Distacco dal riscaldamento condominiale in Piemonte

NEWS DI Condominio26 Ottobre 2013 ore 10:18
In Piemonte vige una normativa regionale che si sovrappone a quella nazionale e restringe le possibilità per un condòmino di staccarsi dall'impianto centralizzato.

condominioÈ possibile per un condòmino staccarsi dal riscaldamento condominiale? La risposta non è la medesima in tutta Italia, poiché, oltre ad esistere Leggi nazionali, esistono anche normative regionali, spesso più restrittive di quelle nazionali.

In questo articolo analizzeremo cosa succede in Piemonte, partendo da un rapido riassunto della normativa nazionale e cercando poi di capire in che modo subentra la normativa regionale.



Normativa nazionale inerente la disciplina del condominio


La recente riforma della disciplina condominiale, attuata con la Legge nazionale n.220/2012 ed entrata in vigore il 18 giugno 2013, ha apportato un'importante novità all'articolo 1118 del Codice Civile.

Viene infatti prevista la possibilità da parte del condòmino di rinunciare all'impianto di riscaldamento e di condizionamento, purché dalla sua rinuncia non derivino notevoli squilibri di funzionamento né aggravi di spesa per gli altri condòmini. Resta tuttavia fermo l'obbligo del rinunziante di concorrere alle spese per la manutenzione straordinaria dell'impianto e per la sua conservazione e messa a norma.



Normativa nazionale inerente il diritto pubblico ambientale e il contenimento dei consumi energetici


Il tema del distacco dal riscaldamento condominiale non interessa però solamente l'ambito del diritto civile, ma anche quello del diritto pubblico ambientale, coinvolgendo le questioni di tutela della qualità dell'aria e di contenimento dei consumi energetici.

A tal riguardo ricordiamo che la disciplina statale inerente il contenimento dei consumi energetici (D.P.R. 59/2009, attuativo del D.Lgs. 192/2005) stabilisce come principio generale la preferenza al mantenimento di impianti termici centralizzati laddove esistenti, ammettendo tuttavia in via eccezionale la possibilità di trasformare un impianto centralizzato in impianti singoli per ogni unità abitativa laddove sussistano cause tecniche o di forza maggiore dichiarate in un'apposita relazione tecnica.

Dal punto di vista della normativa statale è dunque possibile per un condòmino staccarsi dal riscaldamento condominiale, purché si rispettino determinate condizioni.



Normativa Regione Piemonte sul distacco dal riscaldamento condominiale


La normativa nazionale fino ad ora citata si scontra però con la normativa vigente in Regione Piemonte in materia di qualità dell'aria e di contenimento dei consumi energetici, la quale detta vincoli più restrittivi. Cito a tal riguardo il punto 1.4.15 della d.g.r. 4 agosto 2009 n.46-11968: non possono essere realizzati interventi finalizzati alla trasformazione da impianti termici centralizzati a impianti con generazione di calore separata per singola unità abitativa. A tale prescrizione non sono soggette le attività che interessano locali destinati ad attività commerciali, artigianali, di servizio e assimilabili, facenti parte di edifici classificati nella categoria E(1) del D.P.R. 412/1993, qualora prevedano l'installazione di sistemi di climatizzazione basati esclusivamente su pompe di calore prive di sistemi di combustione e aventi caratteristiche conformi a quanto indicato nell'Allegato 4.

Per chiarezza di esposizione segnalo che gli edifici classificati nella categoria E(1) sono quelli adibiti a residenza e assimilabili. Pertanto si deduce che in Regione Piemonte non è possibile per le singole unità abitative staccarsi dal riscaldamento centralizzato. È invece possibile per le attività commerciali, artigianali o di servizio che fanno parte di condomini adibiti principalmente a residenza, a condizione però che vengano installate pompe di calore con specifici requisiti tecnici.



Rapporto tra normativa nazionale e regionale


riscaldamento condominialePoiché la normativa nazionale e quella regionale si sovrappongono e sembrano essere sostanzialmente in contrasto fra loro, cosa è effettivamente possibile fare in Piemonte riguardo al distacco dal riscaldamento centralizzato?

A tal proposito riporto la Clausola di cedevolezza che troviamo nell'articolo 17 del D.Lgs 192/2005, ossia la normativa nazionale in materia di prestazione energetica degli edifici: le norme del presente decreto e dei decreti ministeriali applicativi nelle materie di legislazione concorrente si applicano per le regioni e province autonome che non abbiano ancora provveduto al recepimento della direttiva 2002/91/CE fino alla data di entrata in vigore della normativa di attuazione adottata da ciascuna regione e provincia autonoma.

La normativa regionale trae dunque legittimazione dalla clausola di cedevolezza del D.Lgs 192/2005 e subentra a quanto viene prescritto dalla normativa nazionale in materia di prestazione energetica degli edifici.

Regione Piemonte, che chiarisce bene la questione sul distacco dall'impianto centralizzato di riscaldamento con la Circolare del 27 febbraio 2013, ritiene inoltre che le novità apportate dalla L.220/2012 (la Legge inerente la disciplina del condominio) non sono suscettibili di portare alcuna modifica, deroga o sostituzione del quadro normativo regionale nell'esercizio dei pertinenti poteri di disciplina. La normativa regionale, essendo più restrittiva, prevale quindi anche sulla Legge nazionale inerente la disciplina del condominio.

