Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Distanza delle canna fumaria dalle finestre

NEWS Parti comuni18 Gennaio 2015 ore 10:17
Quali sono le norme che i condòmini devono rispettare qualora decidano d'installare una canna fumaria sul muro perimetrale dell'edifico? Il ruolo dei regolamenti locali.

Installazione di una canna fumaria in condominio


Canna fumariaIn che modo i condòmini possono installare una canna fumaria su una parte comune dell'edificio (es. facciata) senza andare incontro a contestazioni?

Uso della cosa comune, nozione di canna fumaria e individuazione delle norme che disciplinano le distanze dalle finestre; sono queste le parole chiave attorno alle quali ruota la soluzione al quesito che abbiamo posto.

Una sentenza resa dal Tribunale di Bari il 16 giugno del 2014, conformemente all'orientamento espresso dalla Suprema Corte di Cassazione nel corso degli anni, ci aiuterà ad affrontare la questione.

Partiamo dall'uso della cosa comune.

Ogni condomino, dice l'art. 1102 c.c. (dettato per la comunione ma applicabile al condominio in ragione del rinvio contenuto nell'art. 1139 c.c.), ha diritto di utilizzare le cose comuni nel modo che ritiene più opportuno rispetto alle proprie esigenze.

Questo diritto, non è un diritto assoluto, ossia deve rispettare il pari diritto degli altri comproprietari e comunque l'utilizzazione a fini personali, non deve:

a) alterare la destinazione della parte comune;

b) ledere la sicurezza, la stabilità ed il decoro dell'edificio.

L'art. 1102 c.c. è quella norma che, per intendersi, fa sì che possa essere considerata legittima l'installazione di un ascensore sulle parti comuni .

Che cosa vuol dire, concretamente, diritto d'uso nel rispetto del pari diritto degli altri condòmini?

La Cassazione, quando è stata chiamata a rispondere al quesito (ed il Tribunale di Bari nella sentenza succitata), ha specificato che tale pari uso non vuol dire uso identico e contemporaneo ma più semplicemente divieto di escludere ogni altra possibile utilizzazione del bene comune.

FinestreE qui arriviamo alla questione dell'apposizione della canna fumaria sul muro perimetrale comune. Uno dei condomini aveva agito per chiederne la rimozione, ritenendo che l'installazione fosse lesiva del suo diritto d'uso tutelato dall'art. 1102 c.c.; per dirla diversamente, il condomino che aveva installato la canna fumaria aveva violato l'art. 1102 c.c. appena citato andando oltre il proprio diritto.

Il Tribunale di Bari, con la sentenza 16 giugno 2014, ha ritenuto che non fosse intervenuta alcuna violazione. Motivo?

L'installazione di una canna fumaria sul muro perimetrale, rispetto alle concrete situazioni concernenti quell'immobile, non solamente non era lesiva di un'eventuale diritto all'uso identico e contemporaneo (che comunque non è questione di sé fondamentale, secondo la Cassazione ed il giudice barese), ma non lasciava intravedere nessun altro pregiudizio rispetto ad altre modalità di utilizzazione (che lo stesso condòmino attore non aveva allegato quale prova della violazione dell'art. 1102 c.c.).


Distanza della canna fumaria dal confine


L'attore – nella causa decisa dall'ufficio giudiziario del capoluogo pugliese – non aveva solamente chiesto l'accertamento della violazione dell'art. 1102 c.c. ma anche lamentato la trasgressione di quanto stabilito dall'art. 906 e 907 c.c. in materia di distanze delle costruzioni dalle vedute.

Rispetto all'art. 906 c.c. il giudice ha affermato che la norma non era applicabile alla vicenda (essa infatti riguarda l'apertura di vedute sul fondo del vicino). Del pari, prosegue il Tribunale di Bari, la controversia de quo non è inquadrabile nell'alveo di quanto disposto dall'art. 907 c.c. in quanto la canna fumaria non è una costruzione.

Ed allora? Quali sono le norme cui fare riferimento per comprendere quando una canna fumaria è stata correttamente installata e quando, invece, è legittimo domandarne la rimozione?

Il Tribunale di Bari ha risposto così: l'art. 890 c.c. e il regolamento edilizio locale.

La norma codicistica rispetto alle canne fumarie (più specificamente l'art. 890 c.c. parla di camini) afferma che chi vuole installarle presso il confine (in tale concetto nell'ambito condominiale ) dev'essere considerato anche lo spazio comune prossimo all'unità immobiliare di proprietà esclusiva le distanze previste dai regolamenti locali e, se questi non dicono nulla in merito, quelle necessarie a preservare le proprietà dei vicini da ogni danno alla solidità, salubrità ed alla sicurezza.

Nel caso di specie, afferma il giudice adito, non solamente il regolamento edilizio locale non prevede alcuna distanza per l'installazione delle canne fumarie, ma quella la cui installazione è stata contestata non mette in pericolo alcuno degli aspetti menzionati.

