Come scegliere la migliore legna per i camini

NEWS DI Impianti di riscaldamento22 Ottobre 2016 ore 09:38
La scelta della legna da ardere in un caminetto è importante, poichè determina la quantità di calore sprigionato necessario a riscaldare un ambiente domestico.

La legna, un combustibile naturale


La stagione autunnale è il momento ideale per organizzarsi a rendere efficiente il riscaldamento invernale nella propria abitazione, cercando di limitare la spesa energetica.

I costi per il riscaldamento, infatti, gravano in maniera consistente nel bilancio familiare e sempre più persone sono ormai consapevoli di quanto sia importante la scelta del combustibile che permetta il maggiore risparmio energetico con attenzione alla sostenibilità ambientale.

Legna per camino
Quando si sceglie un impianto di riscaldamento per la propria casa , in particolare se situata in campagna o in montagna, spesso si integra con l'installazione di un camino o termocamino in grado di dare calore ma anche atmosfera nelle lunghe giornate fredde.

L'uso della legna per riscaldarsi risale ai tempi antichi e per secoli il suo potere calorifico è stato l'unico tipo di riscaldamento domestico, rappresentando la fonte energetica primaria, fino alla progressiva sostituzione con il carbone e altri combustibili più attuali a biomasse legnose quali il pellet, attualmente largamente diffuso.


La legna per caminetti

La legna è tuttora il combustibile principale impiegato nei caminetti o camini domestici, siano essi ornamentali o di integrazione all'impianto di riscaldamento.

Per ottenere un buon riscaldamento degli ambienti occorre fare attenzione ad alcuni requisiti del combustibile naturale: per prima cosa non tutta la legna è adatta a produrre un buon calore.

Vi sono vari tipi di legna, essi si distinguono in base alla specie legnosa in due grandi categorie: il legno duro e il legno dolce. Il primo proviene sostanzialmente da alberi decidui quali le latifoglie come il noce, il faggio, il frassino, la quercia, il castagno e la betulla; il legno dolce proviene invece da alberi sempreverdi o conifere, come ad esempio l'abete, il pino, il larice, che ardono velocemente e sono di facile combustione.

Legna da ardere per camini
Altra caratteristica importante è la stagionatura, infatti la legna dopo il taglio deve essere lasciata essiccare al sole e perdere il classico colore verde.

Se la stagionatura non è avvenuta correttamente, la legna può provocare fumo, scintille e scoppiettii per la presenza di tannino, un conservante naturale, che si disperde quando i ceppi vengono lasciati esposti agli agenti atmosferici per circa due anni. Successivamente occorre lasciare essiccare i ceppi in un luogo asciutto e protetto per eliminare l'umidità residua.


La scelta della legna da ardere

Soprattutto nelle zone di montagna, dove il freddo si prolunga per buona parte dell'anno, è consueto vedere delle legnaie in prossimità delle abitazioni. I nostri nonni sapevano che bisognava accatastare i ceppi di tronchi ordinatamente in base alle varie tipologie, a seconda dell'utilizzo.

Si vedono spesso legnaie suddivise per tipo di essenza e per dimensioni.
La legna migliore è quella dura, come quella di faggio, il cui tronco è generalmente compatto e quindi pesante che, una volta arso produce un elevato potere calorifico, grazie anche alla lenta combustione.

Legna per camini stoccaggio
Oltre alla conservazione dei ceppi in luoghi riparati e aerati, per raggiungere il giusto grado di umidità (circa il 10-15%), anche le dimensioni del taglio hanno la loro importanza in base alle fasi di combustione, come anche al tipo di focolare (camino o stufa) oltre che al costo (i pezzi piccoli costano di più per maggiori costi di lavorazione).

Ma le varie essenze non sempre sono disponibili in tutte le zone.
Generalmente, per limitare i costi di trasporto, la legna viene acquistata da rivenditori locali e le essenze sono perlopiù quelle reperibili in loco.

