Quali sono i permessi per l'installazione di una veranda?

NEWS DI Leggi e Normative Tecniche31 Maggio 2017 ore 16:17
Il Consiglio di Stato ha fatto chiarezza sulle definizioni di veranda, tettoia, pergolato e gazebo: vediamo i titoli abilitativi e le procedure amministrative.

Verande, tettoie, gazebo e pergolati: definizioni e normativa


Per la realizzazione di strutture all’esterno come tettoie, pergolati o verande, che permettono di sfruttare al meglio balconi e terrazzi, è necessario richiedere le autorizzazioni al Comune di appartenenza e, se si vive in edifici multipiano, al condominio.

La Conferenza Stato-Regioni-Comuni, ha di recente ritenuto opportuno individuare delle definizioni univoche al fine di semplificare i procedimenti, che sono spesso differenti da Comune a Comune.

Alle disposizioni comunali si aggiungono poi, per le aree sottoposte a vincolo paesaggistico o ad altri vincoli, le limitazioni imposte dai diversi strumenti di tutela.

A livello nazionale, recentemente è stato pubblicato il Regolamento edilizio tipo che ha fornito la definizione univoca di molte strutture per la vivibilità dell’esterno.

Le Regioni hanno inoltre la facoltà di ampliare o ridurre l’ambito applicativo di tali disposizioni.

A chiarire ulteriormente le definizioni di queste strutture è intervenuto il Consiglio di Stato, organo giurisdizionale e suprema magistratura amministrativa, con la sentenza n. 306/2017, che così recita:

in relazione ad alcune opere, normalmente di limitata consistenza e di limitato impatto sul territorio, come pergolati, gazebo, tettoie, pensiline e più di recente le pergotende, non è sempre agevole individuare il limite entro il quale esse possono farsi rientrare nel regime dell’edilizia libera o invece devono farsi rientrare nei casi di edilizia non libera per i quali è richiesta una comunicazione all’amministrazione preposta alla tutela del territorio o il rilascio di un permesso di costruire

È chiaro, infatti, che essendo spesso opere al limite tra l’attività di edilizia libera e la necessità di richiedere un titolo edilizio, non è sempre facile comprendere in quale regime rientrano:
• edilizia libera
• comunicazione all’amministrazione
• permesso di costruire

Vediamo di seguito le definizioni che fornisce il Consiglio di Stato e gli adempimenti previsti in base all'intervento da realizzare.


Tettoie e pensiline


La tettoia è generalmente costituita da una struttura intelaiata rigida che non ha carattere di amovibilità.
La tettoia, secondo la sentenza della Corte di Cassazione n. 33267/2011 aumenta l’abitabilità dell’immobile.

Nella stessa sentenza la pensilina è stata equiparata alla tettoia:

con la quale condivide comuni finalità di arredo o di riparo e protezione e dalla quale non può distinguersi neppure per la conformazione, stante le diversità di materiali con i quali possono essere realizzate entrambe le strutture e le modalità di ancoraggio al suolo o in aggetto rispetto a altro edificio

Nella maggior parte dei casi è necessario, quindi, richiedere il Permesso di Costruire a cui va allegato un progetto strutturale, casi in cui si può escludere la natura precaria o pertinenziale dell’intervento.

Permessi per una tettoia
Nel caso in cui l'intervento sia da realizzarsi in un condominio potrebbe essere necessario, in base al regolamento di condominio, richiedere il nulla osta degli altri condomini.


Pergolato

Il pergolato è:

una struttura realizzata al fine di adornare e ombreggiare giardini o terrazzi e consiste in un’impalcatura, generalmente di sostegno di piante rampicanti, costituita da due o più file di montanti verticali riuniti superiormente da elementi orizzontali, tale da consentire il passaggio delle persone e aperta su almeno tre lati e nella parte superiore

Generalmente, il pergolato non necessita di titoli abilitativi edilizi ma se è coperto, nella parte superiore, anche per una sola parte, con una struttura non facilmente amovibile, realizzata con qualsiasi materiale, deve rispondere alle regole previste per la realizzazione delle tettoie.

