Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Piscine e distanze legali

NEWS Proprietà24 Settembre 2015 ore 10:57
Le norme sulle distanze tra costruzioni non valgono per le piscine interrate. Lo ha (ri)affermato il Tar Napoli con la sentenza n.3520 del 2015 del 2 luglio 2015.
distanze legali , piscine interrate , piscina

Distanze legali e rapporti di vicinato


PiscinaI rapporti di vicinato, quando sono astiosi, portano nelle aule di tribunale le controversie più disparate.
Certo, talvolta, anche l'astio può essere utile all'interesse pubblico perchè può contribuire a un maggiore rispetto delle norme da parte dei consociati.
Così, ad esempio, può succedere che il vicino di casa presenti un esposto al Comune per una costruzione senza autorizzazione di una piscina, di un pergolato e altri locali e poi, una volta che i vicini hanno ottenuto il permesso di costruire in sanatoria, si rivolga anche al tribunale amministrativo per chiederne l'annullamento, tra gli altri motivi, anche per mancato rispetto delle distanze legali.

È il caso che ha portato alla sentenza del Tar di Napoli n. 3520 depositata il 2 luglio scorso.

Come noto, infatti, le costruzioni devono rispettare determinate distanze fissate dalla legge e dai regolamenti locali. La questione giuridica odierna è se le norme vanno applicate anche al caso delle piscine.


Le distanze tra costruzioni


Per rispondere alla domanda partiamo dal dato normativo: la norma principale di riferimento è contenuta nell'art. 873 c.c., secondo cui tra le costruzioni su terreni confinanti, se non sono unite o aderenti, deve esserci una distanza non minore di tre metri.

Il limite di tre metri può essere aumentato dai regolamenti locali (ma, evidentemente, non ridotto).

Il fulcro della questione si fonda, quindi, sul concetto di costruzioni.

Per costruzioni dobbiamo intendere, per quanto ci riguarda, qualsiasi opera non completamente interrata che abbia i caratteri della solidità, stabilità e immobilizzazione al suolo.

La giurisprudenza si esprime spessissimo con tali termini; per esempio, con le sentenze della Corte di Cassazione nn. 22127/2007 e 20574/2007 e di recente, n. 9679/2014.

Infatti, gli edifici interrati sono esclusi dall'ambito del concetto di costruzioni come intese dall'art. 873 c.c.; anche in tal senso la giurisprudenza è vasta; si menzionano solo la sentenza n. 5450 del 1998 con cui la Corte di Cassazione esclude dalle norme sulle distanze una costruzione posta al di sotto del piano di campagna e la sentenza della Corte di Cassazione n. 5956 del 1996 con cui viene escluso dall'applicazione della norma un campo da tennis.

Per quanto ci riguarda, bisogna evidenziare che una costruzione, affinché sia rilevante ai sensi dell'art. 873 c.c., e dunque soggetta alle norme sulle distanze ivi cntenute, non può essere completamente interrata.

Infatti, come è statto detto, i piani interrati devono ritenersi esonerati dal rispetto delle distanze legali (Tar Puglia, Lecce n. 3200/2014).


Distanze legali e piscine


PiscinaCon tale premessa, allora, le piscine corrispondono a tale definizione?

Avendo presente il concetto generale, già più volte affermato in giurisprudenza, evidentemente no!

Ma vediamo in che limiti.

Già il Tar di Milano, con la sentenza n. 428 del 1988, richiamata dalla sentenza del Tar Napoli n. 3520, aveva in passato escluso l'applicazione delle distanze legali alle piscine interrate.


La decisione del Tar Napoli n. 3520 del 2015


Il Tar Napoli decide rifacendosi alla pregressa giurisprudenza e dunque così spiega:
In ogni caso, poi, entrambe le opere (piscina e annessi vani tecnici) non risultano rilevanti ai fini della violazione delle distanze legali trattandosi di opere interrate o che comunque non si innalzano oltre il livello del terreno, con conseguente inconfigurabilità di un corpo edilizio idoneo a creare dannose intercapedini e a pregiudicare la salubrità dell’ambiente collocato tra gli edifici.

