Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Intonaci per finiture

Gli intonaci rientrano nella categoria delle finiture, prodotti ed operazioni che completano la ristrutturazione: ecco una selezione dei tipi più utilizzati.
03 Ottobre 2013 ore 00:56 - NEWS Pittura e decorazioni
intonaco , finiture , calce , gesso


Quando si parla di finiture di solito si intende quell'insieme di operazioni e relativi prodotti che completano un lavoro di ristrutturazione: dunque non solo pitture per i muri ma anche gessi e stucchi decorativi, rasanti, finiture cementizie ed intonaci.

Questi ultimi, oltre ad avere una valenza estetica, garantiscono la giusta protezione agli elementi murari sia interni che esterni: il tipo di intonaco varia al variare dei leganti, tra di essi gesso e calce.

In commercio i prodotti sono davvero tanti, vediamone qualche esempio.


Intonaco a base gesso per interni


Questo tipo di intonaco, che ha come legante il gesso, garantisce la salubrità negli ambientiApplicazione dell'intonaco poiché associa ad un'ottima permeabilità una bassa conducibilità interna: la presenza del gesso, inoltre, assicura resistenza al fuoco, isolamento termico ed acustico.

Laddove è necessario intonacare una parete disomogenea in cui convivono diversi elementi costruttivi - cemento armato in murature nuove e vecchie, ad esempio – bisogna fare i conti col diverso livello di assorbimento dell'acqua dei vari elementi e dal notevole spessore di solito necessario: la Gyproc Saint-Gobain, divisione della Saint-Gobain specializzata proprio nella produzione di intonaci e sistemi a secco, propone la linea Ecovic che comprende intonaci e rasanti a base gesso ad applicazione manuale, meccanizzata.

La particolarità dei prodotti sta nel legante, l'Anidrene Alfa, sviluppato dall'azienda grazie ad una esclusiva tecnica di calcinazione: tale componente consente all'intonaco di essere applicato anche in spessori più alti, con un indurimento che sarà progressivo ed omogeneo.


Intonaco a base di calce


Ecco un'ottima scelta per contrastare i problemi legati all'umidità sui muri, soprattutto se abitate in un edificio costruito in mattoni o pietra .

Si tratta dell'intonaco D prodotto dal Centro di Restauro e Recupero Campano: esso è un intonaco a spessore a base di calce e pozzolana ad azione deumidificante, adatto dunque a murature soggette ad umidità di risalita.

Intonaco per finitureLa sua composizione è stata realizzata utilizzando un mix di additivi naturali che consentono un alto livello di permeabilità del vapore acqueo, un controllo dell'inibizione all'acqua ed una scarsa reattività ai sali idrosolubili: tali caratteristiche rendono il prodotto particolarmente resistente e non soggetto al fenomeno del distacco.

Arcadia® Nano-Tech del Colorificio MP è un intonaco colorato bicomponente – una parte in polvere ed una liquida – che può essere passato al posto dell'ultima mano di intonaco tradizionale: in questo modo è possibile anche colorare le pareti del muro.

Il prodotto, composto da calce idraulica naturale, inerti carbonatici e cemento bianco, è disponibile in tre granulometrie, a seconda dell'effetto decorativo scelto: la presenza di elementi naturali crea un effetto volutamente non uniforme, soprattutto se utilizzato all'esterno.

I toni in cui il prodotto è disponibile sono quelli caldi e velati che ricordano i colori degli edifici antichi. La sua composizione minerale gli consente di aderire completamente al substrato di intonaco senza rischio di distacchi.

La presenza di nanoparticelle a struttura complessa, infine, garantisce un'ottima traspirabilità grazie alla barriera da esse creata che ne rafforza la resistenza all'acqua e la durezza superficiale.


Intonaci fonoassorbenti e termoisolanti


Esistono da tempo in commercio intonaci capaci di contribuire anche all'isolamento acustico degli ambienti interni: un ottimo esempio è dato da Sanawarme, proposta da Azichem Srl azienda da sempre all'avanguardia nella produzione di materiali per la bioedilizia.

Si tratta di un intonaco composto da calce idraulica, caolino, perlite espansa, farine di sughero, BioThermovent di Indexaggregati selezionati, agenti stabilizzanti, specifici composti antisalini, fibre naturali di rinforzo: una miscela di materiali totalmente naturali, ecologici e riciclabili che garantisce un notevole potere fono-isolante.

