Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Fattura per detrazioni fiscali

A chi vanno intestate le fatture relative a lavori che possono beneficiare delle detrazioni fiscali sulla casa, quando vanno emesse e cosa devono riportare?
09 Luglio 2013 ore 10:08 - NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali

Come devono essere redatte le fatture per lavori che possono beneficiare delle detrazioni fiscali per ristrutturazione o per risparmio energetico?


Numero di fatture emesse


redazione fattureInnanzitutto specifichiamo che ai fini delle detrazioni fiscali il numero di fatture emesse è indifferente. Quindi, se si eseguono lavori di ristrutturazione che implicano la presenza in cantiere di più imprese (muratore, elettricista, idraulico, falegname, pittore…) ogni ditta potrà fatturare i lavori che le competono. Ci sarà quindi una fattura per il muratore, una per l'elettricista e così via.

Il numero di fatture è indifferente anche quando si parla di lavori relativi ad un'unica ditta. Ad esempio, per i medesimi lavori di ristrutturazione prima citati, potranno esserci anche più fatture della stessa ditta, come le fatture di acconto e saldo del muratore o di qualsiasi altra impresa.


Intestatario della fattura



La fattura dovrà essere intestata alla persona che pagherà i lavori e che beneficerà della detrazione fiscale. Parliamo quindi del proprietario o del detentore dell'immobile. Il detentore può essere un familiare convivente del proprietario (deve sussistere un legame ufficiale), l'affittuario, l' usufruttuario , il comodatario ecc.
Poiché il semplice convivente del proprietario non è considerato detentore (nemmeno se risulta residente nell'immobile ristrutturato), consiglio di stipulare un contratto di comodato gratuito qualora il convivente voglia beneficiare dell'agevolazione.

L'indirizzo dell'intestatario della fattura sarà quello in cui è residente al momento dell'emissione del documento. Ciò anche quando si ristruttura un immobile dove successivamente l'intestatario della fattura andrà a risiedere: l'indirizzo da riportare è sempre quello della residenza al momento della fattura.


Data della fattura


La data della fattura è indifferente ai fini della detrazione fiscale, poiché ciò che fa fede per l'agevolazione è la data del pagamento. Non è quindi necessario, come qualcuno ogni tanto chiede, emettere tutte le fatture prima della consegna in Comune della fine lavori.
Tuttavia, nonostante non vi siano particolari prescrizioni sulle date della fattura, è consuetudine emetterle in un tempo che si relazioni in modo logico alle pratiche comunali e all'effettiva esecuzione delle opere.

Ci sono poi casi in cui la fattura e il pagamento possono avvenire a cavallo di cambiamenti sulle detrazioni fiscali. Ad esempio, dal 6 giugno 2013 la detrazione per il risparmio energetico è passata da una percentuale di detrazione del 55% al 65%.
Se prima del 6 giugno è stata emessa una fattura e questa viene pagata dopo tale data, non c'è alcun problema. Poiché la detrazione utilizza come riferimento la data del bonifico, in questo caso si potrà beneficiare della detrazione del 65%, anche se la fattura è stata emessa nel periodo in cui vigeva il 55%.


Contenuto della fattura


fattureIn passato vi era l'obbligo di indicare il costo della manodopera in maniera distinta nella fattura emessa dall'impresa che esegue i lavori. Dal 14 maggio 2011 tale obbligo è stato abolito. Non è nemmeno necessario indicare in fattura riferimenti alle detrazioni fiscali, come ad esempio estremi di leggi e decreti.

Tuttavia ritengo opportuno che in fattura sia specificata ogni opera eseguita, in modo che in occasione di eventuali controlli si abbia chiaro che i lavori effettuati possono beneficiare delle detrazioni. Nel caso in cui la descrizione dei lavori dovesse risultare molto lunga, consiglio di fare riferimento in fattura ad un sal (stato avanzamento lavori) o a un consuntivo dove compariranno tutte le voci di lavorazione ed i loro prezzi.

Mi è stato chiesto più volte come comportarsi in occasione di fatture di acconto e di saldo. Non ci sono particolari regole, è però importante che tutto risulti chiaro.

Una modalità che mi pare abbastanza comoda sia per chi redige la fattura che per chi dovrà esaminarla in caso di controlli è emettere dapprima una fattura di acconto, anche con indicazione generica (es. sostituzione di serramenti presso l'immobile in via….), e poi una fattura di saldo, in cui si riporteranno in modo preciso tutti i lavori eseguiti (ad esempio per i serramenti si metterà quanti sono e che caratteristiche hanno) dalla quale si dedurrà il precedente acconto, facendo specifico riferimento alla fattura ad esso relativo.