Si specifica poi il motivo per cui è previsto l'obbligo del rispetto delle distanze e, conseguentemente, il motivo per cui esso non si applica al caso di specie:
essendo la normativa dettata in materia di distanze legali diretta ad evitare la formazione di strette e dannose intercapedini per evidenti ragioni di igiene, areazione e luminosità, ne deriva che la suddetta normativa è inapplicabile relativamente ad un manufatto completamente interrato quale una piscina (T.A.R. Lombardia, Milano, 20 dicembre 1988 n. 428), in quanto i piani interrati devono ritenersi esonerati dal rispetto delle distanze legali (T.A.R. Puglia, Lecce, sez. III 30 dicembre 2014 n. 3200).

Anche la ratio della legge e cioè il fatto che tale obbligo esiste al fine di evitare la formazione di strette e dannose intercapedini in realtà è stata spesso ribadita negli stessi termini dalla giurisprudenza; tra tante decisioni si menzionano quelle della Corte di Cassazione n. 4639 del 2007 e del Tribunale di Modena n. 638 del 10 aprile 2014.O anche della Corte di Cassazione n. 5956 del 1996, con cui viene eslcuso dall'obbligo delle distanze un campo da tennis, in quanto costruito sul piano di campagna, ma anche i plinti interrati di sostegno dei pali di illuminazione del campo, in quanto, non erette sopra il suolo e ritenuti opere assolutamente inidonee a creare intercapedini, e, ancora, il cordolo cementizio posto a delimitare lo stesso campo da tennis, la rete metallica di protezione del campo stesso e i pali posti a sostegno delle cellule fotoelettriche di illuminazione, per l'oggettiva idoneità a determinare intercapedini che siano fonti di danno o di pericolo e al solo scopo di accertare se a quell'opera possa attribuirsi la natura di costruzione, nel senso e ai fini dell'art. 873 c.c..


Piscine non interrate


Con la sentenza n. 3520 del Tar Napoli viene dunque chiaramente spiegata la ratio delle norme sulle distanze di cui all'art. 873 c.c. e, dunque, anche l'esclusione delle stesse per il caso delle piscine (interrate).

Attenzione però: è ben tenere presente che tutto il ragionamento si basa sul presupposto dell'interramento; dunque, una piscina non interrata deve rispettare le distanze legali.

Non manca sulla questione una decisione della suprema Corte, la n. 13389 del 2011, con la quale è stato appunto deciso, in un caso di rialzo del terreno in cui era stata poi interrata una piscina, che si trattasse di vera e propria costruzione ai sensi dell'art. 873 c.c. ribadendo che, secondo la consolidata giurisprudenza di Legittimità:
la nozione di costruzione non si identifica con quella di edificio ma si estende a qualsiasi manufatto non completamente interrato che abbia i caratteri della solidità, stabilità, ed immobilizzazione al suolo, anche mediante appoggio, incorporazione o collegamento fisso ad un corpo di fabbrica preesistente o contestualmente realizzato, indipendentemente dal livello di posa e di elevazione dell'opera.

riproduzione riservata
Articolo: Distanze legali e piscine
Valutazione: 4.50 / 6 basato su 18 voti.

Distanze legali e piscine: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Ing. Luigi Fanizzi
    Ing. Luigi Fanizzi
    Mercoledì 31 Agosto 2016, alle ore 18:14
    Le norme sulle distanze, dai confini, per le costruzioni , di cui all'art. 873 del cc, non valgono per pozzi, cisterne (ovvero piscine), fosse e tubi, ma vale quanto specificatamente prescritto all'art.. 889 del cc.

