Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Il contratto di somministrazione e la casa

La gestione di una casa comporta la firma di contratti di somministrazione(ad es. per acqua, gas, luce, telefonia). Vediamo i tratti salienti di tali contratti.
05 Ottobre 2015 ore 11:45 - NEWS Leggi e Normative Tecniche

L'elemento della durata nella somministrazione


Somministrazione di acquaLa somministrazione è quel contratto nel quale una parte si impegna a compiere all'altra prestazioni periodiche o continuative di cose, dietro pagamento di un prezzo (v. artt. 1560 e ss. c.c.).

La durata è un elemento essenziale del contratto: le prestazioni, infatti, devono essere periodiche o continuative e dunque durare nel tempo.

La durata distingue la somministrazione da un altro contratto simile, che è la vendita a consegne ripartite: mentre nella vendita a consegne ripartite il contratto consiste in un'unica prestazione e più atti esecutivi (di consegna) per una semplice questione di comodità dell'adempimento, nella somministrazione la periodicità è l'elemento essenziale e corrisponde alle esigenze della parte (bisogno di acqua, energia elettrica, etc.) che si ripetono nel tempo.


Somministrazione e prestazione di cose


La somministrazione si confonde anche con l'appalto e la distinzione non sempre è agevole.

Si fa riferimento spesso al criterio della prevalenza del lavoro (appalto) o della prestazione (se servizi o opere è prestazione) etc.

Ma la distinzione non rileva per il caso delle utenze, per le quali non c'è dubbio che si tratti di somministrazione.

Infatti, i contratti per la fornitura di acqua, elettricità, gas e linea telefonica rientrano per la legge e la giurisprudenza nel concetto di somministrazione.

La somministrazione può soddisfare esigenze di consumo, oppure esigenze d'uso.


Entità della somministrazione


Somministrazione di energia elettricaIl codice fornisce alcuni criteri per il caso di mancata determinazione di alcune condizioni contrattuali: ad esempio, se non è specificata l'entità della somministrazione, questa va individuata nel normale fabbisogno della parte... avuto riguardo al tempo della conclusione del contratto (v. art. 1560 c.c.).

Inoltre, se le parti hanno stabilito soltanto il limite massimo e quello minimo per l'intera somministrazione o per le singole prestazioni, spetta all'avente diritto alla somministrazione di stabilire, entro i limiti suddetti, il quantitativo dovuto.

Il codice specifica anche che il concetto di fabbisogno non coincide con quello di quantitativo minimo: infatti, se l'entità della somministrazione deve essere individuata con riferimento al fabbisogno ed è stabilito un quantitativo minimo, colui che gode della prestazione è impegnato dal contratto per la quantità corrispondente al fabbisogno, se il fabbisogno supera il minimo (v. art. 1560 c.c.).


Prezzo della somministrazione


Se il prezzo non risulta fissato nè dalle parti nè da un'autorità pubblica si presume che le parti abbiano voluto riferirsi al prezzo normalmente praticato dal venditore (v. artt. 1561 e 1474 c.c.); in tal caso si ha riguardo al tempo della scadenza delle singole prestazioni e al luogo in cui queste devono essere eseguite (v. art. 1561 c.c.).

Il prezzo deve essere pagato, se le prestazioni sono periodiche, all'atto delle singole prestazioni e in proporzione di ciascuna di esse, se invece sono continuative, secondo le scadenze d'uso (v. art. 1562 c.c.).


Scadenza della prestazione


La scadenza delle prestazioni deve ovviamente essere fissata nell'interesse di ciascuna delle parti e come tale si presume.

Quando è previsto che l'avente diritto alla somministrazione ha la facoltà di stabilire la scadenza, questi deve darne notizia all'altra mediante congruo preavviso (v. art. 1563 c.c.).


Somministrazione e inadempimento


Nella somministrazione, la risoluzione (lo scioglimento del contratto) per inadempimento è ammessa al verificarsi di due condizioni: l'inadempimento deve avere notevole importanza e, data la rilevanza dell'elemento della durata, esso deve essere tale da menomare la fiducia nell'esattezza dei successivi adempimenti (v. art. 1564 c.c.).

La sospensione della fornitura per inadempimento dell'altra parte, soprattutto se si tratta di inadempimento di lieve entità, deve essere preceduta da congruo preavviso (v. art. 1565 c.c.).


Preferenza ed esclusiva


Somministrazione di acquaSecondo l'art. 1566 c.c. il patto con cui il somministrato si impegna a preferire il somministrante nel contratto successivo non può superare la durata di cinque anni.

L'art. 1566 c.c. prevede poi che l'avente diritto alla somministrazione deve comunicare al somministrante le condizioni propostegli da terzi e il somministrante deve dichiarare, sotto pena di decadenza, nel termine stabilito o, in mancanza, in quello richiesto dalle circostanze o dagli usi, se intende valersi del diritto di preferenza.

Le parti possono poi stipulare accordi di esclusiva in favore dell'una o dell'altra parte.

Così, se questa è pattuita a favore del somministrante, l'altra parte non può ricevere da terzi prestazioni della stessa natura, né, salvo patto contrario, può provvedere con mezzi propri alla produzione delle cose che formano oggetto del contratto (v. art. 1567 c.c.).

Se invece la clausola di esclusiva è pattuita a favore dell'avente diritto alla somministrazione (ma il caso non è certo quello delle utenze domestiche), il somministrante non può compiere nella zona per cui la esclusiva è concessa e per la durata del contratto, né direttamente né indirettamente, prestazioni della stessa natura di quelle che formano oggetto del contratto.