C'è poi la questione relativa a più lavori eseguiti dalla medesima ditta, ma di cui solo una parte può beneficiare delle detrazioni fiscali. È allora utile emettere fatture differenziate: una con le voci di opere non detraibili, una con le voci che possono beneficiare della detrazione per le ristrutturazioni edilizie e una per le voci che possono beneficiare della detrazione sul risparmio energetico. Questo argomento è stato approfondito in un precedente articolo, di cui consiglio la lettura.

riproduzione riservata
Articolo: Fattura per detrazioni fiscali
Valutazione: 3.60 / 6 basato su 242 voti.

Fattura per detrazioni fiscali: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Nicolò
    Nicolò
    Sabato 23 Gennaio 2021, alle ore 10:45
    Devo ristrutturare un appartamento, su alcuni lavori ho ricevuto indicazioni contrastanti.
    Le chiedo conferma per quanto segue:
    – rifacimento intonaci ammalorati (con conseguenti rasature, tinteggiature etc): qualcuno li definisce “ordinaria manutenzione”, qualcuno “prevenzione situazione di degrado “; non mi sembra lavoro ordinario nè rasare, nè ripristinare intonaci.
    – spostamento tramezzo, ampliamento vani porta, abbattimento vano porta: rientrano nel bonus 50%
    – sostituzione infissi: rientrano nel bonus 50%
    – sostituzione porte interne: rientrano nel bonus 50%
    – pavimenti in sovrapposizione: non rientrano nei bonus.
    rispondi al commento
  • Maxzizou62
    Maxzizou62
    Martedì 29 Dicembre 2020, alle ore 12:38
    Lavori di ristrutturazione fatti da gennaio 2019 ad aprile 2019, ricevuto 4 fatture con indicazione SAL1-2-3-4 per un totale di 47.000 €.
    A marzo 2020 ricevo saldo (non fattura) per 30.000 €.
    È corretto a distanza di un anno?
    Posso eventualmente detrarmele?
    rispondi al commento
  • Tamara1
    Tamara1
    Venerdì 5 Giugno 2020, alle ore 12:27
    Per avere la detrazione posso acquistare io direttamente la caldaia con fattura a mio nome e farmi fare dall'idraulico solo la fattura della manodopera opera?
    rispondi al commento
  • Roby8
    Roby8
    Lunedì 14 Ottobre 2019, alle ore 10:25
    Visto che farò dei lavori su facciata ed essendo a vincolo ambientale e cambiando colore e materiale, il mio geometra ha già presentato SCIA.
    Se la ditta, (prima di avere l'asseveramento del comune), mette il ponte, procede a stonacare e preparare le pareti per intervento ed emette fattura, io posso già pagare prima con tutti i parametri (.rif./ bonifico parlante) per una parte di avanzamento lavori anche se ancora non abbiamo la risposta definitiva?
    Nel preventivo dell'azienda avevamo accordato anche un 30% all'inizio dei lavori.
    Quindi se facciamo tutto nei parametri giusti posso. stare tranquillo?
    rispondi al commento
  • Lilla1
    Lilla1
    Giovedì 14 Febbraio 2019, alle ore 17:34
    Ho una fattura dicembre 2018 con pagamento gennaio 2019, rientra come detrazione a partire dall'anno 2019?
    L'acquisto di illuminazioni tipo lampadari ecc, rientrano nel piano generale di ristrutturazione ?
    rispondi al commento
    • Silvio rotciani
      Silvio rotciani Lilla1
      Giovedì 4 Giugno 2020, alle ore 21:14
      Ho una fattura dicembre 2019 con pagamento maggio 2020, rientra come detrazione a partire dall'anno 2020 o 2021?
      rispondi al commento
  • Cristiana2
    Cristiana2
    Martedì 11 Settembre 2018, alle ore 16:31
    Sto effettuando lavori di ristrutturazione ma per comprare sanitari, maioliche pavimenti colla e vari materiali, mi hanno rilasciato il preventivo sul quale effettuare un bonifico parlante con l'acconto del 30% e successivamente effettuare poi il bonifico di saldo e solo allora mi rilasceranno fattura.
    E' corretto?
    Non perderò così le detrazioni? 
    rispondi al commento
  • Betta jolli
    Betta jolli
    Lunedì 10 Settembre 2018, alle ore 20:16
    Ma la fattura deve essere intestata a chi fa' il bonifico è dal proprietario  dell'immobile Ok,ma se il proprietario  dell' immobile non fosse residente nell'appartamento  dove vanno fatti i lavori , come si fffa' ?
    rispondi al commento
  • Betta jolli
    Betta jolli
    Lunedì 10 Settembre 2018, alle ore 20:13
    Salve sto facendo lavori per mettere il riscaldamento ti termosifoni più caldaia con tubazioni ecc, come deve essere fatta la fattura ? Ho la detrazione del 65% ? Grazie
    rispondi al commento
  • Betta jolli
    Betta jolli
    Lunedì 10 Settembre 2018, alle ore 19:53
    Sto facendo dei lavori per realizzare l'impianto di riscaldamento con termosifoni, caldaia, tubazioni ecc.
    Come va fatta la fattura?
    Ho la detrazione del 65%?
    rispondi al commento
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
325.521 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Fattura per detrazioni fiscali che potrebbero interessarti


