Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Appalto tra privati e diritto di recesso

NEWS Leggi e Normative Tecniche03 Dicembre 2014 ore 13:54
Nell'appalto l'interesse giuridicamente rilevante alla realizzazione del progetto è solo del committente. Di conseguenza egli può sempre recedere, salvo indennizzo.
appalto , contratto di appalto , diritto di recesso , recesso

Appalto


Contratto di appaltoIl contratto di appalto è definito dal codice civile come il contratto col quale una parte assume, con organizzazione dei mezzi necessari e con gestione a proprio rischio, il compimento di un'opera o di un servizio verso un corrispettivo in danaro (art. 1655 c.c.).

In generale la fine anzitempo ed immotivata di un contratto è ammessa dal nostro codice solo in caso di mutuo consenso o per cause ammesse dalla legge (art. 1372 c.c.).

Il mutuo consenso è dato da un contratto sostitutivo del precedente e postula l'accordo di entrambe le parti. D'altronde, non potrebbe essere altrimenti in materia di contratti, per i quali l'incontro delle volontà è elemento essenziale (art. 1325 c.c.).

Il recesso è invece un atto unilaterale esercitabile - a parte i casi in cui è espressamente previsto dalla legge e a parte qualche eccezionale deciso giuisprudenziale (v. ad es. Cass. 3296/2002) - solo ove pattuito a contratto.

Un atto è unilaterale quando, al contrario, è sufficiente la volontà di un solo soggetto perché esso sia valido, anche se diviene efficace solo quando giunge a conoscenza del destinatario (art. 1334 c.c.).

Le norme generali sul recesso sono contenute nell'art. 1373 c.c. (intitolato appunto recesso unilaterale), per il quale se a una delle parti è attribuita la facoltà di recedere dal contratto, tale facoltà può essere esercitata fino a che il contratto non abbia avuto un principio di esecuzione; in deroga alla norma generale ora esposta, nei contratti a esecuzione continuata o periodica, lo stessso art. 1373 prevede che tale facoltà può essere esercitata anche successivamente, ma il recesso non ha effetto per le prestazioni già eseguite o in corso di esecuzione.


Recesso e appalto


Nel caso dell'appalto, è la stessa legge, all'art. 1671, c.c. a prevedere la possibilità di recedere; tale possibilità è riconosciuta dalla legge solo in capo al committente. La differenza tra il recesso di cui all'art. 1373 e quello del committente di cui all'art. 1671 sta nel fatto che il primo deve risultare a contratto, mentre il secondo opera per previsione di legge (Cass. 4750/1991). Il diritto di recesso in capo all'appaltatore per essere valevole dovrebbe quindi essere previsto nel contratto e in quel caso sarebbe regolato dalla norma generale ex art. 1373 e non da quella ex art. 1671, dedicata solo al committente, norma quest'ultima, comunque derogabile.

AppaltoIl recesso del committente può essere esercitato anche senza motivi: esso infatti può avvenire per qualsiasi causa, (tra tante, 9645/2011; 11542/2003) il cui accertamento non è neppure richiesto ai fini della legittimità del recesso.

Secondo la giurisprudenza consolidata della Corte di Legittimità, l'art. 1671 c.c. accorda al committente il diritto di recesso, che può essere esercitato senza dover dare giustificazioni (ossia senza spiegare all'appaltatore le ragioni sul quale è fondato) ed in qualsiasi momento durante l'esecuzione del contratto di appalto (così detto recesso ad nutum); la norma, viceversa, non riconosce all'appaltatore il diritto a continuare l'opera ma solamente quello ad ottenere l'indennizzo in essa specificato (cioè spese sostenute e mancato guadagno.

In questo contesto, si legge in più d'una sentenza, poiché il contratto si scioglie per iniziativa unilaterale del committente – anche se la ragione del recesso possa trovare fondamento nella sfiducia verso l'appaltatore per fatti d'inadempimento - non è necessaria alcuna indagine sull'importanza di detto inadempimento e/o sulla ricorrenza di una giusta causa di recesso (Cass. nn. 9645/2011, 10400/08, 11642/03).

Ma perché questa posizione di favore verso il committente? Di recente (ma anche in passato) la Cassazione ha risposto guardando all'interesse sotteso al contratto, che è quello finalizzato alla realizzazione dell'opera ed alla prestazione del servizio in favore del committente, non esistendo un diritto dell'appaltatore al completamento degli stessi (v. Cass. 21595/14, ma anche 11542/2003 e altre).

Le parti possono comunque convenire diversamente e ad esempio prevedere che il recesso sia esercitabile solo in caso di inadempienze (Cass. 17924/2006), dal momento che l'art. 1671 è una norma contrattualmente derogabile.

