Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Dimissioni dell'amministratore di condominio. Quando sono possibili?

È consuetudine parlare della revoca dell'amministratore di condominio. Si sa che il legale rappresentante dei condomini può essere revocato in qualsiasi momento dall'assemblea.
- NEWS Amministratore di condominio
Barra Progettazione Online

Dimissioni dell'amministratore di condominioÈ consuetudine parlare della revoca dell'amministratore di condominio.

Si sa che il legale rappresentante dei condomini può essere revocato in qualsiasi momento dall'assemblea (Art. 1129, secondo comma, c.c.).

Non c'è bisogno di un giustificato motivo per fare ciò:
affinché la deliberazione di revoca sia valida, infatti, è sufficiente che sia votata, almeno, dalla maggioranza dei partecipanti all'assemblea che rappresentino quanto meno 500 millesimi.




La revoca, inoltre, può essere disposta, dall'Autorità Giudiziaria, quando:

a) l'amministratore non presenta il conto della propria gestione per due anni consecutivi;
b) non avvisa l'assemblea di provvedimenti amministrativi o giudiziari che esulano dalla sua competenza;
c) vi sono fondati sospetti di gravi irregolarità.

In sostanza, com'è giusto che sia, i condomini sono ben tutelati avendo più di uno strumento per sollevare dall'incarico l'amministratore che per loro è inadempiente.
Che cosa accade a parti invertite, cioè se è l'amministratore a volersi dimettere dal proprio incarico?

La legge non disciplina espressamente questa ipotesi.
Certamente non si può arrivare al paradosso di pensare che la carica sia irrinunciabile e che l'amministratore sia obbligato a mantenere l'incarico fino alla sua naturale scadenza (ossia un anno di gestione, art. 1129 c.c.).

Tuttavia questa carenza normativa crea non poca incertezza.
Per rispondere al quesito è necessario comprendere com'è inquadrato a livello giuridico, il rapporto amministratore-condominio.
La Corte di Cassazione, in modo pressoché unanime, afferma che questo rapporto deve essere ricondotto nell'alveo del contratto di mandato.

In pratica i condomini (riuniti in assemblea) conferiscono all'amministratore il mandato di rappresentarli in relazione alla gestione e conservazione delle parti comuni dello stabile (cfr. Cass. SS.UU. n. 9148/08).
Trattandosi di un contratto di mandato, quindi, per capire modi e termini delle dimissioni dell'amministratore, è necessario rifarsi alle norme che regolano questo tipo di contratto.

Come si estingue questo rapporto giuridico?Dimissioni dell'amministratoreL'art. 1722 c.c., rubricato Cause di estinzione recita, tra le altre cose:Il mandato si estingue:
1) (""); 2) (""); 3) per rinunzia del mandatario; 4) ("").

L'art. 1727 c.c., specificando le conseguenze della rinuncia al mandato afferma che:Il mandatario che rinunzia senza giusta causa al mandato deve risarcire i danni al mandante.
Se il mandato è a tempo indeterminato, il mandatario che rinunzia senza giusta causa è tenuto al risarcimento, qualora non abbia dato un congruo preavviso.
In ogni caso la rinunzia deve essere fatta in modo e in tempo tali che il mandante possa provvedere altrimenti, salvo il caso d'impedimento grave da parte del mandatario.

La lettura coordinata di queste norme ci permette di affermare che l'amministratore potrà sempre rinunciare al mandato, non essendo vincolato a rispettare la sua scadenza naturale.
Tuttavia, laddove da questa condotta scaturisca un danno per i condomini, questi saranno legittimati ad agire nei confronti dell'ormai ex amministratore per ottenere il risarcimento del danno causato dal suo comportamento.In ogni caso, fino alla nomina del nuovo amministratore, e salvo il caso in cui i condomini (o uno dei condomini) prendano in carico la documentazione condominiale, il dimissionario sarà tenuto a garantire la gestione ordinaria della cosa comune.
Ciò significa che i condomini potranno continuare a versare le quote condominiali e l'amministratore sarà tenuto ad incassarle al fine di erogare i servizi comuni.

riproduzione riservata
Dimissioni dell'amministratore di condominio. Quando sono possibili?
Valutazione: 3.34 / 6 basato su 29 voti.

