Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Innalzamento del muro di confine: ecco cosa sapere

Il diritto all'innalzamento di un muro fra proprietà confinanti è soggetto a specifiche condizioni e limiti che non ledano l'analogo diritto dell'altro proprietario
- NEWS Leggi e Normative Tecniche
Barra Preventivi Online

Regole di confine tra vicini


Un'importante facoltà concessa dall’art. 885 c.c. al comproprietario confinante è essenzialmente rappresentata dalla possibilità di innalzare un muro di confine tra due proprietà.

Il diritto di innalzamento muro di confine costituisce una lex specialis rispetto al regime della comunione, con la conseguenza che alzare muro confine senza permesso è consentito dalla legge (Cass. n. 237/1997).

Il carattere speciale della norma consente di derogare altresì anche all’ordinario regime di accessione, sicché l'esercizio di muro di confine consente l’attribuzione della proprietà separata ed esclusiva sia della sopraelevazione sia dell'area sovrastante da parte di chi abbia innalzato il muro comune, ferma restando la possibilità del vicino di chiedere la comunione del muro sopraelevato (Cass. n. 3926/1988).

Innalzamento muro di confine
In quanto norma di carattere speciale, non è suscettibile di applicazione in via analogica, con la conseguenza che il comproprietario non può utilizzare lo spazio sovrastante il muro comune in forma diversa dalla sopraelevazione, né costruire in maniera tale da impedire al vicino di utilizzare il muro secondo la sua destinazione e l'esercizio della facoltà di sopraelevazione (Cass. n. 5596/1981).

Nella casistica disciplinata dal citato articolo non rientra l’ipotesi di sopraelevazione di una costruzione non appoggiata al muro comune sul confine, da cui sporgano aggetti sull'area del muro (Cass. n. 4724/1981) e neppure la fattispecie di sopraelevazione di una costruzione unita a un'altra che condividano un muro divisorio, poiché, in tale caso, trova applicazione la normativa in materia di distanze dal confine statuite dal regolamento locale (Cass. n. 10482/1998).


Differenza tra muro di cinta e muro di confine


Preliminarmente appare utile anteporre, seppur per brevi cenni e per tratti essenziali, la differenza tra muro di cinta e muro di confine.

Il muro di cinta è un muro che recinge il fondo, separandolo dal vicino per ragioni di sicurezza, igiene o protezione dai venti.

Tale tipologia di muro è disciplinata dall’art. 878 c.c. a norma del quale occorrono due presupposti: il muro deve essere destinato a recingere una determinata proprietà, allo scopo di separarla dalle altre, custodirla e difenderla da intrusioni e inoltre, il muro di cinta altezza massima non deve essere superiore a tre metri.

Ultima condizione affinché un muro di cinta sia considerato tale è rappresentata dal fatto che costituisca un muro isolato, le cui facce emergono dal suolo e sono isolate da ogni costruzione (Cass. n. 8922/2017; Cass. n. 9348/1991).

Il muro di confine o muro divisorio, disciplinato dall’art. 880 c.c. è, invece il muro che serve essenzialmente a delimitare proprietà confinanti.


Muro di confine e presunzione di comunione


Per espressa previsione normativa i muri di confine si presumono di proprietà comune fra i confinanti, ai sensi dell’art. 880 c.c. fino alla sommità e, in caso di altezze ineguali, fino al punto in cui uno degli edifici comincia ad essere più alto.

L’obiettivo di tale presunzione è essenzialmente limitare le liti che generalmente potrebbero sorgere tra vicini, per l'estrema difficoltà di accertare, nei singoli casi, la proprietà del muro divisorio.

Muro di cinta e muro di confine
Ciò nondimeno, la giurisprudenza ha in più occasioni affermato che la presunzione di comunione può essere vinta mediante riferimento a un valido modo di acquisto della proprietà, a titolo originario o derivativo o dimostrando che il muro è stato costruito interamente sul suolo di proprietà esclusiva di uno dei due confinanti.

