Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Misurare il grado di inquinamento domestico

NEWS Impianti di sicurezza07 Febbraio 2020 ore 15:35
Apparecchiature di facile gestione per monitorare il grado di inquinamento degli ambienti abitati mediante il rilievo giornaliero delle sostanze nocive presenti

Inquinamento dell'ambiente domestico


Quando si parla di inquinamento ambientale, si tende a mettere in evidenza i fattori che alterano la qualità dell'aria e la sua salubrità, in un contesto prevalentemente esterno rispetto al mondo domestico in cui si svolge la nostra vita quotidiana.

In caso di incidenti pregiudizievoli della integrità ambientale, come incendi , fuoriuscite di sostanze nocive da impianti ecc., la prima misura di salvaguardia che ci viene suggerita è chiudersi in casa .

In molti casi, tale misura sortisce lo stesso effetto di passare dalla padella alla brace. Infatti, presi dalla necessità di sfuggire dall'immediato rischio proveniente dall'esterno, si trascura il fatto che molti ambienti domestici possono essere ancora più inquinati.

Ebbene si, nei luoghi chiusi si annidano una diversità di sostanze nocive per la salute, le quali a vario titolo sono responsabili di danni anche gravi per la salute, specialmente dei più piccoli e delle persone già debilitate.


Misurare grado di inquinamento domestico

Misurare grado di inquinamento domestico

Misurare grado di inquinamento domestico
Misurare grado di inquinamento domestico: polveri di carbone

Misurare grado di inquinamento domestico: polveri di carbone

Misurare grado di inquinamento domestico: polveri di carbone
Inquinamento domestico e polveri derivanti da lavori

Inquinamento domestico e polveri derivanti da lavori

Inquinamento domestico e polveri derivanti da lavori
Iinquinamento domestico da cottura a carbone

Iinquinamento domestico da cottura a carbone

Iinquinamento domestico da cottura a carbone
Polveri e sostanze nocive generate da roghi

Polveri e sostanze nocive generate da roghi

Polveri e sostanze nocive generate da roghi
Inquinamento e polveri domestiche dovute a cattiva manutenzione

Inquinamento e polveri domestiche dovute a cattiva manutenzione

Inquinamento e polveri domestiche dovute a cattiva manutenzione

A questo punto, molti si chiederanno se sia possibile o meno fare qualcosa per ovviare a tali rischi. Per prima cosa occorre ragionare con raziocinio senza farsi prendere da inutili fobie, concentrandosi sulle caratteristiche del luogo in cui viviamo, al fine di evidenziare le potenziali fonti di inquinamento.

Mi spiego meglio con un esempio: se abitiamo in una casa sprovvista di una adeguata esposizione solare, magari con evidenti presenze di formazioni di muffe, derivanti da scarso isolamento termico delle pareti, se non è possibile ventilare in maniera sufficiente tali ambienti, allora dobbiamo temere la possibilità che nell'aria ci siano spore tossiche, oltre a particelle di polveri in percentuale superiore a quelle normalmente consentite.

E qui la domanda nasce spontanea: come facciamo a misurare le quantità di eventuali sostanze nocive presenti nell'aria domestica?

Esistono apparecchiature in grado di darci delle risposte immediate a tale nostra richiesta?


Strumenti per misurare l'inquinamento domestico


la risposta è affermativa. In commercio esistono attualmente delle apparecchiature utili in tal senso, capaci di misurare la qualità dell'aria e di avvisarci in tempo utile qualora i valori misurati risultino superiori alla soglia consentita.

Vediamo quindi quali sono le sostanze più temute, presenti negli ambienti chiusi e le relative apparecchiature capaci di darci utili informazioni, circa la qualità dell'aria che respiriamo in casa.

Uno degli elementi più pericolosi per la nostra salute è rappresentato dal radon un gas radioattivo di origine naturale, che si forma nel terreno per il decadimento radioattivo dell'uranio presente nelle rocce.

Il radon, a differenza degli altri elementi solidi, può essere sprigionato dalle rocce, diffondersi nel terreno ed essere quindi inalato negli ambienti domestici chiusi, soprattutto in locali a contatto con il terreno.
Cantina nella roccia scavata
Le concentrazioni possono raggiungere quantitativi elevati, specie in ambienti con uno scarso ricambio d'aria.

Per le abitazioni private In Italia non c'è ancora una normativa che stabilisca quello che è il limite massimo di concentrazione di radon, ma ci si può basare sui valori raccomandati dalla Comunità europea di 200 Bq/m³ per le nuove abitazioni e 400 Bq/m³ per quelle già esistenti.


