Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Donazioni in vita e imposta di successione

Le donazioni in vita non rilevano ai fini della determinazione dell'imposta di successione. È questo il principio confermato da una recente sentenza tributaria.
- NEWS Proprietà

Imposta sulle successioni e donazione tra parenti


La morte di una persona fisica (de cuius) comporta l’apertura della successione, testamentaria e/o legittima, ovverosia, della complessa procedura con la quale i diritti e obbligazioni del defunto, purché non strettamente personali, si estinguono e si trasmettono, invece, agli eredi.

Come noto, l’evento della morte rileva anche ai fini fiscali.

Diversi sono gli adempimenti che gli eredi sono tenuti a ottemperare nei confronti del Fisco.

In primis, occorre procedere con la dichiarazione di successione.

Dichiarazione di successione

Si tratta essenzialmente di una comunicazione che deve essere presentata, entro 12 mesi dalla data di apertura della successione, dagli eredi, dai chiamati all’eredità e dai legatari all’Amministrazione finanziaria e riguarda tutti i beni in successione.

Tale dichiarazione di successione rileva anche in sede di determinazione del carico fiscale che deve essere sostenuto dagli eredi e legatari e, in particolare, dell’ammontare complessivo dell’imposta di successione e degli oneri complessivi.


Imposta successione donazione in vita


Uno dei temi più dibattuti in giurisprudenza, in ordine all’applicabilità e al calcolo dell’imposta sulla successione, riguarda l’eventuale rilevanza dei beni e delle consistenze donate in vita, ai fini successori e in particolare ai fini della determinazione della relativa imposta.

In altri più specifici termini, in più occasioni la giurisprudenza si è dovuta esprimere sulla valenza delle donazioni in vita, rispetto all’onere dell’imposta di successione, trovando spesso parere opposto da parte dell’Agenzia delle Entrate.


Tassazione donazione e franchigia successione


Nel momento in cui si procede in vita a una donazione o in sede di successione, si apre il problema di determinare il coacervo di beni, sul quale calcolare le imposte, ai sensi dell’art. 8, quarto comma del D.Lgs. 31 ottobre 1990, n. 346 (c.d. TUS).

Preliminarmente, occorre rilevare come per coacervo si intenda sostanzialmente la somma dei beni ricevuti da un determinato soggetto per donazione o per successione.

Il citato articolo, è stato implicitamente abrogato e sostituito da un diverso meccanismo di tassazione, fondato su aliquote proporzionali da applicarsi ai valori eccedenti le franchigie di legge.

Franchigia successione

Come noto, infatti, sia l’imposta sulle donazioni sia quella sulla successione sono determinate sulla base di aliquote e franchigie diverse a seconda del grado di parentela che unisce il donante al donatario.

Il coacervo rileva in sede di computo della franchigia donazione, ovvero, l’importo al di sotto del quale non vi è alcuna pretesa da parte del Fisco.


Donazione e successione agenzia delle entrate


L’Agenzia delle Entrate, in più occasioni, ha fornito una propria interpretazione del coacervo, per determinare il valore della franchigia.

Secondo l’Agenzia, l’insieme dei beni donati in vita dal de cuius, deve essere computato nel coacervo al momento dell’apertura della successione, con la conseguenza che deve essere valutato in sede di determinazione della franchigia successione.

In altri più specifici termini, secondo l’Agenzia, il complesso dei beni donati in vita può essere considerato al momento dell’apertura della successione e determinare l’erosione della franchigia e conseguentemente il pagamento di una maggiore imposta.


Donazione tra parenti e imposta sulle successioni: il caso risolto


Di recente, sulla questione relativa alla valenza dei beni donati in vita rispetto all’apertura della successione, si è ancora una volta espressa anche la giurisprudenza di merito e, nello specifico, la Commissione tributaria regionale del Piemonte, con la sentenza n. 594/3/2021.

Il caso sottoposto all’attenzione giudici tributari, riguardava l’omessa indicazione, nella dichiarazione di successione del de cuius, del valore delle donazioni che questi aveva disposto a favore dei figli nel luglio dell’anno 2006.

