Pentole e padelle in teflon sono dannose per la salute?

NEWS DI Casalinghi23 Giugno 2015 ore 15:56
È vero che il teflon dei tegami è dannoso per la salute? Facciamo chiarezza per capire se è davvero il caso di evitarle, considerando anche altre valide alternative.

Tegami in Teflon®: da evitare oppure no?


È ormai noto che una buona prassi per mantenere lo stato di salute e la forma fisica dell’uomo è prestare attenzione a ciò che si mangia.

Ma la salute è condizionata anche da una serie di sostanze presenti nell’aria, che quotidianamente respiriamo.

le pentole antiaderenti sono pericolose?
Ed ora, sembra che sia importante prestare attenzione non solo al contenuto della dieta, ma anche agli elettrodomestici e agli accessori e le pentole che adoperiamo in cucina nella preparazione dei piatti.


Il PFOA è pericoloso?


Da alcuni anni ormai, non è raro leggere articoli che mettono in discussione le pentole e le padelle antiaderenti, a causa di una sostanza contenuta nei loro strati in fase di lavorazione, il PFOA.

A far scalpore e suscitare allarmi fra i consumatori era stato un comunicato, diffuso dal Codacons nel 2006 nel quale invitava a sequestrare 150 milioni di padelle al Teflon®.

In quell’occasione illustri studiosi come Franco Battaglia, docente di Chimica Ambientale all’Università di Modena e Gianni Fochi, docente di Chimica alla Scuola Normale Superiore di Pisa, chiarirono che gli allarmi erano frutto di un doppio abbaglio preso dal Codacons nell’interpretare un’iniziativa dell’Environmental Protection Agency (EPA) degli Stati Uniti.

pentole antiaderenti
Lo stesso Codacons riconobbe l’errore e tranquillizzò sulla vicenda, interrompendo ulteriori azioni e contribuendo al cessare delle preoccupazioni. L’allarme lanciato dalle autorità americane, riguardava infatti non il Teflon® del pentolame, ma un’altra sostanza, l’acido perfluoroottanoico (C7F15COOH) e i suoi sali, principalmente quello di ammonio.

Le considerazioni a cui l’America faceva riferimento riguardano qualunque polimero fluorato che, avendo utilizzato il PFOA come additivo, abbia subIto processi simili a quelli subìti dal Teflon® nel ricoprimento del pentolame.

L'acido perfluoroottanoico veniva usato diffusamente in molti ambiti come coating impermeabilizzante per tessuti, pellame, carta e nella cera per pavimenti, in quanto dà alle superfici trattate proprietà di oleorepellenza e idrofobicità. Veniva inoltre usato nell'etching (incisione) del vetro, come schiuma negli estintori e per l'impermeabilizzazione dell'abbigliamento sportivo (nomex, gore-tex).

Il suo sale perfluoroottanoato viene usato industrialmente nella polimerizzazione in emulsione per la produzione di polimeri perfluorurati. L’acido sarebbe infatti utilizzato anche come emulsionante durante la preparazione dello strato antiaderente delle pentole, quelle che scegliamo per la loro tipica caratteristica di non fare attaccare il cibo al tegame.

Alcuni studi, come quello condotto dall’Università di Exeter negli Stati Uniti, mettono in relazione il PFOA con il crescente insorgere di varie patologie alla tiroide, soprattutto tra le donne.
Altri rilievi accusano il PFOA di essere una sostanza cancerogena, a causa delle alte temperature che il pentolame in teflon raggiunge in fase di lavorazione.

Altroconsumo sostiene invece che pentole e padelle antiaderenti non contengano il PFOA e per questa ragione possano tranquillamente essere utilizzate.

L’utensile finito, ossia la padella antiaderente che usiamo in cucina, non provocherebbe alcun tipo di rischio per la salute umana, visto che l’eventuale problematica sarebbe relativa alla fase produttiva. In altre parole, il PFOA sarebbe soltanto un coadiuvante, non presente nella padella pronta all’uso.

Le persone a rischio, dunque, sarebbero eventualmente i lavoratori nelle fabbriche produttrici, non i consumatori finali.

Intanto l'EPA (l'Agenzia per la Protezione dell'Ambiente) aveva chiesto ai produttori di acido perfluoroctanoico, PFOA usato nella fabbricazione del teflon, di ridurne le emissioni già entro il 2010, per eliminarlo del tutto entro il 2015, l’anno corrente.

Anche secondo l’Istituto Superiore di Sanità l'utilizzo di pentole con rivestimento antiaderente non pone necessariamente il consumatore in contatto con il PFOA e l'EFSA, l'Autorità Europea per la Sicurezza dei Cibi, sostiene che un campione di materiale fluoropolimerico, ottenuto con i metodi utilizzati per fare il teflon, non contiene alcuna traccia significative di PFOA.

