Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Cosa sono i diritti reali?

NEWS Proprietà10 Aprile 2019 ore 09:57
I diritti reali comprendono il diritto di proprietà, i diritti reali di godimento e i diritti reali di garanzia. Qui ne vedremo le principali caratteristiche.
diritti reali , proprietà , diritti di godimento , usufrutto

Diritti reali


Sentiamo spesso pronunciare l’espressione diritti reali. Di cosa si tratta?
Come vedremo, il riferimento è in parte ad istituti attualissimi (ad es. l’usufrutto, la proprietà, la servitù, l’ipoteca), ed in parte a istituti ormai desueti come l’enfiteusi.

Innanzitutto, menzioniamo e distinguiamo il diritto di proprietà da tutti gli altri: infatti, solo il primo riguarda diritti su un bene proprio; tutti gli altri riguardano diritti sui beni altrui.
Dividiamo poi i restanti diritti reali in due macro aree: i diritti reali di godimento e i diritti reali di garanzia, i quali si distinguono tra di loro perché i primi prevedono la possibilità di godimento, limitato, su un bene altrui; i secondi costituiscono invece garanzia su un determinato bene altrui in relazione ad un credito.

Diritto di abitazione
Ai primi appartengono i seguenti diritti: uso, usufrutto, abitazione, superficie, enfiteusi, servitù; mentre, ai secondi appartengono l’ipoteca e il pegno.

Specifichiamo che la parola reale deriva dalla parola res che in latino vuol dire cosa; si tratta dunque dei diritti che attengono direttamente ad una cosa; più avanti ci spiegheremo meglio.

I diritti reali si caratterizzano per:

  • immediatezza, nel senso che il titolare del diritto lo realizza il diritto direttamente, cioè senza che sia necessaria la collaborazione di altri;

  • assolutezza, possono cioè essere fatti valere nei confronti di tutti i consociati;

  • tipicità, come detto, i diritti reali sono un numero chiuso previsto dalla legge .


Diritti reali di godimento


Il diritto di proprietà è il diritto reale per antonomasia, l’unico che, come detto, si riferisce ad un bene appunto, proprio.

Il contenuto del diritto è descritto dall’art. 832 c.c., secondo cui:

Il proprietario ha diritto di godere e disporre delle cose in modo pieno ed esclusivo, entro i limiti e con l'osservanza degli obblighi stabiliti dall'ordinamento giuridico (art. 832 c.c.)



Servitù di passaggio

Passando ai diritti reali di godimento, questi, a differenza della proprietà, prevedono invece un godimento limitato su bene altrui, pur usufruendo della stessa disciplina: ad es., si applica ai diritti reali di godimento la disciplina i materia di immissioni intollerabili (di cui all’art. 844 c.c.).

I diritti reali di godimento si estinguono per non uso protratto per oltre venti anni.

Passiamo a vederli sinteticamente più da vicino.

L'usufrutto


L’usufrutto, disciplinato dagli artt. 978 e ss. c.c., è il diritto di godere di una determinata cosa nel rispetto della sua destinazione economica, e di trarne ogni utilità, nei limiti stabiliti dal codice civile.

Diritto di abitazione


L’uso e l’abitazione sono regolati dagli artt. 1021 e ss. c.c.; chi ha il diritto d’uso su una cosa può utilizzarla e raccoglierne i frutti, ma solo nei limiti dei bisogni suoi e della sua famiglia.

La servitù


La servitù, disciplinata dagli artt. 1027 e ss. c.c., consiste nel peso imposto sopra ad un fondo per l’utilità di un altro fondo: un esempio è la servitù di passaggio attraverso un fondo altrui.

L'enfiteusi


L’enfiteusi è un diritto reale, disciplinato dagli artt. 957 e ss. c.c., che prevede gli stessi diritti del proprietario e l’obbligo di miglioramento di un fondo a fronte del pagamento di un canone.

Si tratta di un istituto diffusosi all’epoca dei latifondi, ma che oggi possiamo dire del tutto superato.

Diritto di superficie


Infine, con il diritto di superficie, regolato dagli artt. 952 e ss. c.c., il proprietario del fondo costituisce in capo ad altri il diritto di costruire e mantenere una costruzione e di acquistarne la proprietà.

Può anche alienarsi la proprietà di una costruzione che già esiste, separata dalla proprietà del suolo.


Diritti reali di garanzia


Passiamo ora ai diritti reali di garanzia, cioè l’ipoteca ed il pegno.

