Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Vendita casa assegnata a un coniuge in caso di separazione

Cosa succede se la casa coniugale assegnata con provvedimento del Giudice al coniuge affidatario della prole viene venduta? Vediamo cosa dice la Corte di Cassazione
24 Maggio 2021 ore 10:06 - NEWS Comprare casa

Cosa succede in caso di vendita assegnata ad uno dei coniugi?


La casa, intesa come elemento fondamentale su cui si basa la vita matrimoniale può diventare motivo di accese discussioni in sede di separazione o divorzio.
Le problematiche aumentano se la casa in questione viene venduta dal coniuge che ne ha la proprietà.

Affrontando il tema della vendita della casa assegnata ad uno dei coniugi, si devono distinguere due situazioni diverse.

Vendita casa coniugale
La cessione della casa a un terzo, che sia avvenuta dopo l’assegnazione della casa familiare al coniuge. In questo caso, come vedremo l’assegnazione potrà essere opposta al terzo compratore.

Assegnazione che sia successiva alla vendita dell’immobile e in tal caso non potrà essere fatta valere nei confronti dell’acquirente.


Che cos'è il diritto di abitazione


Prima di entrare nel merito della problematica che qui ci interessa è opportuno precisare che con l’assegnazione della casa da parte dell’Autorità Giudiziaria viene riconosciuto all’ex coniuge il diritto di abitazione sull’immobile.

Diritto di abitazione
Che cos’è il diritto di abitazione?

È il diritto di abitare personalmente e con la propria famiglia in una casa di cui altri sia proprietario. Si tratta di un diritto reale su cosa altrui, avente a oggetto il godimento del bene. A differenza dell’usufrutto, con il diritto di abitazione sono riconosciute meno facoltà al suo titolare, tanto che questi non può cederlo a terzi né può dare in locazione l’immobile.

Il diritto di abitazione che sia costituito sulla casa coniugale può essere revocato in qualsiasi momento. Questo potrebbe succedere, ad esempio qualora il coniuge affidatario dei figli dovesse trasferirsi altrove o sposarsi nuovamente.

Altri casi di diritto di abitazione


Il caso sopra descritto non è l'unico poiché il diritto di abitazione può anche essere costituito a favore di figli e coniuge superstite in caso di morte del proprietario oppure per volontà delle parti con atto scritto.


Vendita abitazione dopo assegnazione al coniuge


Prendiamo in esame il caso in cui la vendita della casa coniugale sia avvenuta in un momento successivo rispetto alla data del provvedimento da parte del Giudice di assegnazione della casa familiare ad uno dei due coniugi.


Tale assegnazione sarà opposta al successivo acquirente dell’immobile. Quest’ultimo potrà acquisire la titolarità della proprietà sull’immobile ma dovrà rispettare l’esistenza del diritto di abitazione in capo all’ex coniuge. Egli non potrà occupare e dunque godere dell’immobile o concederlo in locazione.

Il diritto di abitazione segue l'immobile in caso di vendita


A tale conclusione si arriva nel rispetto del principio concernente il diritto di seguito, proprio dei diritti reali su cosa altrui. Se cambia il proprietario del bene, il diritto reale minore, come il diritto di abitazione, resta invariato nei suoi contenuti.

In caso di vendita di un immobile, il bene si acquista con pesi, garanzie e diritti che su di esso vi erano prima del passaggio di proprietà.
Si precisa inoltre che per il periodo di occupazione, in forza del provvedimento di assegnazione da parte del tribunale, nessun canone è dovuto al nuovo proprietario.


Vendita della casa coniugale prima dell’assegnazione


Prendiamo in considerazione l’ipotesi in cui, dopo la vendita dell’appartamento da parte del proprietario, a seguito di provvedimento di separazione o divorzio, la casa familiare venga assegnata all’altro coniuge cui sono stati affidati i figli.
Con il provvedimento del Giudice il coniuge titolare del diritto di abitazione potrà opporsi alla vendita della casa e far valere il suo titolo all’acquirente dell’immobile.

Condizione necessaria è che il provvedimento venga trascritto anteriormente alla cessione della casa. In mancanza di tale condizione la vendita prevale sul provvedimento di assegnazione e l’acquirente è salvo, purché in buona fede.
Il coniuge assegnatario sarà così costretto al rilascio dell’immobile.


Cosa dice la Corte di Cassazione


Il problema fin qui trattato è stato affrontato dalla Corte di Cassazione con una recente ordinanza. Si tratta della numero 9990 del 10 aprile 2019, nella quale l'assegnazione non viene considerata come un diritto reale di abitazione.

