Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Forma delle coperture

NEWS Tetti e coperture19 Agosto 2014 ore 01:15
Il corretto funzionamento di una copertura ha origine dalla giusta conoscenza delle caratteristiche legate alla sua forma e geometria che ne ha guidato l'origine.
coperture , tetti , volte , falde

Coperture continue e discontinue


Coperture a cupolaLe coperture degli edifici, secondo la norma UNI 8178, che analizza e discrimina le coperture stesse sulla base dei loro elementi funzionali, possono essere classificate secondo due principali macrofamiglie: coperture continue e coperture discontinue.

Per coperture continue si intendono quelle il cui manto di tenuta, quello che protegge la copertura dalle intemperie, garantisce la tenuta all'acqua con un sistema senza soluzione di continuità ed indipendentemente dalla pendenza della copertura stessa.

Di conseguenza, quando ci si riferisce alle coperture discontinue si sta parlando di elementi costruiti che assicurano lo smaltimento delle acque da precipitazioni atmosferiche principalmente grazie ad una determinata pendenza delle coperture stesse, il cui manto di tenuta, di conseguenza, è ottenuto mediante la sovrapposizione di vari elementi, quindi con punti di discontinuità.


Morfologia delle coperture discontinue


La casistica delle tipologie di copertura vede nella famiglia delle coperture discontinue una maggiore varietà di quelle continue, questo perchè i sistemi discontinui garantiscono maggiore funzionalità passiva, legata, cioè, alla pendenza dei suoi elementi, per lo smaltimento delle precipitazioni atmosferiche, contando sull'effetto della forza di gravità.

Alle varie latitudini del mondo, nel corso dei secoli e secondo culture e tradizioni che il tempo ha modificato, rafforzato o rivoluzionato, il campionario di coperture discontinue si è costantemente ampliato, abbracciando via via tipologie in cui le geometrie variavano al variare delle tecniche costruttive. Il risultato è una serie di forme, nate dal connubio tra funzione ed estro, che sono diventate riconoscibili anche ai profani è che sono la forma della storia delle città.

Tetto a falde con teste a padiglionePer quanto riguarda i tetti a falde, le tipologie più diffuse sono: il tetto monofalda, nel, quale, appunto, la copertura è composta da una sola falda piana dotata di pendenza costante; il tetto a due falde, in cui due elementi piani con pendenze opposte, e non necessariamente uguali, sono congiunti nella parte alta (colmo); i tetti a falde con teste a padiglione, dove la copertura è composta da quattro falde delle quali due (le più grandi) sono contrapposte e collegate a colmo e le altre due, di dimensioni minori, sono anch'esse contrapposte ma non si toccano; il tetto a padiglione, copertura posta su edifici poligonali a più lati, con tante falde quante sono i lati e che si congiungono tutte in un vertice.

Altra tipologia di copertura, anch'essa storicamente piuttosto diffusa, è quella delle coperture a volta, la cui base geometrica, in sezione trasversale, è un arco di cerchio o un semicerchio, caratteristica che può rappresentare un problema laddove l'arco di cerchio su cui è costruita la copertura sia troppo schiacciato, perché, in assenza di colmo fisico e reale, potrebbe realizzarsi un punto a pendenza quasi nulla in corrispondenza del punto di colmo ipotetico.

Coperture a voltaUna possibile soluzione si ottiene realizzando volte a cuspide, elemento geometrico che simula l'equivalente di un colmo.

Una variante poco diffusa, infine è quella delle coperture a volta inversa, cioè con concavità rivolta verso il basso, che sono piuttosto problematiche perché, invece di allontanare l'acqua più rapidamente possibile, si realizza una sorta di impluvio in un punto al di sopra dell'edificio, e la realizzazione del sistema di smaltimento richiede cautele particolari, progettuali e costruttive.

Molto diffusi nell'ambito delle costruzioni industriali, perchè adatti a garantire ampie superfici illuminanti senza illuminazione diretta, sono i tetti a shed, quelli, cioè, nei quali una serie di elementi che hanno un lato a singola falda con forte pendenza, e l'altro lato (verticale) reso trasparente mediante infissi, sono ripetuti a distanza costante e con canali di conversa tra un elemento e l'altro, che poi convergono su canali di gronda principali posti sui lati del fabbricato.

Esistono molte varianti delle coperture a shed, nelle quali cambiano le altezze, le inclinazioni e le sezioni degli elementi di serie, oppure ve ne sono con sezione cilindrica o conica.

