Guida al CIS, il Certificato di Idoneità Immobiliare

NEWS DI Leggi e Normative Tecniche04 Settembre 2017 ore 09:43
Il Certificato di Idoneità Statica è uno strumento per la salvaguardia di cittadini e patrimonio edilizio esistente: per il Comune di Milano è già obbligatorio.

Cos’è il certificato o dichiarazione di idoneità statica?


Il certificato di idoneità statica di un edificio, detto anche CIS, attesta le condizioni di sicurezza delle strutture portanti di un fabbricato, secondo le norme in vigore al momento della costruzione.

É redatto ai sensi dei DD.MM. 15/05/1985 e 20/09/1985 e rientra nella documentazione necessaria ai fini del rilascio dell'agibilità, quando per un fabbricato non esiste o non è reperibile il certificato di collaudo statico ai sensi della Legge 1086/71 o quando si fa richiesta di condono edilizio.

Nel caso di richiesta di condono è possibile utilizzare la dichiarazione di idoneità statica al posto del certificato di collaudo statico se la volumetria da condonare è inferiore ai 450 mc o nel caso in cui l'abuso sia anteriore all'entrata in vigore delle norme sismiche.


Differenza tra certificazione di idoneità statica e certificato di collaudo


La differenza tra il collaudo e la certificazione idoneità statica consiste nel fatto che il collaudo deve necessariamente essere redatto e depositato al Genio Civile da un professionista iscritto da almeno dieci anni al proprio ordine professionale, mentre la certificazione può essere redatta da un architetto o ingegnere, anche da poco iscritto all'ordine professionale.


Quali sono i controlli che deve eseguire il tecnico?


Il lavoro del tecnico si articola in due fasi: una documentale, nella quale esegue una raccolta e verifica di tutte le informazioni utili a ricostruire la storia del fabbricato; l'altra di indagine diretta per conoscere e studiare il terreno di fondazione, i materiali e le loro reali condizioni, eventuali quadri fessurativi presenti.

CIS verifiche tecniche
Qualora il tecnico durante l'analisi riscontri la presenza di fessurazioni o il verificarsi di un cedimento, indicherà gli interventi di rinforzo o di adeguamento antisismico necessari.


Chiarimenti dal MIT


La cronaca degli ultimi anni, riporta purtroppo sempre più spesso storie di crolli e di vite spezzate, legate a edifici, magari già in condizioni precarie, sui quali si è intervenuti sconsideratamente, senza rispettare quanto prescritto dalle norme, lo stato dell’edificio, delle sue strutture e del contesto.

In risposta a un'interrogazione parlamentare in cui si è chiesto quali iniziative il MIT intendesse intraprendere per rendere obbligatoria la certificazione statica degli edifici, il sottosegretario di Stato per le infrastrutture e per i trasporti, Umberto Del Basso De Caro ha affermato che il certificato di stabilità degli edifici verrà introdotto inizialmente in forma volontaria, al fine di garantire a chi acquista il reale stato dell'immobile, e poi in forma obbligatoria al fine di creare uno strumento di legge mirato a salvaguardare la sicurezza dei cittadini e del patrimonio edilizio, come è stato già fatto per l'attestato di prestazione energetica.

Crolli e dissesti

Esistono già misure, quali il sisma bonus, che incentivano gli interventi di verifica e miglioramento statico degli immobili e grazie alle quali è possibile detrarre le spese sostenute, resta al Governo ora il compito di introdurre azioni mirate ad innalzare il livello di salvaguardia dei cittadini e del patrimonio edilizio esistente.


Certificato di idoneità statica a Milano


Il Comune di Milano è tra i primi ad aver previsto nel nuovo regolamento Edilizio della città, in vigore dal 26 novembre 2014, che tutti gli edifici realizzati o collaudati da almeno 50 anni siano soggetti all’obbligo di verifica dell’idoneità statica per ottenere il relativo Certificato di Idoneità Statica, il CIS, da parte di un tecnico abilitato.

Nel Regolamento Edilizio di Milano è stabilito che:

entro il 26 novembre 2019, cioè entro 5 anni dall'entrata in vigore del Regolamento, tutti i fabbricati esistenti ultimati da più di 50 anni o che raggiungeranno i 50 anni in questo periodo, se non in possesso di certificato di collaudo, dovranno essere sottoposti a tale verifica e certificazione;

entro il 26 novembre 2024, cioè entro 10 anni dall'entrata in vigore del Regolamento, tutti i fabbricati esistenti con data di collaudo delle strutture superiore a 50 anni o che raggiungeranno i 50 anni in questo periodo, dovranno essere sottoposti a tale verifica e certificazione.

Si è stimato che in città sono oltre 26.000 gli edifici da sottoporre a verifiche di idoneità statica.

La verifica, certificata da un tecnico abilitato, deve essere eseguita su ogni singola parte strutturale, secondo la normativa vigente alla data del collaudo, o in assenza di questo, alla data di ultimazione del fabbricato.

Manutenzione straordinaria fabbricato
Sono obbligati alla verifica anche gli edifici interessati per almeno il 50% della loro superficie da:
• cambio di destinazione d’uso;

• interventi di manutenzione straordinaria;

restauro e risanamento conservativo e ristrutturazione se non sussistono gli estremi di legge per un nuovo collaudo statico.

Il Certificato di Idoneità Statica deve inoltre riportare:

- la scadenza oltre la quale è necessaria la successiva verifica;

- gli elementi strutturali che potrebbero non essere idonei per le normative vigenti al momento della redazione del certificato stesso, pur non inficiandone la sua regolarità;

- una relazione che illustri lo stato di conservazione degli elementi strutturali secondari e di quelli non strutturali dell’edificio, quali parapetti, facciate, tamponamenti, ecc.