Non assolvono a tale onere probatorio per superare la presunzione di comunione gli atti notarili di cessione di quota, rinuncia all'usufrutto e divisione che si riferiscano alla proprietà comune di alcune parti dell'immobile e di taluni beni mobili, senza menzione alcuna della comunione del muro divisorio (Consiglio di Stato 27 novembre 1987, n. 743).

In mancanza di prova contraria, la presunzione di comunione spiega piena operatività, anche ai fini del giudizio possessorio (Cass. n. 13275/1999; Cass. n. 1348/1990), risultando irrilevante l'eventuale anteriorità di una delle due costruzioni (Cass. n. 756/1999; C. 177/1993).


Limiti all’innalzamento muro di confine


Anche se previsto normativamente il diritto di alzare muro confine senza permesso, occorre tuttavia tenere presente che tale facoltà non è esente da qualsivoglia limitazione, poiché anche tale possibilità, per quanto ampia, è in ogni caso soggetta a limitazioni.

Il primo limite che incontra il proprietario che esercita il diritto di cui all’art. 885 c.c., è rappresentato dall’obbligo di rispettare il diritto di veduta ex art. 907 c.c. del proprietario confinante (Cass. n. 6407/1994).

Ulteriore limite è rappresentato dalla costituzione di una servitù a favore del vicino o dei terzi.

In dottrina si è giunti ad affermare che diverso è il caso in cui ci sia non una servitù ma una mera convenzione che esclude la sopraelevazione: tale preclusione si applica al soggetto che ha accettato tale limite e ai suoi eredi ma non nei confronti di eventuali successivi nuovi proprietari.

Deve ritenersi possibile l'innalzamento del muro che delimiti un lastrico solare, solo nel caso in cui questo, per la sua struttura, debba considerarsi non destinato all'esercizio di una servitù di veduta (Cass. n. 854/1986).


Tecniche di innalzamento muro di confine


Per procedere con l’innalzamento di un muro di confine si può procedere essenzialmente con due tecniche: la prima che consiste nel modificare il muro di confine esistente e la seconda nel rinforzare o aumentare lo spessore del muro.

Nel caso in cui si proceda senza apportare alcuna modifica al muro, il proprietario può utilizzare qualsivoglia tipologia di materiale, anche se diversa dai materiali utilizzati per la parte sottostante e a sostenere le spese di costruzione e quelle di manutenzione.



Il diritto di sopraelevazione può essere esercitato anche aumentando lo spessore o costruendo sulla parte del proprio spessore, poiché diversamente utilizzerebbe la parte di proprietà dell’altro soggetto confinante (Cass. n. 1379/1950).

È importante precisare che tali tecniche sono lecite e dunque realizzabili solo nelle ipotesi in cui consentono al vicino di fare analogo uso del muro stesso e non gli precludano di chiedere in futuro la comunione della parte sopraelevata per la sua intera estensione (Cass. n. 3330/1987).

riproduzione riservata
Innalzamento del muro di confine
Valutazione: 5.75 / 6 basato su 8 voti.

Innalzamento del muro di confine: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Manuele
    Manuele
    Martedì 8 Novembre 2022, alle ore 14:45
    Il mio vicino ha innalzato il muro di confine facendo un riempimento con il terreno e costruendoci dentro una piscina quasi olimpionica, creando due condizioni anomale:
    - come posso difendermi, ho paura che quel.muro ceda dalla pressione della piscina
    - ha creato una condizione di sottomissione visiva con il mio terreno
    rispondi al commento
    • Debora Mirarchi
      Debora Mirarchi Manuele
      Giovedì 10 Novembre 2022, alle ore 16:42
      Se può fornire prova del potenziali danni (mediante una perizia tecnica a esempio) e della condizione arrecata al suo terreno può procedere in un primo momento in via stragiudiziale, al fine di ottenere anche un risarcimento e, in caso di insuccesso, adire un giudice competente
      rispondi al commento
  • Ing.v.cardile
    Ing.v.cardile
    Martedì 8 Novembre 2022, alle ore 08:01
    Molto interessante...chiara l'esposizione.
    rispondi al commento
    • Debora Mirarchi
      Debora Mirarchi Ing.v.cardile
      Giovedì 10 Novembre 2022, alle ore 16:39
      La ringrazio
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
REGISTRATI COME UTENTE
341.150 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Innalzamento del muro di confine che potrebbero interessarti

Muro di confine e muro di cinta: quali caratteristiche?