Altra tipologia classica e molto riconoscibile è quella delle coperture a cupola, tipiche delle costruzioni a pianta circolare, dove la volumetria della copertura è, tipicamente, una semisfera o una calotta sferica. Costruttivamente, in genere, tali coperture sono realizzate con delle sezioni a spicchio a geometria variabile (più spesse alla base e più sottili verso l'alto) che convergono in un vertice geometricamente centrato in pianta.

Coperture a geometria variabileVi sono diverse varianti delle tipologie base descritte superiormente, spesso realizzate per sovrapposizione di geometrie e di tipologie.

Gli ultimi 15-20 anni di architettura moderna, con la diffusione di geometrie studiate e calcolate con programmi computerizzati, hanno, però, dato vita a tutta una serie di nuove coperture, sostanzialmente classificabili come discontinue, ma morfologicamente non classificabili in nessuna tipologia della geometria classica euclidea.

riproduzione riservata
Articolo: Forma delle coperture
Valutazione: 4.67 / 6 basato su 3 voti.

Forma delle coperture: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
309.240 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Pannelli Isover SUPERBAC Roofine G3 e N Roofine G3
    Pannelli isover superbac roofine...
    11.94
  • Tenda bouquet 160x300
    Tenda bouquet 160x300...
    420.00
  • Rete antigrandine per coperture larghezza 3 metri
    Rete antigrandine per coperture...
    1.95
  • Casetta in metallo
    Casetta in metallo...
    420.00
  • Robot aspirapolvere Samsung Powerbot
    Robot aspirapolvere samsung...
    410.99
  • Sedia con bracciolo
    Sedia con bracciolo...
    47.80
Notizie che trattano Forma delle coperture che potrebbero interessarti


Tetti sicuri

Normative - Ripubblicazione della Norma UNI che disciplina le caratteristiche a cui devono rispondere i tetti di copertura.

Tetti a bassa pendenza

Tetti e coperture - Il tetto a bassa pendenza è diffuso nelle zone dal clima mite. I rivestimenti in coppi e lastre metalliche rendono questo tipo di copertura bella e funzionale.

La tecnica delle scandole di legno per realizzare le coperture

Tetti e coperture - Le scandole sono un antico rivestimento utilizzato per coprire tetti e facciate, recuperate oggi perché rispettano perfettamente i principi della bioedilizia.

Tipologie per Coperture a verde

Progettazione - Le coperture a verde pensile sono realizzabili in diversi modi,con strati e vegetazione intensiva ed estensiva diversa a seconda del risultato finale da ottenere.

Coperture tradizionali

Tetti e coperture - La forma, i colori e i materiali delle coperture tradizionali sono aspetti fondamentali del paesaggio urbano dei centri storici da conoscere e tutelare accuratamente.

Ristrutturazione Coperture

Leggi e Normative Tecniche - I rischi nel corso di attività e lavori di ristrutturazione delle coperture sono innumerevoli, eterogenei e coinvolgono spesso anche le modalità di accesso.

Coperture a volta e rendimento energetico

Progettazione - L'Architettura spontanea dei paesi del Mediterraneo evidenzia l'alto valore funzionale e formale dei sistemi costruttivi del passato.

Nuove tegole e coppi per tetti

Tetti e coperture - Oltre all'efficienza energetica, la scelta di un particolare tipo di tegola o coppo per la copertura dei tetti cambia l'aspetto esteriore della propria casa.

Risparmio energetico nei tetti

Progettazione - Il tetto ventilato
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img alexs69
Nel mio appartamento vorrei far installare le pellicole solari anti calore per vetri, per evitare d'estate l'eccessivo calore che entra dalle porte del balcone e dalle finestre...
alexs69 17 Luglio 2016 ore 12:50 7
Img matrix82
Salve...sto ristrutturando la mia casa con volte a stella,dopo averle stonacate e grattate per bene,adesso per trattare le fughe mi hanno parlato della biocalce pietra..o è...
matrix82 14 Settembre 2015 ore 18:22 3
Img anonymous
Ciao a tutti. Il mio problema è questo: ho installato un sistema di riscaldamento a termosifoni in una vecchia casa di campagna. Tutto ok, ora però devo coibentare...
anonymous 12 Dicembre 2005 ore 08:12 10
Img alext71
Salve,dovrei rimuovere la pellicola protettiva presente sui gradini in marmo nella casa nuova... ho impiegato almeno mezz'ora solo per uno.Sto impazzendo c'è qualche...
alext71 03 Giugno 2014 ore 00:23 1
Img mariaditomaso
Posseggo un appartamento al mare in un condominio formato da più corpi di fabbrica a schiera di numero di piani differenti (da 1 a 6).La coperture sono di vario tipo: in...
mariaditomaso 11 Febbraio 2014 ore 17:47 1