Inoltre, una massa volumica superiore rispetto agli altri prodotti, favorisce l'inerzia termica dei corpi murari ed assicura il mantenimento delle murature più calde d'inverno e più fresche d'estate, attenuando gli sbalzi termici.

Sappiamo bene quanto sia importante un buon isolamento termico per il benessere della casa , e perché no, anche delle nostre tasche: la traspirabilità delle murature deve essere garantita dunque dall'utilizzo di prodotti idonei come BioThermovent di INDEX Spa

È un intonaco premiscelato a secco composto da inerti speciali leggeri a base di silicato purissimo, calce idraulica naturale, fibre e additivi che favoriscono la sua posa anche su grandi spessori assicurando la massima adesione.

Questa particolare formulazione garantisce ottimi livelli di coibenza termica e traspirazione ma anche resistenza meccanica e durabilità: la presenza di silicati poi fa sì che BioThermovent rientri nei prodotti di classe A1 di reazione al fuoco come materiale non combustibile dunque è possibile usare tale intonaco anche in casi in cui è necessaria una protezione dal fuoco con certificazione REI120.

riproduzione riservata
Articolo: Intonaci per finiture
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Intonaci per finiture: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
328.092 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Intonaci per finiture che potrebbero interessarti


Calce e calce idraulica

Materiali edili - La calce idraulica è uno dei materiali da costruzione più antichi ed al contempo moderni, disponibili per la realizzazione di opere e lavorazioni in edilizia.

Intonaci premiscelati

Ristrutturazione - Gli intonaci premiscelati a base di calce e pozzolana.

Finiture di facciata degli edifici

Facciate e pareti - Per evitare il ricorso a frequenti ristrutturazioni, bisogna utilizzare intonaci di buona qualità, specifici per il tipo di muratura da proteggere.

Intonaco di pomice e calce

Pavimenti e rivestimenti - In edilizia gli intonaci ecologici in virtù di tutte le loro ottime proprietà si stanno diffondendo sempre di più: ecco l'intonaco di pomice e calce idraulica.

L'intonaco di cocciopesto

Materiali edili - Tra i rivestimenti naturali più utilizzati per risolvere il problema dell'umidità nelle pareti c'è l'intonaco di cocciopesto, un'antica tecnica tuttora valida.

Rinzaffo

Facciate e pareti - La finitura di una parete è costituita da più strati di intonaco. Il primo tra questi è anche il più grossolano e si chiama rinzaffo, noto anche come abbozzo.

Materie prime tradizionali per intonaci a regola d'arte

Facciate e pareti - Le materie prime per ottenere intonaci a regola d'arte: i tipi di calce, lo spegnimento, la preparazione del grassello, gli inerti più adatti e le ricette tradizionali.

Intonaco premiscelato

Materiali edili - Gli intonaci premiscelati sono prodotti in azienda e portati in cantiere in cantiere gia' pronti per essere applicati sulle murature.

Lavorazioni tradizionali per intonaci a regola d'arte

Pittura e decorazioni - Lavorazioni tradizionali per intonaci a regola d'arte: le ricette dei trattatisti, la pozzolana, il cocciopesto e la corretta sovrapposizione degli strati.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img toked 21
Buongiorno, sono in procinto di acquistare vecchia casa in sasso con muri da 70cm. Sarei interessato a isolare termicamente esternamente le pareti ma non ho molto spazio. Quindi...
toked 21 03 Marzo 2021 ore 14:21 11
Img nhio
Ciao a tutti, sono in cerca di consigli "fai da te". Ho avuto un problema con una perdita dietro ad un muro che ha provocato uno scrostamento della vernice (ho allegato una foto).
nhio 01 Marzo 2021 ore 17:31 4
Img vashkenazy
Ciao a tutti,vorrei sistemare e migliorare esteticamente un muro di cantina, in mattoni pieni, pitturato direttamente. Mi piacerebbe renderlo uniforme, e tendenzialmente liscio,...
vashkenazy 01 Marzo 2021 ore 14:07 3
Img robertabongiovanni
Ciao a tutti, sto procedendo con la pratica superbonus per la mia villetta. L'intonaco esterno è rifinito a buccia d'arancia.Dovendo posare il cappotto termico, chiedo se,...
robertabongiovanni 01 Marzo 2021 ore 09:14 1
Img grone237
Ciao a tutti, vorrei installare un cappotto termico in eps sulla mia abitazione. Attualmente la casa ha un intonaco grezzo come in foto. Dando per scontato ovviamente la...
grone237 29 Gennaio 2021 ore 19:40 4