Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Quando può essere cessato il contratto con la ditta manutentrice del giardino condominiale?

NEWS Parti comuni17 Maggio 2019 ore 09:32
Spesso la manutenzione del giardino condominiale è affidata a un'impresa: in che modo si può risolvere il contratto se la ditta non svolge al meglio il suo compito?

Giardino condominiale e problemi di manutenzione ordinaria


L’art. 1117 c.c. non menziona il giardino tra le parti comuni dell’edificio, eppure non vi sono dubbi che esistendo un giardino condominiale, cioè un giardino a servizio di tutti i condòmini indistintamente, salvo diversa disposizione del titolo (leggasi primo atto d’acquisto o regolamento a esso allegato).

Giardino condominiale
La norma citata contiene una elencazione meramente esemplificativa delle cose comuni (tra le tante, Cass. 13 marzo 2009, n. 6175) e come specificato dalla stessa giurisprudenza (es. Trib. Como 29 giugno 2007) il giardino può essere assimilato al cortile e quindi – salvo differente disposizione del titolo – essere considerato condominiale, laddove abbia – al pari del cortile – funzione di dare aria e luce alle unità immobiliari.

Data la presenza di un giardino condominiale, è allora utile affrontare alcuni aspetti connessi alla sua manutenzione:

  • chi decide la periodicità della manutenzione?

  • chi sceglie a quale impresa rivolgersi per tale attività?

  • come fare per rimuovere dal proprio incarico l’impresa manutentrice del giardino condominiale?


Regolamento condominiale parti comuni


Il primo documento al quale guardare per capire qualcosa in più della manutenzione del giardino condominiale è il regolamento.

Nello statuto della compagine possono essere contenute norme circa la periodicità e la tipologia della manutenzione.

È usuale, per dirne una, che in relazione a quei giardini condominiali che fungono da copertura per ni box o autorimesse sia prevista una manutenzione periodica consistente nello svellimento della terra e nella cura del solaio.

Non solo: il regolamento può stabilire, in ragione della disciplina del decoro dell’edificio, quali piante possano essere messi a dimora in quello spazio comune.


Manutenzione giardino condominiale, tra ordine dell’assemblea e compiti dell’amministratore


Data questa informazione preliminare vediamo nel concreto chi sceglie l’impresa di manutenzione del giardino condominiale.

Al riguardo le ipotesi sono due con una remota terza possibilità:

Giardino condominiale e spese per la sua manutenzione

  • l’assemblea è l’organismo supremo del condominio ed è quindi ben possibile che sia l’assise a scegliere l’impresa (nella forma societaria o individuale ciò è del tutto indifferente) cui affidare l’incarico di manutenzione del giardino condominiale;

  • l’amministratore può scegliere l’affidatario dell’incarico di cura del verde condominiale laddove l’assemblea si sia limitata ad approvare il preventivo che preveda una voce di spesa senza però indicare l’impresa;

  • in ultimo, ipotesi di scuola più che remota, che il regolamento indichi chi si deve occupare della manutenzione del giardino condominiale.


Se la scelta è rimessa all’amministratore ed è bene che questi:

  • affidi l’incarico per un solo anno, evitando se non vi sono disposizione dell’assemblea in tal senso la stipula di contratti pluriennali;

  • affidi l’incarico a chiamata e comunque tenendo possibilmente presente in limite di spesa individuato.

A differenza della scelta dell’impresa di pulizia scale, la quale deve risultare in possesso dei requisiti previsti dalla legge n. 82/1994 e successivi decreti attuativi, per la scelta dell’impresa di manutenzione del giardino condominiale è sufficiente che il manutentore sia in regola con l’iscrizione alla camera di commercio; detta diversamente deve risultare un’impresa in regola con le norme che generalmente disciplinano le attività economiche.


Impresa manutentrice giardino condominiale: come risolvere il contratto?


Che cosa succede se giungono lamentele circa il lavoro svolto dall’impresa manutentrice del verde condominiale?

Chi ha il potere di risolvere il contratto con chi si occupa della tenuta del giardino condominiale?

È compito dell’ amministratore oppure è l’assemblea a doversene occupare?

Al riguardo non è possibile dare una risposta unica: molto dipende dal tipo di collaborazione e molto dal tipo di contratto.

Se si tratta di collaborazione a chiamata, ossia di impresa che non ha siglato col condominio un contratto di manutenzione del giardino, allora il problema non si pone: l’amministratore non potrà chiamare un’altra impresa al momento della necessità di fare eseguire interventi manutentivi, anche se quell’impresa, sia pur senza contratto, è stata indicata dall’assemblea.

Giardino condominiale e contratto di manutenzione
La situazione qui diviene più particolare e molto dipende dal tipo di lamentele che si sono avanzate. In generale, ciò che l’assemblea decide l’amministratore deve eseguire; questo principio vale fino a che la decisione mantenga attualità. Se il malcontento è per marchiani inadempimenti, allora nessun potrà rimprovera qualcosa all’amministratore.

