Il trasloco, profili pratici e giuridici

NEWS DI Burocrazia e utenze03 Novembre 2009 ore 12:09
Il contratto di trasloco e gli elementi di maggiore rilevanza ai fini di un corretto inquadramento della disciplina.
trasloco , contratto di trasloco

Il trasloco, profili pratici e giurdiciCambiare appartamento porta con sé, quasi obbligatoriamente, la necessità di rivolgersi ad un'impresa specializzata che effettui il trasloco delle cose da un appartamento all'altro.

In effetti la voluminosità ed il peso dei mobili, il fatto che molte volte gli appartamenti siano posti in edifici con più piani, la comodità di affidare tutto il lavoro (e la fatica) ad una ditta che opera nel settore, fanno sì che gli interessati decidano di affidarsi ad un soggetto terzo per queste operazioni.

Esistono delle regole che la ditta incaricata deve rispettare per assumere l'incarico e che permettano di valutarne serietà e professionalità?



Che tipo di rapporto si instaura tra traslocante e traslocatore?


Quali sono le operazioni, di base, che la ditta si obbliga ad eseguire e quali quelle che necessitano di un apposito accordo?

Vale la pena analizzare per ordine e con l'ausilio delle norme e delle pronunce giurisprudenziali le questioni appena sollevate.
Le norme di riferimento sono, per quanto riguarda le imprese, la l. n. 298 del 1974 e il d.lgs n. 395 del 2000; per quanto riguarda il rapporto contrattuale traslocatore – traslocante, in linea generale, le norme del codice civile (artt. 1678 e ss. c.c.) relative al contratto di trasporto.

In primo luogo, per non incappare in sgradevoli inconvenienti, è fondamentale rivolgersi ad imprese regolarmente iscritte all'albo nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l'attività di autotrasporto di cose per conto terzi tenuto presso il Ministero dei trasporti.

A norma del primo e secondo comma dell'art. 41 l. n. 298/74, infatti, per l'effettuazione dei trasporti di cose per conto di terzi è necessario che l'imprenditore sia iscritto nell'albo nazionale degli autotrasportatori di cose per conto di terzi ed abbia ottenuto apposita autorizzazione.
L'autorizzazione consente l'effettuazione di trasporti nell'ambito dell'intero territorio nazionale
.

Per le imprese sprovviste di queste autorizzazioni sono previste sanzioni di natura economica e d'interdizione dall'attività; per il contraente nessuna sanzione ma certamente una minor garanzia di serietà e professionalità oltre che maggiori problematiche nel caso di contenziosi con il traslocatore.

Per intendersi, anche per i traslochi di modesta entità, effettuati dai così detti padroncini, vale la pena rivolgersi a ditte autorizzate.

Una volta preso contatto con l'impresa è utile invitarla ad effettuare un sopralluogo per verificare laIl trasloco, profili pratici e giurdici quantità e le caratteristiche delle cose oggetto del trasloco .

Ciò sia per esigenze meramente organizzative (spazio necessario nei mezzi utilizzati per il trasporto, eventuali autorizzazioni per l'occupazione del suolo pubblico, ecc.) sia per un più preciso e dettagliato preventivo.

La determinazione del prezzo, infatti, a seguito della promulgazione del d.lgs n. 286/05 è affidata interamente alla libera contrattazione tra le parti, essendo stato abrogato il c.d. sistema di determinazione a forcella.

Nel caso di mancato accordo sul prezzo o di variazione per circostanze sopravvenute (si pensi al traslocante che aumenti il numero dei colli da trasportare), esso è determinato, in virtù dell'applicazione analogica delle norme dettate in materia di appalto.


In assenza di tariffe vincolanti la determinazione del prezzoè rimessa al giudice


L'effettuazione del sopralluogo, inoltre, è determinante anche ai fini dell'inquadramento giuridico del contratto di trasloco.