Dimissioni dell'amministratore di condominio. Quando sono possibili?: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • NADIA SANTI
    NADIA SANTI
    Venerdì 16 Settembre 2011, alle ore 10:06
    Vorrei sapere in che modo i condomini che vogliono revocare un amministratore sospettato con fondati motivi (non paga la tarsu da 5 anni verificato a equitalia) possono convocare una assemblea se l'amministratore diffidato dai condomini a voce, con lettera e con lettera di un avvocato a convocare l'assemblea ordinaria NON LA CONVOCA e NON CI PERMETTE DI VERDERA ALCUNCHE' della documentazione condominiale. Addirittura ci risulta che abbia chiuso in conto corrente del condominio e ne abbia aperto uno nuovo (non si sa dove nè a che nome) FORSE!!!NON MI RUSULTA CHE I CONDOMINI SIANO TUTELATI IN QUESTO SENSO.CI TOCCA ANDARE DA UN AVVOCATO E SPENDERE MOLTI SOLDI PER POI RIPAGARE TUTTO CIO' CHE DA NOI è GIàM STATO PAGATO ED IN PIU' PAGARE L'AVVOCATO, ED IN PIU ESERE PRATICAMENTE CERTI DI NON RICEVERE NIENTE INDIETRO! UN SUICIDIO!!!!
    rispondi al commento
  • Giulio Munna
    Giulio Munna
    Venerdì 1 Aprile 2011, alle ore 10:05
    Buongiorno,questa la situazione Periodo gestione stabile 30 giugno 2010 1 luglio 2011 ,nomina amministratore per detto periodo 15 novembre 2010 con compenso annuo pari ad euro xy.Questi i quesiti :sino a che data l'amministratore è in carica 1 luglio 2011 oppure 14 novembre 2011 ?Entro quale data ,rispetto a sopra, deve rassegnare le dimissioni al condominio in quanto rinuncia al mandato ?GRazie ,buona giornata .
    rispondi al commento
  • Rocco Musico
    Rocco Musico
    Martedì 27 Luglio 2010, alle ore 07:59
    Con riferimento a quanto esposto, vorrei meglio capire se l'amministratore di un condominio può rinunciare al suo mandato in presenza di lavori straordinari ultimati ma per i quali non è ancora avvenuto il collaudo, ciò a causa di notevoli problemi sia con l'impresa che sta eseguendo gli stessi, sia con la Direzione dei lavori, in quanto i lavori svolti sono pessimi.Potrei avere delucidazioni al riguardo?Grazie.Rocco Musicò
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
REGISTRATI COME UTENTE
342.014 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Dimissioni dell'amministratore di condominio. Quando sono possibili? che potrebbero interessarti

L'amministratore da chi viene nominato per un piccolo condominio?

Amministratore di condominio - Quando il numero dei condomini, ossia dei proprietari delle unità immobiliari, è pari a cinque, o superiore, l'assemblea deve nominare un amministratore, se l'assemblea non provvede, la nomina è fatta dall'autorità giudiziaria.

Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Amministratore di condominio - Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri

Revoca dell'amministratore giudiziario

Condominio - L'assemblea condominiale è l'organo competente a nominare e revocare l'amministratore. Per l'amministratore giudiziario i condomini potranno agire in giudizio per chiedere la revoca del mandatario.

Comunicazioni all'assemblea

Condominio - L'assemblea, è notorio, è il luogo in cui i condomini decidono sulla gestione e conservazione delle parti comuni dell'edificio.

Richiesta di convocazione di un'assemblea straordinaria

Assemblea di condominio - È possibile distinguere due diverse tipologie di assemblea condominiale: assemblea ordinaria annuale e assemblea straordinaria. Come richiederne la convocazione?

Assemblea condominiale e la ratifica delle scelte dell'amministratore

Condominio - L'assemblea condominiale è il centro nevralgico delle decisioni sulle parti comuni, anche quando si tratta di ratificare scelte dell'amministratore.

Per individuare l'amministratore basta la deliberazione dell'assemblea

Condominio - S'ipotizzi che una persona debba far causa ad un condominio: a chi dev'essere notificato l'atto introduttivo del giudizio?

I provvedimenti dell'amministratore

Condominio - L'amministratore è il mandatario dei condomini. Egli agisce per loro nome e conto ai fini della gestione delle parti comuni dello stabile.

Nomina giudiziaria dell'amministratore di condominio

Condominio - La nomina dell?amministratore è un atto di competenza dell?assemblea dei condomini.Quando in un condominio ci sono più di quattro comproprietari
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img giosue78
Buongiorno a tutti,abito in un condominio di 6 unità immobiliari e non abbiamo Amministrore e neanche un contocorrente. Possediamo invece un codice fiscale relativo al...
giosue78 31 Dicembre 2022 ore 15:38 2
Img utente1medio2
Salve,Non ho aderito al superbonus 110 per gli interni del mio appartamento. I membri del condomino hanno votato a maggioranza per usufruire del bonus 110 per ristrutturare gli...
utente1medio2 30 Novembre 2022 ore 18:26 10
Img serenabosco
Salve,nel mio condominio vengono spesso date deleghe ai condomini che partecipano all'assemblea per assicurare il numero sufficiente di presenze, affinchè l'assemblea possa...
serenabosco 06 Settembre 2022 ore 11:30 6
Img jeks
Salve, abito in un condominio di 4 livelli costituito da 2 scale. Ho chiesto l'autorizzazione all'assemblea per poter coibentare a mie spese attraverso dei pannelli calpestabili...
jeks 30 Giugno 2022 ore 07:43 3
Img cambriagiuseppe
Buongiorno,vi contatto per avere il parere vostro sulla mia attuale situazione.Spiego brevemente la situazione attuale:Io e mia moglie siamo comproprietari esclusivi del piano...
cambriagiuseppe 21 Aprile 2022 ore 15:49 2