Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Cos’è la dichiarazione di rispondenza di impianti tecnici

Caratteristiche normative della dichiarazione di rispondenza per impianti tecnologici, usata in specifici casi come sostituzione della dichiarazione di conformità
- NEWS Leggi e Normative Tecniche

Dichiarazione di rispondenza che cos'è


La Dichiarazione di Rispondenza, chiamata anche DIRI, è un documento che ha la funzione di regolarizzare a livello di sicurezza gli impianti, in particolare quelli domestici. Rappresenta un sostituto della Dichiarazione di Conformità, laddove non fosse presente o irreperibile, per soli impianti esistenti.


Impianto di videosorveglianza

Impianto di videosorveglianza

Impianto di videosorveglianza
Sensore impianto antincendio

Sensore impianto antincendio

Sensore impianto antincendio
Impianto di climatizzazione

Impianto di climatizzazione

Impianto di climatizzazione
Contatori di un impianto elettrico

Contatori di un impianto elettrico

Contatori di un impianto elettrico
Impianto di antenna

Impianto di antenna

Impianto di antenna
Impianto idraulico

Impianto idraulico

Impianto idraulico

È stata introdotta dal D.M. 37/08 e per avere validità, l’impianto deve rispondere esattamente ai requisiti normativi vigenti nel momento della sua esecuzione, quindi essere costruito a regola d’arte. Può essere concessa solo per impianti successivi a marzo 1990 e precedenti a marzo 2008.

Nel caso in cui l’impianto fosse successivo a questo range temporale, bisognerà ripristinarlo e accompagnarlo da dichiarazione di conformità.
Se non si conosce il periodo in cui è stato installato l’impianto allora ci si può rifare alle normative attuali.

Specifiche della dichiarazione di rispondenza


La regola d’arte abbraccia in particolar modo le caratteristiche di sicurezza secondo cui gli impianti devono avere il compito di proteggere e tutelare cose, persone e animali da rischi di vario genere associati all’utilizzo impiantistico.

La dichiarazione di rispondenza può inoltre essere richiesta per un aumento potenziale di energia elettrica di una fornitura, per impianti realizzati tra il 1990 e il 2008. Qualora l’impianto fosse stato realizzato in seguito al D.M. 37/08 è sempre obbligatoria la dichiarazione di conformità.

I soggetti incaricati al rilascio della dichiarazione di rispondenza sono:

  • professionisti iscritti all’albo, con esperienza di almeno 5 anni nello specifico ambito impiantistico per cui è richiesta la dichiarazione;

  • responsabile tecnico, da almeno 5 anni, di un’impresa che opera nell’ambito della dichiarazione, qualora per il progetto dell’impianto non fosse obbligatoria la presenza di un professionista.


Documentazione per la dichiarazione di rispondenza


I documenti essenziali per la dichiarazione sono:

  • piante degli impianti;

  • normative a cui si è fatto capo nella dichiarazione;

  • iscrizione all’albo del professionista per apporre il timbro di validazione;

  • esami e prove effettuate sul posto dal soggetto incaricato alla redazione della dichiarazione.


Nel caso in cui dovessero essere rilevate delle anomalie o delle problematiche capaci di ledere la salvaguardia dell’ambiente, si può richiedere al professionista di apportare delle modifiche per conformarsi alla condizione di sicurezza.



Si potrà quindi redigere una dichiarazione di conformità da aggiungere a quella di rispondenza, sempre in base ai limiti previsti dal 37/08.
La dichiarazione di rispondenza, inoltre, non ha una data di scadenza: infatti, ha valenza fino a che non si dovranno effettuare degli interventi sull’impianto.


Impianti tecnici per cui c’è bisogno di dichiarazione di rispondenza


Gli impianti sottoposti a dichiarazione di rispondenza sono:

  • Impianti elettrici;

  • Impianti idrici;

  • Impianti di antenne;

  • Impianti di antifurto e antincendio;

  • Impianti di climatizzazione.


È importante ricordare che la dichiarazione non attesta che l’impianto sia conforme alle norme presenti in vigore, ma a quelle dell’epoca di installazione.
Non esiste obbligo alcuno di aggiornare l’impianto con le prescrizioni attuali, se esso non viene modificato.

Andiamo ora a vedere le specifiche norme per ognuno degli impianti sopra accennati.


Impianti elettrici a regola d’arte


Affinchè un impianto elettrico possa essere considerato a regola d’arte, l’installatore dovrà verificare la presenza del salvavita, meccanismo essenziale per garantire la sicurezza di chi abita nell’edificio, capace di bloccare la corrente elettrica in caso di grande dispersione.

Cavi di un impianto elettrico
Da controllare è il diametro del cavo, proporzionato alla potenza elettrica richiesta, per diminuire la dissipazione dell’energia.

Gli impianti devono poi evitare il contatto con le persone, mediante apposite protezioni e bisogna che siano scomposti in parti per poter isolare, in caso di cattivo funzionamento, la porzione danneggiata.


Impianti idrici a norma


Per quanto riguarda un impianto idrico, esistono delle specifiche tecniche che gli permettono di essere realizzato a regola d’arte.

Tubi di un impianto idraulico
Il progettista incaricato alla redazione della dichiarazione deve certificare che sia efficiente in termini di smaltimento, così come in tema di scarico e che abbia adatta resistenza alla pressione.

Senza dimenticare le prescrizioni delle norme UNI 9182 e 9183 per dimensionare le reti di distribuzione e gli impianti di acqua calda sanitaria.


Impianti di antenne secondo prescrizioni


Quando si parla di impianti di ricezione televisiva bisogna prestare particolare attenzione a evitare situazioni in cui si possa avere contatto diretto o fulminazioni della struttura in cui alloggia l’antenna.

