Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Il futuro del design e dell'arredo dopo il Coronavirus

NEWS Soluzioni progettuali14 Aprile 2020 ore 10:13
Il futuro del arredamento interno sarà un social design, attento all'ambiente e all'essere umano, ai suoi bisogni primordiali, alla collettività e non al singolo
interior design , ecodesign , coronavirus , casa

L'industria del design dopo il Coronavirus


Il coronavirus sta cambiando le prospettive di sviluppo di ogni settore merceologico e anche il futuro delle nostre relazioni internazionali. In Italia stiamo vivendo una situazione di crisi profonda, ad oggi sanitaria in via prioritaria, domani di ripresa economica.


Divano Tatlin per Edra brand

Divano Tatlin per Edra brand

Divano Tatlin per Edra brand
Divano Bocca, by Gufram Design Studio 65

Divano Bocca, by Gufram Design Studio 65

Divano Bocca, by Gufram Design Studio 65
Design italiano, Vico Magistretti

Design italiano, Vico Magistretti

Design italiano, Vico Magistretti
Wiggle chair, F.O Gerhy

Wiggle chair, F.O Gerhy

Wiggle chair, F.O Gerhy
Giorgio Caporaso, architetto eco designer

Giorgio Caporaso, architetto eco designer

Giorgio Caporaso, architetto eco designer
Kartell, Bio chair

Kartell, Bio chair

Kartell, Bio chair
Moretti, Lessmore

Moretti, Lessmore

Moretti, Lessmore
Studio Nuovo nuovo, eco design

Studio Nuovo nuovo, eco design

Studio Nuovo nuovo, eco design
Giorgio Caporaso, ecodesign

Giorgio Caporaso, ecodesign

Giorgio Caporaso, ecodesign
PlayWood, arredamento con montaggio fai da te

PlayWood, arredamento con montaggio fai da te

PlayWood, arredamento con montaggio fai da te

Se è certo che questa pandemia cambierà le cose a livello globale anche per le relazioni economiche e le decisioni internazionali, mentre i nostri governatori litigheranno e discuteranno su come risanare il debito pubblico, noi tutti, dobbiamo pensare a come, riorganizzare le nostre vite e forse il nostro futuro lavorativo.

Non tutti i Paesi reagiscono alla stessa maniera, nella stessa Europa non tutti hanno adottato da subito il sistema Italia e questo cambierà le relazioni a livello europeo, così come a livello internazionale,

Design italiano
Forse in non tutti i Paesi sarà tutto finito per l'estate e questo cambierà i programmi dei nostri viaggi estivi se non li ha già cambiati. Una cosa è certa, siamo italiani e in Italia parliamo tutti la stessa lingua, chi più ricco chi meno, stiamo imparando tutti a dire grazie ed a riconoscerci nella nostra forza nazionale.


Il futuro dell’arredamento e l’artigianato digitale


Nel campo dell’arredamento degli interni e del design così come nel mondo dell’edilizia ci saranno importanti cambiamenti come in parte già vediamo.

Per quanto concerne l'ndustria produttiva si può ipotizzare un incremento esponenziale per la vendita di purificatori d’aria con filtri ad ampio spettro, di impianti di ventilazione meccanica controllata, V.M.C.di domotica intelligente per controllo domestico e risparmio energetico.

VMC, ventilazione meccanica controllata
Si può stimare un veloce incremento di spese in tecnologie e reti, la creazione di applicazioni mobili personalizzate da collegarsi agli accessori più disparati: arduino, robotica e il nuovo mondo dei makers e dei nuovi creativi digitali: Sarà infatti il boom dell'artigianato digitale 4.0. e dell'attività dei Fab Lab, in tutto il territorio nazionale, per le creazioni in fai da te.

Arduino, piattaforma hardware per prototipazione rapida
Aumenterà l’interesse per il fai da te e la domanda di beni di prima necessità, torneremo a lavorare in prima persona, a metterci in gioco e a lavorare con le mani per la ridotta disponibilità economica e non sarà necessariamente un male.

Fab Lab Labaro, Roma, Laboratorio di servizi digitali per creativi
Per il design possiamo immaginare però un calo dell’attenzione per i beni superflui, vista la minore disponibilità economica comune. Avremo tutti una maggiore sensibilità verso i nostri anziani e quindi aumenterà la domanda per accessori di sostegno e supporto agli anziani, dalla domotica assistenziale, all’ healthcare.

L’industria del design dovrà quindi rispondere con prodotti di design intelligente che risolvono problemi sociali reali e non più del singolo.


Il futuro è il social design


Il social design è un design attento all’essere umano ai suoi bisogni primordiali, un design che pensa alla collettività e non al singolo, che cerca di contribuire al benessere comune alla flessibilità d'uso e all’evoluzione della specie umana e non alla crescita economica.

