Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Intonaci per finiture

Gli intonaci rientrano nella categoria delle finiture, prodotti ed operazioni che completano la ristrutturazione: ecco una selezione dei tipi più utilizzati.
- NEWS Pittura e decorazioni
intonaco , finiture , calce , gesso
Barra Progettazione Online


Quando si parla di finiture di solito si intende quell'insieme di operazioni e relativi prodotti che completano un lavoro di ristrutturazione: dunque non solo pitture per i muri ma anche gessi e stucchi decorativi, rasanti, finiture cementizie ed intonaci.

Questi ultimi, oltre ad avere una valenza estetica, garantiscono la giusta protezione agli elementi murari sia interni che esterni: il tipo di intonaco varia al variare dei leganti, tra di essi gesso e calce.

In commercio i prodotti sono davvero tanti, vediamone qualche esempio.


Intonaco a base gesso per interni


Questo tipo di intonaco, che ha come legante il gesso, garantisce la salubrità negli ambientiApplicazione dell'intonaco poiché associa ad un'ottima permeabilità una bassa conducibilità interna: la presenza del gesso, inoltre, assicura resistenza al fuoco, isolamento termico ed acustico.

Laddove è necessario intonacare una parete disomogenea in cui convivono diversi elementi costruttivi - cemento armato in murature nuove e vecchie, ad esempio – bisogna fare i conti col diverso livello di assorbimento dell'acqua dei vari elementi e dal notevole spessore di solito necessario: la Gyproc Saint-Gobain, divisione della Saint-Gobain specializzata proprio nella produzione di intonaci e sistemi a secco, propone la linea Ecovic che comprende intonaci e rasanti a base gesso ad applicazione manuale, meccanizzata.

La particolarità dei prodotti sta nel legante, l'Anidrene Alfa, sviluppato dall'azienda grazie ad una esclusiva tecnica di calcinazione: tale componente consente all'intonaco di essere applicato anche in spessori più alti, con un indurimento che sarà progressivo ed omogeneo.


Intonaco a base di calce


Ecco un'ottima scelta per contrastare i problemi legati all'umidità sui muri, soprattutto se abitate in un edificio costruito in mattoni o pietra.

Si tratta dell'intonaco D prodotto dal Centro di Restauro e Recupero Campano: esso è un intonaco a spessore a base di calce e pozzolana ad azione deumidificante, adatto dunque a murature soggette ad umidità di risalita.

Intonaco per finitureLa sua composizione è stata realizzata utilizzando un mix di additivi naturali che consentono un alto livello di permeabilità del vapore acqueo, un controllo dell'inibizione all'acqua ed una scarsa reattività ai sali idrosolubili: tali caratteristiche rendono il prodotto particolarmente resistente e non soggetto al fenomeno del distacco.

Arcadia® Nano-Tech del Colorificio MP è un intonaco colorato bicomponente – una parte in polvere ed una liquida – che può essere passato al posto dell'ultima mano di intonaco tradizionale: in questo modo è possibile anche colorare le pareti del muro.

Il prodotto, composto da calce idraulica naturale, inerti carbonatici e cemento bianco, è disponibile in tre granulometrie, a seconda dell'effetto decorativo scelto: la presenza di elementi naturali crea un effetto volutamente non uniforme, soprattutto se utilizzato all'esterno.

I toni in cui il prodotto è disponibile sono quelli caldi e velati che ricordano i colori degli edifici antichi. La sua composizione minerale gli consente di aderire completamente al substrato di intonaco senza rischio di distacchi.

La presenza di nanoparticelle a struttura complessa, infine, garantisce un'ottima traspirabilità grazie alla barriera da esse creata che ne rafforza la resistenza all'acqua e la durezza superficiale.


Intonaci fonoassorbenti e termoisolanti


Esistono da tempo in commercio intonaci capaci di contribuire anche all'isolamento acustico degli ambienti interni: un ottimo esempio è dato da Sanawarme, proposta da Azichem Srl azienda da sempre all'avanguardia nella produzione di materiali per la bioedilizia.

Si tratta di un intonaco composto da calce idraulica, caolino, perlite espansa, farine di sughero, BioThermovent di Indexaggregati selezionati, agenti stabilizzanti, specifici composti antisalini, fibre naturali di rinforzo: una miscela di materiali totalmente naturali, ecologici e riciclabili che garantisce un notevole potere fono-isolante.

Inoltre, una massa volumica superiore rispetto agli altri prodotti, favorisce l'inerzia termica dei corpi murari ed assicura il mantenimento delle murature più calde d'inverno e più fresche d'estate, attenuando gli sbalzi termici.

