Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

CILA, SCIA e Permesso di Costruire: quali differenze?

NEWS Leggi e Normative Tecniche09 Ottobre 2019 ore 11:35
Lavori non soggetti ad obbligo di pratica edilizia e lavori che invece la richiedono: come districarsi tra edilizia libera, CILA, SCIA e Permesso di costruire.
cila , scia , permesso di costruire , pratiche edilizie

Definizione degli interventi e pratiche edilizie in vigore


Per ogni lavoro che si intende effettuare in casa è sempre bene valutare se esso sia soggetto o meno ad obbligo di pratica edilizia. Quali opere si possono realizzare senza pratica edilizia? Quando, invece, è necessario presentare una pratica?

CILA, SCIA, Permesso di Costruire
La norma fondamentale di riferimento è il D.P.R. 6 giugno 2001 n.380 - Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, detto comunemente Testo Unico in materia edilizia.

Il Testo Unico riporta due informazioni importanti ai nostri fini.

La prima è la definizione degli interventi edilizi, che troviamo all’Articolo 3 del Decreto.

Gli interventi edilizi sono così classificati:

  1. interventi di manutenzione ordinaria;

  2. interventi di manutenzione straordinaria;

  3. interventi dei restauro e risanamento conservativo;

  4. interventi di ristrutturazione edilizia;

  5. interventi di nuova costruzione;

  6. interventi di ristrutturazione urbanistica.


La seconda informazione importante è la definizione delle varie pratiche edilizie:

  1. CILA;

  2. SCIA;

  3. Permesso di Costruire.

In base a come viene inquadrato l’intervento che desideriamo effettuare (manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, ristrutturazione, ecc.), il Testo Unico ci indica se è possibile procedere senza presentare pratiche oppure se dobbiamo presentare una CILA, una SCIA o un Permesso di Costruire.


Opere realizzabili in edilizia libera


Ai sensi dell’Articolo 6 del Testo Unico in materia edilizia, le opere di manutenzione ordinaria sono realizzabili senza alcun titolo abilitativo, quindi senza pratica edilizia.

Per opere di manutenzione ordinaria si intendono gli interventi di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie a integrare e mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti.

Esempi di manutenzione ordinaria sono la sostituzione di pavimenti, piastrelle, sanitari, porte interne o la ritinteggiatura delle pareti. Rientra nella manutenzione ordinaria anche la sostituzione di parti di impianti tecnologici, come un tubo rotto, senza tuttavia apportare modifiche migliorative all’impianto.

Edilizia libera
Sono altresì realizzabili senza titolo abilitativo:

  1. le installazioni di pompe di calore aria-aria di potenza termica utile nominale inferiore a 12 KW;

  2. gli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche che non comportino nuovi ascensori esterni o altri manufatti che alterino la sagoma dell’immobile;

  3. le opere di pavimentazione e finitura degli spazi esterni, che siano contenute entro l’indice di permeabilità, ove stabilito dallo strumento urbanistico comunale;

  4. i pannelli solari e fotovoltaici al di fuori delle zone A (centri storici).

A supporto della definizione degli interventi realizzabili in edilizia libera, segnalo che al Decreto del Ministero delle Infrastrutture 2 marzo 2018 è allegato un Glossario, con un elenco esaustivo dei lavori non soggetti a pratica edilizia.


La comunicazione di Inizio Lavori Asseverata - CILA


L’Articolo 6-bis del Testo Unico in materia edilizia tratta degli interventi subordinati a Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata – CILA.

In realtà questi interventi sono individuati per esclusione, poiché all’Articolo 6-bis è indicato che sono soggetti a CILA tutti gli interventi che non rientrano negli Articoli 6, 10 e 22 del Testo Unico, ossia, rispettivamente, quelli non soggetti a pratica edilizia (Art.6), quelli soggetti a Permesso di Costruire (Art. 10), e quelli soggetti a SCIA (Art. 22).

