L'impianto di messa a terra in sicurezza

NEWS DI Impianti elettrici30 Settembre 2015 ore 12:20
L'importanza dell'impianto di messa a terra nelle costruzioni stabili e temporanee al fine di garantire la sicurezza e la incolumità di persone ed attrezzature.

Isolare per proteggere


Il motivo per il quale gli elettrodomestici e le apparecchiature funzionanti a energia elettrica, quando sono toccate, non trasmettono corrente all'utente, è dovuto all’isolamento delle parti metalliche collegate al più noto cavo gialloverde, al quale è assegnato il compito di scaricare al suolo attraverso un adeguato dispersore l’energia elettrica.

Collegamento infisso metallico con cavo di messa a terraSe non ci fosse tale collegamento, unitamente ad altri dispositivi sopraggiunti con l’avvento delle moderne norme in materia di sicurezza , si correrebbe il rischio di restare folgorati.

L’esperienza di essere investiti da una scarica elettrica per la mancanza di un tale dispositivo disperdente credo l’abbiano fatta tutti, attraverso il contatto con la carrozzeria della propria auto carica di elettricità elettrostatica, conseguente allo sfregamento con le particelle di aria.

Il fenomeno avviene soprattutto nelle giornate molto asciutte.
La fastidiosa scossa percepita al contatto con le parti metalliche è la conferma di come il nostro corpo abbia svolto la funzione di scaricare al suolo tale energia.


Contatti pericolosi


Nelle attività domestiche possiamo avvertire una scarica elettrica entrando in contatto diretto con un cavo scoperto, senza protezione esterna, oppure venendo con la scocca metallica di elettrodomestici non perfettamente isolati.

Segnalazione di dispersore di terraPer evitare danni a persone e cose è dunque necessario impiegare anche più dispositivi di sicurezza unitamente.
Per questo, in un impianto moderno, oltre alla messa a terra , sono obbligatori anche gli interruttori differenziali meglio noti come salvavita.

Per comprendere l’importanza dell’impianto di messa a terra è necessario descrivere sinteticamente da cosa è costituito, precisando come il suo dimensionamento, unitamente alle sue caratteristiche costruttive, non possono essere frutto di interventi eseguiti da personale incompetente. È necessario aver prima eseguito un calcolo adeguato capace di garantire una reale e totale dispersione delle scariche elettriche.


L'impianto di messa a terra in pratica


Per descrivere l’impianto in oggetto, prenderemo come riferimento una casa unifamiliare costituita da un piano rialzato, posizionata all’interno di un piccolo lotto di terreno, delimitato da una recinzione costituita da muretto in mattoni con soprastante ringhiera metallica.

Nel caso citato, si provvederà a collegare a un'unica linea tutti i cavi provenienti dalle cassette di derivazione, colleganti i poli di terra delle prese di ciascun appartamento dell'edificio, nonché ogni massa metallica presente all'interno e fuori dall'abitazione.

Lo schema dei collegamenti di terra
Tutte le diramazioni così descritte confluiranno, mediante idoneo collegamento, in un pozzetto di dispersione a terra, grazie al classico cavo zebrato giallo-verde, così come prescrivono le Norme CEI; all'estremità del cavo zebrato sarà collegata una puntazza metallica annegata nel terreno.

La realizzazione del pozzetto di dispersione può avvenire in opera con materiali come calcestruzzo, mattoni, muratura, oppure utilizzando elementi prefabbricati in calcestruzzo.

Indipendentemente dal tipo di realizzazione del pozzetto, esso dovrà sempre comprendere parte del suolo circostante e la puntazza citata, la quale dovrà essere realizzata con materiale anticorrosione.

Fenomeni rilevanti e piuttosto frequenti, come le scariche elettriche provocate dai fulmini, possono rivelarsi molto più pericolosi senza la presenza di un impianto adeguatamente proporzionato o ancor peggio nei casi in cui si è provveduto a sostituire tale impianto, mediante collegamenti delle masse a impianti idraulici in genere, senza alcun criterio.


Il controllo dell'efficienza dell'impianto di messa a terra


Non basta aver realizzato l’impianto per garantirsi una corretta dispersione.
Infatti, l’impianto di terra, cosi come il pozzetto di dispersione, hanno bisogno di essere controllati da personale capace di misurarne i valori di resistenza, cosa che richiede necessariamente l'ispezionabilità del pozzetto in cui è annegato il picchetto dispersore.

Un pozzetto con puntazza metallicaLa normativa vigente, oltre a richiedere obbligatoriamente la messa a terra di protezione per tutte le costruzioni perennemente ancorate al suolo, richiede la stessa prassi anche per quelle strutture la cui presenza sul suolo è a carattere temporaneo.

Pertanto, nel campo edile ponteggi e altre attrezzature metalliche mobili devono necessariamente essere collegate a terra.

Anche un gazebo realizzato con struttura metallica, impiegato per arredare il giardino, ha bisogno della stessa condizione di sicurezza richiesta dalle strutture temporanee, vista la presenza di impianti elettrici per la sua illuminazione serale, collegata alle sue parti metalliche.

Per garantire una corretta dispersione e quindi il funzionamento in sicurezza dell'impianto di messa a terra, può essere necessario in alcuni casi collegare in parallelo più pozzetti dispersori.

Tale necessità dipende in particolare dalla diversa resistività dei terreni (l'attitudine a opporre resistenza al passaggio delle cariche elettriche), in relazione alle loro caratteristiche chimico-fisiche, oltre al loro grado di umidità.


