Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Installazione di un'autoclave in condominio

L'impianto di sollevamento dell'acqua, più spesso detto autoclave spesso diventa indispensabile anche nei condomini, quindi chi decide l'installazione di impianto autoclave?
23 Giugno 2016 ore 12:33 - NEWS Manutenzione condominiale
ripartizione spese , innovazioni condominio , autoclave

L'impianto di sollevamento dell'acqua, più spesso detto autoclave, termine che tecnicamente indica il solo serbatoio in pressione facente parte dell'intera installazione, ha la funzione di consentire all'acqua di raggiungere le varie utenze, a qualsiasi altezza esse siano poste, con la pressione necessaria.

Autoclavi alcuni modelli

In molte realtà l'autoclave è coeva rispetto alla costruzione dell'edificio; in altri casi è solamente con l'uso delle unità immobiliari che ci si rende conto che la sua installazione non solo è auspicabile ma alle volte, addirittura, necessaria.


Chi decide in condominio l'installazione di impianto autoclave?


La risposta è semplice: a meno che non si tratti d'un intervento urgente (es. totale mancanza d'acqua con gravi disagi), in tal caso l'amministratore potrebbe provvedere di sua iniziativa, la competenza a decidere spetta all'assemblea.


Quali maggioranze occorrono per l'installazione d'impianto autoclave?


Formulando la domanda in modo diverso: l'installazione ex novo d'un impianto di sollevamento dell'acqua deve considerarsi alla stregua d'una innovazione?

Vale la pena ricordare che per innovazioni delle cose comuni s'intendono, dunque, non tutte le modificazioni (qualunque opus novum), sebbene le modifiche, le quali importino l'alterazione della entità sostanziale o il mutamento della originaria destinazione, in modo che le parti comuni, in seguito alle attività o alle opere innovative eseguite, presentino una diversa consistenza materiale, ovvero vengano ad essere utilizzate per fini diversi da quelli precedenti (tra le tante: Cass.,23 ottobre 1999, n. 11936; Casa., 29 ottobre 1998, n. 1389; Cass., 5 novembre 1990, n. 10602) (così Cass. 26 maggio 2006 n. 12654).

È bene ricordare che le innovazioni sono vietate se alterano il decoro dell'edificio, recano pregiudizio alla sicurezza e stabilità del medesimo o rendano alcune le parti dell'edificio inservibili anche ad un solo condomino.

L'innovazione devèessere deliberata dalla maggioranza dei partecipanti al condominio che rappresentino almeno due terzi del valore dell'edificio.

Installazione autoclave in condominio

Quanto all'autoclave, la risposta non è certa.Infatti se da un lato non può negarsi che dall'installazione dell'impianto, che va ad integrarsi con quello idrico derivi una diversa consistenza materiale di quest'ultimo, oltre che molto spesso un mutamento dell'originaria destinazione d'uso di determinati spazi, dall'altro non può certo dirsi che l'impianto idrico venga ad essere alterato nella sua entità sostanziale.


Proprio quest'ultima considerazione ha portato il Tribunale di Napoli, nell'unico precedente rinvenibile in materia datato 15 luglio 1992, ha pronunciarsi per il carattere non innovativo della decisione sull'installazione di un'autoclave.

Ciò detto non può non rimarcarsi, ulteriormente, che si tratta d'una interpretazione frutto di una valutazione dell'opera basata su un concetto d'innovazione la cui fonte non è di rango legislativo ma di derivazione giurisprudenziale.

Come dire: al mutamento di tale concetto potrebbe doversi riconsiderare anche la valutazione fatta in merito all'installazione dell'impianto di sollevamento dell'acqua.

Quanto alla ripartizione delle spese per l'esecuzione dell'opera non v'è dubbio che le stesse debbano essere suddivise tra tutti i condomini interessati (art. 1123, terzo comma, c.c.) sulla base dei millesimi di proprietà trattandosi d'intervento finalizzato alla prestazione di servizi nell'interesse comune (art. 1123, primo comma, c.c.).

riproduzione riservata
Articolo: Installazione di un'autoclave
Valutazione: 4.25 / 6 basato su 4 voti.