Diversamente della tettoia, non è definito dal Regolamento edilizio unico.

La differenza principale, dunque, tra tettoia e pergolato è nella copertura, fissa nel primo caso e discontinua e amovibile nel secondo.

Permessi per realizzare un pergolato

La realizzazione di un pergolato può prevedere una diversa procedura di richiesta del titolo abilitativo a seconda delle dimensioni, della superficie, della copertura, del volume e del materiale della struttura.

I Regolamenti Edilizi comunali contengono infatti le caratteristiche tecniche e le relative autorizzazioni necessarie in base alla tipologia di intervento da realizzare.

A seconda dell’entità della struttura si potrebbe utilizzare una semplice CILA fino ad arrivare al permesso di costruire, nel caso in cui vengono superate certe dimensioni.

In commercio, è possibile trovare pergolati che per struttura sono simili alle tettoie, ma anche pergolati che si avvicinano alla struttura di gazebo o di tenda, ad esempio le pergotende con struttura impacchettabile; quindi in alcuni casi, la realizzazione di un pergolato potrebbe rientrare negli interventi di arredo per spazi esterni, ovvero costruzioni ornamentali per la sistemazione di spazi esterni a essi strettamente pertinenziali e potrebbe essere necessaria solo la SCIA.


Gazebo

Il gazebo è:

una struttura leggera, non aderente ad altro fabbricato, coperta nella parte superiore, aperta ai lati e realizzata con una struttura portante in ferro battuto, in alluminio o in legno strutturale, talvolta chiuso ai lati da tende facilmente rimovibili e talvolta realizzato in modo permanente per la migliore fruibilità di spazi aperti come giardini o ampi terrazzi

Se utilizzato come struttura temporanea non necessita di titoli edilizi ma nel caso in cui sia infisso al suolo è necessario il permesso di costruire.

Oltre alla normativa di riferimento, la giurisprudenza ha di recente chiarito ulteriormente alcuni aspetti, quali ad esempio il concetto precarietà e amovibilità dell’opera.

Gazebo e permessi

Se un manufatto è definito precario, cioè rimovibile senza demolizioni e ha carattere temporaneo e modeste dimensioni, può essere installato anche con una comunicazione di inizio lavori, mentre le strutture fisse o che implicano un aumento della volumetria, necessitano di permesso di costruire.


Veranda

La veranda è definita dal Regolamento edilizio tipo come:

locale o spazio coperto avente le caratteristiche di loggiato, balcone, terrazza o portico, chiuso sui lati da superfici vetrate o con elementi trasparenti e impermeabili, parzialmente o totalmente apribili

La veranda è una struttura chiusa che determina, dal punto di vista edilizio, un aumento della volumetria dell’edificio e una modifica della sua sagoma; quindi richiede il permesso di costruire.

È una struttura fissa, anche se in larga parte costituita da superfici vetrate apribili, fatta per durare nel tempo.

In merito alla questione della legittimità di verande realizzate senza permesso di costruire, nel 2014 il Consiglio di Stato ha affermato che la veranda poggiata e non ancorata al pavimento non richiede alcun titolo abilitativo perché deve essere considerata un arredo esterno facilmente amovibile.

La realizzazione di una veranda è tra gli interventi di protezione più impegnativi, generalmente queste strutture sono realizzate con profili sottili e ampie superfici vetrate che all’occorrenza si aprono tramite finestre scorrevoli o a libro, assicurando anche una buona resistenza termica.

Tra le soluzioni più diffuse come materiali per la realizzazione di verande abbiamo:
- verande in legno;
- verande in vetro;
- verande in alluminio;
- verande in pvc.