Né il codice civile né le leggi speciali disciplinano questo particolare tipo di contratto.
La determinazione delle operazioni da effettuare in sede di trasloco, dunque, è di fondamentale importanza al fine di comprendere quali siano le norme applicabili.

Spesso, infatti, soprattutto in sede di qualificazione giuridica del tipo contrattuale si parla di contratto misto o innominato.

Secondo la giurisprudenza della Corte di Cassazione, invece, se non è stato concordato nulla di particolare rispetto al classico trasporto di cose le operazioni di imballo, carico e scarico a destinazione delle masserizie sono meramente accessorie e complementari al trasporto, e pertanto, quando siano convenute, come è la regola quando il contratto intervenga con imprese appositamente attrezzate, non valgono a snaturarlo e a trasformarlo in un contratto innominato o misto (così Cass. 28 novembre 2003 n. 18232).


L'inquadramento del trasloco nell'ambito del contratto di trasporto consente di dire che la forma scritta non è obbligatoria (tuttavia è consigliabile).

Allo stesso modo è consigliabile la redazione di un inventario delle cose consegnate al trasportatore e dell'indicazione di particolari caratteristiche dei beni da traslocare (fragilità, ecc.).

Le prestazioni accessorie, e quindi incluse ex se nel contratto, sono l'imballo, il carico e lo scarico della merce.

In queste operazioni vanno fatte rientrare montaggio e smontaggio degli arredi nel caso di trasloco di mobilio d'ufficio o d'abitazione.

Il trasloco, profili pratici e giurdiciÈ chiaro che il semplice trasporto di scatolame da un garage ad un altro non comporta questo tipo di prestazioni se non espressamente pattuite.

Per fare un esempio:
se Tizio contatta l'autotrasportatore Caio per spostare una serie di scatole da un garage ad un deposito, il compito di Caio s'intende assolto con le semplici operazioni di carico, trasporto e scarico.

Il disimballaggio e il posizionamento sulle scaffalature del contenuto dei colli trasportati è operazione eccedente l'ordinario e, quindi, andrà specificamente pattuita.

In ogni caso, ferma restando la disciplina principale, saranno le parti, di volta in volta, a poter aggiungere specificare il tipo di prestazione da eseguirsi.
Nei casi di danni alle cose, occorsi durante le operazioni di trasloco, dottrina e giurisprudenza, a parte l'ordinaria responsabilità contrattuale, ritengono applicabile anche l'art. 2051 c.c. (Danni da cose in custiodia).
La differenza sta nel fatto che in quest'ultimo caso si tratta di una responsabilità di tipo oggettivo che può essere superata, solamente, dimostrando che il fatto è dovuto ad un caso fortuito.
Un'ultima annotazione: nel caso di contratto con i consumatori (es. il classico trasloco del mobilio e delle suppellettili di una civile abitazione) il contratto non potrà contenere clausole c.d. vessatorie.

Sono tali quelle clausole che impongono particolari pesi o limitazioni al consumatore, quali ad es. limitazioni di responsabilità per danni alle cose.

Qualora fossero inserite, queste prescrizioni devono, in ogni caso, essere considerate inefficaci.

riproduzione riservata
Articolo: Il trasloco, profili pratici e giuridici
Valutazione: 4.40 / 6 basato su 5 voti.