Installazione di un'autoclave: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Mario Ferrari
    Mario Ferrari
    Domenica 5 Febbraio 2012, alle ore 19:15
    Abito in un condominio di 36 appartamenti oltre 1o negozi, siamo incrisi ai piani superiori perché c'è carenza di acqua specialmente aipiani superiori (sesto, settimo, ottavo e nono) cosa mi consigliaredi proporre all'assemblea condominiale ?Grazie del vs- consiglio e indicatemi quale miglior prodotto possamoprendere. mario ferrari
    rispondi al commento
  • Druido
    Druido
    Domenica 30 Ottobre 2011, alle ore 15:28
    Se faccio parte di un condominio in minima parte perché trattasi di edificio distaccato (non necessitanta di autoclave) ma avente contatori acqua nell'edificio principale, devo sottostare all'installazione di autoclave ? Se si in che misura devo partecipare alle spese ? Grazie sin d'ora, cordiali saluti.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
331.121 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Installazione di un'autoclave che potrebbero interessarti


Contestazione della ripartizione delle spese condominiali

Ripartizione spese - La ripartizione delle spese condominiali dev'essere contestata attravero l'impugnazione della delibera. L'importante è saper scegliere quale contestare.

Tabelle millesimali

Condominio - Le tabelle millesimali servono a ripartire le spese condominiali in modo proporzionale alla superficie e alle caratteristiche delle singole unità immobiliari.

Modifica dei criteri di ripartizione delle spese

Condominio - Nel condominio Alfa per lunghi anni, in ragion delle disposizioni contenute nel regolamento contrattuale, le spese per il riscaldamento sono state ripartite

Ripartizione delle spese legali nel caso di transazione

Condominio - Un condominio decide di promuovere una causa o di resistere ad un?avversa richiesta.Si pensi, per restare agli esempi più banali, alla necessità di

Portierato e ripartizione delle spese

Ripartizione spese - Il codice civile non si occupa di disciplinare il servizio di portierato.L?unica norma che contiene un accenno a tale servizio è l?art. 1117 c.c.

Ripartizione spese tra inquilino e proprietario

Ripartizione spese - Confedilizia, associazione dei proprietari, e i tre sindacati degli inquilini hanno aggiornato le tabelle di ripartizione spese tra inquilino e proprietario.

La modifica delle tabelle millesimali contrattuali

Tabelle millesimali - La modificazione delle tabelle millesimali contrattuali deve avvenire con il consenso di tutti i condomini.Diversamente la deliberazione di modifca è nulla.

Strada condominiale e ripartizione delle spese

Condominio - Quando s?affronta il tema della ripartizione delle spese condominiali bisogna sempre tenere presenti due elementi fondamentali:a) in primo luogo, l?accordo

Revisione tabelle millesimali senza unanimità

Tabelle millesimali - Con la sentenza 18477 del 9 agosto delle sezioni unite della Cassazione sarà sufficiente la maggioranza in assemblea per avere la revisione delle tabelle millesimali.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img freli
Buongiorno a tutti, Un anno fa ho comprato un appartamento che è due piani sopra l'autoclave condominiale, cosa che ignoravo, ma pur essendo l'edificio costruito nel 2008,...
freli 11 Maggio 2021 ore 10:53 26
Img carlocorneo
Buongiorno, mi chiedevo se ai fini del calcolo del tetto di spesa (plafond fiscale per solo l'isolamento termico) è possibile conteggiare oltre alle abitazioni e ai negozi,...
carlocorneo 29 Dicembre 2020 ore 18:27 1
Img sandro1965-
Buongiorno, siamo 5 fratelli e sorelle e siamo proprietari di una piccola palazzina (familiare) con 10 appartamenti (termoautonomi e senza ascensore) dislocati su 3 piani e...
sandro1965- 07 Dicembre 2020 ore 13:41 2
Img serenabosco
Volendo usufruire del Superbonus del 110% e considerando che, per ogni condomino, c'è un limite di spesa che può rientrare nella cessione del credito, vorrei capire...
serenabosco 06 Dicembre 2020 ore 14:21 1
Img ciroafeltra@live.it
Buonasera a tutti, chiedo scusa in anticipo non ho ben capito se c'è una sezione in cui presentarsi.Mi servirebbe un consiglio. Vivo a Roma possiedo una cantina di 9 mq...
ciroafeltra@live.it 04 Dicembre 2020 ore 17:09 2