Distanza dei tubi dal confine

NEWS DI Leggi e Normative Tecniche25 Giugno 2012 ore 21:37
Le tubazioni di acqua, gas e simili devono essere poste ad almeno un metro dal confine. Quando si applica questa norma? Qual è il ruolo dei regolamenti locali?
tubi , tubazioni , distanza , confine

TubazioniAi sensi dell'art. 889 c.c., rubricato Distanze per pozzi, cisterne, fosse e tubi:

Chi vuole aprire pozzi, cisterne, fosse di latrina o di concime presso il confine, anche se su questo si trova un muro divisorio, deve osservare la distanza di almeno due metri tra il confine e il punto più vicino del perimetro interno delle opere predette.

Per i tubi d'acqua pura o lurida, per quelli di gas e simili e loro diramazioni deve osservarsi la distanza di almeno un metro dal confine.

Sono salve in ogni caso le disposizioni dei regolamenti locali.

Soffermiamoci sulle distanze dei tubi dal confine.

Si supponga che Tizio chieda l'allaccio alla rete di distribuzione del gas per la sua abitazione di recente costruzione.


Distanze da rispettare


Il secondo comma dell'articolo appena citato non lascia adito a dubbi: le tubazioni del gas devono essere poste ad almeno un metro dal confine.

In sostanza, per chiarire la portata della norma con un esempio, Tizio non potrà far passare i tubi sul muro di confine che separa la sua proprietà da quella di Caio, il suo vicino.

Ciò posto è utile domandarsi: qual è la ratio della norma?

Detto diversamente: perché il legislatore ha previsto una distanza minima per l'installazione delle tubazioni?

La Cassazione, in più occasioni, ha avuto modo di chiarire che la distanza di almeno un metro dal confine è prescritta dall'art. 889 c.c., comma 2, per l'installazione dei tubi dell'acqua, del gas e simili, giacchè per tali condutture, aventi un flusso costante di sostanze liquide o gassose, il legislatore ha tenuto conto della loro potenziale attitudine ad arrecare danno alla proprietà contigua, stabilendo, con valutazione ex antea, una presunzione iuris et de iure di pericolosità.

Tubazioni2Tra dette opere non rientrano i tubi destinati all'illuminazione e i loro arredi: per essi, non espressamente contemplati nella menzionata disposizione, non soccorre la presunzione assoluta di pericolosità, ed è, pertanto, necessario - affinché in via di interpretazione estensiva possa ritenersi ugualmente sussistente l'obbligo di rispettare le distanze ivi previste - accertare in concreto, sulla base delle loro specifiche caratteristiche, e con onere della prova a carico della parte istante, se abbiano o meno attitudine a cagionare danno (cfr. Cass., Sez. 2^, 5 Liarzo 1973, n. 587; Cass., Sez. 2^, 5 novembre 1977, n. 4719; Cass., Sez. 2^, 29 maggio 1986, n. 3643; Cass., Sez. 2^, 3 dicembre 1991, n. 12927; Cass., Sez. 2^, 9 gennaio 1993, n. 145) (Cass. 16 dicembre 2010 n. 25475).

In pratica è la pericolosità della tubazione a far sorgere l'obbligo di rispettare la distanza minima prevista dalla legge ; poiché la norma non contiene una elencazione tassativa ma meramente esemplificativa della tipologia di tubazione, la loro pericolosità dovrà essere valutata in concreto.


Distanze e appartamenti in condominio


Per ciò che concerne l'apposizione di tubazioni relativamente agli appartamenti in condominio, la situazione è leggermente differente.

Facciamo riferimento a quanto stabilito dalla Cassazione.

Secondo i giudici di legittimità le norme relative ai rapporti di vicinato, tra cui quella dell'art. 889 cod. civ., trovano applicazione rispetto alle singole unità immobiliari soltanto in quanto compatibili con la concreta struttura dell'edificio e con la particolare natura dei diritti e delle facoltà dei singoli proprietari; pertanto, qualora esse siano invocate in un giudizio tra condomini, il giudice di merito è tenuto ad accertare se la loro rigorosa osservanza non sia nel caso irragionevole, considerando che la coesistenza di più appartamenti in un unico edificio implica di per sè il contemperamento dei vari interessi al fine dell'ordinato svolgersi di quella convivenza che è propria dei rapporti condominiali (Cass. 21 maggio 2012 n. 12520).

Ciò vuol dire che le norme dettate sulle distanze, allorquando debbano essere applicate al condominio negli edifici, possono essere derogate in ragione del diritto all'uso delle parti comuni previsto dall'art. 1102 c.c.