Abbiamo già visto gli interventi non soggetti a pratica edilizia, nei prossimi paragrafi vedremo quelli subordinati a SCIA e Permesso di Costruire.

Vi anticipo, comunque, che sono subordinati a CILA gli interventi di manutenzione straordinaria cosiddetta leggera, ossia che non coinvolgano parti strutturali dell’edificio.

CILA manutenzione straordinaria
Tra questi troviamo a titolo di esempio:

  1. lo spostamento di tramezzi interni non portanti, l’apertura, la chiusura o lo spostamento di porte interne;

  2. Il rifacimento di uno o più impianti (riscaldamento, idrosanitario, fognario, elettrico, condizionamento, ecc.)

  3. Il frazionamento (divisione di un’unità immobiliare in due o più) o l’accorpamento di due o più unità immobiliari, purché non sia modificata la volumetria complessiva e non sia mantenuta la destinazione d’uso.


La Segnalazione Certificata di Inizio Attività - SCIA


Sempre nel Testo Unico in materia edilizia, all’Articolo 22, troviamo gli interventi realizzabili mediante Segnalazione Certificata di Inizio Attività – SCIA.

Ristrutturazione SCIA
Si tratta di interventi un po’ più invasivi rispetto a quelli di manutenzione straordinaria leggera soggetti a CILA e sono nello specifico:

  1. gli interventi di manutenzione straordinaria, qualora riguardino parti strutturali dell’edificio;

  2. gli interventi di restauro e di risanamento conservativo, qualora riguardino le parti strutturali dell’edificio;

  3. gli interventi di ristrutturazione edilizia, diversi da quelli indicati al punto c) relativo al Permesso di Costruire, che vedremo nel paragrafo successivo.


Il Permesso di Costruire


Il Permesso di Costruire si presenta in occasione di interventi molto consistenti. All’Articolo 10 del Testo Unico in materia edilizia sono elencati gli interventi ad esso subordinati:

  1. interventi di nuova costruzione;

  2. interventi di ristrutturazione urbanistica;

  3. interventi di ristrutturazione edilizia che portino a un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente e che comportino modifiche della volumetria complessiva degli edifici o dei prospetti, ovvero che, limitatamente agli immobili compresi nelle zone omogenee A, comportino mutamenti della destinazione d’uso, nonché gli interventi che comportino modificazioni della sagoma di immobili sottoposti a vincoli ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004 n. 42 e successive modificazioni (Codice dei beni culturali e del paesaggio).


Differenze fra CILA, SCIA e Permesso di Costruire


Abbiamo visto che a ogni intervento edilizio è associata una precisa pratica edilizia.
Pertanto, come prima differenza evidente, i moduli relativi a ogni pratica saranno predisposti sulla base degli interventi che essa sottende.

Tuttavia, esiste una differenza ben più importante tra CILA, SCIA e Permesso di Costruire.

La CILA e la SCIA sono di fatto una comunicazione/segnalazione che il soggetto avente titolo (proprietario o altro soggetto) presenta all’amministrazione comunale, corredata da asseverazione del progettista, il quale attesta, sotto la propria responsabilità, che i lavori sono conformi agli strumenti urbanistici, ai regolamenti edilizi, alla normativa sismica, a quella sui consumi energetici e quant’altro.

Differenze cila, scia, permesso costruire
Con CILA e SCIA il progettista si prende la responsabilità della conformità dei lavori che si intendono effettuare e, sulla base di questa assunzione di responsabilità, si potrà procedere da subito con l’apertura del cantiere, senza prima ricevere l’assenso dall’amministrazione comunale.

Invece, il Permesso di Costruire, come dice il nome stesso, è una richiesta di permesso a procedere. A differenza di CILA e SCIA, i lavori subordinati a Permesso di Costruire non possono partire subito, ma l’amministrazione comunale avrà il compito di esaminare la domanda e, successivamente, rilasciare relativo Permesso, in seguito al quale si potrà avviare il cantiere.


