Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Qual è il compenso dovuto all'amministratore di condominio?

NEWS Amministratore di condominio28 Febbraio 2018 ore 16:16
L'amministratore di condominio ha diritto ad essere retribuito? Esiste un modo stabilito dalla legge per calcolare il suo compenso? Come dev'essere ripartito?

Retribuzione dell’amministratore di condominio


L’amministratore di condominio ha diritto a ottenere una retribuzione per il servizio prestato in favore del condominio, salvo differente accordo con l’assemblea.

In buona sostanza, il mandato a gestire le parti comuni dell’edificio si presume oneroso, ma resta sempre possibile, per le parti, concordare la gratuità dell’incarico.

Come si vedrà nel prosieguo, la legge, attualmente, prevede ben precise norme in materia di comunicazione del compenso dell’amministratore condominiale e di conseguenze per ipotesi di mancanze in tal senso.

È fondamentale mettere in evidenza in prima analisi che l’amministratore ha diritto ad essere retribuito.

Il dubbio è sorto in quanto l’art. 1135 c.c. al primo comma specifica che l’assemblea ordinaria annuale delibera sulla nomina o sulla conferma dell’amministratore nonché sulla sua eventuale retribuzione.

Il compenso dell'amministratore condominiale
La presenza, nella norma, dell’attributo eventuale, ha fatto sì che si dubitasse sulla doverosità del pagamento; insomma, ciò che si avanzava come ipotesi era che in mancanza di indicazioni in merito, il mandato dovesse considerarsi a titolo gratuito.

La Corte di Cassazione ha optato per un'intepretazione differente a quella appena prospettata, ossia partendo dalla natura presuntivamente onerosa dell’incarico di mandato – nell’ambito del quale è riconducibile quello intercorrente tra amministratore e condominio – a meno che non siano le parti a concordare il tal senso (Cass. 16 aprile 1987, n.3774).

Oggi, comunque, all’atto dell’accettazione dell’incarico, ovvero della conferma, l’amministratore deve comunicare il proprio compenso. Vedremo, più avanti, che vuol dire comunicare il compenso e quali siano le conseguenze per il caso di inadempimento.


Come si calcola il compenso dell’amministratore di condominio?


Non esiste un modo predeterminato dalla legge che consenta di stabilire in che modo si calcola il compenso di un amministratore di condominio.

Le modalità di calcolo del compenso – e si vedrà da qui a breve la misura – è lasciata alla parte offerente, in questo caso l’amministratore, salvo particolari accordi di volta in volta da trovarsi con il condominio.

Come, solitamente, l’amministratore indica il proprio compenso?

Al riguardo le ipotesi che consideriamo potersi indicare come più ricorrenti sono le seguenti:

a) un compenso forfettario annuale, omnicomprensivo;

b) un compenso parametrato al numero delle unità immobiliari;

c) un compenso misto, comprendente una parte forfettaria e una parte variabile in ragione delle mansioni effettivamente svolte.

Ripartizione compenso amministratore
Si badi: il riferimento alle unità immobiliari, solitamente, sta a individuare in esse tanto gli appartamenti, tanto i box auto. Non mancano ipotesi di offerte nelle quali i box pertinenziali sono considerati un tutt’uno con gli appartamenti dei quali sono posti a servizio.

Nel caso, invece, di conteggio a se stante di questi cespiti, la richiesta di compenso ad esse inerenti è più bassa rispetto a quello richiesto per gli appartamenti.

Quanto alla misura del compenso – croce per tantissimi amministratori che li ritengono, sovente non a torto troppo basso in relazione a mansioni e responsabilità - esso, come si suol dire, è rimesso alla determinazione delle parti in regime di libera concorrenza.
Situazione che, per molti, ha portato ad un costante abbassamento delle retribuzioni richieste.

Esiste una media nazionale nota? No, molto spesso anche in città molto vicine è difficile trovare un prezzo medio.

Chi scrive, spesso ha sentito dire che il prezzo medio nei centri urbani medio piccoli oscilla tra 5/7 euro al mese ad unità immobiliare. Si tratta, però, di informazioni senza alcun valore statistico e riscontrato.


Come si ripartisce il compenso dell’amministratore di condominio?


Che si tratti di compenso forfettario, a unità immobiliare, ovvero misto, questo, nell’ambito del preventivo annuale di gestione, dunque del consuntivo, dev’essere suddiviso tra i condòmini.
In che modo?

Il compenso richiesto e percepito dall’ amministratore di condominio rappresenta il costo di un servizio (gestione e amministrazione parti comuni dell’edificio) reso in favore dei condòmini.

Ai sensi dell’art. 1123, primo comma, c.c. i costi dei servizi resi nell’interesse comune, salvo differente convenzione (ovvero accordo tra tutti i condòmini) devono essere ripartiti in base ai millesimi di proprietà.

Esprimiamo il tutto guardando a un caso pratico. Tizio, amministratore del condominio Alfa, ha accettato un compenso mensile pari a € 7,00 a unità immobiliari. Le unità immobiliari sono dieci e quindi il compenso mensile è pari ad € 70,00 complessivi per un totale di € 840,00 annuali.

Il costo così individuato andrà ripartito tra tutti i condòmini secondo i millesimi di proprietà. Non, quindi, € 7,00 a testa a ciascun proprietario di unità immobiliare. Medesimo discorso per il compenso forfettario e per quello misto.


Compenso, mancata comunicazione e conseguenze


Il quattordicesimo comma dell’art. 1129 c.c. specifica che l’amministratore alla nomina e a ogni suo rinnovo (anche quello così detto tacito successivo alla nomina/conferma assembleare espressa) deve specificare analiticamente l'importo dovuto a titolo di compenso per la propria attività.

