Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Lavori straordinari e compenso dell'amministratore di condominio

Nel caso in cui vengano deliberati interventi di manutenzione straordinaria, l'amministratore ha diritto ad ulteriori compensi solo se preventivamente concordati.
19 Gennaio 2014 ore 10:53 - NEWS Condominio

Lavori straordinariL'amministratore di un condominio, anche dopo l'entrata in vigore della così detta riforma, ha diritto ad un compenso extra rispetto a quello indicato al momento dell'accettazione della nomina, solamente se esso è concordato con l'assemblea ed è chiaramente specificato fin dall'inizio.

In mancanza di accordo in tal senso ogni attività ulteriore rispetto a quella specificamente elencata deve considerarsi compresa nella voce di compenso generale indicata nel preventivo.

Questa, in sostanza, il cuore di una decisione resa nel marzo del 2012 dal Tribunale di Foggia riletta alla luce delle novità introdotte nel codice civile dalla legge n. 220/2012 (la riforma del condominio).


Rapporto amministratore-condominio


Per lunghi anni, è stato affermato che l'amministratore del condominio raffigura un ufficio di diritto privato assimilabile al mandato con rappresentanza: con la conseguente applicazione, nei rapporti tra l'amministratore e ciascuno dei condomini, delle disposizioni sul mandato (così, tra le tante, Cass. SS.UU. n. 9148/08).

Il nuovo art. 1129, quindicesimo comma, c.c. specifica che per quanto in esso non previsto, al rapporto tra amministratore e condominio si applicano le norme dettate in tema di mandato.

L'amministratore, quindi, dev'essere considerato il mandatario dei condomini, ossia colui che nel loro interesse svolge attività di gestione delle parti comuni dell'edificio.

In quanto mandatario, ai sensi degli artt. 1135 e 1709 c.c., l'amministratore ha diritto ad essere retribuito.

In tal senso si è più volte espressa la Corte di Cassazione, secondo la quale i rapporti fra amministratore e condominio sono regolati dalle disposizioni sul mandato: in particolare, per quanto riguarda la retribuzione, dall'art. 1709 cod. civ., secondo cui – contrariamente a quanto stabilito dal corrispondente art. 1753 del codice civile previgente e, per quanto riguarda espressamente l'amministratore del condominio, dall'art. 16 del r.d.l. 15 gennaio 1934, n. 56 – il mandato si presume oneroso. In tale contesto normativo, l'art. 1135, n. 1, cod. civ., che considera eventuale la retribuzione dell'amministratore, va inteso nel senso che l'assemblea può determinarsi espressamente per la gratuità (Cass. 16 aprile 1987 n. 3774).


Determinazione del compenso dell'amministratore


CompensoCome decidere quanto deve guadagnare l'amministratore?

In assenza di tariffari di riferimento, il compenso dell'amministratore è determinato in base agli usi locali (la cui raccolta ed aggiornamento è operata dalle Camere di Commercio) o, in mancanza, dal giudice.

La riforma del condominio ha introdotto in materia degli elementi di maggiore chiarezza nei rapporti tra le parti.

L'art. 1129, quattordicesimo comma, c.c., infatti, specifica che l'amministratore, all'atto dell'accettazione della nomina e del suo rinnovo, deve specificare analiticamente, a pena di nullità della nomina stessa, l'importo dovuto a titolo di compenso per l'attività svolta.


Compenso extra tra presente e passato


Quindi a partire dal 18 giugno 2013 (data di entrata in vigore della riforma del condominio), se il compenso non è chiaramente determinato fin dall'inizio la nomina è nulla; ne consegue che se l'amministratore non abbia specificato alcunché in merito ad eventuali ulteriori remunerazioni in relazione a lavori di manutenzione straordinaria, non possa poi pretendere un extra per l'attività prestata in relazione ad essi.

Ed in passato? Che cosa accadeva?

Leggendo una sentenza del Tribunale di Foggia, resa nel marzo del 2012, si può notare come la situazione è cambiata di poco e se un cambiamento c'è stato, esso è andato nella direzione della trasparenza degli accordi.


Secondo il Tribunale pugliese, infatti, il mandato conferito all'amministratore non comprende solamente gli atti per i quali è stato conferito, ma anche quelli che sono necessari al loro compimento, così come stabilito dall'art. 1708 c.c.

In questo contesto, pertanto, il diritto dell'amministratore a percepire un compenso extra per l'attività prestata per effettuare gli adempimenti prescritti dalla legge, allorché si debbano eseguire interventi straordinari allo stabile condominiale, sussiste solo quando sia stato deliberato dall'assemblea.