Nuovo Nuovo, riciclo creativo
Sociale vuol dire collettivo, di tutti e come in campo economico il microcredito è collegato culturalmente all’economia circolare, così il social design pensando al benessere collettivo fonda le sue radici culturali nella sua sostenibilità ambientale oltre che economica.

Eco Design, Giorgio Caporaso
Anche nel design bisognerà associarsi e collaborare, invece di competere per procedere verso la auspicabile evoluzione della specie umana per evitare la nostra estinzione.
Le soluzioni proposte dovranno rispondere a esigenze reali quotidiane della collettività e nei momenti di crisi gli italiani sono sempre riusciti a rigenerarsi.

Dal singolo artigiano che realizza su commissione diretta per il suo utente finale, sino alla azienda di arredamento industriale, tutti dovremo rispondere alle stesse domande perchè l’utente finale chiederà benessere reale e non economico.

Le domande a cui risponde il social design sono:

  • sostenibilità ambientale del prodotto (uso di materiali di origine naturale o di recupero o di riciclo);

  • sostenibilità economica (il suo costo dovrà coprire le spese di produzione/ progettazione con un equo utile per il produttore/designer);

  • innovazione data da una aumentata qualità di processo e di prodotto offerto nel rispetto dell’economia circolare;

  • rispondere ai requisiti imposti da Agenda 2030, ormai più che mai prioritari



Aziende lungimiranti: Rigenerazione ed innovazione


Nel design e nell’arredo assolutamente si può:

  • rigenerare antiche collezioni;

    iInnovare tramite un restyling di prodotti di magazzino invenduti;

  • innovare i processi di produzione scegliendo una materia prima certificata;

  • trasformare la produzione rendendola economica ed ecologica.


Ma anche per l’industria vincolata a un proprio status quo, investire nell’ecologico e nel naturale non sempre è sembrato prioritario, sempre a voler smaltire le scorte di magazzino non vendute. Ormai non è più una moda del momento ma una questione prioritaria di sviluppo, come previsto dall’obiettivo Manifattura 4.0.

Design, Eco panchine, da un tronco d'albero
Esempi qui di seguito per capire come i più lungimiranti stanno lavorando già da tempo.
Era il 1972, anno della prima sedia icona dell’ecodesign, la Wiggle-chair di Frank O’Gehry e prodotta da Vitra

Wiggle chair, Frank O' Ghery
Da li in poi il design di cartone ha avuto enormi sviluppi, da Essent’ial sino a Shigeru Ban architetto d’eccezione per il suo contributo al design di cartone e all’ architettura ecologica.

Essent'ial, eco design
Tra i grandi marchi che hanno iniziato già da tempo il loro percorso di riconversione all’economia circolare ed all’ecologico abbiamo anche IKEA che ha iniziato a lavorare con plastiche di riciclo PLA e PET ed adotta politiche di ritiro dell’usato per contenere gli scarti ed i rifiuti in ambiente .

Poi abbiamo visto Kartell, brand iconico del design contemporaneo, da sempre icona del plastic design, nel 2018 ha portato al Salone del Mobile di Milano, prototipi in bio-plastica, fino ad arrivare poi alla A.I. Recyled material chair, dove utilizza un tecnopolimero termoplastico reciclato derivante da materiale da accantonamento puro e non contaminato da altri materiali.
Sedia Kartell realizzato con materiale riciclato
Bio material poi, è un materiale naturale e biodegradabile certificato TUV, derivato dagli scarti
della produzione agricola che tramite un processo biologico e di sintesi naturale da origine ad
una biomassa che è simile alla plastica.
Smart wood collection by kartell
Questo dovrebbe farci pensare a quanto l’imperativo sia ormai categorico se un marchio come Kartell ha riconvertito la sua produzione usando nuovi materiali per le sue nuove linee di prodotti Componibili Bio, una edizione eco sostenibile dei mobili contenitori disegnati nel 1967 da Anna Castelli Ferrieri riconvertiti e realizzati in BIO.

Mobili componibili in Bio di Kartell
I segnali del nostro pianeta sono dolorosamente chiari: siamo ospiti di questo pianeta ed a quanto pare indesiderati visto che non lavoriamo per il suo mantenimento ma per la sua distruzione e faremo la fine degli Australopitechi e di tutte quelle specie che prima di noi si sono estinte se non cambiamo rotta, perchè saremo scartati dal nostro pianeta, se non ritenuti utili alla sua conservazione e salvaguardia.


Piccola start up di arredamento ecologico: un esempio virtuoso


PlayWood, start up bolognese nata nel 2016 da un piccolo gruppo di creativi, sta oggi sbancando e scalando il mercato internazionale anche avviando il crowdfunding su Mamacrowd.

