La proprietà, il possesso e la detenzione

NEWS DI Proprietà13 Dicembre 2013 ore 17:14
La proprietà, il possesso e la detenzione, sebbene per certi versi siano simili e per alcuni aspetti coincidano, rappresentano tre distinte fattispecie giuridiche.
proprietà , possesso , detenzione , diritto di proprietà

ProprietàChe cosa vuol dire essere proprietario?

Che cosa vuol dire avere il possesso di un bene?

Che cosa significa esserne detentore?

Se nel linguaggio comune questi termini, alle volte, sono utilizzati in senso lato come sinonimi (scelta infelice), giuridicamente parlando essi rappresentano altrettante relazioni con il bene che solo in determinati casi possono coincidere.
Per rispondere alle domande che ci siamo posti, dunque, è bene comprendere che cosa voglia dire essere proprietario, possessore o detentore di un bene.



Proprietà


Il codice civile e la legge in generale non definiscono la proprietà.

L'art. 832 c.c., rubricato Contenuto del diritto, specifica che:

Il proprietario ha diritto di godere e disporre delle cose in modo pieno ed esclusivo, entro i limiti e con l'osservanza degli obblighi stabiliti dall'ordinamento giuridico.

La proprietà è, quindi, un diritto su una cosa (da qui l'espressione diritto reale) che consente al suo titolare di goderne in modo pieno (ossia senza limitazioni di tempo) ed esclusivo (ossia senza disturbi da parte di terzi), pur entro determinati limiti.

Si pensi alla servitù di passaggio che, senza escludere il proprietario del fondo servente dal diritto di godere del suo bene, limita l'esercizio del diritto nella misura necessaria a consentire il passaggio.

In tal senso la limitazione può avvenire per contratto o per legge (si pensi alle varie servitù coattive).

Per fare un altro esempio, si pensi ai piani regolatori che possono stabilire che una determinata zona, e quindi dei fondi, siano destinati ad attività industriali oppure residenziali, ecc.

Il diritto di proprietà, è bene ricordarlo, è tutelato a livello costituzionale.

L'art. 42 della Costituzione recita:

La proprietà è pubblica o privata.

I beni economici appartengono allo Stato, ad enti o a privati.
Proprietario

La proprietà privata è riconosciuta e garantita dalla legge, che ne determina i modi di acquisto, di godimento e i limiti allo scopo di assicurarne la funzione sociale e di renderla accessibile a tutti.


La proprietà privata può essere, nei casi preveduti dalla legge, e salvo indennizzo, espropriata per motivi d'interesse generale.


La legge stabilisce le norme ed i limiti della successione legittima e testamentaria e i diritti dello Stato sulle eredità
.

Si badi: quando si è proprietari la legge si riferisce al diritto e di conseguenza al bene.

Un esempio chiarirà le idee.

Quando Tizio vende a Caio una cosa, egli trasferisce il diritto di proprietà su quella cosa e di conseguenza il bene.

Il diritto di proprietà si trasferisce per il solo consenso delle parti legittimamente manifestato (art. 1376 c.c.) ciò sta a significare che il diritto si trasferisce in quel momento e quindi per stare all'esempio, Caio diviene proprietario in quell'occasione, anche se il trasferimento materiale della cosa avviene successivamente.


Possesso


Ai sensi dell'art. 1140 c.c.

Il possesso è il potere sulla cosa che si manifesta in un'attività corrispondente all'esercizio della proprietà o di altro diritto reale.

Si può possedere direttamente o per mezzo di altra persona, che ha la detenzione della cosa.

Il possesso, dunque, corrisponde all'esercizio materiale della proprietà di un altro diritto reale (si pensi alla servitù).

Possedere la proprietà di un bene o, ad esempio, la servitù (apparente) per lungo tempo e pacificamente senza che ciò sia mai contestato, può portare ad una richiesta di acquisto per usucapione del diritto corrispondente al diritto esercitato.

Come dire: comportarsi come un proprietario, un usufruttuario, un titolare di servitù, pur non essendolo, e farlo pacificamente ed alla luce del sole può portare i suoi frutti.


Detenzione


Sul gradino più basso, se così si può dire, troviamo la detenzione.

Essa rappresenta il potere materiale sulla cosa.

Chi è proprietario può non essere detentore: si pensi alle case in affitto dove il conduttore detiene il bene per soddisfare una propria personale esigenza.