Ruolo dei regolamenti locali


Il secondo comma dell'art. 889 c.c. prevede una distanza minima di un metro ma il successivo terzo comma fa salve le disposizioni contenute nei regolamenti locali.

Tubazioni3Che cosa significa?

Si può ipotizzare che i regolamenti locali (es. regolamenti edilizi) possano prevedere distanze inferiori?

La risposta, almeno secondo la giurisprudenza, è negativa.

In particolare è stato affermato che la suddetta disposizione codicistica (art. 889, secondo comma, c.c. n.d.A.), nel prevedere per i tubi d'acqua pura o lurida la distanza di almeno un metro dal confine, si fonda su una presunzione assoluta di dannosità per infiltrazioni o trasudamenti che non ammette la prova contraria (Cass. 5/4/1997 n. 2964; Cass. 2/2/2009 n. 2558); ne consegue logicamente che l'art. 889 c.c., comma 3, nel prevedere che sono salve in ogni caso le disposizioni dei regolamenti locali, deve essere necessariamente interpretato nel senso che tale normativa può prevedere per i tubi d'acqua una distanza dal confine maggiore di quella minima di un metro per meglio prevenire e scongiurare quei pericoli di pregiudizio per il fondo del vicino che possono derivare dalle suddette infiltrazioni, e non certamente una distanza minore (Cass. 15 marzo 2010 n. 6235).

riproduzione riservata
Articolo: Distanza dei tubi dal confine
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 48 voti.

Distanza dei tubi dal confine: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Luigi3
    Luigi3
    Mercoledì 20 Dicembre 2017, alle ore 19:01
    La tubazione interrata nel letto di un alveo che non può creare infiltrazioni nei terreni vicini perché nell'alveo scorre l'alqua del canale superficiale deve rispettare la distanza di un metro?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Luigi3
      Mercoledì 27 Dicembre 2017, alle ore 11:08
      Sì, deve rispettare la distanza.
      rispondi al commento
  • Ls1964
    Ls1964
    Domenica 20 Agosto 2017, alle ore 20:16
    Il mio vicino di casa ha installato un impianto di irrigrazione a 20 cm. dal mio muro di confine con il suo terreno che ha posto anche più alto del mio giardino ed ovviamente quando l'impianto è in funzione allaga i punti vicino al mio muro cosa posso fare?
    rispondi al commento
  • Alessandra
    Alessandra
    Martedì 17 Dicembre 2013, alle ore 12:47
    Devo ristrutturare casa, volevo porre la cucina in un vano confinante con un'altro appartamento.
    Il problema è la collocazione dei tubi acqua e gas su questa parete comune.
    Poichè il confinante, informato, non ha dato il suo consenso, volevo chiederle, costruendo una nuova parete a ridosso dell'esistente, opportunamente coibentata dove alloggiare i tubi, è possibile superare l'ostacolo del mancato consenso? Grazie.
    rispondi al commento
  • Patrizia Zagnoli
    Patrizia Zagnoli
    Giovedì 16 Maggio 2013, alle ore 22:53
    Rifacendo il parquet in un palazzo dell'800 ho scoperto tre tubi vecchissimi ma funzionanti sotto il mio pavimento.
    Vanno dai contatori all'appartamento del vicino: sono dell'acqua in arrivo ed in distribuzione e del gas.
    Specialmente questo ultimo è pericolosissimo che posso fare?
    Grazie
    rispondi al commento
  • Fiore
    Fiore
    Mercoledì 20 Marzo 2013, alle ore 09:21
    Buongiorno: Da una indagine, effettuata da parte del comune, questi due bagni sono stati realizzati senza progetti e senza licenza edelizia.
    Cosa succede?
    rispondi al commento
  • Marco Tiglie
    Marco Tiglie
    Martedì 19 Marzo 2013, alle ore 15:15
    Supponiamo che al confine ci sia una doppia parete, una mia e l'altra del vicino e che siano maturati i termini di usocapione, anche se quell'impianto è stato modificato una decina di anni fa. Tutto questo autorizza i vicini a non risolvere il problema della rumorosità. Grazie
    rispondi al commento
  • Alessandro (torino)
    Alessandro (torino)
    Lunedì 18 Marzo 2013, alle ore 23:46
    Buonasera, sto realizzando una ristrutturazione, sul muro confinante, a una distanza di 30 cm vorrei far passare tubi di scarico per il bagno. Con l'autorizzazione scritta del mio vicino (il quale avrà la mia) possiamo derogare l' art 899? è necessario registrare il contratto? In caso di vendita? grazie !
    rispondi al commento
  • Marco Tigliè
    Marco Tigliè
    Domenica 17 Marzo 2013, alle ore 19:04
    Abito da tre anni in in paesino in Umbria e ho un problema con il mio vicino di confine (l'unico) perche il suo impianto di riscaldamento passa all'interno del muro che confina con la mia proprietà ed è molto rumoroso tanto da impedirci di prendere sonno.
    Come al solito alla mia richiesta di provvedere ho avuto le solite risposte:
    1) E' normale;
    2) fammi causa;
    3) fatti tu un cappottino interno.
    È normale un impianto sul confine?
    Cosa posso fare?
    rispondi al commento
    • Legale
      Legale Marco Tigliè
      Lunedì 18 Marzo 2013, alle ore 13:26
      Per Marco Tigliè: no, come si può leggere nell'articolo a meno che non siano maturate servitù per usucapione.
      rispondi al commento
  • Fiore
    Fiore
    Giovedì 31 Gennaio 2013, alle ore 11:11
    Buongiorno, un tizio ha realizzato un bagno vicino al muro di mia proprietà, come posso risolvere questo problema?
    rispondi al commento
    • Grua Paolo
      Grua Paolo Fiore
      Lunedì 11 Marzo 2013, alle ore 17:46
      Per Fiore: purtroppo io ho lo stesso problema da molti anni, i bagni e le relative tubature installate su un muro di confine sono varie, i disagi creati dalle fonti rumorose pure, ma se non c'e' una collaborazione del vicino, l'unico modo è la via legale, con tutta una serie di spese e incognite.
      Meglio provare a installare dei materiali fonoassorbenti, costa decisamente di meno.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Distanza dei tubi dal confine che potrebbero interessarti
Tubazioni Riscaldamento Espansione Diretta