    La disposizione concerne esclusivamente le pozzi, cisterne, piscine e tubi interrati, o comunque ogni manufatto in muratura, anche non interrato, adibito per la raccolta delle acque (potabili, piovane o reflue).
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
REGISTRATI COME UTENTE
305.701 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Cristal cover 200telo
    Cristal cover 200telo...
    2740.00
  • Cristal cover 200
    Cristal cover 200...
    3546.00
  • Copripiscina in pvc
    Copripiscina in pvc...
    1995.00
  • Tenda nuvola isola
    Tenda nuvola isola...
    852.00
  • Telemetro distanziometro laser
    Telemetro distanziometro laser...
    32.99
  • Termometro pistola digitale ad infrarossi
    Termometro pistola digitale ad...
    35.99
Notizie che trattano Distanze legali e piscine che potrebbero interessarti
La costruzione di una piscina e il rispetto delle distanze legali

La costruzione di una piscina e il rispetto delle distanze legali

Leggi e Normative Tecniche - Le piscine devono rispettare le distanze minime tra edifici e dai confini del lotto? La risposta è complessa e dipende dalle caratteristiche di ciascuna piscina
Distanze legali tra edifici: non valgono in presenza di strada pubblica

Distanze legali tra edifici: non valgono in presenza di strada pubblica

Leggi e Normative Tecniche - Le norme sulle distanze legali previste dal codice civile prevalgono su regolamenti edilizi locali. Non valgono però se tra gli edifici c'è una strada pubblica.

Spazio bordo piscina, il giusto arredo

Arredo giardino - Se nel vostro giardino avete una piscina, dovrete pensare anche all'arredamento per bordo piscina, in modo da aumentare il comfort per un outdoor davvero unico!

Nuovi modelli di piscine fuori terra, come si installano e quanto costano

Spazio esterno - Le piscine fuori terra sono facili da montare e possono essere installate anche in spazi di scarsa metratura. Ecco i modelli più acquistati, con misure e prezzi

Piscina a sfioro: soluzione progettuale per valorizzare lo spazio esterno

Spazio esterno - Piscina a sfioro: idea per una piscina di forma sfalsata a filo pavimento con zona solarium, creando la suggestione di uno specchio d'acqua nello spazio esterno

Realizzare una piscina: un sogno alla portata di tutti

Sistemazione esterna - Costruire una piscina interrata è un desiderio facilmente realizzabile grazie alle nuove tecnologie costruttive e ai materiali innovativi presenti sul mercato.

Deroga distanze minime e barriere architettoniche

Normative - Una sentenza della Corte di Cassazione ribadisce che gli impianti necessari al superamento delle barriere architettoniche possono derogare alle distanze minime.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img chelomay15
Salve,Faccio parte di un condominio di 14 unitá con una piscina comune.L’anno scorso l’amministratore ci ha comunicato la necessitá di mettere a norma la...
chelomay15 22 Maggio 2014 ore 22:05 1
Img didy
Buongiorno,sono proprietario di una seconda casa situata in un complesso condominiale formato da tre edifici che si affacciano sulla piscina condominiale.La piscina ha quattro...
didy 29 Luglio 2015 ore 17:17 1
Img carlobuon
Ciao a tutti, sto pensando di acquistare una piscina fuori terra per la mia tenuta estiva. Non so da dove iniziare, è una fissazione di mia moglie. Qualcuno saprebbe darmi...
carlobuon 16 Aprile 2018 ore 11:29 6
Img decot
Vorrei installare una piscina in giardino, ma non so se è necessario chiedere una licenza per la costruzione. In questo caso è una piscina fuori terra del marchio...
decot 31 Maggio 2018 ore 10:17 3
Img twigg0
Buongiorno a tutti,avrei bisogno di un vostro parere da esperti.Ho la possibilità di installare una piscina fuori terra su di un terrazzo di mia proprietà.Da...
twigg0 10 Ottobre 2018 ore 15:40 7