Contabilità e fatture per detrazioni 50% e 65%

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Quando si eseguono lavori che possono beneficiare di detrazioni fiscali è utile stilare contabilità e fatture distinte per agevolare pagamenti e archiviazione.

Come risolvere errori commessi negli adempimenti per la detrazione 50%

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La complessità della normativa in materia di detrazioni fiscali porta spesso il contribuente a commettere errori negli adempimenti, che talvolta si possono risolvere.

Come risolvere errori commessi negli adempimenti per la detrazione 65%

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Tra gli adempimenti per la detrazione sul risparmio energetico, gli errori più comuni riguardano le fatture, i pagamenti e l'invio della comunicazione all'Enea.

Cumulabilità incentivi sugli interventi edilizi

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Chiarimenti sulla possibilità o meno di poter beneficiare di più detrazioni e contributi relativamente a interventi realizzati su edifici residenziali esistenti.

Applicazione della ritenuta d'acconto sui bonifici per detrazioni 50% e 65%

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Sui bonifici per le detrazioni banche e poste devono operare una ritenuta a titolo di acconto dell'imposta sul reddito dovuta dall'impresa che effettua i lavori

Quali errori possono comportare la perdita della detrazione sulle ristrutturazioni (50%)?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'Agenzia delle Entrate individua gli errori sostanziali ritenuti inaccettabili che determinano la totale perdita della detrazione fiscale sulle ristrutturazioni.

Fatture e bonifici Conto Termico

Impianti rinnovabili - In allegato alla domanda per accedere al Conto Termico è necessario fornire copia delle fatture e delle ricevute dei bonifici, compilati rispettando alcune regole.

Ripartizione detrazioni 50% e 65% fra più soggetti aventi diritto

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Se più soggetti sostengono spese di ristrutturazione di un unico immobile, essi godranno delle detrazioni in base alla spese effettivamente sostenuta da ognuno.

Detrazioni fiscali e pagamenti con finanziamento

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Le detrazioni fiscali per lavori di ristrutturazione o risparmio energetico pagati con finanziamento sono ammesse, ma solo se vengono rispettate alcune procedure.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img veronicapr
Buonasera, pongo un quesito a cui non sono riuscita a trovare risposta sul sito dell'Agenzia delle Entrate: il termine dei 90gg dalla fine lavori è tassativo per i...
veronicapr 15 Febbraio 2021 ore 15:53 6
Img marco8993
Salve,vorrei sostituire gli infissi e gli scuri di casa mia, ho visto che grandi catene come Bricoman hanno iniziato la campagna sconto in fattura 50%, andandomi ad informare da...
marco8993 06 Febbraio 2021 ore 20:10 1
Img ciprianocaterino
Salve ragazzi ho dei dubbi riguardo sulle detrazioni fiscali. Io e la mia compagna abbiamo comprato un immobile e abbiamo dovuto fare una ristrutturazione totale facendo un mutuo...
ciprianocaterino 22 Gennaio 2021 ore 21:21 2
Img whippino
Salve, qualcuno può chiarirmi questo dubbio su "IVA e costi e interessi bancari". L'impresa edile mi farà lo sconto in fattura tramite cessione del credito d'imposta...
whippino 24 Dicembre 2020 ore 16:15 1
Img d8s4nha
Ciao a tutti! Sono un libero professionista - titolare di redditi esclusivamente derivanti da tale attività - che attualmente aderisce al regime forfetario, pertanto con...
d8s4nha 02 Dicembre 2020 ore 11:29 4