Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Donazione, successione e diritti del secondo coniuge

Per la Cassazione i diritti ereditari del secondo coniuge valgono anche nei confronti delle donazioni disposte dal defunto in periodo antecedente al matrimonio.
18 Ottobre 2017 ore 12:14 - NEWS Proprietà

Donazioni e acquisto di case donate


Contratto di donazione bene immobileParliamo di un caso molto frequente nella pratica e di sicuro interesse per molti.

Dopo il decesso dei genitori, i figli si attivano spesso per vendere la casa di famiglia; ma, spesso, non si tratta di un immobile ereditato nel senso tecnico: si tratta, invece, di un immobile donato dal genitore mentre era ancora in vita.

Si tratta di un'operazione che in quel momento è conveniente, ma che si rivela poi scomoda quando i donatari decidono di vendere l'immobile.

Diventa insomma più difficile riuscire a trovare soggetti disponibili ad acquistare l'immobile.

Infatti, se il bene in vendita risulta donato, l'acquirente, giustamente, diventa più prudente e spesso lascia perdere l'operazione, perché è notorio che l'acquisto di un bene donato potrebbe riservare sorprese per niente piacevoli.

Ora che la popolazione invecchia e gli immobili venduti sono spesso il frutto di donazioni, è consigliabile dunque agli aspiranti acquirenti di informarsi per sapere bene cosa vuol dire acquistare un bene donato.

Quello della donazione è infatti uno degli argomenti più delicati in termini di rischio negli acquisti di beni. A essa bisogna badare con molta attenzione e nel caso farsi consigliare d assistere da un esperto che sappia indirizzarci correttamente. Un esperto di diritto che non abbia alcun interesse nella vendita dell'immobile.


Donazione prima delle seconde nozze


Donazione abitazioneQui parliamo di un aspetto specifico della questione, solo uno dei tanti, si badi, ma assai frequente nella pratica, dato che la vita media si è allungata e le seconde nozze in tarda età non sono rare.

Parliamo dei diritti che in caso di successioni ereditarie il secondo coniuge del defunto può accampare nei confronti di una casa donata prima del matrimonio; donazione che solitamente ha come beneficiari i figli di prime nozze.

Tale operazione appare a molti come un modo per escludere, un dì, dall'eredità del bene donato, il secondo coniuge e rassicurarsi rispetto ai timori di un matrimonio di interesse.

Come agli acquirenti sembra in quel caso di potere essere al riparo da eventuali rivendicazioni sul bene da parte del secondo coniuge.

Ma si tratta di un errore. Non è così!

Sebbene la legge non sia sul punto esplicita, per la giurisprudenza i diritti successori del nuovo coniuge valgono anche nei confronti della casa donata prima delle nozze (non risultano a chi scrive decisioni di legittimità in senso contrario).

Con il presente articolo, premessi alcuni cenni sulle norme più rilevanti, riporteremo dunque la posizione di alcune sentenze. Rimandiamo, poi, come sempre per la soluzione dei casi concreti alla consulenza di professionisti esperti.


Quota indisponibile e secondo coniuge


Quali sono i diritti di successione del secondo coniuge riguardo a un bene donato prima del matrimonio?

Egli è infatti un erede a cui è riservata una quota prevista dalla legge e che non può essere intaccata dal privato in nessun modo, nemmeno con le donazioni; secondo i giudici, nè con le donazioni successive, nè con quelle anteriori al matrimonio.

Il secondo coniuge (se non vi è stato divorzio o separazione con addebito di colpa) è infatti un erede legittimario, ai sensi dell'art. 536 e ss. c.c. e la quota che gli spetta per legge è detta quota di riserva.


Secondo coniuge, successione e donazione prima del matrimonio


Dispone l'art. 555 c.c. che le donazioni il cui valore eccede la quota di cui il defunto poteva disporre sono soggette a riduzione sino al raggiungimento della quota.

Inoltre, ai sensi dell'art. 556 c.c. al fine di determinare la quota disponibile si forma una massa dei beni che appartenevano al defunto al momento della morte (al netto dei debiti) e si aggiunge fittiziamente il valore di beni che sono stati donati in vita (v. Cass. 4445/2016 e 1373/2009).