Tubazioni Riscaldamento Espansione Diretta

Impianti - La lunghezza delle tubazioni tra unità interna ed unità esterna, per le macchine da climatizzazione ad espansione diretta è definita dalle case costruttrici.
Tubazioni domestiche

Tubazioni domestiche

Impianti - Le tubazioni domestiche moderne in materiali plastici e rame sono molto più performanti e sicure delle vecchie tubature in ferro zincato o in acciaio dolce
Proteggere le tubazioni da pressioni e temperature estreme

Proteggere le tubazioni da pressioni e temperature estreme

Impianti - Le tubazioni idriche sono frequentemente sottoposte a situazioni di temperature e pressioni particolarmente estreme: sia per caratteristiche legate alla

Protezioni impianti tecnologici

Fai da te - Durante i lavori gli impianti tecnologici, idrici elettrici e condizionamento devono essere protetti, la loro realizzazione si colloca tra le altre fasi di lavorazioni.

Tubi Gas Multistrato

Normative - In Italia, come da diversi anni in Europa, è finalmente possibile utilizzare nuovi materiali per gli impianti gas oltre al rame, all'acciaio ed al polietilene.

Modifiche elettriche in casa

Impianti - Come fare e cosa fare quando c'è la necessità di modificare un impianto elettrico per installare una luce o una presa aggiuntiva in un ambiente sprovvisto.

Scelta Materiali Impianti Termici Idrici

Impianti - I materiali per realizzare gli impianti termici ed idrici possono essere suddivisi in due grandi famiglie: quelli di natura metallica e quelli di natura plastica.

Caratteristiche degli impianti a collettori

Impianti - Gli impianti collettori sono una tipologia di impianti diffusa per la climatizzazione estiva e per quella invernale, offrono maggiore flessibilità degli standard.

Climatizzazione: collegamenti tubazioni macchine interne esterne

Impianti di climatizzazione - Il collegamento delle tubazioni tra le unità interne e quelle esterne è determinante ai fini del corretto funzionamento delle macchine di climatizzazione.
REGISTRATI COME UTENTE
296.746 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Tubo poroso 15 mt claber
    Tubo poroso 15 mt claber...
    21.96
  • Tubo poroso 25 mt claber
    Tubo poroso 25 mt claber...
    35.38
  • Top black mt 50 Ø 1/2" (12
    Top black mt 50 ø 1/2"...
    47.40
  • Tubo pe diam 3/4" (19 25mm) 25
    Tubo pe diam 3/4" (19 25mm) 25...
    21.96
  • Lampada torcia frontale
    Lampada torcia frontale...
    17.17
  • Sistema di sicurezza domestico wireless
    Sistema di sicurezza domestico...
    129.08
Natale in Casa
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Policarbonato online
  • Officine Locati
  • Faidatebook
  • Black & Decker
  • Kone
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.