Formulario identificazione rifiuti in edilizia, cos'è e chi deve compilarlo

NEWS DI Leggi e Normative Tecniche17 Giugno 2015 ore 16:49
Il FIR è il formulario di identificazione di rifiuti, anche edili, che ne accompagna il trasporto da parte di un trasportatore autorizzato. Chi e come deve compilarlo?

Gestione dei rifiuti in edilizia, normative


La Legge 25 gennaio 1994 N. 70, il D. Lgs. N. 22/1997, cosiddetto decreto Ronchi e, successivamente, il D. Lgs. N. 152/2006 hanno stabilito delle procedure specifiche, tramite alcuni strumenti particolari, per gestire il flusso della produzione, in generale, dei rifiuti speciali, con la finalità ben precisa di controllarne la gestione dal punto di vista logistico di smaltimento e, soprattutto, economico.

Si tratta di tre strumenti: il FIR, il Registro di carico e scarico dei rifiuti e il MUD, ovvero il modello di dichiarazione ambientale, il cosiddetto 740 verde in caso di produzione di rifiuti pericolosi.

Formulario identificazione rifiutiAnche il settore dell'edilizia è interessato da queste normative , poiché i rifiuti di cantiere che derivano dalle attività di demolizione e costruzione con principale componente di frazione inerte (intonaci, laterizi, piastrelle…) insieme a quelli derivanti da qualsiasi attività di scavo, sono da assimilare alla categoria dei rifiuti speciali, mai a quelli urbani. Soltanto in caso di manutenzione della propria abitazione i privati cittadini possono conferire i relativi rifiuti al centro di raccolta o isola ecologica della città.

Nel primo caso, quello più frequente, è compito dell’impresa occuparsi dello smaltimento e della compilazione del FIR. Se il carico è affidato ad altri soggetti per il trasporto, il detentore dei rifiuti deve ricevere il FIR controfirmato e datato, entro tre mesi dall’affidamento del carico stesso, termine oltre il quale è tenuto a comunicare alla rispettiva provincia la mancata ricezione del documento (termine sei mesi per spedizioni oltre frontiera e comunicazione alla Regione).


Rifiuti da costruzione e demolizione


Formulario identificazione rifiutiI rifiuti da costruzione e demolizione prodotti con maggiore frequenza sono, in particolare: le terre e le rocce da scavo (codice rifiuto CER 170504), i materiali misti da costruzione e demolizione (codice rifiuto CER 170904) e i materiali bituminosi (codice rifiuto CER 170302).

Per quanto riguarda i primi, se non sono contaminati, possono essere riutilizzati nello stesso cantiere di produzione (non in altri siti) senza essere catalogati più come rifiuti e quindi senza obbligo di documentazione ad hoc per il riuso.

I rifiuti misti, invece, non possono mai essere riutilizzati all’interno del cantiere ed è compito preciso del produttore occuparsene sia per lo smaltimento in discarica sia per il conferimento a idoneo impianto di recupero.


Cos’è e come si compila il FIR


Formulario identificazione rifiutiIl FIR, in particolare, è il formulario di identificazione dei rifiuti, anche edili, che ne accompagna il trasporto da parte di un trasportatore autorizzato. In questo documento ci sono informazioni dettagliate relative soprattutto alla tipologia dei rifiuti trasportati, nonché al produttore e al destinatario, oltre che, ovviamente, al trasportatore stesso.

Viene redatto in quattro copie e compilato, completo di data e firma, da parte del produttore con la controfirma del trasportatore che riceve il carico. Bisogna conservare per cinque anni le copie del formulario compilato.

Dei quattro esemplari uno rimane in possesso del produttore, gli altri tre viaggiano insieme al trasportatore il quale, all’arrivo in discarica o nel luogo di stoccaggio, provvede a far controfirmare i documenti, con data aggiornata, da parte del destinatario, che ne mantiene una copia per sé. Delle altre due, una viene mantenuta dal trasportatore, l’altra verrà da lui inviata al produttore.