Dispone poi l'art. 563 che

se i donatari contro i quali è stata pronunciata la riduzione hanno alienato a terzi gli immobili donati e non sono trascorsi venti anni dalla trascrizione della donazione, il legittimario, premessa l'escussione dei beni del donatario, può chiedere ai successivi acquirenti, nel modo e nell'ordine in cui si potrebbe chiederla ai donatari medesimi, la restituzione degli immobili... art. 563 c.c.



Donazione prima e dopo il sorgere del rapporto in giurisprudenza


Secondo la giurisprudenza della Corte di Cassazione che appare costante, al fine dell'accertamento della quota disponibile dell'eredità bisogna tenere in considerazione tutte le donazioni effettuate in vita dal defunto.

Donazione di una casa

Secondo la giurisprudenza di legittimità, infatti, per determinare la porzione disponibile e quelle riservate ai legittimari, bisogna prendere in considerazione tutti i beni che erano del defunto al momento del decesso, sottratti i debiti, nonché il valore di tutte le donazioni effettuate in vita dal defunto, senza distinzione tra donazioni anteriori e donazioni posteriori al sorgere del rapporto con il defunto (da cui deriva la qualità di erede legittimario).

Da ultimo, la Corte di Cassazione si è espressa in tal senso con la sentenza n. 4445 del 2016, che si è rifatta ad altre sentenze in precedenza emesse dalla stessa Corte e cioè, le n. 1373/2009 e 1122/1982.

L'equiparazione tra le donazioni disposte nei due diversi periodi risponde alla necessità di creare una riunione fittizia della parte del patrimonio di cui poteva disporre il defunto e, dunque, individuare la quota di riserva spettante al legittimario.

Non sono valse – nel giudizio conclusosi con la sentenza n. 4445 citata – le argomentazioni dei donatari, secondo cui tale impostazione violerebbe il principio di eguaglianza, di rango costituzionale (ex art. 3) con l'equiparare i figli al nuovo coniuge: mentre questi acquista la qualità di legittimario al momento del matrimonio, essi l'acquistano con la loro stessa esistenza e la legge

solo nel caso di sopravvenienza di figli (e non nel caso di sopravvenienza del coniuge) prevede - all'art. 803 c.c. - la possibilità per il donante di revocare le donazioni. Cass. 4445/2016


La Corte è invece di diverso avviso; afferma che la posizione di figli e secondo coniuge, ai fini della determinazione della quota di riserva, non è diversa: infatti, spiega, sia i figli che il coniuge di seconde nozze possono chiedere la riduzione della donazioni, comprese quelle precedenti all'acquisto della qualità di legittimario: come il figlio può chiedere la riduzione delle donazioni effettuate prima della sua nascita, altrettanto può fare il secondo coniuge nei confronti delle donazioni effettuate prima del matrimonio con il de cuius.

La donazione per la giurisprudenza

I ricorrenti rilevano inoltre che la qualità di legittimario del coniuge può avere un inizio e una fine, per cui inizia col matrimonio e cessa con il divorzio e la separazione con colpa; la Corte a sua volta osserva che ciò vale anche per i figli, i quali acquistano la qualità di legittimari con la nascita e la perdono con la morte. Infatti, prosegue, se i figli muoiono prima del genitore, l'azione di riduzione e di reintegrazione nella legittima non può essere esercitata

salvo che i figli premorti abbiano discendenti o altri soggetti legittimati a subentrare loro per rappresentazione (discendenti dei fratelli e delle sorelle). Cass. 4445/2016


Ma, soprattutto, afferma che se è vero che il vincolo è diverso (nel primo caso di sangue, nel secondo dipende dal matrimonio), ciò però non giustifica un trattamento diverso nella determinazione della quota di riserva e nella riunione fittizia delle donazioni.


Osserva la Corte, che la previsione della revocazione della donazione in caso di sopravvenienza di figli (cioè se dopo la donazione il donante ha figli o scopre di avere figli), di cui all'art. 803 c.c. richiamato dai ricorrenti, si fonda sull'opinione comune secondo cui se il genitore avesse avuto figli o avesse saputo dell'esistenza del figlio non avrebbe donato il bene.