A causa della difficoltà di reperimento della legna da ardere e anche per il suo costo si stanno diffondendo sul mercato delle soluzioni alternative valide.
Infatti, alcuni camini possono essere alimentati con combustibili solidi provenienti da fonti di energia rinnovabili.

Oggi un camino può essere alimentato a pellet o con biomasse legnose secche, quali ad esempio gusci di mandorle, pistacchi e nocciole. I vantaggi del pellet sono i costi relativamente bassi e la facilità di stoccaggio ma, essendo il tiraggio forzato, la combustione sembra quasi artificiale al contrario della legna che brucia lentamente.


Caratteristiche della legna da ardere


Abbiamo visto che occorre fare una suddivisione della legna in base alla tipologia in legna dura e legna dolce. Infatti, a seconda delle loro caratteristiche cambia il loro potere calorico.

La legna dolce ha un peso di circa 300-350 Kg/m3, come quella di abete, pino, pioppo e ontano.
Si accende facilmente e quindi si consiglia di utilizzarla nella prima fase di combustione per avviare la fiamma, ma si consuma in fretta e sviluppa una fiamma lunga, più adatta nei forni o camini con un lungo giro di fiamma.

Legna per camini da ardere
La legna dura ha un peso di circa 400 Kg/m3, come ad esempio quella di quercia, ippocastano, faggio, leccio e olmo.
Essendo più compatta e pesante, produce una fiamma corta che dura di più e quindi la combustione è lenta e più efficace a produrre calore per il riscaldamento domestico.

Il potere calorifico dipende anche dalla densità dell'essenza lignea e dal suo tasso di umidità.
I legnami classificati di ottima qualità risultano essere il faggio, l'acero, la quercia, il frassino e gli alberi da frutto, ad eccezione del ciliegio.

I legnami di discreta qualità sono invece l'ippocastano, la betulla e l'ontano.
Di qualità minore risultano il pioppo, il tiglio e il salice.


Potere calorifico stimato in base al grado di umidità


La scelta di un'adeguata legna da ardere dipende anche dal grado di umidità della stessa; infatti, la resa in Kcalorie di un Kg di legna con diversa percentuale di umidità è stata così stimata:

- Umidità del 15% rendimento 3490 Kcal/Kg
- Umidità del 20% rendimento 3250 Kcal/Kg
- Umidità del 25% rendimento 3010 Kcal/Kg
- Umidità del 30% rendimento 2780 Kcal/Kg
- Umidità del 35% rendimento 2450 Kcal/Kg
- Umidità del 40% rendimento 2300 Kcal/Kg

Per quanto riguarda il costo della legna da ardere, generalmente varia in base alla zona e alla distanza che influisce sul trasporto per la consegna. Solitamente la legna da ardere è quotata intorno ai 10-13 € al quintale, se i prezzi sono inferiori i legnami potrebbero provenire da scarti di lavorazione.

Il bello della legna


Il piacere di vedere i ciocchi che bruciano all'interno di un focolare costituisce sicuramente la bellezza estetica della legna, a cui si accompagna il profumo che l'essenza lignea sprigiona nell'ambiente, e lo scoppiettare e scintillare della fiamma creano un'atmosfera magica e protettiva.

La fiamma è bella, sana e il calore che emana, assorbe l'umidità presente in casa.
Inoltre, la legna è un combustibile ecologico se proveniente da foreste opportunamente gestite e l'anidride carbonica emessa durante la combustione sarebbe uguale a quella prodotta naturalmente dal suo deterioramento nei boschi.

La convenienza economica è sicuramente un vantaggio dell'utilizzo della legna da ardere, anche se lo stoccaggio a volte può risultare un problema se non si ha un luogo adatto per conservare una giusta quantità di legna in grado di coprire tutto l'inverno, evitando così costosi frequenti trasporti.

riproduzione riservata
Articolo: Legna per camini
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 4 voti.