Lo squilibrio nel rapporto dato dall'attribuzione del diritto di recesso al solo committente è compensato dalla medesima norma con l'obbligo, per lo stesso, di tenere indenne l'appaltatore da perdite che la legge indica: spese sostenute, lavori eseguiti e mancato guadagno; trattasi comunque di indennizzo e non di risarcimento del danno, derivando il pregiudizio da una attività lecita, in quanto il recesso è consentito dalla legge, mentre il risarcimento del danno deriva solo da un'attività illecita.


Ecco perché la legge non prevede un'approfondita analisi delle posizioni: cioè, salvo diverse pattuizioni, il committente potrà recedere senza dare spiegazioni, ma dovrà indennizzare l'appaltatore delle voci indennizzabili.

Il rapporto si chiude senza entrare nel merito dell'inadempimento. Viceversa, se il committente intende chiudere il rapporto addebitando la causa all'appaltatore e dunque non vuole pagare alcun indennizzo, ma anzi, eventualmente, vuole essere lui stesso risarcito, dovrà dare prova di quanto afferma e chiedere dunque il risarcimento del danno patito, senza eventualmente dovere pagare l'indennizzo ex art. 1671 c.c.

riproduzione riservata
Articolo: Diritto di recesso nell'appalto tra privati
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 7 voti.

Diritto di recesso nell'appalto tra privati: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
316.408 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Diritto di recesso nell'appalto tra privati che potrebbero interessarti


Definizione del contratto d'appalto

Leggi e Normative Tecniche - Il codice civile, il Decreto Legislativo 81/08 e gli articoli 86 ed 87 del decreto Legislativo 163/2006 definiscono in maniera univoca tutte le possibilità di gestione di un appalto.

Aspetti del contratto di prestazione d'opera manuale

Leggi e Normative Tecniche - Nel contratto d'opera manuale una persona si impegna a compiere un'opera o servizio non intellettuale con lavoro prevalentemente proprio e senza subordinazione.

Esecuzione dell'appalto prima del permesso di costruire

Leggi e Normative Tecniche - In tema di validità del contratto d'appalto, deve considerarsi nullo quel contratto che viene eseguito prima del rilascio delle necessarie autorizzazioni comunali.

Appalto in condominio e responsabilità contrattuale

Condominio - Poteri dell'amministratore in relazione e la responsabilità contrattuale derivante dal contratto di appalto in condominio

Appalto, difformita' e vizi dell'opera

Normative - Il contratto d'appalto per la costruzione di un immobile e le contestazioni per i vizi e le difformita' dell'opera. Come e contro chi agire ed in che tempi.

Appalto, consegna e accettazione dell'opera

Normative - La consegna e l'accettazione dell'opera appaltata, sia pur potendo avvenire contestualmente, sono fenomeni giuridicamente distinti con differenti conseguenze.

Contratto d'appalto per lavori edili privati

Leggi e Normative Tecniche - Stipulato tra impresa e privato, regola gli aspetti economici legati all'appalto e tutela le parti riguardo all'insorgere di situazioni di difficile soluzione.

Quando il condominio nomina il direttore dei lavori

Manutenzione condominiale - Il condominio, nel caso di appalto, può nominare il direttore dei lavori. Chi deve incaricarlo? Quando può essere revocato per inadempimento?

Diritto di recesso in caso di acquisti a distanza: come funziona?

Leggi e Normative Tecniche - Qual è la disciplina normativa relativa al diritto di recesso. Chi ha il diritto di recedere dal contratto di acquisto? Quando è possibile farlo e a che condizioni?
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img bojangles
Salve a tutti,un dubbio mi assale.Ho stipulato un contratto di appalto con la ditta che doveva fare i lavori strutturali della mia abitazione.Nello stesso viene citato il computo...
bojangles 01 Febbraio 2014 ore 12:04 2
Img luigiemilio1
Salve, volevo sapere: se il costruttore dell'immobile non ha rispettato il capitolato che gli è stato imposto dall'ufficio dei Beni Ambientali, il compratore può...
luigiemilio1 10 Agosto 2017 ore 22:41 1
Img murartis
Buonasera a tutti,rappresento un'impresa edile e ci troviamo di fronte ad un paradosso a cui troviamo difficile risposta.28 Luglio 2014 iniziamo una ristrutturazione di una...
murartis 07 Aprile 2015 ore 23:05 3
Img ritacocco
Salve, sono arrivato al punto di dover redarre un contratto con l'impresa edile che si occuperà della costruzione di una casa di circa 100 mq. Visto che non son un avvocato...
ritacocco 26 Agosto 2020 ore 19:35 3
Img naddal
Buonasera, sono in ristrutturazione della casa di residenza. Abbiamo stipulato un contratto di appalto con la ditta. Ad oggi si verificano eventi per i quali sarebbe opportuno...
naddal 08 Maggio 2020 ore 20:19 5