Permessi necessari per installare una veranda

Premesso questo sarà opportuno rivolgersi a un tecnico abilitato, il quale verificherà che l’immobile abbia ancora della volumetria residua da destinare alla veranda, che predisponga un progetto adeguato, rispettando i rapporti di superficie aereo-illuminante stabiliti dal Regolamento di igiene e le altre norme contenute nel Regolamento edilizio comunale e che presenti la documentazione utile alla realizzazione dell'intervento nel rispetto dell'iter previsto dal Comune di appartenenza.

Se l'intervento da realizzare riguarda un immobile sottoposto a vincoli paesaggistici e culturali, il tecnico dovrà obbligatoriamente richiedere il parere della relativa Soprintendenza.

Se l'intervento riguarda un immobile che si trova in un condominio sarà necessario richiedere il parere di tutti i condomini, al fine di poter allegare tale autorizzazione alla richiesta da presentare al Comune.

Al termine dei lavori il tecnico dovrà inoltre provvedere all'aggiornamento della scheda catastale attraverso la procedura di variazione catastale.

Se l’immobile è all’interno di un condominio, oltre all'aggiornamento catastale andranno ricalcolate le quote millesimali in base alle nuove superfici e aggiornate le tabelle.
Questo perché la realizzazione della veranda ha comportato un aumento della cubatura e quindi una modifica delle quote di proprietà.

riproduzione riservata
Articolo: I permessi per la veranda
Valutazione: 4.76 / 6 basato su 29 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