Play Wood, start up bolognese
Andiamo ad esaminare cosa porta PlayWood di innovativo e perchè sta avendo tanto successo:


  • prodotto ecologico in quanto trasformabile, riciclabile e riparabile (economia circolare);

  • materiale di base legno di provenienza certificata Pefc (qualità del prodotto di base e di provenienza locale);

  • riduce gli sprechi potendo riutilizzare i prodotti in differenti combinazioni (economia sostenibile);

  • risulta una soluzione di arredo semplice, flessibile in fai da te;

  • i suoi fondatori sono tre creativi con differenti conoscenze e competenze (cooperazione);

  • prodotto made in Italy (innovazione e creatività);



Una soluzione di arredamento ecologico che ha come requisiti essenziali i sopra menzionati principi dell’economia circolare, del microcredito della cooperazione e della sostenibilità ambientale e di prodotto semplice, facile per tutti e non per pochi.

PlayWood è l’ennesima conferma che l’essere umano è pronto e che le idee che condividono obiettivi di benessere sociale, collettivo e non individuale, sono destinate ad avere successo.


riproduzione riservata
Articolo: Industria del design dopo il coronavirus
Valutazione: 5.56 / 6 basato su 34 voti.

Industria del design dopo il coronavirus: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
317.297 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Imbiancatura casa
    Imbiancatura casa...
    5.00
  • Imbiancare casa prezzo al mq a milano monza
    Imbiancare casa prezzo al mq a...
    4.00
  • Inferriate corazzate acciaio
    Inferriate corazzate acciaio...
    329.00
  • Zoccoli forati giardino e casa verde oliva
    Zoccoli forati giardino e casa...
    9.46
  • Adesivi murali regole della casa
    Adesivi murali regole della casa...
    18.00
  • Sistema di sicurezza domestico wireless
    Sistema di sicurezza domestico...
    110.72
Notizie che trattano Industria del design dopo il coronavirus che potrebbero interessarti


Positivo al Coronavirus, muore il grande architetto Vittorio Gregotti

Architettura - Il coronavirus continua la sua avanzata. Ed è lutto nel mondo della cultura con la recente scomparsa, a 92 anni, del grande architetto Vittorio Gregotti.

Piano Bridge per edilizia e arredamento

Architettura - L'Italia pensa alla ripartenza una volta superata la crisi da Coronavirus. Il settore Edile avanza la richiesta di un credito aggiuntivo. Si tratta del Piano Bridge

Bollette e Coronavirus: le novità sul rinnovo dei bonus sociali

Normative - Spostato il termine per il rinnovo dei bonus sociali legati alle bollette di acqua luce e gas in scadenza tra il 1° marzo e il 30 aprile: ecco le novità di Arera

Coronavirus paralizza Milano: rimandato anche il Salone del Mobile

Soluzioni progettuali - Tra disdette e panico da Coronavirus, Milano decide di non annullare il Salone del Mobile 2020, ma di rinviarlo a giugno, in una edizione da solstizio d'estate.

Bonus prima casa: possibile la proroga dei termini ordinari per evitare decadenze

Comprare casa - All'esame del Governo un intervento legislativo finalizzato alla proroga dei termini per riacquistare o vendere al fine di evitare decadenze bonus prima casa.

Ecodesign: il nuovo decreto

Normative - L'Italia recepisce le linee guida dell'Unione Europea sull'ecodesign e i nuovi scenari per una progettazione ecosostenibile.

Imu e Tari: possibile proroga dei tributi locali per Covid-19

Fisco casa - Imu e Tari: si ipotizza una sospensione dei termini di pagamento delle imposte sulla casa. Vediamo il piano messo a punto dal Governo con il sostegno della CdP.

Nuova proroga del blocco delle sospensioni delle utenze domestiche

Leggi e Normative Tecniche - Il 30 aprile l'ARERA ha nuovamente prorogato al 17 maggio 2020 il blocco delle procedure di sospensione per morosità per le utenze domestiche di luce acqua e gas.

Ecodesign con l'arredo in cartone

Divani e poltrone - Un materiale povero come il cartone, diventa la base per elementi di arredo moderno e di stile grazie alle tecnologie moderne ed al talento dei designer.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img fabio_123
Buongiorno a tutti, Mi chiedevo se gli incentivi relativi al bonus ristrutturazione al 50% (che ormai c'è da diversi anni) ed ecobonus al 65% verranno prorogati in...
fabio_123 03 Aprile 2020 ore 22:43 1
Img fabios1989
Salve a tutti, vi spiego la mia situazione. Stavo finendo di fare i lavori di ristrutturazione dell'appartamento (manutenzione straordinaria) che ho acquistato ma ho dovuto...
fabios1989 06 Aprile 2020 ore 17:50 13