Innovazioni e modifiche delle cose comuni in condominio

NEWS DI Parti comuni28 Maggio 2013 ore 11:38
Innovazioni e modifiche delle cose comuni sono differenti e tale diversità incide e non poco sui quorum deliberativi di quegli interventi. Come distinguerle?

Innovazioni e modifiche delle cose comuniAffermare che una deliberazione assembleare ha stabilito delle modificazioni piuttosto che delle innovazioni di una parte comune (o viceversa) è cosa ben diversa.

La diversità fisica dei due interventi si riflette sulle maggioranze necessarie a deliberare gli interventi voluti.

In poche parole:
a) se si tratta di modificazione i quorum deliberativi sono quelli normalmente previsti per le deliberazioni in prima e seconda convocazione, eccezion fatta per quelli fissi necessari per lavori di manutenzione di notevole entità;

b) se si tratta di innovazioni le maggioranze necessarie sono quelle previste dal quinto comma dell'art. 1136 c.c. strettamente collegato alle innovazioni disciplinate dall'art. 1120 c.c.

Il problema in questi casi sta proprio nella identificazione delle nozioni di modificazione ed innovazione delle cose comuni.

La legge non fornisce questa definizione, ergo: è indispensabile osservare che cos'ha detto la giurisprudenza.


Il Tribunale di Savona con una sentenza resa lo scorso 17 aprile, sulla scorta dei concetti elaborati dalla Cassazione, è tornato sull'argomento.

Nella pronuncia appena citata si legge che:
in tema di condominio negli edifici, la distinzione tra modifica ed innovazione si ricollega all'entità e qualità dell'incidenza della nuova opera sulla consistenza e sulla destinazione della cosa comune, nel senso che per innovazione in senso tecnico - giuridico deve intendersi non qualsiasi mutamento o modificazione della cosa comune, ma solamente quella modificazione materiale che ne alteri l'entità sostanziale o ne muti la destinazione originaria, mentre le modificazioni che mirano a potenziare o a rendere più comodo il godimento della cosa comune e ne lasciano immutate la consistenza e la destinazione, in modo da non turbare i concorrenti interessi dei condomini , non possono definirsi innovazioni nel senso suddetto (la S.C. ha così escluso che costituisse innovazione vietata il restringimento di un viale di accesso pedonale, considerato che esso non integrava una sostanziale alterazione della destinazione e della funzionalità della cosa comune, non la rendeva inservibile o scarsamente utilizzabile per uno o più condomini, ma si limitava a ridurre in misura modesta la sua funzione di supporto al transito pedonale, restando immutata la destinazione originaria).

Innovazioni e modifiche delle cose comuniE ancora, dice il giudice ligure, nella sentenza di Cassazione n. 15460 del2002 si afferma che:
"in tema di condominio negli edifici, per innovazione in senso tecnico - giuridico, vietata ai sensi dell'art.1120 cod. civ., deve intendersi non qualsiasi mutamento o modificazione della cosa comune, ma solamente quella modificazione materiale che ne alteri l'entità sostanziale o ne muti la destinazione originaria, mentre le modificazioni che mirino a potenziare o a rendere più comodo il godimento della cosa comune e ne lascino immutate la consistenza e la destinazione, in modo da non turbare i concorrenti interessi dei condomini, non possono definirsi innovazioni nel senso suddetto (la S.C. ha così escluso che costituisse innovazione vietata l'ampliamento dell'autorimessa condominiale mediante trasformazione dei locali adibiti a portineria ed a centrale termica, i cui servizi era stati soppressi con regolari delibere condominiali precedenti)" (Trib. Savona 17 aprile 2013).

L'innovazione, dunque, deve modificare non solo lo stato dei luoghi ma anche la destinazione, alterando gli equilibri nell'uso.

riproduzione riservata
Articolo: Innovazioni e modifiche delle cose comuni
Valutazione: 4.33 / 6 basato su 3 voti.

Innovazioni e modifiche delle cose comuni: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Giovanni
    Giovanni
    Venerdì 23 Agosto 2013, alle ore 10:20
    Grazie per l'ottimo articolo. Mi permetto di porgerle un quesito che mi riguarda: nel mio condominio la maggioranza semplice ha appaltato i lavori di manutenzione straordinaria dell'immobile per un valore di circa 10.000€/unità; i lavori comportano la rimozione totale del rivestimento in piastrelle, anche dove non ammalorate, la rasatura e la semplice intonacatura delle facciate, la rimozione e la riapposizione delle ringhiere dei balconi ad una nuova altezza. Si configurano innovazioni in questo caso? Oppure posso affermare che le lavorazioni approvate cambiano il valore della cosa comune?La ringrazio anticipatamente.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Innovazioni e modifiche delle cose comuni che potrebbero interessarti
Innovazioni e limitazioni d'uso in condominio

Innovazioni e limitazioni d'uso in condominio

Parti comuni - Le innovazioni o opere migliorative, anche se deliberate dall'assemblea, spesso sono vietate poiché possono recare pregiudizio di stabilità e sicurezza dell'edificio.
Perchà l'art. 1102 c.c. si applica anche al condominio?

Perchà l'art. 1102 c.c. si applica anche al condominio?

Condominio - In questo blog ci occupiamo spesso di sentenze che affrontano il tema dell?uso dei beni condominiali
Innovazioni e impugnazione delle delibere

Innovazioni e impugnazione delle delibere

Condominio - La Cassazione, con la sentenza 17 dicembre 2010 n. 25554, affronta il tema della deliberazione delle innovazioni e dell?impugnazione della relativa delibera

Differenza tra innovazioni e modifiche delle cose comuni

Condominio - Le innovazioni e le modifiche delle cose comuni, sia pur molto simili, sono comunque interventi differenti soggetti a diversi regimi di autorizzazione

Assemblea di condominio e proprietà esclusiva

Assemblea di condominio - L'assemblea di condominio non può decidere su questioni attinenti le proprietà esclusive o sul diritto di proprietà dei condomini sulle cose comuni.

Innovazioni gravose e successivo subentro nel loro utilizzo

Condominio - Per le innovazioni gravose i condomini possono non partecipare alla spesa e, se suscettibili di utilizzazione separata, possono cambiare idea successivamente.

Divisione del condominio

Condominio - La legge consente, in determinate condizioni, di dividere il condominio esistente in più parti che per caratteristiche strutturali possono poi costituirsi in autonomi condomini.

Condominio, responsabilità, prova e risarcimento danni

Parti comuni - S'ipotizzi che Tizio, proprietario in condominio Alfa, subisca danni da infiltrazioni proveniente da parti comuni. Cosa deve fare per ottenere il risarcimento danni.

Assemblea condominiale e gestione delle cose comuni

Condominio - L?assemblea è l?organo del condominio avente la funzione di gestione e conservazione delle cose comuni.In sostanza spetta all?assemblea, anche per
REGISTRATI COME UTENTE
295.573 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Tetra pond algofin ml 250
    Tetra pond algofin ml 250...
    11.71
  • Neoforactil spray conigli ml 250
    Neoforactil spray conigli ml 250...
    6.60
  • Telo occhiellato
    Telo occhiellato...
    9.00
  • Cifo asso di fiori kg 1
    Cifo asso di fiori kg 1...
    9.36
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Weber
  • Faidatebook
  • Black & Decker
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.