Elementi da non trascurare


A parità di carico elettrico, due identiche costruzioni disposte su due suoli di natura diversa, possono richiedere impianti provvisti di un numero diverso di pozzetti disperdenti.
I terreni di origine vegetale sono quelli con la minor resistenza, mentre quelli ghiaiosi o sabbiosi ne offrono una molto più elevata.
Indipendentemente dalla diversa natura dei suoli, la resistenza descritta arriva a dimezzarsi in presenza di umidità. Ecco perché è necessario mantenere il terreno racchiuso nel pozzetto umido, mediante innaffiature specialmente nei periodi di particolare siccità.

Collegamento tra pozzetti In virtù delle problematiche fin qui descritte, si capisce bene come non si possa realizzare senza una adeguata progettazione e misurazione della resistenza del suolo, un impianto ben proporzionato.

Di conseguenza non esistono misure e caratteristiche dimensionali dell’impianto uniche e valide per tutte le situazioni; esistono invece delle raccomandazioni utili da tener presente dettate dalla Norma CEI 64-8/5 in ordine ai materiali da impiegare per la realizzazione dell'impianto.

La norma raccomanda l'impiego di elementi metallici resistenti alla corrosione, per cui ferro zincato, acciaio ramato, rame e metalli specifici per applicazioni in suoli particolari sono particolarmente indicati.

L'impiego di materiali ferrosi non è escluso, ma occorre tener presenti le aggressioni a cui possono essere oggetto da parte di correnti vaganti e sostanze disciolte nel suolo, pertanto si raccomanda in questi casi di aumentare spessori e sezioni impiegate in maniera rilevante.

riproduzione riservata
Articolo: Impianto di messa a terra e sue caratteristiche
Valutazione: 4.50 / 6 basato su 12 voti.

Impianto di messa a terra e sue caratteristiche: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Arch.oliva
    Arch.oliva
    Domenica 8 Novembre 2015, alle ore 13:41
    Occorre conoscere bene le condizioni del sito dal punto di vista strutturale e della proprietàper poterle suggerire una soluzione, le ricordo infatti che il pozzetto e il numero di puntazze vanno calcolati in virtù del carico che devono sopportare.Giuridicamente la questione può essere risolta coattivamente qualora vi siano i presupposti di legge.
    rispondi al commento
  • Francescopinzauti
    Francescopinzauti
    Domenica 4 Ottobre 2015, alle ore 09:49
    Sto realizzando un nuovo impianto elettrico nel mio appartamento al piano terra ma non ho la messa a terra. Sotto a me c'è un appartamento seminterrato dotato di messa a terra nella corte interna.I proprietari però non mi ci fanno attaccare alla loro palina in quanto la corte interna loro è privata e non condominiale(nella corte sono però presenti le fosse biologiche di tutti); domanda: possono vietarmi di attaccarmi? Che alternative ho?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Impianto di messa a terra e sue caratteristiche che potrebbero interessarti
Impianto elettrico sicuro realizzato secondo D.M. n° 37/08

Impianto elettrico sicuro realizzato secondo D.M. n° 37/08

Impianti elettrici - Un impianto elettrico sicuro deve essere realizato a norma di legge ed essere usato in maniera cosciente.
Protezioni Elettriche Casa

Protezioni Elettriche Casa

Impianti - La protezione negli impianti civili per le linee elettriche e per le persone si realizza con l'installazione di dispositivi automatici e con l'impianto di terra.
Spine e Prese  Elettriche Norme

Spine e Prese Elettriche Norme

Impianti - La norma Cei 23-50, con la sua seconda edizione, è la norma di riferimento per le prese e spine elettriche per applicazioni civili e ne descrive le cartteristiche.

Spine e Prese Elettriche

Impianti - Una spina elettrica è un dispositivo di connessione che può essere collegato ad una presa elettrica complementare, per l'alimentazione di un apparecchiatura.

Carichi Elettrici in Casa

Impianti - Qualsiasi apparecchiatura collegata ad un impianto elettrico, dalla quale trae alimentazione per il suo funzionamento, è considerata un carico elettrico.

Prese italiane

Impianti - Innumerevoli sono le prese elettriche per l'adduzione della corrente elettrica ai vari elettrodomestici ed alle lampade presenti in casa: in Italia ce ne sono 4 tipi.

Impianto elettrico di cantiere

Impianti elettrici - Semplici verifiche visive permettono di stimare in prima approssimazione l'affidabilità dell'impianto elettrico del cantiere di casa propria in ristrutturazione.

Pericoli domestici: il rischio elettrico

Impianti elettrici - Siamo così abituati all'utilizzo dell'energia elettrica, nelle nostre abitazioni, da dimenticare i rischi connessi all'uso scorretto che troppo spesso se ne fa.

Cavi elettrici in casa

Impianti elettrici - Semplici osservazioni e salde conoscenze di base possono farci capire i principi e le modalità con cui è stato realizzato l'impianto elettrico di casa.
REGISTRATI COME UTENTE
295.571 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Elettricista Roma e provincia
    Elettricista roma e provincia...
    80.00
  • Impianto elettrico
    Impianto elettrico...
    2500.00
  • Ristrutturazioni. imbiancature, impianto idraulico a Milano
    Ristrutturazioni. imbiancature,...
    1000.00
  • Ristrutturazione appartamento completa di impianti
    Ristrutturazione appartamento...
    330.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Faidatebook
  • Black & Decker
  • Kone
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.