Indicazione compenso amministratore
La stessa norma prevede che l’inadempimento di tale obbligo porti con sé la nullità della nomina stessa.

Solitamente l’adempimento in esame è da dirsi assolto con la presentazione del preventivo che, nella stragrande maggioranza dei casi, è oggetto di esame e approvazione dell’assemblea. Negli anni successivi alla nomina, per lo scrivente, l’adempimento è da dirsi assolto se l’indicazione del compenso è inserita nel preventivo di gestione (o comunque in essa richiamato o a essa allegato in caso di mansionari particolarmente complessi).

Si badi: la nomina va considerata nulla nel caso di mancata comunicazione del compenso, non per l’ipotesi di mancata accettazione. In caso di contrasti su di esso, infatti, come per qualunque altro rapporto di mandato, la decisione spetterà al giudice (art. 1709 c.c.).

riproduzione riservata
Articolo: Il compenso dell'amministratore di condominio
Valutazione: 3.50 / 6 basato su 4 voti.

Il compenso dell'amministratore di condominio: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Mary881
    Mary881
    Venerdì 11 Maggio 2018, alle ore 16:50
    L'amministratore deve chiedere un compenso extra a quello mensile per fare una ripartizione di pulizia fogna?
    E deve inserire anche l'iva?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Mary881
      Mercoledì 16 Maggio 2018, alle ore 18:24
      No, il compenso extra non può essere richiesto se non comunicato all'atto dell'accettazione della nomina.
      rispondi al commento
  • Sandra
    Sandra
    Domenica 5 Marzo 2017, alle ore 10:12
    L'amministratore del mio condominio per l'anno 2017 ha chiesto un adeguamento del compenso fermo dal 2007 pari a circa il 25% in più.
    Posso in assemblea chiedere all'amministratore che l'adeguamento sia pari alla variazione dell'indice ISTAT dal gennaio 2007 ad oggi ovvero al 15% ?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Sandra
      Lunedì 6 Marzo 2017, alle ore 16:00
      Puoi chiederlo, ma non esistono parametri cui lui è obbligato a rifarsi, la contrattazione è libera. 
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
REGISTRATI COME UTENTE
308.208 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Saint-Gobain ISOVER
  • Internorm
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Adeguamento antincendio autorimesse Condominiali
    Adeguamento antincendio...
    250.00
  • Ristrutturazioni Condomini
    Ristrutturazioni condomini...
    350.00
  • Progettazione di interni
    Progettazione di interni...
    300.00
  • Facciate condominio
    Facciate condominio...
    50.00
Notizie che trattano Il compenso dell'amministratore di condominio che potrebbero interessarti


Ripartizione compenso dell'amministratore di condominio

Amministratore di condominio - Una volta incaricato l'amministratore, salvo diverso accordo, ha diritto ad una retribuzione, la quale nell'art. 1135 c.c. ha sollevato qualche interrogativo.

Il compenso dell'amministratore? Lo paga anche l'inquilino (forse)

Amministratore di condominio - Tra le spese cui deve partecipare l'inquilino una di quelle che crea maggiori problemi è il compenso dell'amministratore. Chi lo paga?

Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Amministratore di condominio - Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri

Compenso amministratore di condominio, senza accordo decide il giudice

Amministratore di condominio - Il compenso dell'amministratore di condominio è rimesso alla contrattazione tra le parti (non esistono tariffe). In mancanza di accordo è decido dal giudice.

Amministratore di condominio, diritto alla retribuzione e limiti

Condominio - L?amministratore è il mandatario dei condomini in relazione alla gestione e conservazione delle parti comuni dell?edificio

Come determinare e indicare il compenso dell'amministratore di condominio

Amministratore di condominio - L'amministratore di condominio ha diritto a essere retribuito per l'attività che è chiamato a svolgere? Come e quando deve indicare il compenso per averne diritto?

Ripartizione delle spese legali nel caso di transazione

Condominio - Un condominio decide di promuovere una causa o di resistere ad un?avversa richiesta.Si pensi, per restare agli esempi più banali, alla necessità di

Condòmini sempre più esposti ai creditori del condominio

Parti comuni - Qualora i creditori del condominio siano insoddisfatti sono pignorabili le quote del singolo condomino anche se non moroso. Le novità della Corte di Cassazione.

Lavori straordinari e compenso dell'amministratore di condominio

Condominio - Nel caso in cui vengano deliberati interventi di manutenzione straordinaria, l'amministratore ha diritto ad ulteriori compensi solo se preventivamente concordati.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 1
Img 64brunica
Salve,a seguito di una diffida nei confronti dell'amministratore per una sua inerzia, lo stesso circa 35 gg dopo mi invia R/R da me non esauriente. Tale spesa della R/R e da...
64brunica 14 Luglio 2015 ore 10:38 1
Img 64brunica
Buon giorno,scrivo in merito alla nuova normativa dei reati depenalizzati tra cui l'appropriazione indebita.L'amministratore condominiale che commette un comportamento di questo...
64brunica 08 Aprile 2015 ore 10:26 5
Img 64brunica
Buon giorno,l'amministratore ha da poco nominato una s.a.s. a conduzione familiare.All'atto della nomina ha presentato una lettera di benvenuto con alcuni suoi dati (p. IVA,...
64brunica 17 Marzo 2015 ore 11:23 1
Img sillysally
Buonasera,l'amministratore ha qualche responsabilità nel non aver mai avvisato il proprietario per un intero anno che gli inquilini non pagavano le spese condominiali?In...
sillysally 23 Maggio 2014 ore 21:16 3