Inoltre, l'avente diritto alla somministrazione, che assume l'obbligo di promuovere, nella zona assegnatagli, la vendita delle cose di cui ha l'esclusiva, risponde dei danni in caso di inadempimento a tale obbligo, anche se ha eseguito il contratto rispetto al quantitativo minimo che sia stato fissato. (v. art. 1568 c.c.).


Recesso


Nel caso in cui non sia fissata la durata del contratto, il recesso è sempre possibile, se effettuato con il preavviso dovuto (cioè fissato a contratto, oppure dagli usi, o, in mancanza di prescrizione, congruo) (v. art. 1569 c.c.).


Normativa applicabile


I singoli contratti sono disciplinati anche dalle regole che riguardano le singole prestazioni (v. art. 1570 c.c.).

Ad esempio, nella somministrazione di consumo trovano applicazione anche le norme sulla vendita e l'appalto, mentre in quella d'uso trovano applicazione anche le norme sulla locazione e il comodato.

Si tratta quindi di volta in volta di effettuare la difficile operazione di individuare quale norma si applichi al caso concreto.

La normativa a cui si è dato un cenno va integrata a seconda della prestazione con la normativa di settore extracodice.

Ad esempio, per la telefonia va integrata con la L. n. 249/1997 (Istituzione dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui sistemi delle telecomunicazioni e radiotelevisivo).


In generale, i settori sono anche regolamentati dai vari atti assunti dalle Autorità Garanti (in particolare l'Autorità per l'Energia Elettrica, il Gas e il sistema idrico e l'Autorità per le garanzie nelle telecomunicazioni) e, naturalmente, dalle norme del Codice del consumo (D.Lgs. n. 206/2005).

È evidente, infine, come alcune norme della somministrazione - come ad esempio quelle sul patto di esclusiva a favore del somministrato, o la facoltà per il somministrato di stabilire la scadenza - non possono trovare applicazione al caso delle utenze domestiche, dove normalmente è il somministrante a stabilire condizioni contrattuali standard (e tra l'altro, tra queste non vi è ovviamente un patto di esclusiva in favore del somministrato).

riproduzione riservata
Articolo: La casa e il contratto di somministrazione
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 2 voti.

La casa e il contratto di somministrazione: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
323.206 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano La casa e il contratto di somministrazione che potrebbero interessarti


Nuova proroga del blocco delle sospensioni delle utenze domestiche

Leggi e Normative Tecniche - Il 30 aprile l'ARERA ha nuovamente prorogato al 17 maggio 2020 il blocco delle procedure di sospensione per morosità per le utenze domestiche di luce acqua e gas.

Dati catastali per le utenze

Normative - In questo periodo molte persone stanno ricevendo dalle società erogatrici di servizi come elettricità, acqua e gas, dei moduli da compilare nei quali

Rinvio Tari 2020 per emergenza Covid-19

Fisco casa - Per aiutare le famiglie in difficoltà economica causata dal lockdown per Coronavirus, molti Comuni d'Italia hanno rinviato il pagamento della Tassa sui rifiuti.

Proroga blocco sospensioni utenze per emergenza COVID-19

Burocrazia e utenze - Il 13 aprile l?ARERA ha prorogato al 3 maggio il blocco delle procedure di sospensione per morosità per le utenze relative a energia elettrica, acqua e gas.

Definizione del contratto d'appalto

Leggi e Normative Tecniche - Il codice civile, il Decreto Legislativo 81/08 e gli articoli 86 ed 87 del decreto Legislativo 163/2006 definiscono in maniera univoca tutte le possibilità di gestione di un appalto.

Subentro utenze e danni

Burocrazia e utenze - Le norme regolamentari dettate dall'Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il consumo idrico disciplinano chiaramente i tempi di subentro e voltura nelle utenze.

Risarcimento del danno in caso di distacco di energia elettrica

Leggi e Normative Tecniche - In caso di distacco illegittimo della fornitura di energia elettrica la società fornitrice è inadempiente e tenuta al risarcimento del danno patrimoniale e non.

Cambio utenze: voltura o subentro?

Burocrazia e utenze - Cosa fare in caso di cambiamento utenze. Qual è la differenza tra subentro e voltura e quali sono le tutele previste dalla legge in caso di pagamenti non dovuti.

Bollette dell'acqua non pagate? Legittimo il distacco della fornitura

Burocrazia e utenze - È giusto restare senz'acqua se non si sono pagate almeno due bollette e s'è ignorato il sollecito di pagamento dell'ente erogatore. Sì, almeno per il Tribunale di Bari.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img natty81
Buonasera. Stiamo ristrutturando casa indipendente, vorremmo metter impianto d'allarme. Chiedevo se i marchi Casasicura o Antifurto365 siano affidabili.Oppure Sicuritalia.O meglio...
natty81 24 Gennaio 2021 ore 16:01 2
Img miriamsparneri schinello
Buongiorno avrei bisogno di un consiglio, mia mamma è mancata ed io e mio fratello abbiamo in eredità una campagna con casone. Il problema è che la stessa era...
miriamsparneri schinello 20 Gennaio 2021 ore 17:40 6
Img mek
Buongiorno, vorrei sapere se per la costruzione di una prima casa oltre ad avere IVA al 4 % ci sia la possibilità di affiancare il bonus costruzione garage che permette 6na...
mek 16 Gennaio 2021 ore 20:03 1
Img lucialuca
Buon giorno, nella ricerca di una casa da ristrutturare ho scoperto che un edificio dismesso e inagibile vicino a dove abito ora, e che vorrei acquistare, è di...
lucialuca 16 Gennaio 2021 ore 10:53 1
Img klikkete
Ho provato CADCASA su 3 macchine con windows 10 e windows 7 ma non riesco a farlo funzionare.Installo Java e poi faccio partire il software CADCASA ma nulla. Non mi appare la...
klikkete 15 Gennaio 2021 ore 16:38 2