I permessi per la veranda: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Cesanna
    Cesanna
    Lunedì 5 Marzo 2018, alle ore 11:13
    Ho un portico al piano terra coperto è chiuso solo da un lato, vorrei fare una veranda in vetro ma di quelle amovibili  per l'inverno, in quanto d'estate, avendo un giardino la vorrei raccogliere per lasciare tutto aperto.
    So che si può fare senza chiedere nessun permesso al comune, in quanto non  fa cubatura, ma solo al condominio, è giusto?
    la mia domanda è:   sotto il portico ho il motore del climatizzatore con pompa di calore, la veranda amovibile si può mettere?
    Oppure il motore dove esce l'aria della pompa di calore mi impedisce di mettere la suddetta veranda invernale?
    rispondi al commento
  • Alex12
    Alex12
    Lunedì 19 Febbraio 2018, alle ore 14:49
    Vorrei chiudere la veranda lato strada (facciata) non per problemi di recupero spazio, ma per difendermi dallo smog, problema che è andato in crescendo negli ultimi anni.
    Ogni giorno troviamo uno strato di polvere nera sul pavimento della terrazza, che di fatto non mi permette nemmeno il godimento della stessa.
    Sto iniziando a raccogliere le informazioni presso il mio comune, ma volevo sapere se la giurisprudenza si era pronunciata in qualche maniera, riguardo al diritto alla difesa dagli agenti inquinanti.
    rispondi al commento
  • Jaimol
    Jaimol
    Mercoledì 27 Dicembre 2017, alle ore 18:19
    Se possiedo un immobile con locale veranda regolarmente censito ed accatastato ma, per motivi di utilizzo/comodità, volessi coprirla soltanto in alto con tendaggio o pergolato, lasciando quindi aperti i lati, tutti o in parte, potrei procedere in tal senso oppure deve essere tassativamente adibita a veranda come da definizione nella stessa ?
    Non posso fare, intanto, la copertura superiore e soltanto in un secondo momento ( tra qualche anno ) chiuderla anche lateralmente ?
    rispondi al commento
  • Renzo1
    Renzo1
    Lunedì 18 Settembre 2017, alle ore 22:28
    Ho acquistato un appartamento che al momento della visione era dotato di veranda.
    Per prendere il mutuo, su mia richiesta  la proprietà me l'ha smontata e messa da parte, ma finiti i lavori di ristrutturazione abbiamo intenzione di montarla di nuovo.
    Cosa importante la veranda non e condonata.
    Ora che i lavori di ristrutturazione sono terminati vorrei rimontarla, posso regolarizzarla in qualche maniera e chiedere al comune di sanare la situazione?
    Cosa mi consigliate?
    rispondi al commento
  • Alessia
    Alessia
    Lunedì 12 Giugno 2017, alle ore 15:07
    Vorrei qualche chiarimento sulla realizzazione di una veranda.
    Ho una villetta a schiera in verticale, in comunione da un solo lato con il mio vicino.
    Al piano terra, dove io ho la cucina ed una porta finestra che accede direttamente al giardino, vorrei costruire un pergolato da chiudere eventualmente con le grate in legno tipo un gazebo.
    Ovviamente rimarrebbe tutto un pò aperto.
    Ho dei vincoli, sopratutto per quanto riguarda i vicini dato che una parete sarebbe confinante con la rete che ci divide?
    rispondi al commento
  • Lazzaro
    Lazzaro
    Venerdì 2 Giugno 2017, alle ore 18:48
    Vorrei realizzare una veranda sulla mia terrazza.
    Sono andato al comune chiedendo informazioni all'ufficio tecnico: che la superficie residua del fabbricato é di 1000 mc da dividere in 24 proprietari.
    Mi hanno riferito che non si poteva realizzare in quanto il fabbricato é stato realizzato con un'agevolazione dello Stato con 96mq ogni appartamento.
    È vero che non posso realizzare la veranda perché è stata fatta l'agevolazione?
    Se sì, quanti metri posso utilizzare.
    rispondi al commento
  • Giuseppe
    Giuseppe
    Martedì 30 Maggio 2017, alle ore 18:35
    Sto valutando l'acquisto di un piccolo attico (circa 75mq) con un grande terrazzo a livello (quasi 100mq) da quanto ho capito oltre ai vari permessi condominiali e comunali dovrei prima capire quanta cubatura residua ha il condominio.
    Come si fa a capire a quanto equivale questa cubatura residua?
    É un documento pubblico o devo necessariamente interfacciarmi con l'amministratore? (al momento essendo in fase di valutazione di acquisto non saprei neanche chi sia...)
     La quota di questa cubatura residua si suddivide per condomini in base alle tabelle millesimali o qualche altro criterio?
    Questa quota è cedibile o nel mio caso acquistabile?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Giuseppe
      Martedì 30 Maggio 2017, alle ore 19:32
      La cubatura residuale, se ne è rimasta, è riportata nella relazione di corredo al progetto definitivo approvato dal comune e/o nel permesso a costruire o licenza edilizia, se si va molto indietro con il tempo. Tale documentazione è reperibile presso l'archivio tecnico comunale.  L'eventuale cubatura rimasta inutilizzata in sede di calcolo, può essere "utilizzata" solo se è rimasto invariato il regolamento edilizio vigente all'epoca del rilascio del provvedimento fino ad oggi. Ovviamente la quota residuale è di tutti i condomini in proporzione ai millesimi di proprietà generale ed è cedibile con regolare atto notarile. Le consiglio, prima di procedere all'acquisto, di incaricare un tecnico di Sua fiducia che Le dia ampie garanzie sul da farsi. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Enrico
    Enrico
    Giovedì 25 Maggio 2017, alle ore 10:58
    Abito in una casa singola e ho un terrazzo inutilizzato che mi piacerebbe chiudere per ricavare una stanza più.
    Se non si ha più a disposizione  una volumetria necessaria per chiudere un terrazzo esiste un modo per poter procedere, comunque pagando un eventuale richiesta di aumento volumetria della propria abitazione?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Enrico
      Martedì 30 Maggio 2017, alle ore 18:17
      La chiusura del terrazzo comporta un aumento sia di superficie che di volume oltre alla variazione di destinazione d'uso. Per poter procedere è necessario accertarsi della reale fattibilità dell'opera rispetto agli strumenti urbanistici vigenti nel Suo comune. Inoltre l'eventuale richiesta del permesso a costruire è subordinata all'acquisizione del parere favorevole, se l'area interessata è sottoposta a vincoli di natura paesaggistico-ambientali, da parte dell'Ente preposto. Cordiali saluti
      rispondi al commento
  • Carlo
    Carlo
    Martedì 25 Aprile 2017, alle ore 08:55
    Starei per acquistare un appartamento in un condominio.
    Un terrazzo non della facciata principale era verandato ma la veranda non condonata/sanata per cui il proprietario l'ha fatta rimuovere per permettere la vendita.
    Tutti gli altri terrazzi degli appartamenti della medesima facciata sono verandati.
    Prima di procedere all'acquisto vorrei sapere se, visto già la presenza di altre verande, sarà possibile avere il permesso per la realizzazione della veranda in questione ed in alternativa se tale permesso non fosse concesso sia possibile realizzare una veranda amovibile
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Carlo
      Martedì 2 Maggio 2017, alle ore 08:01
      Da parte del condominio, vista la presenza di altre verande, non ci sono particolari problemi per avere l'assenso. La chiusura di un terrazzo comporta una aumento di superficie e di volume oltre ad una serie di prescrizioni da ottemperare per regolarizzare la posizione urbanistica, soprattutto in presenza di vincoli paesaggistico-ambientali.  Per evitare la presentazione di una pratica edilizia al comune, l'opera deve avere un requisito importante la sua amovibilità o retrattilità. Tutto ciò che è in pianta stabile, incernierato o incardinato, è soggetto a permessi. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano I permessi per la veranda che potrebbero interessarti
Veranda abusiva: l'inerzia del Comune non costituisce sanatoria automatica