Sappiamo bene quanto sia importante un buon isolamento termico per il benessere della casa, e perché no, anche delle nostre tasche: la traspirabilità delle murature deve essere garantita dunque dall'utilizzo di prodotti idonei come BioThermovent di INDEX Spa

È un intonaco premiscelato a secco composto da inerti speciali leggeri a base di silicato purissimo, calce idraulica naturale, fibre e additivi che favoriscono la sua posa anche su grandi spessori assicurando la massima adesione.

Questa particolare formulazione garantisce ottimi livelli di coibenza termica e traspirazione ma anche resistenza meccanica e durabilità: la presenza di silicati poi fa sì che BioThermovent rientri nei prodotti di classe A1 di reazione al fuoco come materiale non combustibile dunque è possibile usare tale intonaco anche in casi in cui è necessaria una protezione dal fuoco con certificazione REI120.

riproduzione riservata
Intonaci per finiture
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Intonaci per finiture: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
342.002 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Intonaci per finiture che potrebbero interessarti

Calce e calce idraulica

Materiali edili - La calce idraulica è uno dei materiali da costruzione più antichi ed al contempo moderni, disponibili per la realizzazione di opere e lavorazioni in edilizia.

Finiture di facciata degli edifici

Facciate e pareti - Per evitare il ricorso a frequenti ristrutturazioni, bisogna utilizzare intonaci di buona qualità, specifici per il tipo di muratura da proteggere.

Intonaco di pomice e calce

Pavimenti e rivestimenti - In edilizia gli intonaci ecologici in virtù di tutte le loro ottime proprietà si stanno diffondendo sempre di più: ecco l'intonaco di pomice e calce idraulica.

L'intonaco di cocciopesto

Materiali edili - Tra i rivestimenti naturali più utilizzati per risolvere il problema dell'umidità nelle pareti c'è l'intonaco di cocciopesto, un'antica tecnica tuttora valida.

L'intonaco di cocciopesto: caratteristiche e applicazioni

Facciate e pareti - L'intonaco di cocciopesto è una malta tradizionale antichissima formata da calce idraulica o aerea, sabbia di fiume e frammenti di laterizi finemente macinati.

Rinzaffo

Facciate e pareti - La finitura di una parete è costituita da più strati di intonaco. Il primo tra questi è anche il più grossolano e si chiama rinzaffo, noto anche come abbozzo.

Materie prime tradizionali per intonaci a regola d'arte

Facciate e pareti - Le materie prime per ottenere intonaci a regola d'arte: i tipi di calce, lo spegnimento, la preparazione del grassello, gli inerti più adatti e le ricette tradizionali.

Rasatura

Restauro edile - La rasatura è l'ultimo strato d'intonaco che rifinisce una parete prima di tinteggiarla o apporvi la carta da parati. Com'è fatto e come si realizza correttamente?

Lavorazioni tradizionali per intonaci a regola d'arte

Pittura e decorazioni - Lavorazioni tradizionali per intonaci a regola d'arte: le ricette dei trattatisti, la pozzolana, il cocciopesto e la corretta sovrapposizione degli strati.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img panorama san lorenzo
Chiedo un vostro parere per una situazione ''spinosa''-casa con muri in pietra con intonaco di 50 anni-circa 10 strati di pittura su intonaco-circa il 60% dell'intonaco risulta...
panorama san lorenzo 01 Febbraio 2023 ore 10:10 1
Img andrea graziano
BuonaseraHo da poco comprato casa che ha parecchia umdità di risalita.L'intonaco della facciata esterna si sta piano a piano sgretolando in vari punti, mentre quello...
andrea graziano 28 Gennaio 2023 ore 14:38 2
Img dogotini
Cosa sono dovute queste crepe contigue? Quali saranno le conseguenze se lasciate così?...
dogotini 28 Dicembre 2022 ore 12:34 2
Img lacura17
Buongiorno a tutti,durante l'installazione della ringhiera della scala ho scoperto con estremo disappunto e sorpresa che la malta data sulla spalletta della scala si sbriciolava...
lacura17 10 Dicembre 2022 ore 14:31 3
Img pietro castiglione
Buongiorno a tutti, sono nuovo su questo forum e spero possiate essermi d’aiuto.Ho appena comprato da qualche mese un appartamento, e prima di andarci a stare l&rsquo...
pietro castiglione 01 Dicembre 2022 ore 09:03 7