Imposta sulle successioni

In altri più specifici termini, gli eredi ricorrenti, non avendo inserito nella dichiarazione di successione talune consistenze donate in vita dal de cuius, non le avevano considerate nel calcolo dell'imposta sulla successione alla morte di questi.

Di diverso avviso era l’Agenzia che, in giudizio, aveva sostenuto come in sede di liquidazione dell’imposta di successione, le donazioni effettuate in vita dal donante, poi de cuius, dovessero essere considerate ai fini dello scomputo dalla franchigia successione.


Donazione in vita irrilevante ai fini dell’imposta sulle donazioni


La Commissione, nel ribadire un l'ormai consolidato orientamento giurisprudenziale della Corte di Cassazione, (Cass., n. 12779/2018; Cass., nn. 32818, 32819, 32830 del 2018, Cass., 758/2019) ha confermato come il c.d. coacervo, ovverosia l’insieme dei beni ottenuti in donazione di cui all’art. 8 comma 4 del TUS, non rileva ai fini dell’imposta sulle successione.

A tale conclusione, la Commissione giunge rilevando l’avvenuta abrogazione dell’istituto del coacervo con riferimento all'imposta sulle successioni, in forza del D.l. n. 262/2006.



Ciò significa, secondo la Commissione, che il valore delle liberalità e delle donazioni disposte in vita dal de cuius in favore dei discendenti non assume alcun rilievo in sede di determinazione dell'imposta di successione.

Nel consegue che l’imposta sulle successione e l’imposta sulle donazione sono tributi da considerarsi autonomi e distinti e, pertanto, soggetti, in particolare, in sede di determinazione e calcolo, a diverse normative non necessariamente fra loro collegate (Cass., nn. 10255 e 22738 del 2020).

riproduzione riservata
Articolo: Imposta di donazione e donazioni in vita
Valutazione: 5.80 / 6 basato su 5 voti.

Imposta di donazione e donazioni in vita: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
335.191 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Imposta di donazione e donazioni in vita che potrebbero interessarti


Successione e donazione immobili: il regime fiscale applicabile

Proprietà - Gli immobili ricevuti in eredità o in donazione sono soggetti a trattamenti fiscali diversi. Ecco una sintesi delle imposte da pagare e delle aliquote applicabili.

Mini guida sull'imposta di donazione: tutto quanto c'è da sapere

Fisco casa - Imposta sulle donazioni: una guida per conoscere modalità di applicazione delle imposta, le aliquote utilizzate e le franchigie. Quali sono i casi di esenzione.

Denuncia di Successione

Proprietà - Quando nell'asse ereditario vi sono beni immobili, va sempre presentata la denuncia di successione, sia che si tratti di successione legittima che testamentaria.

Donazione di immobili

Leggi e Normative Tecniche - Breve guida su tutto quanto che c'è da sapere sulla donazione di un bene immobile: dai documenti da allegare all'atto, ai vari aspetti fiscali ad essa connessi.

Guida all'imposta catastale

Catasto - In caso di trasferimento immobiliare è obbligatorio versare la cosiddetta imposta catastale. Ecco un breve vademecum su cos'è, chi la paga, come e in che misura.

Acquisto casa con denaro del genitore: è donazione indiretta?

Comprare casa - Quando il genitore acquista la casa al figlio pagando direttamente il venditore si compie un atto di donazione indiretta: quali sono i rischi che è meglio evitare

Come impugnare una donazione per lesione della quota legittima

Proprietà - Come l'erede tutela i propri diritti se il defunto ha effettuato donazioni in vita che riducono il patrimonio? Come impugnare la donazione con azione di riduzione

Donazione, successione e diritti del secondo coniuge

Proprietà - Per la Cassazione i diritti ereditari del secondo coniuge valgono anche nei confronti delle donazioni disposte dal defunto in periodo antecedente al matrimonio.

Quali sono le tipologie di donazione immobili?

Proprietà - Indiretta, modale, remuneratoria, a nascituro: ecco una guida sulle tipologie di donazione immobili esistenti nel nostro ordinamento e quando sono annullabili.