Se esiste un contratto per la manutenzione del giardino condominiale, invece, la risoluzione del vincolo di collaborazione, oltre alle eventuali norme specificamente pattuite per la recessione dall’accordo, può avvenire per il caso di inadempimento, previa eventuale diffida (facoltativa), e sempre che si tratti di un inadempimento non di scarsa importanza (art. 1455 c.c.).

Si badi: ogni contratto, come quello in esame, di appalto o prestazione d’opera può essere comunque rescisso in ogni momento.
In buona sostanza l’impresa con la stipula del contratto assume l’obbligo di manutenere il giardino condominiale e il diritto perciò al pagamento del compenso.

La stessa legge, però, (art. 1671) prevede il recesso unilaterale dal contratto in favore del committente, spiegando che ciò può avvenire purché il committente medesimo tenga indenne l'appaltatore delle spese sostenute, dei lavori eseguiti e del mancato guadagno. Questa scelta deve essere assunta senza ombra di dubbio dall’assemblea, mentre in caso di grave inadempimento (es. più eclatante assenza prolungata di manutenzione) anche l’amministratore può agire autonomamente per la risoluzione del contratto.

riproduzione riservata
Articolo: Giardino condominiale e rescissione contratto manutenzione
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.

Giardino condominiale e rescissione contratto manutenzione: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
308.152 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Wienerberger
  • Marazzi
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Zoccoli forati giardino e casa verde oliva
    Zoccoli forati giardino e casa...
    9.46
  • Zoccoli per giardino e casa verde oliva
    Zoccoli per giardino e casa verde...
    9.46
  • Casetta in metallo
    Casetta in metallo...
    420.00
  • Genius 100 carrello
    Genius 100 carrello...
    48.80
  • Dondolo da giardino 3 posti
    Dondolo da giardino 3 posti...
    153.95
  • Carrello giardino pieghevole con ruote
    Carrello giardino pieghevole con...
    77.90
Notizie che trattano Giardino condominiale e rescissione contratto manutenzione che potrebbero interessarti


Ripartizione delle spese per il rifacimento del cortile condominiale

Ripartizione spese - Il cortile condominiale è uno spazio comune e le spese di manutenzione devono essere ripartite tra tutti in base ai millesimi di proprietà.

Spese di manutenzione del cortile condominiale

Ripartizione spese - Salvo diversa disposizione contenuta negli atti d'acquisto, alle spese necessarie per la manutenzione e conservazione del cortile, concorrono tutti i condomini.

È legittima la trasformazione di parte del giardino in parcheggio condominiale?

Parti comuni - L'assemblea, con la maggioranza semplice, può deliberare la trasformazione di una piccola parte del giardino condominiale in parcheggio

Cavedio e ripartizione delle spese

Condominio - Tra quali condomini si ripartiscono le spese condominiali inerenti il cavedio interno all?edificio

Mutuo condominiale

Mutui e assicurazioni casa - Il mutuo può essere stipulato non solo da un privato per l'acquisto o la ristrutturazione di una casa, ma anche da un intero condominio, quando ci sono spese ingenti.

Scivolone nel cortile e responsabilità del condominio

Liti tra condomini - Il condominio è responsabile per i danni derivanti ad una persona dal cortile comune a meno che la causa del danno non sia dovuta al comportamento del danneggiato.

Il giardino condominiale e le regole di uso, modifica e ripartizione dei costi di manutenzione

Parti comuni - Il giardino condominiale è un bene di proprietà di tutti i condòmini e da essi può essere utilizzato a propri scopi, ovvero modificato per utilizzarlo al meglio

Giardino, regolamento di condominio e piscina

Parti comuni - Il divieto di modificare il giardino va interpretato tenendo presente la specifica costruzione, il contesto in cui essa si inserisce e il dato testuale nel suo complesso.

Se una pianta condominiale danneggia il cortile del singolo che succede?

Parti comuni - Nel caso in cui l'edera del condominio provochi danni al cortile del singolo, il condominio potrebbe dover risarcire il danno. Vediamo in sintesi come e perché.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img sealion
L'assemblea del condominio ha deliberato il taglio di due alberi (cipressi) che sono nel giardino condominiale da oltre trenta anni perché ritenuti antiestetici e...
sealion 13 Marzo 2014 ore 07:59 2
Img simone-fischer
Buonaserasono anni che mia madre anziana parcheggia la sua auto all'interno dello spazio condominiale in un angolo del giardino, nessuno si sogna di parcheggiare al "posto suo"...
simone-fischer 26 Dicembre 2012 ore 19:01 3
Img trixy
Buongiorno, vado subito al punto, un condomino ha abbandonato la propria auto inutilizzabile nel cortile condominiale, lasciandola lì per anni, parcheggiata sempre nello...
trixy 05 Ottobre 2019 ore 17:11 1
Img schio11157
Buongiorno,ho acquistato un mini in un vecchio palazzo con un cortile comune adiacente.Nel cortile sono stati ricavati 7 posti auto, uno per ogni unità abitativa.Solo dopo...
schio11157 25 Marzo 2015 ore 16:19 2
Img remo82
Salve,vi sottopongo il mio problema.Il mio condominio è composto da 4 palazzine che si affacciano, ciascuna, su un lato di un cortile che però non è...
remo82 04 Aprile 2014 ore 00:08 2