un ictus, con riferimento a un atto di donazione .

Inoltre, si è statuito che per l'applicazione delle norme in questione, non è richiesta la totale sordità ma una minorazione tale da impedire al contraente di comprendere il contenuto dell'atto che è stato attribuito alla sua volontà.

Il principio è stato già affermato dalla Corte di Cassazione nel 1966 dalla sentenza n. 2152 ed è stato ribadito dalla stessa Corte nel 2019 con la sentenza n. 24726 del 2019.

Atto notarile
L'accertamento dello stato di sordità, però, è riservato ai giudici di merito, cioè sostanzialmente ai giudici di primo e secondo grado, dunque è precluso al giudice di legittimità (il cui compito è quello di verificare il rispetto delle norme, ma non più di accertare i fatti e valutare il merito)
Lo ha sottolineato la sentenza n. 24726 del 2019.

Nel caso di specie, in particolare, con il ricorso in Cassazione si era impugnata la sentenza dell'appello che, in riforma della sentenza di primo grado, aveva rigettato la domanda di nullità di un atto di compravendita non ravvedendo che le condizioni del contraente fossero tali, alla stregua dei parametri normativi (i parametri sono contenuti nelle norme di cui alle L. n. 371/1970 e L. n. 508/1988; oggetto del contendere in Cassazione era per quanto qui interessa in particolare quale dei testi normativi fosse da applicare alla fattispecie specifica) e degli accertamenti della consulenza tecnica di ufficio, da richiedere l'applicazione delle norme in parola all'atto di vendita.

In sintesi, il deficit del contraente non era tale da richiedere l'adozione delle dette modalità.


Norme sulla sordità degli atti notarili e Sclerosi Laterale Amiotrofica



Le norme non sono state invece ritenute applicabili alla menomazione causata dalla SLA, la Sclerosi Laterale Amiotrofica.

Detta malattia in effetti non causa sordità, il malato di SLA sente e comprende tutto esattamente, ma il suo problema da un punto di vista comunicativo è nell'impossibilità di esprimersi, superabile di questi tempi con gli speciali sensori (di cui va valutata accuratezza e sensibilità).

Dunque, la ratio delle norme di cui agli artt. 56 e 57 della legge notarile non coincide con le problematiche della SLA e le norme non sono applicabili per via analogica.

Ricordiamo che l'analogia è l'applicazione di norme previste per casi, se casi simili, o materie analoghe quando una controversia non può essere decisa con una precisa disposizione) il principio è stato affermato dalla sentenza del Tribunale di Venezia del 11 aprile 2017.

riproduzione riservata
Articolo: Lettura atto del notaio quando il cliente è non udente
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Lettura atto del notaio quando il cliente è non udente: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
328.139 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Lettura atto del notaio quando il cliente è non udente che potrebbero interessarti


Guida al rogito notarile

Comprare casa - Il rogito notarile rappresenta l'atto conclusivo dell'iter di una compravendita, segnando il passaggio di proprietà dell'immobile dal venditore al compratore.

Recuperare copia di un atto notarile: perché farlo e a chi chiedere

Proprietà - Gli atti notarili sono atti pubblici e possono essere chiesti, letti e consultati da chiunque ne faccia richiesta. A chi dobbiamo rivolgerci per ottenerne copia?

Rogito notarile, forma, trascrizione e invalidità

Comprare casa - L'atto notarile di compravendita di una casa, comunemente chiamato rogito, può essere un atto pubblico o una scrittura privata autenticata. Come può essere annullato?

Compravendita nulla

Normative - Un caso effettivo di compravendita immobiliare ritenuta non valida da conoscere per sapere quali condizioni specifiche possono determinare tale situazione.

Cessione con obbligo di mantenimento

Comprare casa - Un'alternativa alla donazione indiretta che tutela maggiormente il donatore in caso di necessità future di assistenza è la cessione con obbligo di mantenimento.

Acquisto casa: il mutuo non può superare il valore dell'immobile

Mutui e assicurazioni casa - Che succede se, in caso di compravendita immobiliare, il mutuo supera il valore dell'immobile? Si rischia l'accertamento fiscale? Cosa dicono Legge e Cassazione

Obbligo di visure catastali e ipotecarie per il notaio

Catasto - Per la Corte di Cassazione, il notaio incaricato di una compravendita, se non espressamente dispensato, è tenuto ad effettuare le visure catastali e ipotecarie.

Un atto compravendita è valido se c'è difformità edilizia?

Comprare casa - La presenza di difformità edilizie ha l'effetto di rendere invalido l'atto di compravendita? È responsabile il notaio rogante? Le tutele a favore di chi acquista

Preliminare di donazione: è valido?

Proprietà - Il contratto preliminare può essere utilizzato per vincolare una parte alla stipula di una donazione futura? Per la giurisprudenza la promessa di donazione è nulla
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img nibbio10
Vi spiego brevemente il problema: nel 2010 acquisto una villetta all'interno di un residence formato da 22 ville (lotti). Il costruttore vende ai miei precedenti proprietari,...
nibbio10 22 Dicembre 2019 ore 17:11 3
Img silviogiovanazzi
Buon giorno;circa 3 anni fa ho acquistato un appartamento in una palazzina di 6 unità dotato di posto auto coperto al piano semi interrato.Allora non vi feci caso ma...
silviogiovanazzi 24 Ottobre 2016 ore 16:05 2
Img silviatom
Buongiorno,ho acquistato un immobile all'asta e ho già iniziato alcuni lavori di ristrutturazione avendo ricevuto le chiavi e un foglio del Tribunale per l'accesso...
silviatom 31 Marzo 2016 ore 18:18 1
Img lucasvegas
Salve,avrei gentilmente bisogno di un consiglio da chi ci capisce di atti e pratiche notarili.Spiego velocemente la cosa.A breve sarà redatto presso un notaio un atto di...
lucasvegas 30 Aprile 2015 ore 17:27 2
Img maxmiura
Buon giorno a tutti, Quesito: Io e la mia compagna nel 2012 abbiamo acquistato un abitazione con le agevolazioni prima casa, adesso l'Agenzia delle Entrate mi chiede il pagamento...
maxmiura 25 Marzo 2015 ore 09:32 1