Gas per climatizzatori

NEWS DI Normative08 Ottobre 2012 ore 12:03
Le macchine di climatizzazione invernale ed estiva, molto più efficienti rispetto a quelle disponibili negli anni passati, influenzano la classe energetica degli edifici.

Grazie all'evoluzione tecnologica, le pompe di calore sono macchine per la climatizzazione invernale ed estiva molto più efficienti rispetto a quelle disponibili negli anni passati. L'evoluzione tecnologica, con le sue ricadute sul mondo dell'industria, ha prestato sempre più attenzione anche al rispetto dell'Ambiente e a tal proposito è notizia recente che uno dei gas refrigeranti più diffusi per la climatizzazione, l'R-22, verrà presto vietato in Europa.

Molte case produttrici hanno sviluppato soluzioni grazie alle quali sarà possibile continuare ad utilizzare le tubazioni esistenti degli impianti di climatizzazione, utilizzate finora con il refrigerante R-22 o con il più vecchio R-407C.

HCFC aggravano buco ozonoL'R-22 è un idroclorofluorocarburo (HCFC) che quando viene rilasciato nell'aria è decomposto dai raggi solari con conseguente rilascio di cloro nell'atmosfera. Il cloro, a sua volta, reagendo con l'ozono presente in atmosfera concorre a ridurne lo strato, con la conseguenza di permettere un maggiore passaggio di nocivi raggi ultravioletti, che raggiungono la superficie terrestre costituendo un pericolo per l'ambiente e la salute.

La comunità internazionale, con il Protocollo di Montreal, ha designato l'eliminazione graduale entro il 2030 delle sostanze dannose per l'ozono tra cui l'R-22. L'Unione Europea vieterà l'utilizzo del gas R-22 dal 2015. Le macchine contenenti tale gas dal 2010 possono essere manutenute utilizzando gas R-22 riciclato o recuperato, ma tale possibilità varrà solo fino al 1 gennaio 2015.

Il gas R-22 riciclato o recuperato è ottenuto grazie ad un processo di pulizia effettuato da società specializzate, processo successivo alla procedura per il recupero eseguita dagli installatori.

Da un punto di vista pratico, poiché la quantità di gas recuperato durante le operazioni di manutenzione è, in genere, contenuta , si prevede una disponibilità limitata di R 22 purificato nei prossimi anni, con conseguente aumento dei tempi e dei costi per le manutenzioni. Queste ultime, nella maggior parte dei casi sono legate proprio a micro-lesioni nei circuiti frigorigeni che comportano piccole perdite del gas.

Gas frigorigeni e classificazione energetica edifici


Acquistando una nuova macchina di climatizzazione è opportuno verificare la tipologia di gas frigorigeno che deve essere del tipo R410. L'utilizzo del gas R 410, rispetto al gas R 22 non più presente nelle nuove macchine di climatizzazione dal 2004, apporta importanti vantaggi oltre alla non nocività per l'atmosfera: una notevole riduzione dei consumi ed un incremento notevole dei fattori EER (Energy Efficiency Ratio) e COP (Coefficient of Performance).

L'incremento di tali fattori contribuisce a migliorare anche la classe energetica dell'edificio nel quale sono installate le macchine di climatizzazione.

La classificazione energetica degli edifici fa parte dei programmi europei riguardanti i cambiamenti climatici, con l'obiettivo principale di ridurre le emissioni di anidride carbonica in ambiente. Una maggiore consapevolezza dei consumatori relativamente alle problematiche sull'inquinamento ambientale consentirà di fare scelte ed acquisti economicamente ed ecologicamente vantaggiosi.

climatizzatori influenzano certificati edificiCome noto, la classificazione energetica di una macchina di climatizzazione fornisce informazioni sul suo consumo energetico. Le unità con capacità di raffreddamento fino ai 12 kW (potenza necessaria mediamente per un appartamento di circa 100 metri quadrati) vengono classificate, in base al consumo di energia, in classi dalla A alla lettera G, ad ogni lettera è associato un codice corrispondente. La massima efficienza è quella corrispondente alla classe A, o i livelli successivi A+ associati al colore verde.

La classe G identificata con il colore rosso è quella peggiore in termini di efficienza. Nell'etichetta energetica sono inoltre indicati il nome ed il logo del costruttore, i consumi energetici annuali ed il tipo di macchina, essa può essere un'unità interna od un'unità esterna.

Il consumo energetico su base annua può essere calcolato moltiplicando la potenza assorbita totale per un valore medio di 500 ore/anno di funzionamento a pieno carico, sia per il raffrescamento che per il riscaldamento. Similmente il costo corrispondente al consumo energetico annuale può essere calcolato moltiplicando il dato precedente per la tariffa elettrica dell'utente.

riproduzione riservata
Articolo: Gas per climatizzatori
Valutazione: 5.56 / 6 basato su 9 voti.

Gas per climatizzatori: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Gas per climatizzatori che potrebbero interessarti
Nuova etichetta energetica condizionatori

Nuova etichetta energetica condizionatori

Normative - Dal 2013 è in vigore il regolamento europeo 206/2012 che definisce le nuove etichette energetiche, per le macchine di climatizzazione e per i ventilatori.
Prestazioni Condizionamento Edifici

Prestazioni Condizionamento Edifici

Impianti - Al fine della spesa energetica degli edifici, l'energia per il condizionamento estivo ed il raffrescamento equivale a quella per il riscaldamento invernale.
Libretti Impianti Climatizzazione

Libretti Impianti Climatizzazione

Impianti di climatizzazione - Il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico, del 10 Febbraio 2014, ha definito i libretti per gli impianti di climatizzazione ed efficienza energetica.

Comprare il climatizzatore

Impianti di climatizzazione - L'etichetta energetica, obbligatoria da vari anni per tutti gli elettrodomestici, non è l'unico elemento di valutazione per l'acquisto di un climatizzatore.

D.P.R. 43/2012 e impianti climatizzazione

Normative - Le macchine di climatizzazione estiva ed invernale presenti nelle abitazioni ed interessate dal D.P.R. 43/12 hanno almeno 3 kg di gas frigorigeni ad effetto serra.

Collegamenti elettrici macchine interne ed esterne climatizzazione

Impianti di climatizzazione - Le operazioni di collegamento elettrico tra unità interne ed esterne dei climatizzatori richiedono massima attenzione quando sono relative a più unità split.

Pompa Calore: considerazioni installazione

Impianti - Gli elementi di valutazione imprescindibili, quando si installa un impianto a pompa di calore, tengono in considerazione l'interazione e le fonti di disturbo.

Climatizzazione centralizzata

Impianti - Gli impianti di climatizzazione centralizzazti si sono diffusi sempre più negli ultimi anni, l'assenza di ingombri e la silenziosità tra i principali vantaggi offerti.

Caratteristiche Aerazione Climatizzazione Ambienti

Impianti - Il riscaldamento ed il rinfrescamento con canali di mandata e ripresa dell'aria collegati a split canalizzabili, si prestano per ambienti con controsoffitti.
REGISTRATI COME UTENTE
295.440 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Impianto di climatizzazione
    Impianto di climatizzazione...
    5500.00
  • Climatizzatore condizionatore HAIER serie TUNDRA Inverter
    Climatizzatore condizionatore...
    450.00
  • Icma defangatore magnetico 3-4" mod 746
    Icma defangatore magnetico...
    54.00
  • Newa more 50 acquario lt 45
    Newa more 50 acquario lt 45...
    184.46
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Faidatebook
  • Kone
  • Weber
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.