Veranda abusiva: l'inerzia del Comune non costituisce sanatoria automatica

In caso di appartamento con veranda abusiva, il nuovo acquirente non può dirsi al sicuro. L'inerzia da parte del Comune non è costituisce sanatoria automatica.
Veranda sul balcone

Veranda sul balcone

Sul balcone di un alloggio può essere costruita una veranda nei limiti della normativa e con molta attenzione ai regolamenti, permettendoci di ricavare spazio.
Se la veranda viola le distanze va demolita

Se la veranda viola le distanze va demolita

E? cosa ricorrente che i condomini trasformino il loro balcone in veranda.A determinate condizioni (leggasi presenza di autorizzazioni comunali e assenza...
Sopraelevazione e indennità

Sopraelevazione e indennità

Un condomino costruisce sulla terrazza a livello di pertinenza della sua unità immobiliare una veranda sostituendo l'originaria tettoia, il condominio gli fa causa e chiede la rimozione del manufatto.
Ripristino di facciate esterne condominiali

Ripristino di facciate esterne condominiali

Problematiche relative al ripristino delle facciate esterne condominiali.
usr REGISTRATI COME UTENTE
289.164 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Tenda zypper cristall
    Tenda zypper cristall...
    325.00
  • Velux istallazione di finestre per tetti
    Velux istallazione di finestre per...
    900.00
  • Termocamino
    Termocamino...
    600.00
  • Videosorveglianza cctv impianti a Roma
    Videosorveglianza cctv impianti a...
    800.00
  • Colombo khala porta salvietta ad anello
    Colombo khala porta salvietta ad...
    52.00
  • Porte grezze massello
    Porte grezze massello...
    400.00
  • Montegrappa lavatoio lavella 45x50 bianco dx
    Montegrappa lavatoio lavella 45x50...
    270.00
  • Tenda vetras 01
    Tenda vetras 01...
    32.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Tende.online
  • Mansarda.it
  • Kone
  • Black & Decker
  • Weber
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
€ 229.00
foto 1 geo Lecce
Scade il 31 Maggio 2018
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 39 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 09 Settembre 2018
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
€ 500.00
foto 2 geo Roma
Scade il 31 Luglio 2018
€ 68.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.