Leggi e Normative Tecniche - Che cosa si intende per muro di confine e quando si presume comune ai proprietari dei fondi confinanti. Cosa lo differenzia dal muro di cinta? Cosa dice la legge?

Muro di cinta

Normative - Il muro di cinta, se presenta determinate caratteristiche strutturali, non dev'essere considerato nel calcolo delle distanze delle costruzioni di cui all'art.873 c.c.

Muro di recinzione e permesso di costruire: i chiarimenti della Cassazione

Leggi e Normative Tecniche - In caso di realizzazione di un muro di cinta la Cassazione precisa quando sia necessario richiedere il permesso di costruire e le autorizzazioni paesaggistiche.

Che cosa vuol dire costruzione in aderenza?

Leggi e Normative Tecniche - Quando è possibile costruire in aderenza alla costruzione del vicino, a che condizioni ed a quali limiti. La disciplina contenuta nell'articolo 877 del C.C.

Preparazione di un muro in cemento o mattoni

Facciate e pareti - Con l'arrivo della bella stagione sopraggiunge anche la voglia di dedicarsi a qualche lavoro manuale esterno: ecco qualche consiglio per sistemare un muro di cinta.

Rapporti di vicinato: comunione forzosa del muro di confine

Proprietà - Tra le regole di buon vicinato rientrano quelle che stabiliscono le distanze tra costruzioni nonché quelle che fissano il modo di costruire in caso di muro al confine

Distanze tra fabbricati

Leggi e Normative Tecniche - Una delle cause più frequenti di lite tra vicini è costituita dalle distanze tra le proprietà o dai muri di confine, regolamentate dal c.c. e dalle norme locali.

Alberi e distanze dal confine

Proprietà - Chi vuol piantare alberi presso il confine, deve osservare le distanze stabilite dai regolamenti e, in mancanza, dagli usi locali, in caso contrario, devono essere osservate le seguenti distanze dal confine...

La proprietà del muro di confine e le riparazioni in caso di comunione

Proprietà - Il muro di confine tra due proprietà è considerato comune, salvo diversa indicazione dei titoli d'acquisto e può comunque diventarlo se sussistono le condizioni
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img silviag71
Buongiorno,la mia proprietà confina con un cortile condominiale, dal quale è divisa da un muretto e da una recinzione metallica che lo sovrasta, il tutto di mia...
silviag71 17 Marzo 2021 ore 17:57 1
Img iascia
Salve a tutti, mi sembra che il vicino di casa la sta facendo fuori dal vaso... Sei mesi fa ho visto che stava mettendo questa struttura metallica/tettoia, mi puzzava un po'...
iascia 28 Gennaio 2021 ore 18:12 8
Img ruri
Buonasera, abito nel comune di Roma in una villetta quadrifamiliare con un muro che affaccia sulla strada pubblica e un altro affaccio su una stradina privata dove attualmente non...
ruri 01 Novembre 2020 ore 15:13 4
Img fabiofranceschini
Ciao a tutti. La mia proprietà, un capannone con piccola corte esterna, è attualmente delimitato su 4 lati da paletti e rete metallica. Su 3 lati confino con strada,...
fabiofranceschini 22 Dicembre 2019 ore 17:13 1
Img viviflami
Buongiorno, sarei interessata all'acquisto di un immobile sito al piano terra in un condominio. I muretti di cinta delimitanti il giardino di questo appartamento (di cui uno, alto...
viviflami 10 Settembre 2018 ore 15:54 4