SCIA alternativa al Permesso di Costruire


Esiste, poi, una particolare pratica, la SCIA alternativa al Permesso di Costruire che, a scelta del proprietario e del progettista che lo segue, può essere presenta, come dice il nome, al posto del Permesso di Costruire.

È consentito ricorrere alla SCIA alternativa al Permesso di Costruire solo per alcuni degli interventi soggetti a Permesso (Articolo 23 Testo Unico in materia edilizia):

  1. interventi di ristrutturazione edilizia che portino a un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente e che comportino modifiche della volumetria complessiva degli edifici o dei prospetti, ovvero che, limitatamente agli immobili compresi nelle zone omogenee A, comportino mutamenti della destinazione d’uso, nonché gli interventi che comportino modificazioni della sagoma di immobili sottoposti a vincoli ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004 n. 42 e successive modificazioni (Codice dei beni culturali e del paesaggio);

  2. interventi di nuova costruzione e ristrutturazione urbanistica qualora disciplinati da piani attuativi con precise disposizioni plani-volumetriche, tipologiche, formali e costruttive;

  3. interventi di nuova costruzione qualora in diretta esecuzione di strumenti urbanistici generali recanti precise disposizioni plani-volumetriche.


Nuova costruzione SCIA alternativa
La SCIA alternativa al Permesso di Costruire va presentata almeno 30 giorni prima dell’inizio dei lavori, corredata di asseverazione del progettista che attesti la conformità alle norme vigenti.
L’Amministrazione comunale, nei 30 giorni che intercorrono tra la presentazione della pratica e l’inizio dei lavori dichiarato, ha il compito di esaminare la documentazione e può notificare, se necessario, l’ordine a non effettuare l’intervento.

In caso contrario, trascorsi i 30 giorni, subentra il silenzio-assenso e si può, così, procedere coi lavori. Il vantaggio della SCIA alternativa al Permesso di Costruire è principalmente un accorciamento dei tempi fra la presentazione della pratica e l’inizio del cantiere.


CIL e DIA


Negli ultimi anni, oltre alle pratiche sopra citate, avrete sentito parlare di altre due tipologie di pratiche edilizie:

  1. CIL – Comunicazione di inizio lavori

  2. DIA – Denuncia di inizio attività

Salvo rari casi di ritardi nell’adeguamento della modulistica comunale, è da segnalare che la DIA è stata completamente sostituita dalla SCIA a partire dal 2016, di conseguenza non è più in vigore.

La CIL, invece, è ancora prevista all’interno del Testo Unico in materia edilizia, ma limitatamente alle opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee e a essere immediatamente rimosse al cessare della necessità e, comunque, entro un termine non superiore a novanta giorni (Articolo 6, comma 1, lettera e-bis del Testo Unico).


Norme Regionali


È utile segnalare, infine, che il testo Unico in materia edilizia consente alle Regioni di estendere la disciplina dell’attività edilizia libera e della CILA a interventi edilizi ulteriori rispetto a quelli già previsti.

Alle Regioni è anche consentito individuare particolari interventi che, in relazione all’incidenza sul territorio, debbano essere sottoposti a Permesso di Costruire o SCIA anche quando il Testo Unico non lo preveda.

Il Testo Unico in materia edilizia, pertanto, è il primo riferimento, ma, prima di procedere, vanno sempre verificate anche le norme regionali.

riproduzione riservata
Articolo: Differenze tra Cila, Scia e permesso di costruire
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.