Come dire: le canne fumarie, se non vi sono distanze o problemi di solidità, sicurezza e salubrità, possono essere installate senza problemi.

Restano sempre salve le disposizioni contenute nei regolamenti condominiali, che, se di natura contrattuale, possono arrivare a vietare tout court questo genere d'installazioni.

riproduzione riservata
Articolo: Canna fumaria: distanza dalle finestre
Valutazione: 3.74 / 6 basato su 66 voti.

Canna fumaria: distanza dalle finestre: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Gino
    Gino
    Giovedì 23 Febbraio 2017, alle ore 17:55
    Salve di fronte alla mia finestra ce una canna fumaria posizionato sul terrazzo.
    La distanza fra la mia finestra e quel terrazzo ci sarrano più o meno 10 metri di distanza.
    Ogni volta che accendono questo cammino c'è puzza se tengo le finestre aperte si sente anche a casa e la roba stesa puzza. Poi se c'è vento ancora peggio.
    Cosa posso fare?? A chi mi posso rivolgermi ? 
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Gino
      Venerdì 24 Febbraio 2017, alle ore 09:36
      Ad un avvocato per valutare se si può fare causa per immissioni intollerabili (art. 844 c.c.).
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
REGISTRATI COME UTENTE
306.724 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Manutenzione caldaia
    Manutenzione caldaia...
    80.00
  • Canna pvc con croce e nodi altezza
    Canna pvc con croce e nodi altezza...
    2.99
  • Ristrutturazione appartamento Prato e dintorni
    Ristrutturazione appartamento...
    600.00
  • Prolifo ferma passatoia
    Prolifo ferma passatoia...
    18.00
  • Tiracamino per caminetti
    Tiracamino per caminetti...
    359.90
  • Tagliasiepi elettrico
    Tagliasiepi elettrico...
    54.90
Notizie che trattano Canna fumaria: distanza dalle finestre che potrebbero interessarti
Manutenzione canne fumarie in eternit

Manutenzione canne fumarie in eternit

Impianti di riscaldamento - Il problema dello smaltimento dell'amianto rappresenta un onere economico notevole per chiunque voglia ottemperare alle vigenti disposizioni di legge in materia.
Caminetti a gas

Caminetti a gas

Impianti di riscaldamento - Il caminetto a gas, oltre a riscaldare, arreda l'ambiente in cui è inserito e in più richiede manutenzione quasi nulla con costi di gestione super economici.

Canne fumarie, distanze dal confine e problemi condominiali

Parti comuni - Le canne fumarie necessarie all'evacuazione dei fumi derivanti dal funzionamento degli impianti di riscaldamento devono essere portate sopra il colmo del tetto.

La canna fumaria non è una costruzione

Leggi e Normative Tecniche - La canna fumaria - la cui funzione è quella di consentire la canalizzazione e lo scarico dei fumi - quale elemento accessorio di un impianto, non è una costruzione.

Canne fumarie per tetti in legno, come evitare il rischio incendio

Soluzioni progettuali - La canna fumaria, se non è realizzata nel modo giusto e non è correttamente coibentata, potrebbe innescare incendi nei tetti e solai interpiano. Ecco cosa fare.

Funzionamento Sistemi Fumari

Impianti - I sistemi fumari nelle principali caldaie ad uso civile, le più diffuse delle quali sono quelle di tipo C, si distinguono per tipologia nei generi a secco ed a umido.

Come migliorare il tiraggio della canna fumaria

Impianti di riscaldamento - Ecco alcune regole per la progettazione della canna fumaria e per la sua corretta manutenzione per consentirne l'adeguato tiraggio dei fumi della combustione.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img gianfrsg75
Buonasera a tutti,spero di ricevere un consiglio da qualcuno più esperto di me per risolvere un problema annoso che mi si è presentato.Abito in un piccolo...
gianfrsg75 12 Febbraio 2014 ore 18:19 1
Img nunzio1942
Abito in un condominio di 5 piani con caldaia da riscaldamento autonoma esterna,vorrei installare una stufa a pellet.Il rivenditore dice che per i fumi posso utilizzare la canna...
nunzio1942 02 Marzo 2014 ore 14:01 1
Img doc11
Buongiorno,dato per assodato che i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria da effettuare su una canna fumaria sono di competenza dei suoi utilizzatori, vorrei gentilmente...
doc11 05 Marzo 2014 ore 17:27 1
Img cipi86
Buonasera,ho un problema con una stufa a pellet installata dal proprietario del piano terra in quanto hanno montato la stufa facendo andare le scarico dei fumi in una canna...
cipi86 03 Ottobre 2013 ore 15:07 1
Img chiarale
Dovendo ristrutturare un locale di nostra proprietà al piano terra di un condominio, abbiamo scoperto che la canna fumaria originale, risalente a circa 30 anni fa, ma mai...
chiarale 27 Gennaio 2014 ore 16:17 1