Ad essi viene accostato, talvolta, il privilegio.

Spieghiamoci meglio.

Diritto reale di garanzia
Tutti e tre, ipoteca, pegno e privilegio sono cause di prelazione (v. art. 2740 e ss. c.c.): ciò vuol dire che il creditore che può farli valere è preferito rispetto agli altri secondo un determinato ordine stabilito dalla legge.

Infatti, in assenza di cause di prelazione, i creditori hanno uguale diritto di essere soddisfatti sui beni del debitore (v. art. 2741 c.c.).

La differenza tra i tre è che il privilegio esiste in considerazione della causa del credito: ad es. i crediti per spese funebri o alimenti hanno privilegio generale sui beni mobili (privilegio generale) (v. art. 2751 c.c.); o, sempre ad es., i crediti per spese di conservazione e miglioramenti effettuate sui mobili hanno privilegio sui beni mobili medesimi (privilegio speciale) (v. art. 2756 c.c.).

Invece, pegno e ipoteca sono diritti distinti dal diritto di credito al quale si riferiscono ed esistono se ed in quanto costituiti; essi vengono costituiti, appunto a garanzia della soddisfazione del creditore; il primo riguarda beni mobili, il secondo riguarda beni immobili; in sostanza, il creditore potrà essere soddisfatto con prelazione dal ricavato della vendita del bene.

Perché sono detti diritti reali?

Caratteristica comune ai diritti reali per i due istituti sono l’immediatezza ed il fatto che essi possono essere fatti valere erga omnes, cioè verso tutti, dunque anche verso i nuovi acquirenti (c.d. diritto di sequela).

Pegno e ipoteca non possono essere generali, come il privilegio, ma solo speciali, cioè riferiti ad un dato bene.

Sono inoltre caratterizzati dall’accessorietà, dunque si estinguono in seguito all’estinzione del rapporto obbligatorio.

riproduzione riservata
Articolo: Diritti reali: cosa sono
Valutazione: 4.50 / 6 basato su 2 voti.

Diritti reali: cosa sono: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
306.911 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Arieggiatore manuale di superficie con ruote
    Arieggiatore manuale di superficie...
    29.46
  • Vasca ITACA con porta laterale per anziani e disabili
    Vasca itaca con porta laterale per...
    4330.00
  • Membrana per rifacimenti Renover
    Membrana per rifacimenti renover...
    10.29
  • Salotto Dubai in rattan sintetico
    Salotto dubai in rattan sintetico...
    690.00
  • Faretto led con sensore movimento
    Faretto led con sensore movimento...
    49.99
  • Telemetro distanziometro laser
    Telemetro distanziometro laser...
    32.99
Notizie che trattano Diritti reali: cosa sono che potrebbero interessarti
L'Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti sulla cessione del diritto di superficie

L'Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti sulla cessione del diritto di superficie

Proprietà - Per il Fisco in caso di costituzione e cessazione di un diritto di superficie si applica la normativa fiscale prevista per i trasferimenti della proprietà piena
Actio negatoria servitutis

Actio negatoria servitutis

Proprietà - Il proprietario di un fondo (anche un fondo urbano) che vede lesa la sua proprietà dall'esercizio di una servitù ha diritto di agire per vedere cessato l'abuso.

La trascrizione del regolamento condominiale

Regolamento condominiale - La trascrizione è un atto di pubblicità giuridica che può riguardare anche il regolamento condominiale.Che cosa accade se non si effettua?

Usucapione

Normative - Il diritto di proprieta' su un bene immobile, cosi' come altri diritti reali di godimento, come la servitu', possono essere acquisiti per usucapione, ossia a seguito del possesso prolungato e incontestato nel tempo di un dato bene.

Vendita immobile: che cos'è la garanzia per evizione

Comprare casa - Cosa fare se dopo aver acquistato una casa si scopre che essa appartiene ad altri o che la stessa è gravata da garanzie reali o altri vincoli pregiudizievoli?

Quando un condomino è usufruttuario, cosa succede?

Assemblea di condominio - Se in un'unità immobiliare vi sia un altro diritto reale, ad esempio l'usufrutto, qual è la sua posizione nei confronti del condominio? Chi pagherà le spese e la manutenzione?

Locazione e immissioni intollerabili

Affittare casa - Le immissioni non si contestano al locatore, ma la terzo trattandosi di molestie di fatto e non di vizi o molestie di diritto, le uniche di cui risponde il proprietario.