Al mancato rilascio del Certificato di idoneità statica nei tempi previsti viene meno anche l'agibilità dell’edificio o delle parti di questo non certificate.

Il certificato di agibilità è tra i documenti obbligatori, richiesti dal notaio, da allegare all'atto di vendita.


Linee guida e verifiche


Il documento fornisce anche le modalità di verifica secondo due livelli di indagine, cioè due differenti livelli di approfondimento e analisi:

• verifiche di primo livello;
• verifiche di secondo livello.

Verifiche di primo livello


Si basano su analisi di tipo qualitativo eseguite durante sopralluoghi interni ed esterni, cioè l'analisi storico critica dell’edificio e del contesto, la definizione dell'organismo strutturale primario, l'interazione con fattori esterni indipendenti dal fabbricato.

L'obiettivo è di rilevare la presenza di segnali di sofferenza, di pericoli esterni, elementi accessori a rischio ed eventuali interventi di modifica dell'organismo strutturale.
Il rilascio del Certificato di Idoneità Statica avviene solo se l'esito della verifica è positivo e ha una validità massima di 15 anni.


Verifiche di secondo livello


Si basano su indagini sperimentali e analitiche che mirano a valutare e definire le soluzioni di intervento sulla struttura e sono necessarie quando le verifiche di primo livello non sono state esaustive o hanno evidenziano situazioni critiche.

Nel caso in cui l'edificio risponde positivamente all'indagine di secondo livello, si ottiene il CIS, che ha validità massima di 15 anni.
Se invece la verifica non risulta positiva, va effettuata la valutazione della sicurezza per la struttura secondo le disposizioni delle Norme Tecniche per le Costruzioni NTC 2008, per stabilire se:
• siano necessari interventi o l'uso della costruzione possa continuare senza interventi;

• sia necessaria una modifica nell'uso attraverso un declassamento, cambio di destinazione e/o imposizione di limitazioni e/o cautele;

• sia necessario procedere ad aumentare o ripristinare la capacità portante.

Sarà compito del progettista indicare in un'apposita relazione i livelli di sicurezza attuali o raggiunti con l'intervento e se sussistano delle limitazioni nell'uso della costruzione.


CIS e mercato immobiliare


Come ogni cambiamento e ogni nuova regola molte sono ancora le perplessità in merito all'applicazione del nuovo regolamento e all'impatto negativo che questo potrebbe avere sul mercato immobiliare.

Senza dubbio, l'obbligo di allegare il CIS agli atti di vendita comporterà non poche difficoltà operative, considerato che il certificato di idoneità statica, così come il collaudo statico è legato al singolo proprietario del singolo immobile, mentre la verifica prevista dal Regolamento dovrebbe esser eseguita il più delle volte da un insieme di soggetti, ad esempio i condòmini di comune accordo.

Se questo accordo non dovesse esserci, le conseguenze sarebbero un mancato rilascio del certificato e quindi un grande limite per il bene stesso, perché non commerciabile, cosa che aggraverebbe lo stato di salute del nostro già sofferente mercato immobiliare.

riproduzione riservata
Articolo: Giuda certificato di idoneità statica
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.

Giuda certificato di idoneità statica: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Giuda certificato di idoneità statica che potrebbero interessarti
Il collaudo

Il collaudo

Normative - Il collaudo è uno strumento indispensabile per la verifica dei requisiti richiesti ad una struttura, e necessario al rilascio del certificato di agibilità.
Verifica di idoneità statica

Verifica di idoneità statica

Leggi e Normative Tecniche - La verifica di idoneità statica va eseguita sugli edifici non recenti sprovvisti di certificato di collaudo in caso di sanatoria e/o richiesta dell'agibilità.
Certificato di agibilità

Certificato di agibilità

Leggi e Normative Tecniche - Il certificato di agibilità è un documento che attesta il verificarsi delle condizioni di sicurezza, igiene e salubrità di un immobile e dei suoi impianti.

Detrazione 65% per misure antisismiche

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Fino al 31 dicembre 2015 è prevista la detrazione del 65% per l'adozione di misure antisismiche su edifici ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità.

Certificato statico o sismico per condono edilizio

Normative - Il certificato Statico e quello Sismico, pur nella loro differenza, sono documenti che attestano le condizioni di sicurezza delle strutture portanti di un fabbricato.

Collaudo statico degli edifici

Leggi e Normative Tecniche - Secondo le Norme Tecniche delle Costruzioni 08 il collaudo statico di un edificio dà il giudizio sul comportamento e le prestazioni che svolgono funzione portante.

Collaudo di opere strutturali

Normative - Dopo il completamento delle opere in cemento armato di un fabbricato, segue la fase di verifica delle strutture tramite una procedura di collaudo finale.

Agibilità parziale di un edificio

Leggi e Normative Tecniche - Il certificato di agibilità parziale, introdotto dal Decreto del Fare, può essere richiesto per singoli edifici, porzioni di edificio o unità immobiliari.

Il ministro Delrio propone l'obbligo del certificato di staticità per i fabbricati

Leggi e Normative Tecniche - Il ministro Delrio propone d'inserire nei contratti d'affitto e compravendita immobili la certificazione statica obbligatoria a partire dalla Legge di Stabilità
REGISTRATI COME UTENTE
293.009 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Pop up getto 90° 2"
    Pop up getto 90° 2"...
    4.88
  • Pop up getto 90° 3"
    Pop up getto 90° 3"...
    5.12
  • Irrigatore statico Spray-Jet Claber
    Irrigatore statico spray-jet claber...
    9.20
  • Irrigatore statico Vario-Jet Claber
    Irrigatore statico vario-jet claber...
    8.75
Cersaie
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Pensiline.net
  • Officine Locati
  • Kone
  • Weber
  • Black & Decker
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.