I formulari FIR hanno l’obbligo di numerazione e vidimazione, gratuite e non soggette comunque ad alcuna imposta tributaria, da parte degli uffici preposti delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura. La fattura di acquisto dei FIR, inoltre, deve essere annotata sul registro IVA acquisti, indicandone i codici identificativi alfanumerici.


FIR: l’Art.193, 258 D.Lgs 152/2006 e successive modifiche


Ovviamente nel corso del tempo, con l’introduzione di nuove normative in tema di gestione dei rifiuti, ci sono state delle modifiche sull’argomento, più o meno sostanziali, relativamente alle modalità di compilazione e alle tipologie di soggetti coinvolti in prima persona.

In seguito alla sostituzione dell’art. 193 con l’art. 16, comma 1, d.lgs. n. 205 del 2010, si è stabilito che, per gli enti e le imprese che non aderiscono (perché non obbligati per legge o perché non aderiscono neanche in maniera volontaria) al SISTRI, ovvero il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti introdotto nel 2009, valgono comunque alcuni obblighi.

Questi obblighi si riferiscono alla compilazione del Fir che deve vedere specificate almeno queste notizie, secondo il successivo art. 11, comma 12-quater, legge 125/2013:

Anagrafica completa del produttore dei rifiuti o del detentore

Origine e quantità dei rifiuti e, soprattutto, la tipologia

• L’impianto di destinazione

• La data e il percorso completo del carico

Anagrafica completa del destinatario

Rimangono inalterate, da parte dei soggetti coinvolti, le modalità di acquisizione per quanto riguarda il numero degli esemplari della documentazione stessa.


FIR: responsabilità ed eccezioni


È da chiarire che non è responsabilità del trasportatore che ci sia difformità tra quanto dichiarato sul documento e l'effettiva natura dei rifiuti trasportati, se non nel caso in cui la verifica dell’effettiva corrispondenza faccia parte dell’incarico stesso.

Ovviamente la merce trasportata sarà imballata in maniera adeguata, a seconda della sua natura, riportando, nel caso di rifiuti pericolosi (es. amianto), idonea etichettatura con specifiche del prodotto.

Formulario identificazione rifiutiSono, ovviamente, previste precise sanzioni (Art.258 D. lgs 152/2006 e succ. modif. con Art. 35 D. lgs 205/2010) per quelle imprese che non aderiscono su base volontaria al SISTRI e che durante l’azione del raccogliere e trasportare i propri rifiuti non compilino il FIR oppure lo compilino in maniera errata. Sono i casi in cui i dati presentati sono incompleti oppure inesatti, per cui la sanzione amministrativa pecuniaria si traduce nel pagamento di una somma che va dai milleseicento ai novemilatrecento euro.

Si applica invece la pena prevista dall’art. 483 del codice penale se nel compilare il FIR siano riportate dichiarazioni false in seguito a falsate indicazioni sulla reale natura del carico, relativamente alla composizione e alle caratteristiche chimico-fisiche.

Ci sono solo sanzioni pecuniarie anche nel caso in cui, pur risultando incomplete le notizie riguardanti il carico, si possa comunque, tramite queste, risalire al quadro completo ed esatto della natura dei rifiuti o degli altri dati mancanti, grazie alle informazioni conservate nelle comunicazioni al catasto, nei registri di carico e scarico o in qualsiasi altra scrittura contabile presente nei vari uffici preposti.


FIR: chi deve compilarlo e chi invece ne è esonerato


Formulario identificazione rifiutiTutti gli enti e le imprese che trasportano o sono in possesso dei rifiuti trasportati sono tenuti per legge alla compilazione e vidimazione del FIR. Per la vidimazione la competenza va alla Camera di Commercio della provincia dove ha sede legale l’impresa.