Per gli ambienti di lavoro esiste invece la normativa che fissa la concentrazione limite di 500 Bq/m³.

Per cui, chi lavora in ambienti seminterrati, magari perimetrati da muratura di tufo non ben sigillata in prossimità di aree a contatto con il terreno, senza la presenza di un pavimento come accade in alcune cantine domestiche, farebbe bene a dotarsi di un misuratore di radon per monitorare tale presenza.


Bisogna subito dire che la propagazione del radon puo' avvenire nelle case attraverso crepe, fessure o punti aperti delle fondamenta, per tale motivo i locali seminterrati e le abitazioni disposte a piano terra, risultano più esposte.

Danni all'apparato respiratorio
Un eccesso di particelle solide derivanti dal decadimento del radon, una volta respirate, possono provocare gravi patologie polmonari, in sintesi il radon è considerata la principale fonte di radiazione ionizzante a cui è esposto il corpo umano e la seconda causa di tumore al polmone dopo il fumo di tabacco.

In commercio, a fronte di una spesa di poche centinaia di euro, si trovano dei misuratori capaci di effettuare una lettura dei livelli di radon e visualizzare su uno schermo LCD la media della concentrazione per determinati periodi.

Proseguendo con l'elenco delle sostanze nocive indoor, troviamo la formaldeide presente nei prodotti di arredamento, le polveri sottili come PM2.5 e PM10, l'anidride carbonica, polveri derivanti dall'impiego di stampanti provviste di toner, emissioni di polveri provenienti da vicinanza a fabbriche ecc.


Monitoraggio dell'aria in tempo reale


Per monitorare la presenza delle suddette sostanze, esistono diverse strumenti, capaci di rilevare le percentuali di sostanze presenti nel medio e lungo termine.

Le apparecchiature più complete rilevano e misurano la concentrazione di polveri sottili PM2,5 e PM10, l'inquinamento da CO2e, la temperatura, l'umidità dell'aria, oltre alla presenza di altre sostanze nocive.

Tra le apparecchiature più pratiche e complete per effettuare tali controlli troviamo per misurare il radon Corentium Home, della Zetalab, pratico e contenuto apparecchio, avente dimensioni 120mm × 69mm × 22.5mm. , mediante il quale è possibile effettuare una lettura dei livelli di radon visualizzandola su uno schermo LCD.

Misuratore di radon corentium
Con esso si possono facilmente effettuare dei rilievi parziali per ogni singola stanza di un ambiente, per poi ottenere una visione d'assieme della concentrazione di radon.

Lo strumento si rivela altresi utilissimo qualora si voglia verificare l'esito di interventi di bonifica effettuati. Ad esempio, aumentando l'estrazione di aria dagli ambienti in maniera programmata, si possono effettuare delle misurazioni successive all'intervento per poter verificare l'efficacia del provvedimento adottato ed eventualmente procedere con un ulteriore aggiustamento per raggiungere i livelli di sicurezza richiesti.

Corentium è garantito per un anno ed è stato testato dai migliori istituti di scienze radiologiche. In condizioni di normale utilizzo domestico, non necessita di taratura annuale per tutta la sua durata in servizio, stimata in oltre 10 anni.


Monitorare più sostanze contemporaneamente


Per quanto riguarda le apparecchiature che effettuano il monitoraggio della qualità dell'aria, occorre dire subito che in commercio ne esistono diversi tipi con costi differenti, che vanno da poche centinaia di euro a migliaia di euro.
Misuratore formaldeide e sostanze varieRestando nel campo di quei misuratori di più facile accesso, di buona affidabilità, si possono segnalare i seguenti: IGERESS per il monitoraggio di composti organici volatili (TVOC), PM 2.5, PM 10, formaldeide, dototato di sensori chimici elettronici, per il rilievo della formaldeide, i quali sono più sensibili e precisi, l'apparecchio di facile uso ha un costo di poco superiore ai 100 euro.

CONSIGLIATO
Rilevatore IGERESS
Strumento di misurazione multiuso ideale per monitorare la qualità dell'aria, a protezione della salute della famiglia. Un allarme viene...
prezzo € 119.99
COMPRA


Per misurazioni più complete e accurate, possiamo impegare Awair 2nd di Getawair che rivela tossine, sostanze chimiche, polveri sottili, monossido di carbonio, umidità e temperatura presenti nell'ambiente.