La particolarità del legame tra genitori e figli, mentre giustifica la revocazione di cui all'art. 803 c.c., non giustifica però una disparità di trattamento tra i figli e il coniuge in sede di determinazione della porzione disponibile.

Pertanto, viene dichiarata infondata dalla Corte la questione di legittimità dell'art. 556 c.c., in relazione all'art. 3 Cost.

riproduzione riservata
Articolo: Diritti ereditari seconda moglie su immobile donato a terzi
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 4 voti.

Diritti ereditari seconda moglie su immobile donato a terzi: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
322.845 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Diritti ereditari seconda moglie su immobile donato a terzi che potrebbero interessarti


Come impugnare una donazione per lesione della quota legittima

Proprietà - Come l'erede tutela i propri diritti se il defunto ha effettuato donazioni in vita che riducono il patrimonio? Come impugnare la donazione con azione di riduzione

Successione e donazione immobili: il regime fiscale applicabile

Proprietà - Gli immobili ricevuti in eredità o in donazione sono soggetti a trattamenti fiscali diversi. Ecco una sintesi delle imposte da pagare e delle aliquote applicabili.

Acquistare immobili provenienti da donazioni

Comprare casa - Quali sono i casi che si possono verificare e quali rischi può correre il promissario acquirente di un immobile se quest'ultimo deriva da una precedente donazione?

Revoca della donazione al coniuge se il figlio è ancora in vita

Proprietà - La sentenza della Corte di Cassazione n. 2106/2018 ha ritenuto ammissibile la revocazione della donazione fatta all'ex coniuge per sopravvenienza di un figlio.

Vendere una casa ricevuta in donazione: quali sono i rischi

Comprare casa - La vendita di una casa ricevuta in donazione è un'operazione difficile che presenta dei limiti e dei rischi per chi acquista l'immobile. Vediamo come si può fare

Locazione: il modello RLI nel caso di decesso del locatore

Affittare casa - Cosa succede al rapporto di locazione immobiliare in caso di decesso del locatore; cosa devono comunicare gli eredi all'Agenzia delle Entrate con il modello RLI

Nessun Bonus Ristrutturazione se l'erede mette in affitto l'immobile

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Si perde l'agevolazione fiscale connessa agli interventi di ristrutturazione in caso di affitto dell'immobile ricevuto in successione. I chiarimenti del Fisco.

Donazione di immobili

Leggi e Normative Tecniche - Breve guida su tutto quanto che c'è da sapere sulla donazione di un bene immobile: dai documenti da allegare all'atto, ai vari aspetti fiscali ad essa connessi.

Quali sono le tipologie di donazione immobili?

Proprietà - Indiretta, modale, remuneratoria, a nascituro: ecco una guida sulle tipologie di donazione immobili esistenti nel nostro ordinamento e quando sono annullabili.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img gabriella pobiati
Buongiorno, ho una donazione con atto notarile fatto nel 2005 con diritto di usufrutto da parte di mia madre, di una casa in cui io vivo dal 2005. Nel 2020, in vista della vendita...
gabriella pobiati 18 Gennaio 2021 ore 16:55 1
Img papinog
Salve a tutti avrei bisogno di aiuto per capire come fare. Mia madre è proprietaria di un appartamento dove vive e siccome mia sorella purtroppo è morta, voleva...
papinog 30 Novembre 2020 ore 19:07 2
Img domenicode lucia
Salve. Ho ricevuto in donazione 3 anni fa un appartamento con negozio C/3 adiacente in donazione da mio padre. Ora a distanza di due anni dalla sua scomparsa vorrei unire le due...
domenicode lucia 11 Dicembre 2019 ore 10:25 1
Img alfiolofio
Buongiorno a tutti! Vorrei che mia madre disabile comprasse un appartamento senza barriere architettoniche con le agevolazioni della prima casa, ma ne possiede già uno, con...
alfiolofio 01 Novembre 2019 ore 17:32 4
Img solaris49
Buongiorno, desidererei sapere se, all'atto della donazione dal notaio, sia necessaria la presenza fisica di entrambe le parti (chi dona la quota/totalità dell'immobile, e...
solaris49 20 Ottobre 2019 ore 17:51 2