Legna per camini: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Tiberiu1
    Tiberiu1
    Giovedì 31 Agosto 2017, alle ore 15:05
    Il migliore è il legno di faggio o di rovere a mio parere, con 2100 kw/mc di potenza calorica.
    Segue l'acero e la betulla con 1900 kw/mc.
    Per acquistare legna da ardere, consiglia: https://www.woodbusinessportal.com/it/list/Tronchi-pioppo.html un sito web molto buono con buone offerte.
    rispondi al commento
  • Nicolo Luca
    Nicolo Luca
    Martedì 31 Dicembre 2013, alle ore 20:44
    Molto utile, dove trovare legna ardere faggio. Abito a Catania. Grazie
    rispondi al commento
  • Roberto
    Roberto
    Martedì 15 Gennaio 2013, alle ore 21:08
    Salve, volevo sapere se è possibile usare legno spiaggiato o portato dal mare ?
    Grazie.
    rispondi al commento
  • Roberto
    Roberto
    Martedì 15 Gennaio 2013, alle ore 21:05
    Salve, volevo sapere se è possibile usare la legna portata dal mare e poi spiaggiata, io ne ho preso un po' e la sto usando con notevoli risultati, ma faccio bene o no ? Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.caiazzo
      Arch.caiazzo Roberto
      Venerdì 18 Gennaio 2013, alle ore 08:01
      Per Roberto: Salve, ai fini dell'utilizzo per il camino non c'è alcun problema.
      Per quanto riguarda la raccolta, in alcuni Comuni è vietato, a meno di mareggiate ed eventi eccezionali, dopo i quali, diventa invece un buon modo per ripulire le spiagge.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Legna per camini che potrebbero interessarti
Camino polivalente

Camino polivalente

Impianti - Un termocamino con una tecnica di combustione innovativa a doppio circuito (vaso aperto circuito chiuso) alimentato a pellets e legna è l'unico del suo genere.
Camini tecnologici

Camini tecnologici

Impianti - L'evoluzione dell'antico focolare.
Camini, Combustione, Tiraggio

Camini, Combustione, Tiraggio

Impianti - Il buon funzionamento di un camino si verifica controllando la qualità dei fenomeni fisici di Combustione, aerazione ed evacuazione di fumi della combustione.

Riscaldamento: soluzioni alternative per tutte le esigenze

Impianti - La varietà dei sistemi di riscaldamento presenti, oggi, sul mercato fa sì che sia sempre più difficile trovare la soluzione più adatta alle proprie necessità.

Caminetti a gas

Impianti di riscaldamento - Il caminetto a gas, oltre a riscaldare, arreda l'ambiente in cui è inserito e in più richiede manutenzione quasi nulla con costi di gestione super economici.

Camino combinato legno/gas

Ristrutturazione - La presenza di un camino in casa permette non solo di riscaldare le stanze ma anche di creare un'atmosfera accogliente e rilassata. I camini possono

Porta-legna

Complementi d'arredo - Se il camino non prevede uno spazio architettonicamente integrato per conservare la legna si può procurare un contenitore da posizionare vicino, magari di design.

Parquet a prova di camino

Ristrutturazione - Come installare correttamente un camino sul parquet.

Manutenzione dei camini

Impianti - Come efftettuare una corretta manutenzione dei camini.
REGISTRATI COME UTENTE
293.337 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Edilkamin stufa a pellet italiana camini simpli
    Edilkamin stufa a pellet italiana...
    900.00
  • Klover termostufa legna e pellet kw 33
    Klover termostufa legna e pellet...
    4872.00
  • Klover termocucina a legna kw 28 5
    Klover termocucina a legna kw 28 5...
    4410.00
  • Edilkamin stufa a pellet italiana camini kw
    Edilkamin stufa a pellet italiana...
    900.00
Cersaie
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Pensiline.net
  • Kone
  • Faidatebook
  • Weber
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.