Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Quando si può realizzare un foro su facciata condominiale per scarico fumi cucina?

NEWS Parti comuni30 Luglio 2019 ore 11:56
Forare la facciata condominiale per lo scarico della cucina è operazione che ciascun condòmino può porre in essere, ma entro quali limiti e a quali condizioni?

Uso facciata condominiale e decoro architettonico


La facciata di un edificio in condominio è certamente anch’essa condominiale: lo dice l’art. 1117 c.c. e prima ancora di esso, cioè prima della riforma del condominio, lo aveva specificato la giurisprudenza.

In quanto bene condominiale, sarebbe stato lo stesso se la facciata fosse in proprietà esclusiva, bisogna che nell’uso della facciata sia rispettato il decoro architettonico dell’edificio.

Che cosa s'intende per decoro architettonico?

Facciata condominiale e foro di scarico fumi
In assenza di definizioni legislative, la giurisprudenza ha specificato che per decoro architettonico deve intendersi l’insieme delle linee dell’edificio che concorrono a connotarne l’estetica, contribuendo delinearne la fisionomia (Cass. n. 851/2007).,

La Cassazione ha altresì specificato che l’alterazione del decoro architettonico si deve tradurre in un pregiudizio economicamente valutabile (Cass. n. 1286/2010) e che non è necessario che affinché possa parlarsi di decoro, che si sia dinanzi a un edificio di particolare pregio storico artistico, potendosi individuare il decoro anche in un edificio dalle linee estremamente semplici (Cass. n. 8830/2008).

Il decoro architettonico è un bene comune e il regolamento condominiale di origine contrattuale può vietarne qualunque modificazione, non solamente quelle alterative.


Facciata condominiale, uso individuale e art 1120 cc


Ogni partecipante al condominio singolarmente considerato, tanto si trae dall’art. 1102 c.c., ha il diritto di servirsi della cosa comune nella maniera più opportuna in relazione alle proprie esigenze, ovvero anche secondo modalità differenti rispetto all’usuale modo d’uso, purché:

- non ne alteri la destinazione;

- non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto.

I giudici di Cassazione e appresso ad essi quelli di merito, interpretando la disposizione in esame, hanno chiarito che il diritto al pari uso non si identifica necessariamente con il diritto all’uso identico e contemporaneo, ma con la possibilità per tutti di trarre dalle cose comuni la medesima utilità (si veda, tra le tante, ad esempio, Cass. 21 dicembre 2011, n. 28025).

La stessa Suprema Corte di Cassazione ha avuto modo di specificare che l’uso più intenso ed individuale, oltre a quanto esplicitato dall’art. 1102 c.c., non può:

- ledere il decoro dell’edificio;

- creare problemi per la sicurezza e la stabilità del condominio.

In sostanza l’uso individuale non può essere contrario a quanto stabilito dall’art 1120 cc in materia di innovazioni delle parti comuni deliberate dall’ assemblea condominiale .

Foro su muro. decoro architettonico e innovazioni
Tale diritto all’uso individuale, ha detto la Cassazione, può essere limitato da un regolamento condominiale di origine contrattuale, poiché l’art. 1102 c.c. non è norma assolutamente inderogabile (tali sono quelle elencate dall’art. 1138, quarto comma, c.c. e dall’art. 72 disp. att. c.c.).

In buona sostanza, per riportare la questione al diritto all’uso individuale della facciata condominiale, esso va considerato legittimo, purché non lesivo dei diritti individuali degli altri condòmini e di quelli collettivi. Tale valutazione, com’è intuibile, va fatta caso per caso, in ragione dello stato dei luoghi e dalla tipologia d’installazione

A puro titolo esemplificativo, sono stati considerati legittimi (ma anche lesivi, a rimarcare la necessità di una valutazione ad hoc) usi così individuati:

  • installazione sulla facciata condominiale di una canna fumaria;

  • installazione sulla facciata condominiale di un’antenna parabolica;

  • installazione sulla facciata condominiale di una caldaia;

  • installazione sulla facciata condominiale del motore esterno di un condizionatore.


Si badi: salvo diversa disposizione di un regolamento contrattuale, l’uso dei beni comuni non è soggetto ad autorizzazioni da parte dell’assemblea. Un regolamento assembleare può imporne, a soli fini informativi, la comunicazione all’amministratore, che potrà se del caso agire per bloccare l’opera, ma di certo, secondo legge, né a lui né all’assemblea sono riconosciuti poteri autorizzatori.


Scarico cucina: si può forare il muro


Sovente è necessario forare il muro della cucina per consentire lo scarico dei fumi derivanti dalla cottura di cibi.