L’eccezione riguarda invece il caso in cui a trasportare i rifiuti non pericolosi sia lo stesso produttore, purché in modo occasionale e saltuario, ovvero per trasporti effettuati complessivamente per non più di quattro volte all’anno e nella quantità non eccedente i trenta chilogrammi o i trenta litri al giorno e, in ogni caso, non eccedente i cento chilogrammi oppure i cento litri all’anno.

riproduzione riservata
Articolo: Formulario identificazione rifiuti
Valutazione: 4.75 / 6 basato su 8 voti.

Formulario identificazione rifiuti: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Pietruccio da san gallo
    Pietruccio da san gallo
    Venerdì 15 Giugno 2018, alle ore 18:06
    Mi senbra completo ma dove troviamo il FIR ?
    rispondi al commento
    • Arch. Pierri
      Arch. Pierri Pietruccio da san gallo
      Martedì 19 Giugno 2018, alle ore 17:38
      E' un formulario che si acquista presso negozi appositi (tipo Buffetti e simili) oppure online, da far vidimare dall'Ufficio del Registro o dalle Camere di Commercio.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Formulario identificazione rifiuti che potrebbero interessarti
RES: nuova tassa sui rifiuti

RES: nuova tassa sui rifiuti

Leggi e Normative Tecniche - Manca poco più di un anno all'entrata in vigore della nuova tassa sui rifiuti, che andrà a sostituire le attuali TARSU e TIA.
Tari ridotta al 50% se la raccolta rifiuti non funziona

Tari ridotta al 50% se la raccolta rifiuti non funziona

Fisco casa - L'importo della Tari può essere ridotto se il servizio di smaltimento dei rifiuti non viene eseguito correttamente. Vediamo quanto affermato dalla CTP di Roma.
Smaltimento vecchi elettrodomestici

Smaltimento vecchi elettrodomestici

Normative - Dal prossimo 18 giugno sara' possibile consegnare i vecchi elettrodomestici al negoziante dove si effettua il nuovo acquisto.

Smaltimento macerie edili

Pulizia e manutenzione - Le macerie provenienti da lavori di demolizione e costruzione sono considerate rifiuti speciali e il loro smaltimento deve essere effettuato secondo le norme vigenti.

Tari maggiorata per errore: i consumatori chiedono il rimborso

Fisco casa - La Tari, tassa sui rifiuti urbani, in alcuni Comuni italiani sarebbe stata pagata addirittura il doppio a causa di un errore di calcolo della sua quota variabile

Modulo Rifiuti da C. e D.

Leggi e Normative Tecniche - In alcune regioni italiane è obbligatoria la redazione del modulo dei rifiuti da costruzione e demolizione, per ottenere il rilascio di un titolo abilitativo.

Compattatori e dissipatori di rifiuti eco

Impianti - Tra le ultime novità  dal mondo della raccolta differenziata, sistemi innovativi ed ecologici per ridurre spese e gestioni della spazzatura domestica.

Esenzione TARSU: onere di informazione a carico del contribuente

Fisco casa - Secondo la Cassazione è onere del contribuente informare il comune per ottenere l'esclusione di alcune aree dalla superficie tassabile e fruire dell'esenzione Tarsu.

Saxa grès: il sampietrino ecologico che utilizza le ceneri dei rifiuti

Pavimenti e rivestimenti - Appena presentata al Cersaie da Saxa Gres la versione ecologica e sostenibile del sampietrino in basalto, realizzato con l'impiego delle ceneri dei rifiuti urbani
REGISTRATI COME UTENTE
295.740 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Biopond cyclone 6000 aspirarifiuti per laghetto
    Biopond cyclone 6000 aspirarifiuti...
    235.46
  • Carrello Carry Cart Eco Claber
    Carrello carry cart eco claber...
    32.00
  • Sacco verde claber 28x25x19 pz 10
    Sacco verde claber 28x25x19 pz 10...
    8.54
  • Offerta fai da te autocostruzione a Roma
    Offerta fai da te autocostruzione...
    150.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Faidacasa.com
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Weber
  • Black & Decker
  • Kone
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.