Impianti Elettrici non a Norma

NEWS DI Normative09 Gennaio 2014 ore 20:55
Le norme per gli impianti elettrici tengono conto anche dei livelli di comfort per gli utenti, tuttavia spesso sono violate le più semplici regole per la sicurezza.

Le tecnologie avanzano e le norme, oltre ad assicurare la sicurezza per gli utilizzatori, indicano come utilizzarle per garantire i necessari livelli di comfort negli edifici con nuovi impianti elettrici o per quelli soggetti a sostanziali modifiche.

In tal senso il principale riferimento normativo per gli impianti elettrici civili è la norma CEI 64-8 con la relativa variante V3, tuttavia, può accadere che anche negli impianti di nuova realizzazione siano violate alcune tra le più semplici regole per garantire la sicurezza degli utilizzatori.


Corrente di corto circuito, allocazione contatore, dispositivi elettrici e prese


Una delle informazioni basilari che deve essere fornita dal'ente erogatore, per la realizzazione di un impianto elettrico, è il valore della presunta corrente di corto circuito nel punto di consegna.

contatore in armadioSia nel caso di un impianto realizzato secondo il progetto redatto da un professionista, sia nel caso di un impianto realizzato con dimensionamento a cura dell'installatore, l'informazione della corrente di corto cortocircuito nel punto di consegna è tra quelle necessarie per la scelta del dispositivo magnetotermico a monte dell'impianto, immediatamente a valle del contatore.

Purtroppo, spesso a valle dello stesso contatore non viene installato alcun dispositivo.

Le attuali norme, in funzione delle caratteristiche del punto di consegna, impongono un potere minimo di interruzione per le alimentazioni monofase di 6kA. Di 6 mm quadrati deve essere invece la sezione minima di collegamento tra il punto di consegna ed il centralino, la sezione utilizzata spesso nella pratica è di 4 mm quadrati.

Anche le collocazioni del contatore, o misuratore di energia elettrica, del cosiddetto centralino o degli altri dispositivi o componenti elettrici, purtroppo, spesso vengono fatte in maniera arbitraria tenendo conto solo di considerazioni estetiche e non di problemi che possono derivare dalla dissipazione dell'energia termica prodotta o da interventi in caso di pericolo.

In relazione all'allocazione dei contatori il principale riferimento normativo è la UNI CEI EN 16001, con relative e successive modifiche ed integrazioni, secondo la quale gli alloggi dei contatori devono essere posti all'esterno degli edifici, nei muri perimetrali o nelle pareti, le dimensioni di riferimento per un contatore standard sono circa 45 cm di larghezza, 45 cm di altezza e 30 cm di profondità, tali misure possono essere definite in maniera precisa in fase di esecuzione dei lavori con riferimento a degli sportellini di chiusura disponibili in commercio.

In ogni caso sono da evitare allocazioni come quella della foto in alto a sinistra, nella quale un contatore è posto all'interno di un armadio attaccapanni all'ingresso di un appartamento.

presa a pavimentoAnche i dispositivi automatici, come per il contatore descritto, non possono essere collocati in dei mobili chiusi da ante o dietro i cassetti.

Analogamente la collocazione delle prese elettriche e degli interruttori, sia nella quantità, nella modalità di collegamento ed in quella di posa in opera devono rispettare dei principi elementari per la sicurezza, spesso violati.

Non è possibile prevedere la realizzazione di prese elettriche a pavimento nè in posizioni molto prossime allo stesso, come quelle nelle due foto a lato.prese sul pavimento

La prima è stata prevista per l'alimentazione di una lampada a piantana, mentre il gruppo di prese oltre ad essere troppo vicino al pavimento risulta anche scomodo da utilizzare, trovandosi al di sotto di un ripiano anch'esso prossimo al pavimento.

Per i collegamenti di più gruppi di prese la variante V3 fornisce precise indicazioni circa il numero massimo possibile, da collegare in parallelo tra loro, e le distanze necessarie che devono avere.

prese cucinaConcludiamo osservando che per le prese elettriche a servizio della zona cottura, destinate all'alimentazione degli elettrodomestici della cucina, è buona norma prevedere degli interruttori 0/1 posti a comando delle stesse prese.

In alcuni casi, come nella foto a lato, non sono stati previsti tali interruttori e pensando, erroneamente, di aumentare il comfort degli utilizzatori sono stati posate in opera il numero massimo possibile di prese.

riproduzione riservata
Articolo: Impianti Elettrici non a Norma
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 6 voti.

Impianti Elettrici non a Norma: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Impianti Elettrici non a Norma che potrebbero interessarti
Prese Elettriche, V3 CEI 64-8

Prese Elettriche, V3 CEI 64-8

Impianti - La variante V3 della norma CEI 64-8 detta condizioni specifiche con le quali devono essere realizzate e protette le prese in casa.
CEI 64-8 V3 Impianti Residenziali

CEI 64-8 V3 Impianti Residenziali

Normative - Da Settembre 2011 e' in vigore la variante V3 alla Norma tecnica CEI 64-8: Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1.000 V in corrente alternata e a 1.500 V in corrente continua.
Elettricità Sicurezza Comfort

Elettricità Sicurezza Comfort

Impianti - La diffusione di multi prese e prolunghe nelle comuni abitazioni è dovuta al divario esistente tra le esigenze per le quali sono stati realizzati gli impianti elettrici e le loro variazioni.

Modifiche elettriche in casa

Impianti - Come fare e cosa fare quando c'è la necessità di modificare un impianto elettrico per installare una luce o una presa aggiuntiva in un ambiente sprovvisto.

Cavi elettrici in casa

Impianti elettrici - Semplici osservazioni e salde conoscenze di base possono farci capire i principi e le modalità con cui è stato realizzato l'impianto elettrico di casa.

Spine e Prese Elettriche Norme

Impianti - La norma Cei 23-50, con la sua seconda edizione, è la norma di riferimento per le prese e spine elettriche per applicazioni civili e ne descrive le cartteristiche.

Protezione Montante Elettrico, V3 CEI 64-8

Impianti - La protezione del montante con un proprio magnetotermico oltre che dalle caratteristiche dell'impianto elettrico, dipende dal valore che l'ente erogatore fornisce circa la corrente di corto circuito nel punto di consegna.

Spine e Prese Elettriche

Impianti - Una spina elettrica è un dispositivo di connessione che può essere collegato ad una presa elettrica complementare, per l'alimentazione di un apparecchiatura.

Fasi realizzazione impianto elettrico

Impianti - La realizzazione dell'impianto elettrico in una casa si effettua di regola dopo la realizzazione degli impianti idrici e prima degli impianti di climatizzazione.
REGISTRATI COME UTENTE
294.343 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Ristrutturazioni. imbiancature, impianto idraulico a Milano
    Ristrutturazioni. imbiancature,...
    1000.00
  • Impianti elettrici, idraulici, riscaldamento e gas Milano
    Impianti elettrici, idraulici,...
    50.00
  • Impianto elettrico Monza e Brianza
    Impianto elettrico monza e brianza...
    2800.00
  • Impianto elettrico Milano
    Impianto elettrico milano...
    6000.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Pensiline.net
  • Mansarda.it
  • Faidatebook
  • Weber
  • Kone
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.