La detenzione in quanto tale può essere esercitata sempre, se il proprietario o il possessore sono anche detentori, o per un determinato periodo di tempo, ossia quello solitamente dedotto nel contratto che conferisce il godimento del bene.

Molto spesso, nel caso di preliminari di compravendita, si dice che al promissario acquirente viene concessa la detenzione del bene.

Per quanto detto si comprende quindi che l'utilizzo di questo termine non è casuale ed è fortemente differente rispetto all'uso del termine possesso.

riproduzione riservata
Articolo: La proprietà, il possesso e la detenzione
Valutazione: 3.94 / 6 basato su 16 voti.

La proprietà, il possesso e la detenzione: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Lucag1979
    Lucag1979
    Venerdì 16 Settembre 2016, alle ore 11:10
    A pag. 5 della Guida dell'agenzia delle entrate, che trovi al link, le indicazioni sui soggetti che possono usufruire della detrazione:http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/file/Nsilib/Nsi/Agenzia/Agenzia+comunica/Prodotti+editoriali/Guide+Fiscali/Agenzia+informa/pdf+guide+agenzia+informa/Guida_Ristrutturazioni_edilizie.pdf
    rispondi al commento
  • Pietro
    Pietro
    Mercoledì 14 Settembre 2016, alle ore 07:03
    Ho acquistato un immobile per i miei figli residenti all'estero mediante procura generale.

    A questo punto ci sono da fare lavori di ristrutturazione e dovrei prendere un mutuo, avendo la disponibilita' materiale del bene posso detrarre le spese come detentore dell'immobile oppure la procura generale e' incompatibile con la detezione in questo caso ?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano La proprietà, il possesso e la detenzione che potrebbero interessarti
Locazione ed usucapione

Locazione ed usucapione

Affittare casa - Non sempre chi è conduttore di un immobile può reclamare facilmente, trascorso lungo tempo dalla fine del contratto senza che l'abbia consegnato, d'averlo usucapito.
Usucapione

Usucapione

Normative - Il diritto di proprieta' su un bene immobile, cosi' come altri diritti reali di godimento, come la servitu', possono essere acquisiti per usucapione, ossia a seguito del possesso prolungato e incontestato nel tempo di un dato bene.
Con il comodato d'uso non c'è usucapione

Con il comodato d'uso non c'è usucapione

Affittare casa - Per la Corte di Cassazione il comodato di un alloggio ad uso abitativo non consente l'usucapione, a meno che non sia data prova dell'interversione del possesso.

Quali sono le differenze tra proprietà, possesso e detenzione

Proprietà - Proprietà, possesso e detenzione sono molto diversi sotto il profilo giuridico e differenti sono il modo di acquisto e le forme di tutela previsti dalla legge.

Azione di rivendicazione

Proprietà - L'azione di rivendicazione, esperibile senza limitazioni di tempo, fatta salva l'usucapione, consente al proprietario di escludere gli altri dal godimento del bene.

Regolamento di condominio e animali, cosa dice la Cassazione

Regolamento condominiale - È usuale che nei regolamenti condominiali ci si imbatta nella clausola che recita: vietata la detenzione di animali domestici. Un'indubbia limitazione del diritto d'uso della propria unità immobiliare.

Conduttore e spese condominiali

Affittare casa - Il proprietario di un unità immobiliare in condominio ha sempre diritto di ottenere dal conduttore il rimborso di determinate spese condominiali. Come provarle?

Preliminare di compravendita con effetto anticipato: come funziona?

Comprare casa - Che cos'è un contratto preliminare ad effetti anticipati, come funziona e perché può essere opportuno fare ricorso a questa particolare tipologia contrattuale.

Trasferimento detrazione 50% da disabile a eredi

Detrazioni e agevolazioni fiscali - In caso di decesso dell'avente diritto alla detrazione la fruizione del beneficio si trasmette all'erede che conservi la dentenzione materiale e diretta del bene.
REGISTRATI COME UTENTE
294.506 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Pannelli sughero naturale
    Pannelli sughero naturale...
    12.24
  • Cartongesso milano, antonio liso
    Cartongesso milano, antonio liso...
    45.00
  • Cassonetto Schüco
    Cassonetto schüco...
    1.00
  • Finestra pvc isol 70c
    Finestra pvc isol 70c...
    200.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Pensiline.net
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Kone
  • Faidatebook
  • Weber
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.