In difetto di tale delibera non può essere legittimamente pretendibile dal momento che, l'esecuzione dei lavori straordinari, rientra tra gli adempimenti prescritti dalla legge ex articolo 1130, n. 4 (Trib. Foggia 8 marzo 2012).

riproduzione riservata
Articolo: Lavori straordinari e compenso dell'amministratore di condominio
Valutazione: 3.56 / 6 basato su 50 voti.

Lavori straordinari e compenso dell'amministratore di condominio: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Asti
    Asti
    Sabato 10 Gennaio 2015, alle ore 13:54
    Avv. Gallucci: Le volevo porle questo quesito, il giorno 7-1-15 è stato deliberato nomina Amm.re un intervento straordinario ( rifacimento guaina scolo acque canale sul tetto) per sospetta infiltrazione, che da ispezione con telecamera non accerta questa infiltrazione, L'amm.re inviando la copia della delibera allegava una sua lettera di preventivi di amm.ne di compensi richiedendo il 4% sui lavori straordinari é lecito :Grazie Sua risposta
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
328.041 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Lavori straordinari e compenso dell'amministratore di condominio che potrebbero interessarti


Amministratore e lavori straordinari

Condominio - L?assemblea, ai sensi del combinato disposto di cui agli artt. 1135 e 1136 c.c. è competente a deliberare sui lavori straordinari relativi alle parti

Lavori in condominio, quali maggioranze per l'approvazione?

Assemblea di condominio - Interventi di ordinaria e straordinaria amministrazione e quorum di approvazione del rendiconto condominiale. Quali sono i poteri dell'amministratore di condominio?

Manutenzione straordinaria urgente e ruolo dell'amministratore

Condominio - Amministratori di condominio state attenti a ciò che dite alle imprese!Nel caso di lavori di manutenzione straordinaria urgenti

Fondo per lavori di manutenzione straordinaria e decreto Destinazione Italia

Manutenzione condominiale - Il decreto destinazione Italia, d.l. n. 145 del 2013, ha introdotto delle modifiche relative alla costituzione del fondo per lavori straordinari in condominio.

Polizza assicurativa dell'amministratore per lavori straordinari in condominio

Manutenzione condominiale - In caso di lavori straordinari nell'ambito di un edificio condominiale, l'amministratore deve munirsi di polizza assicurativa con massimale adeguato alla spesa.

Assemblea condominiale e la ratifica delle scelte dell'amministratore

Condominio - L'assemblea condominiale è il centro nevralgico delle decisioni sulle parti comuni, anche quando si tratta di ratificare scelte dell'amministratore.

Manutenzione straordinaria nel condominio

Manutenzione condominiale - Deliberazione ed esecuzione dei lavori straordinari negli edifici condominiali: quali interventi manutentivi devono essere deliberati e con che maggioranze?

Lavori straordinari di notevole entità in condominio

Manutenzione condominiale - I lavori straordinari non sempre sono di notevole entità, quindi non sempre si applica la maggioranza qualificata ex art. 1136, co.4. Nel dubbio, deciderà il giudice.

Lavori in condominio: è possibile procedere senza l'autorizzazione dell'assemblea?

Manutenzione condominiale - In caso di lavori urgenti e strettamente necessari quali sono i poteri dell'amministratore di condominio? Cosa può fare il singolo condòmino? Ecco che dice la legge
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img atievoli65
Salve a tutti. Abito in un complesso di 5 unità abitative e sono il proprietario del semi interrato.Ogni unità ha il suo pozzo nero e purtroppo da uno di questi, ci...
atievoli65 27 Gennaio 2021 ore 19:16 1
Img lb00
Buongiorno, Vi chiedo un chiarimento per risolvere un dubbio che mi attanaglia da un po', sperando che qualcuno di voi possa illuminarmi:stiamo effettuando dei lavori in una...
lb00 21 Gennaio 2021 ore 17:00 2
Img cristinaguarino
Cerco aiuto. Sono stata nominata, in una assemblea, rappresentante di un condominio in cui sono presenti 4 proprietari più una proprietà indivisa di cui io faccio...
cristinaguarino 04 Dicembre 2020 ore 16:27 3
Img orefassam
In che forma e con quali maggioranze possono essere richiesti e decisi interventi condominiali che rientrino nel'ecobonus in modo tale da poter poi aggiungere dei lavori dei...
orefassam 15 Novembre 2020 ore 12:47 3
Img jo74pa
Buongiorno, mi accingo a ristrutturare un appartamento, si tratterà di un rifacimento quasi totale, nel senso che rifaremo tutti gli impianti (elettrico, idrico,...
jo74pa 29 Ottobre 2020 ore 10:51 1