Si ricorda infine che sempre in Regione Piemonte, ai sensi dell'art.20, comma 14 della L.R. 13/2007, l'installazione di un impianto termico individuale a seguito di distacco dall'impianto centralizzato e non rientrante nei casi di deroga previsti, è suscettibile di una sanzione amministrativa da euro 5.000 a euro 15.000, applicabile finché permane l'impianto individuale.

riproduzione riservata
Articolo: Distacco dal riscaldamento condominiale in Piemonte
Valutazione: 4.42 / 6 basato su 19 voti.

Distacco dal riscaldamento condominiale in Piemonte: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Giuseppepenotti
    Giuseppepenotti
    Martedì 28 Aprile 2015, alle ore 12:17
    Gentile Architetto. Fatta salva la normativa regionale che di fatto impedisce il distacco del singolo condomino, é possibile per un condominio passare da un riscaldamento condominiale a riscaldamenti autonimi per tutti i condomini se sono d'accordo?
    rispondi al commento
  • Lanzio73
    Lanzio73
    Lunedì 2 Dicembre 2013, alle ore 15:17
    Salve gentile Architetto, volevo fare una domanda su una cosa che la legge mi sembra non charisca bene: in caso in cui il distacco dal centralizzato comporti questo aggravio di spese (che è possibile ovviamente verificare solo dopo almeno un anno dal distacco, cioè con una prova pratica) come ci si deve comportare?
    Cioè, è sufficiente ripristinare di nuovo il centralizzato, o chi si è staccato deve in qualche modo contribuire all'aggravio di spese?
    rispondi al commento
    • Arch.martinelli
      Arch.martinelli Lanzio73
      Martedì 3 Dicembre 2013, alle ore 10:41
      L'aggravio di spese sarà certamente a carico di chi si è staccato, non certo degli altri condòmini.
      Poi starà a questa persona decidere se continuare a pagare l'aggravio anche negli anni successivi o ripristinare la situazione precedente.
      rispondi al commento
      • Paolo
        Paolo Arch.martinelli
        Venerdì 3 Gennaio 2014, alle ore 19:17
        Gent. Arch. chiedo cortesemente se anche in Emilia Romagna è prevista una simile normativa restrittiva della possibilità di installare una caldaia autonoma in edifici esistenti con più di 4 unità con riscaldamento centralizzato.
        E nel caso si installasse, ci potrebbero essere delle sanzioni?
        rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Distacco dal riscaldamento condominiale in Piemonte che potrebbero interessarti
Distacco dall'impianto di riscaldamento condominiale, spese e autorizzazione dell'assemblea

Distacco dall'impianto di riscaldamento condominiale, spese e autorizzazione dell'assemblea

Parti comuni - La legge consente a ciascun condomino di distaccarsi dall'impianto di riscaldamento condominiale purché siano rispettati determinati requisiti tecnici. Quali sono?
Come distaccarsi dall'impianto di riscaldamento centralizzato?

Come distaccarsi dall'impianto di riscaldamento centralizzato?

Ripartizione spese - Ecco alcuni motivi e alcune informazioni su come distaccarsi dall'impianto di riscaldamento condominiale, ma per farlo bisogna prestare attenzione ad alcuni aspetti.
Impianto di riscaldamento, uso e spese

Impianto di riscaldamento, uso e spese

Condominio - Con l?autunno, come d?abitudine, si ripropongono tutte le tematiche inerenti l?uso dell?impianto di riscaldamento ed i relativi costi.Vediamo le

Riscaldamento: autonomo o centralizzato?

Ripartizione spese - L'impianto autonomo consente di impostare le temperature in base alle esigenze individuali, tuttavia non è detto che questo tipo di impianto porti sempre a dei consumi inferiori rispetto a quello centralizzato.

Orario di accensione del riscaldamento, l'assemblea è sovrana

Condominio - Nel condominio in cui abito l'assemblea condominiale ha deciso uno strano orario di accensione del riscaldamento, che cosa posso fare?

Termoregolazione e contabilizzazione autonoma

Ripartizione spese - La gestione e manutenzione dell'impianto è di competenza del condominio. In sostanza l'amministratore di condominio, dovrà provvedere a mantenerlo in buono stato.

È consentito creare doppio ingresso in condominio?

Ripartizione spese - Un appartamento con doppio ingresso e con gli stessi posti su due differenti scale di uno stesso edificio come viene gestito in termini di spese condominiali?

Riscaldamento a pavimento in condominio

Impianti di riscaldamento - Che cosa c'è da sapere se si prende la decisione d'installare un impianto di riscaldamento a pavimento in un'unità immobiliare ubicata in un edificio in condominio?

Modifica dei criteri di ripartizione delle spese

Condominio - Nel condominio Alfa per lunghi anni, in ragion delle disposizioni contenute nel regolamento contrattuale, le spese per il riscaldamento sono state ripartite
REGISTRATI COME UTENTE
295.573 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Impianto riscaldamento tradizionale
    Impianto riscaldamento tradizionale...
    10.00
  • Euroacque liquido protezione antigelo impianto riscaldamento caldaia
    Euroacque liquido protezione...
    44.90
  • Riscaldamento a soffitto
    Riscaldamento a soffitto...
    113.00
  • Riscaldamento soffitto
    Riscaldamento soffitto...
    87.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Black & Decker
  • Weber
  • Kone
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.