Il trasloco, profili pratici e giuridici: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Sara
    Sara
    Sabato 30 Luglio 2016, alle ore 07:09
    Segnalo Movie-Service-Traslochi: il giorno stesso del trasloco si è tirata indietro accampando scuse varie.
    Trasloco organizzato con scambio di email e di telefonate, un mese prima.
    L'azienda assicura professionalità ed esperienza, salvo poi lasciarti all'imprevedibile.
    Non fidatevi.
    Le recensioni sono fasulle come si può verificare mettendo a confronto le recensioni dei finti utenti milanesi e quelle dei finti utenti di Monza: stesse parole, cambiano solo i nomi.
    Vale la pena spendere qualche centinaia di euro in più, ma avere un servizio serio che affidarsi a questi cialtroni nel tentativo di risparmiare e trovarsi nei guai.
    State lontani.
    rispondi al commento
    • Domenico
      Domenico Sara
      Martedì 16 Agosto 2016, alle ore 16:53
      Ciao Sara, credo di aver contattato la stessa azienda anche io, sai darmi qualche contatto di azienda seria?
      rispondi al commento
  • Michaelplacenti
    Michaelplacenti
    Martedì 2 Febbraio 2016, alle ore 20:17
    Salve eaistono i contratti di trasloco?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Michaelplacenti
      Lunedì 8 Febbraio 2016, alle ore 18:23
      Si, sovente sono sostituiti dalla firma per accettazione del preventivo che rappresenta le condizioni ed il costo del servizio, ma nulla vieta che si possa addivenire alla stipula di uno specifico contratto. Non c'è, tuttavia, obbligo di forma scritta
      rispondi al commento
      • Michaelplacenti
        Michaelplacenti Lucag1979
        Lunedì 8 Febbraio 2016, alle ore 18:32
        Mio padre ha firmato un contratto (dice il traslocatore) e ora mi ha minacciato dicendo che mi manderà lettera dal suo avvocato.
        rispondi al commento
        • Lucag1979
          Lucag1979 Michaelplacenti
          Lunedì 8 Febbraio 2016, alle ore 18:35
          Potrebbe aver firmato per accettazione un preventivo per un trasloco. Chiedetene una copia riservandovi il pagamento o la contestazione dopo aver visionato il contratto.
          rispondi al commento
  • Antonio
    Antonio
    Sabato 3 Novembre 2012, alle ore 08:23
    Tutela legale in caso di risoluzione contratto.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Il trasloco, profili pratici e giuridici che potrebbero interessarti
Trasloco internazionale

Trasloco internazionale

Consigli Trasloco - Anche le difficoltà che presenta un trasloco internazionale possono essere superate con serenità se le si affronta preparandosi ed informandosi adeguatamente.
Deposito per traslochi

Deposito per traslochi

Consigli Trasloco - Quando è necessario depositare i propri mobili, nel corso di un trasloco, prima di accedere al nuovo immobile, si può usufruire di un servizio di Self Storage.
Trasloco elettrodomestici

Trasloco elettrodomestici

Consigli Trasloco - Gli elettrodomestici meritano una cura particolare nel trasloco, perchè bisogna far sì che, una volta arrivati a destinazione, continuino a funzionare senza problemi.

Consigli utili per l'imballaggio nei traslochi

Consigli Trasloco - Qualche consiglio su come organizzare la prima fase di un trasloco, con scatoloni, imballi e impacchettamenti, per rendere più semplice il trasporto degli oggetti.

Trasloco ecologico

Consigli Trasloco - Poiché la coscienza ecologica è in crescente diffusione tra la gente, sono molti coloro che si pongono il problema di traslocare senza inquinare l'ambiente.

Consigli per il trasloco

Consigli Trasloco - Qualche consiglio pratico per arrivare piu' preparati alla critica fase del trasloco.

Garanzie sul trasloco

Burocrazia e utenze - Normativa vigente sul trasporto di oggetti, copertura assicurativa della ditta che esegue il trasloco e altri consigli utili per chi deve effettuare un trasloco.

Richiesta preventivo per trasloco

Consigli Trasloco - Una rapida descrizione delle informazioni da fornire alla ditta di traslochi per quantificare il lavoro e alcune indicazioni per confrontare i vari preventivi.

Impresa traslochi

Consigli Trasloco - Tutti gli aspetti da prendere in considerazione al momento di scegliere l'impresa di traslochi.
REGISTRATI COME UTENTE
296.685 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Natale in Casa
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Policarbonato online
  • Black & Decker
  • Weber
  • Faidatebook
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.