Nella fattispecie esaminata, la Suprema Corte ha precisato che l’assegnazione della casa coniugale viene configurata una detenzione qualificata a favore dell’assegnatario, a tutela dell’interesse dei figli (minori o maggiorenni non ancora autosufficienti) a permanere nell’ambiente domestico dove hanno finora vissuto.

Diritto abitazione, separazione, vendita
Con l’acquisto dell’immobile successivo alla predetta assegnazione il titolare acquisisce, con evidenza, una posizione giuridica in conflitto con quella dell’assegnatario. Vi è dunque un bilanciamento di interessi contrapposti.

Come i Giudici Supremi risolvono tale situazione conflittuale?

Il provvedimento giudiziale di assegnazione della casa familiare, avente data certa, prevale rispetto l’atto di alienazione a favore del terzo, stipulato in data successiva, per nove anni dalla data di assegnazione.


Quando prevale il provvedimento di assegnazione della casa familiare


Questa prevalenza viene riconosciuta solo laddove sussistano le seguenti condizioni:

  • 1) inserimento nell'atto di alienazione della clausola di rispetto della situazione abitativa preesistente;

  • 2) stipula di un contratto di comodato tra il compratore dell'immobile e coloro che abitano nella casa, non essendo sufficiente la sua mera consapevolezza dell'occupazione altrui, per il soddisfacimento di esigenze familiari.


Ci sono dunque dei limiti al rispetto del diritto di assegnazione.
Secondo l'interpretazione della Corte Suprema, la protezione dell’interesse familiare non è sempre prevalente onde evitare una funzionalizzazione totale della proprietà alle esigenze della famiglia.

riproduzione riservata
Articolo: Diritto di abitazione ex-coniuge e vendita immobile
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.

Diritto di abitazione ex-coniuge e vendita immobile: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
330.337 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Diritto di abitazione ex-coniuge e vendita immobile che potrebbero interessarti


A chi spetta la casa coniugale in caso di separazione

Proprietà - In caso di separazione a quale dei coniugi viene assegnata la casa familiare? Vediamo le regole in base alle quale il Giudice riconosce il diritto di abitazione

Fine del matrimonio o della convivenza, casa coniugale e IMU

Fisco casa - Soggetto passivo dell'IMU in caso di assegnazione della casa coniugale, è il coniuge assegnatario. Dal 2014, però, l'imposta non si applica alle case coniugali.

L'assegnazione della casa familiare è titolo esecutivo per il rilascio dell'immobile

Proprietà - L'assegnazione della casa coniugale consente al beneficiario di ricorrere all'azione di rilascio se l'ex non esegue spontaneamente la liberazione dell'immobile.

Cosa fare se l'assegnazione della casa è revocata e l'ex non va via?

Proprietà - Cosa fare se l'assegnazione della casa coniugale è revocata e l'ex non libera la casa spontaneamente? Anche la revoca dell'assegnazione è un titolo esecutivo.

Casa coniugale e separazione: chi paga TASI e TARI?

Fisco casa - Chi paga TARI e TASI della casa coniugale in caso di separazione? Colui che è il proprietario o il detentore? Entrambi o nessuno? Lo vediamo in questo articolo.

Assegnazione casa familiare in caso di separazione: chi paga le spese?

Proprietà - In caso di assegnazione della casa familiare durante il procedimento di separazione dei coniugi, a chi spetta il pagamento delle spese per l'utilizzo della casa?

Casa resta all’ex se il figlio maggiorenne convive nel week end

Proprietà - Se il figlio maggiorenne e non economicamente autosufficiente torna a casa nel week end, la casa familiare resta al coniuge assegnatario: la convivenza rileva.

Risarcimento del danno per spossessamento dell'ex casa coniugale

Proprietà - Se l'ex coniuge non reintegra l'altro nel possesso dell'immobile precedentemente destinato a casa coniugale, può essere condannato al risarcimento del danno.

Chi paga il canone di locazione in caso di separazione

Affittare casa - In caso di separazione, qualora la casa coniugale sia in affitto, chi paga i canoni di locazione? Il Giudice decide in base alla condizione economica dei coniugi
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img giuseppepk
Mi rivolgo a voi per sapere di quali diritti sono tutelato. Ho acquistato qualche anno fa un appartamento in nuda proprietà di una signora nubile di 89 anni senza famiglia...
giuseppepk 28 Giugno 2017 ore 18:36 2
Img marbel1234marbel
Salve,qualcuno può aiutarmi a capire!Io e mia moglie, con la quale siamo in separazione dei beni, viviamo in una casa di 3 appartamenti (cosi sono accatastati) di cui 1...
marbel1234marbel 25 Luglio 2016 ore 08:18 1