Differenze tra Cila, Scia e permesso di costruire: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
307.897 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Kone
  • Internorm
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Pratiche detrazioni fiscali
    Pratiche detrazioni fiscali...
    500.00
  • Blocco in laterizio Porotherm BIO PLAN 45-25-19.9 T - 0.09
    Blocco in laterizio porotherm bio...
    125.00
  • Tramezza ad incastro Porotherm PLANA+ Revolution 12
    Tramezza ad incastro porotherm...
    300.00
  • Grembiule da giardino
    Grembiule da giardino...
    6.71
  • Lavastoviglie Beko
    Lavastoviglie beko...
    224.39
  • Scrivania per computer
    Scrivania per computer...
    60.99
Notizie che trattano Differenze tra Cila, Scia e permesso di costruire che potrebbero interessarti


Abuso edilizio: secondo la Cassazione è responsabile anche il progettista

Leggi e Normative Tecniche - In caso di abuso edilizio per l'opera realizzata senza permesso di costruire è responsabile anche il progettista dei lavori. È quanto affermato dalla Cassazione

Muro di recinzione e permesso di costruire: i chiarimenti della Cassazione

Leggi e Normative Tecniche - In caso di realizzazione di un muro di cinta la Cassazione precisa quando sia necessario richiedere il permesso di costruire e le autorizzazioni paesaggistiche.

Quando occorre la DIA e quando il Permesso di Costruire

Leggi e Normative Tecniche - In questo articolo vediamo in quali casi è necessario richiedere un Permesso di Costruire e quando, invece, si può fare ricorso alla Denuncia di Inizio Attività.

Qual è la differenza tra Sanatoria e Condono?

Leggi e Normative Tecniche - Nella pratica professionale capita spesso di percepire che non si comprenda la differenza tra Condono e Sanatoria: cerchiamo di fare chiarezza sull'argomento.

Reato di falsità ideologica del progettista: quali sono le sanzioni?

Leggi e Normative Tecniche - Il tecnico progettista che dichiara in falso in un atto avente valore di certificato è responsabile penalmente e può essere condannato alla pena della reclusione

Pratiche edilizie

Leggi e Normative Tecniche - In questo articolo illustriamo quali sono le pratiche necessarie a seconda degli interventi edilizi, rimandandovi a ciascun articolo specifico per maggiori dettagli.

Interventi edili: quali sono le responsabilità del committente?

Leggi e Normative Tecniche - In caso di lavori edili, anche di piccola entità, il committente ha delle responsabilità sia per la regolarità urbanistica che per la sicurezza nei cantieri.

CILA: Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata

Leggi e Normative Tecniche - La CILA è lo strumento che consente di iniziare lavori edilizi contestualmente alla presentazione dell'istanza, aggiornata e ampliata oggi con il Decreto Madia-

In arrivo il Modello Unico Super DIA

Leggi e Normative Tecniche - Dopo CIL e CILA, anche per il deposito di una Superdia, i professionisti potranno utilizzare un modello unico standardizzato, valido su tutto il territorio nazionale.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img amaciro
Buongiorno a tutti.Vorrei sottoporre un argomento che probabilmente in altre occasioni già trattato.Ho acquistato la mia prima casa dal costruttore, quando ormai era stato...
amaciro 02 Dicembre 2012 ore 09:56 4
Img ettore2017_2507
La costruzione di una vetrata su un terrazzo implica il consenso dell'assemblea di condominio o basta, come ho letto su internet, una comunicazione scritta all'amministratore...
ettore2017_2507 25 Aprile 2017 ore 22:32 5
Img patina
Buongiorno. Vorrei sapere se esistono indicazioni precise su come lasciare il termostato dei caloriferi quando il riscaldamento centralizzato è spento. In pratica la...
patina 19 Aprile 2019 ore 10:08 5
Img apache7
Salve, sono nuovo :) vorrei chiedere qualche parere tra voi esperti sul mio caso: dunque sto ristrutturando un appartamento a Salerno all'interno di un piccolo condominio di 6...
apache7 15 Maggio 2017 ore 03:20 4
Img massimo73j
Abito in un codominio composto da quattro appartamenti con complessivi 7 proprietari;durante le ultime piogge, nel mio appartamento  c'è stata una vistosa...
massimo73j 16 Marzo 2014 ore 16:35 6