Controllo tramite app del misuratore aiwair
Per il suo utilizzo, non è necessario alcun manuale di istruzioni, basta scaricare l'app gratuita e seguire le istruzioni per azionare il dispositivo in pochi minuti, rilevando immediatamente eventuali cambiamenti della qualità dell'aria, i quali potrebbero essere la causa di problemi respiratori .

L'app fornisce tutte le informazioni storiche e in tempo reale dei livelli di inquinamento dell'ambiente con una precisione decimale misura temperatura, anidride carbonica, inquinanti chimici particolato PM2,5 al decimo di microgrammo/metro cubo.

L'apparecchio, facilmente spostabile da un ambiente all'altro, può monitorare con attenzione e precisione la presenza di sostanze nocive nell'ambiente domestico, grazie al prelievo dell'aria che avviene mediante una ventola abbastanza silenziosa disposta all'interno dell'apparecchio,.

Considerata la modica spesa, meno di 200 euro e la completezza dei dati rilevabili, ritengo essere un utile strumento per la tutela della salute di chi vive in ambienti chiusi.

Misuratore foobot e app di controllo
Alla stessa categoria di apparecchiature multicontrollo, appartiene Foobot ottimo misuratore della qualità d'aria indoor, che rileva PM2.5, PM10, COV relativamente alle parti di sostanze chimiche, oltre a umidità e temperatura, mediante sensori integrati di tipo avanzato, di ultima generazione, ad alta precisione.

Foobot è stato recensito da enti indipendenti, tra i quali il Journal Of Aerosol Science e l'istituzione Berkeley Lab, come uno dei migliori e più affidabili misuratori della qualità dell'aria sul mercato al momento, a livello globale.

Così come per Awair, anche l'app di Foobot consente letture in tempo reale del livello di sostanze inquinanti, mediante diversi grafici, nei quali è possibile apprezzare l'andamento del livello di concentrazione delle sostanze, a partire dal primo giorno di registrazione.

riproduzione riservata
Articolo: Inquinamento domestico come misurarlo
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 3 voti.

Inquinamento domestico come misurarlo: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Jovis
    Jovis
    Sabato 8 Febbraio 2020, all or 10:55
    Davvero interessante, la tecnologia avanza e ci aiuta a migliorare il nostro modo di vivere, speriamo di non autodistruggerci in questo pianeta! chissà forse siamo ancora in tempo per salvarci e tornare al benessere salvando la natura che ci circonda:-))
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
318.540 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Inquinamento domestico come misurarlo che potrebbero interessarti


VOC: composti organici volatili

Bioedilizia - I VOC sono tra le principali cause dell'inquinamento indoor per la loro presenza all'interno di alcuni materiali usati in finiture e arredi per le nostre case.

Veleni in casa

Cucina - L'EPA, l'agenzia americana per la protezione dell'ambiente, ha denunciato che tra le pareti domestiche è presente un'alta concentrazione di sostanze tossiche.

Piante che risolvono l'inquinamento indoor

Giardinaggio - L'inquinamento indoor è un problema silente presente nelle nostre case ed è oramai all'ordine del giorno. Ecco come ridurre questo fenomeno in modo naturale.

Muri che respirano

Ristrutturazione - L'impiego di un prodotto innovativo, utile per la realizzazione di pareti interne dei luoghi di abitazione e lavoro, capace di ridurre l'inquinamento ambientale.

Adesivi ecologici per parquet

Materiali edili - Salvaguardare l'ambiente e la salute dell'uomo è uno degli obiettivi che ci si pone durante i lavori in una casa: un modo è usare collanti ecologici per parquet.

Inquinamento Caldaie e contenimento delle immissioni di sostanze inquinanti

Impianti di riscaldamento - Tra le principali sostanze inquinanti emesse da una caldaia ci sono il biossido e l'ossido di azoto, l'ossido carbonico ed il biossido carbonico o anidride carbonica

Robot e sistemi domotici per eliminare l'inquinamento indoor

Impianti domotici - L'impiego di robot e sistemi di controllo tramite App per pulire e bonificare l'aria che respiriamo in casa, senza trascurare le regole igieniche fondamentali.

Cause e rimedi efficaci contro l'inquinamento domestico dell'aria

Soluzioni progettuali - L'inquinamento domestico dell'aria può dipendere da diversi fattori interni o esterni che vanno affrontati allo scopo di garantire un adeguato comfort ambientale.

Cementi speciali

Progettazione - Cementi che salvaguardano l'ambiente ed il decoro urbano.