Tipica antenna di un impianto
Per questo è necessario che l’installatore determini la miglior posizione per ricevere il segnale, usi pali adatti a sorreggere la parabola, effettui un corretto cablaggio e che non si proceda ad una distribuzione a cascata, per evitare problemi di manutenzione.


Impianti di antifurto e antincendio a regola d’arte


Gli impianti di antifurto e antincendio per essere a norma devono seguire diverse prescrizioni.

Sensori per impianti di antifurto e antincendio
Per i sistemi antincendio bisogna innanzitutto che siano soggetti a verifiche preventive e che garantiscano una minima eventualità di innesco di incendio così come di propagazione.Inoltre, è importante la sicurezza dell’ambiente.

Altro punto fondamentale è evitare i contatti diretti con l’impianto e applicare dei dispositivi per la rilevazione di guasti, come dei sensori.

Lo stesso accade per gli impianti di antifurto, dove è bene installare una serie di sensori ed allarmi per controllare che l’ambiente sia a prova di intrusione.
Essi possono azionarsi in maniera manuale o automatica, deve inoltre essere presente un rilevatore in grado di rispettare le prescrizioni di sicurezza.


Norme per impianti di climatizzazione


Per gli impianti di climatizzazione, le norme da seguire riguardano in principal modo la riduzione degli impatti ambientali. Infatti ha grande rilevanza controllare che i gas dispersi da tali impianti nell’ambiente non provochino aumenti dell’effetto serra.

Impianto con climatizzatore
Deve inoltre essere predisposto un controllo periodico per verificare che l’impianto abbia ottimo funzionamento e garantisca condizioni di sicurezza.

Come già anticipato la dichiarazione di rispondenza, quindi, viene predisposta nel momento in cui l’edificio sia a regola d’arte e può essere accompagnata da opportuna documentazione.

riproduzione riservata
Articolo: Dichiarazione di rispondenza impianti tecnologici
Valutazione: 3.89 / 6 basato su 55 voti.

Dichiarazione di rispondenza impianti tecnologici: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Dred
    Dred
    Mercoledì 20 Novembre 2013, alle ore 18:17
    Se può essere utile, io per la dichiarazione di rispondenza mi sono affidato alla PDM Elettronica di Roma, molto gentili e precisi.
    rispondi al commento
  • Stefano
    Stefano
    Mercoledì 2 Ottobre 2013, alle ore 12:42
    Salve, se non si è in possesso di una Dichiarazione di Conformità e l'impianto è stato realizzato dopo l'entrata in vigore del Decreto come ci si deve comportare?
    La DDR se non sbaglio è prevista solo per i vecchi impianti.
    rispondi al commento
  • Daniele
    Daniele
    Mercoledì 10 Luglio 2013, alle ore 23:59
    Buongiorno, ho comprato casa completamente ristrutturata nel 2011, con impianto gas riscaldamento ed elettrico nuovi.
    Mi sono accorto che ho il certificato di conformità dell'impianto idraulico riscaldamento gas mentre non mi era stato rilasciato quello relativo all'impianto elettrico effettuato a norma.
    La ditta dell'elettricista è fallita.
    Come posso regolarizzare la mia posizione formalmente?
    Quale certificato posso chiedere e a chi?
    rispondi al commento
    • Ing.granato
      Ing.granato Daniele
      Giovedì 11 Luglio 2013, alle ore 12:33
      Per Daniele: può chiedere la dichiarazione di rispondenza a un altra ditta o professionista.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
335.321 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Dichiarazione di rispondenza impianti tecnologici che potrebbero interessarti


Dichiarazione Rispondenza Gas

Impianti - La dichiarazione di rispondenza permette di regolarizzare la conformità di impianti esistenti di vecchia data adeguandoli ai dettami normativi più aggiornati.

Certificato conformità impianti

Leggi e Normative Tecniche - Vediamo che cos'è il certificato o dichiarazione di conformità di un impianto, chi è tenuto a rilasciarlo e in quali casi tale documentazione è obbligatoria.

Dichiarazione di Conformità

Leggi e Normative Tecniche - La dichiarazione di conformità prevista dalle norme vigenti per gli impianti tecnologici civili, che cos'è, a cosa serve e chi la rilascia.

Dichiarazione Rispondenza Impianto Elettrico

Impianti elettrici - Gli impianti elettrici di vecchia data e privi di dichiarazione di conformità possono essere regolarizzati con la dichiarazione di rispondenza.

DiCo, dichiarazione di conformità impianti

Leggi e Normative Tecniche - Tra i documenti obbligatori quando si effettua una ristrutturazione c'è la DiCo, Dichiarazione di Conformità degli impianti. Di cosa si tratta?

Scelta delle imprese per la certificazione di conformità degli impianti

Leggi e Normative Tecniche - In tema di certificazioni di conformità degli impianti non tutte le imprese possono rilasciare tale documento. Come riconoscerle? Che fare per ottenerlo senza problemi?

Anagrafica condominiale e dichiarazioni di conformità e rispondenza

Condominio - L'anagrafica condominiale deve contenere una serie informazioni e dati. Che cosa accade se il condomino non dispone delle dichiarazioni di conformità o di rispondenza?

Impianti: Comportamento Proprietari

Leggi e Normative Tecniche - Tutti gli impianti negli edifici e nelle loro aree di pertinenza devono essere corredati da una dichiarazione di conformità che ne attesti sicurezza e funzionalità.

Certificazioni di qualita' per il fotovoltaico

Impianti - Come gli enti certificatori assumono un ruolo determinante nell'indirizzare il mercato degli impianti solari verso un adeguato standard di qualita'.