Lo scarico così creato, salvo specifiche disposizioni connesse alla tipologia di cappa installata, necessità, poi, del collegamento a una canna fumaria, individuale o comune, che convogli gli scarichi oltre il colmo del tetto.

Alla luce di quanto specificato, è possibile affermare che:

  • il foro sul muro, salvo particolari disposizioni regolamentari di origine contrattuale, può essere eseguito senza preventivo assenso da parte dell’assemblea o dell’amministratore;

  • il foro sul muro deve rispettare il pari diritto d’uso degli altri condòmini, non compromettere la sicurezza dell’edificio e non alterare il decoro architettonico dello stabile.

Al più i regolamenti condominiali di origine assembleare possono imporre al condòmino di comunicare la realizzazione di quest’opera all’amministratore.


Decoro architettonico e ripristino stato dei luoghi


Dando come cosa di per sé certa che praticare un foro per scarichi della cucina non sia intervento in grado di pregiudicare il pari uso della facciata da parte di altri condòmini, ovvero sicurezza e stabilità dell’edificio, c’è da domandarsi che cosa può accadere ove all’apertura del foro segua la contestazione del decoro architettonico dell’edificio.

In tali casi, si potrà arrivare al ripristino dello stato dei luoghi ove nel giudizio civile sia stata accertata l’effettiva lesione del decoro architettonico dell’edificio.

riproduzione riservata
Articolo: Fori sui muri per scarico cucina e decoro architettonico
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.

Fori sui muri per scarico cucina e decoro architettonico: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
309.193 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Tinteggiatura esterna al mq
    Tinteggiatura esterna al mq...
    8.00
  • Ristrutturazione facciata Caserta
    Ristrutturazione facciata caserta...
    90.00
  • Lanterna a muro in ferro battuto con braccio
    Lanterna a muro in ferro battuto...
    590.00
  • Cornici in gesso Milano
    Cornici in gesso milano...
    20.00
Notizie che trattano Fori sui muri per scarico cucina e decoro architettonico che potrebbero interessarti


Canna fumaria, condizionatori e facciata dell'edificio condominiale

Condominio - La tutela della facciata dell'efificio condominiale, le norme introdotte dalla riforma del condominio e la possibilità d'uso parte dei singoli condomini.

Ristrutturazione appartamento e decoro architettonico dell'edificio

Manutenzione condominiale - In occasione della ristrutturazione di un appartamento spesso vengono apportare delle modifiche alle strutture murarie o agli infissi della stessa deturpando il decoro del condominio.

Ripartizione delle spese: muri e facciata

Ripartizione spese - I muri maestri e quelli perimetrali devono essere considerati parti comuni ai sensi dell'art. 1117 c.c.Ciò vuol dire che tutti i condomini ne saranno proprietari.

Alterazione del decoro architettonico e poteri dell'amministratore

Amministratore di condominio - Sie definisce il decoro architettonico come bene comune, a tutti i condomini, costituito dall'insieme degli elementi, linee architettoniche, ecc. l'estetica di un edificio.

Pensilina condominiale, distanze e decoro

Condominio - La pensilina condominiale deve rispettare l'aspetto estetico dell'edificio in cui viene installata per non sollevare obiezioni relative al decoro architettonico.

Sostituzione degli infissi e decoro dell'edificio

Parti comuni - Gli infissi delle unità immobiliari di proprietà esclusiva in un edificio in condominio, la loro sostituzione e le questioni relative al decoro dello stabile.

Facciata condominiale

Parti comuni - La facciata di un edificio in condominio dev'essere considerata parte comune a tutti i condòmini e di conseguenza tutti devono partecipare alle spese di conservazione.

Il condizionatore non altera il decoro più dei panni stesi

Condominio - Quando parliamo di decoro architettonico siamo soliti riempire i concetti di se, ma ed altre espressioni dubitative.Non si tratta di mettere le mani avanti

Condizionatori in condominio

Manutenzione condominiale - L'installazione di un condizionatore di un edificio in condominio soggetta o meno ad autorizzazione, può essere vietata per alterazione del decoro architettonico.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img fc2
E' giunta all'amministratore la richiesta di autorizzazione da parte del proprietario di un piccolo locale che ospita una pizzeria take away al piano terra del condominio, con...
fc2 23 Dicembre 2011 ore 17:21 4
Img dardiv
Buongiorno,vorrei cortesemente porre alcuni quesiti (naturalmente sentirò direttamente un tecnico, ma nel frattempo volevo raccogliere qualche opinione).Due giorni fa si...
dardiv 26 Aprile 2015 ore 07:20 4
Img steam_user
Buon giorno a tutti, sto ristrutturando casa ed è mia intenzione mettere un impianto di climatizzazione, il problema è che il mio appartamento fa parte di un...
steam_user 31 Ottobre 2017 ore 10:03 2