L'EFSA ha quindi concluso che l'esposizione dei consumatori al PFOA è trascurabile per questo tipo di oggetti. Sembrerebbe dunque, secondo queste fonti, che non esista una correlazione tra l’utilizzo di pentole in teflon usate ai fornelli e i danni alla salute umana.


Materiali antiaderenti alternativi al Teflon® in cucina


Detto questo, e sventato l’allarme sulla pericolosità dell’uso di pentolame in Teflon®, è importante usare padelle e pentole antiaderenti con attenzione.

Gli esperti in proposito invitano a seguire alcuni basilari e facili consigli: non cucinare mai con padelle graffiate, evitare di usarle come bistecchiere, ossia per la cottura senza condimento, perché l’assenza di olii aumenterebbe la temperatura in pentola.

A temperature molto elevate, come si diceva, il Teflon® potrebbe rilasciare gas che è meglio evitare di assumere, proprio come il PFOA.

Ricordiamo inoltre che si può scegliere di cucinare gli alimenti in altri tipi di pentole.
Hanno un buon potere antiaderente, per esempio, i tegami di terracotta, resistenti anche a temperature molto alte.

La terracotta inoltre non contiene né metalli né altre sostanze tossiche.

pentola in terracotta
Valide alternative sono inoltre la ceramica, quella atossica è considerata infatti un prodotto ecologico, il vetro pirex, specifico per la cottura in forno e il titanio, molto resistente e duraturo.

Oltre a queste soluzioni resistono sul mercato, come materiali per cucinare, il tradizionale acciaio inox e la pietra.

Quest’ultima garantisce ottimi risultati di cottura anche in assenza di condimento aggiuntivo in pentola. La pietra, in questi anni, è diventata un riferimento molto apprezzato, perché considerata sana, pratica e ideale in cucina.

Sono infine diverse le tipologie di pietre sulle quali far cuocere gli alimenti.

La pietra ollare, conosciuta anche come steatite o pietra saponaria, è una roccia diffusa in Italia e nel mondo, dalla colorazione che vira dal grigio al verde. Usata sia per la cottura sulla brace che in padella, offre un risultato uniforme e mantiene il calore costante.

Anche altri tipi di pietra possono essere usati, come quella lavica, o la pietra refrattaria, particolarmente indicata per la cottura di pane e pizza.

riproduzione riservata
Articolo: Le pentole antiaderenti sono pericolose?
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 4 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Le pentole antiaderenti sono pericolose?: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Le pentole antiaderenti sono pericolose? che potrebbero interessarti
Padelle antiaderenti con rivestimento tecnologico

Padelle antiaderenti con rivestimento tecnologico

Nuove tecnologie per la copertura antiaderente delle padelle, con conducibilità termica elevata e diffusione uniforme del calore, per una cottura più adeguata e sana.
Padella antiaderente

Padella antiaderente

Per una cucina che sia davvero salutare oltre che gustosa è indispensabile utilizzare gli utensili giusti, come le padelle antiaderenti.
Pentole di design

Pentole di design

Anche i designer abbracciano il tema della cucina con pentolame e strumenti altamente studiati, efficienti e dalle multifunzioni.
Riciclare vecchie pentole

Riciclare vecchie pentole

Pentole e padelle, esaurita la loro vena creativa di fedeli aiutanti in cucina, diventano lampade e complementi grazie all'arte del riciclo.
Come scegliere le pentole

Come scegliere le pentole

Qualche consiglio su come orientarsi quando si mette su casa, nella scelta di materiali, dimensioni e caratteristiche, per una perfetta batteria di pentole.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.413 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Tunnel solare VELUX
    Tunnel solare velux...
    408.70
  • Tapparella elettrica e solare VELUX INTEGRA
    Tapparella elettrica e solare...
    435.54
  • Tenda oscurante a rullo VELUX
    Tenda oscurante a rullo velux...
    85.00
  • Tenda alla veneziana VELUX
    Tenda alla veneziana velux...
    95.16
  • Ristrutturare casa Monza Crema Milano e provincia
    Ristrutturare casa monza crema...
    35.00
  • Mitsubishi climatizzatore inverter dual 9000+12000 btu a++
    Mitsubishi climatizzatore inverter...
    1480.00
  • Vasca accesso facilitato
    Vasca accesso facilitato...
    3000.00
  • Prato sintetico in polipropilene e lattice
    Prato sintetico in polipropilene e...
    16.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Kone
  • Black & Decker
  • Weber
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 68.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.