Detrazioni 50% e 65% per lavori fai da te

NEWS DI Detrazioni e agevolazioni fiscali19 Agosto 2016 ore 09:32
Le detrazioni fiscali sulle ristrutturazioni e sul risparmio energetico sono ammesse anche per lavori in fai da te, purché risultino conformi alle norme vigenti

Detrazioni per lavori eseguiti con fai da te


La detrazione sulle ristrutturazioni edilizie e la detrazione sul risparmio energetico sono ammesse anche per lavori eseguiti in economia o, in termini più semplici, eseguiti con fai da te.

pavimento faidateIn questi casi, poiché non è una ditta a fornire la manodopera ma è il proprietario stesso ad eseguire il lavoro, la detrazione riguarderà principalmente le spese sostenute per la fornitura dei materiali.

Ciò è quanto affermato dal Ministero delle Finanze con Circolare del 11/05/1998 n.121 e riportato anche dall'Agenzia delle Entrate nella Guida sulle ristrutturazioni edilizie - edizione maggio 2014 a pagina 6: Può richiedere la detrazione anche chi esegue in proprio i lavori sull'immobile, limitatamente alle spese di acquisto dei materiali utilizzati.


Lavori fai da te ma in regola con gli strumenti urbanistico-edilizi


Seppur sia possibile accedere alle detrazioni fiscali per lavori eseguiti con fai-da-te, è bene però ricordare la necessità che le opere siano realizzate in conformità alle norme vigenti in materia urbanistica, edilizia, d'igiene, impiantistica, ecc. Il rischio di lavori non in regola è la perdita delle detrazioni fiscali e il pagamento di spiacevoli sanzioni.

pratica edilizia per lavori faidate detraibiliEseguire opere in conformità alle normative vigenti significa che se ad esempio intendo realizzare lavori richiedonti un titolo abilitativo, dovrò presentare in Comune una pratica edilizia. Quindi prima di procedere con i lavori è sempre consigliabile consultare l'ufficio tecnico del Comune per conoscere se nel nostro caso specifico è necessaria o meno una pratica edilizia.

Se per il rilascio del titolo abilitativo ci si dovrà avvalere di un progettista e direttore lavori (architetto, ingegnere, geometra), segnalo che sarà possibile portare in detrazione anche le spese sostenute per il lavoro di questo tecnico. E si potrà beneficiare della detrazione anche per le spese relative ai diritti per le concessioni comunali e agli eventuali oneri.


Lavori fai-da-te ma in regola con la normativa sulla sicurezza


La normativa sulla sicurezza (D.Lgs 81/2008) chiarisce all'articolo 90 gli obblighi del committente, che è tenuto a verificare l'idoneità tecnico-professionale delle imprese e dei lavoratori autonomi a cui intende affidare l'opera, chiedendo una serie di documenti che ne attestino i requisiti. Di questi documenti il committente è tenuto a consegnare in Comune in allegato alla pratica edilizia il cosiddetto DURC, il Documento Unico di Regolarità Contributiva.

La normativa ha quindi posto un notevole problema inerente i lavori in economia, visto che il privato non può produrre il DURC e quindi inizialmente sembrava che i lavori in proprio fossero diventati totalmente illegali e quindi i Comuni non si fidavano ad approvare progetti da eseguire con fai-da-te.

A fronte di questa difficoltà è intervenuta la Legge 9 agosto 2013 n.98. Cito l'articolo 31: «in caso di lavori privati di manutenzione in edilizia realizzati senza ricorso a imprese direttamente in economia dal proprietario dell'immobile, non sussiste l'obbligo della richiesta del documento unico di regolarità contributiva (DURC) agli istituti o agli enti abilitati al rilascio».

Si parla di lavori privati di manutenzione in edilizia. Quindi sono da ritenersi realizzabili con fai da te lavori di manutenzione sia ordinaria che straordinaria. Sulla pratica edilizia da presentare in Comune (sempre se richiesta) si dovrà allora segnalare che i lavori saranno eseguiti in economia e che, ai sensi della Legge citata, non si è soggetti all'obbligo di presentazione del DURC.

Dalla norma noto però un'ulteriore questione: si citano lavori realizzati in economia dal proprietario dell'immobile. Dunque alla lettera sembrerebbe che li possa svolgere solo il proprietario, escludendo l'ausilio di parenti e affini. Non sono a mia conoscenza altre norme di chiarimento in merito, comunque non riterrei errata l'interpretazione letterale a causa dei problemi che potrebbero sopraggiungere in caso di infortunio, vista la piena responsabilità del committente e la mancanza di assicurazioni.


Lavori fai da te sugli impianti


A proposito di opere in conformità alle normative vigenti, vorrei citare anche tutti quei lavori di carattere impiantistico (come ad esempio il rifacimento dell'impianto elettrico o dell'impianto di riscaldamento) che richiedono il rilascio della dichiarazione di conformità, ossia un documento in cui si dichiara che l'impianto risponde ai requisiti di sicurezza ed è realizzato alla regola dell'arte. Questa dichiarazione va sottoscritta da un tecnico abilitato, che in genere è l'elettricista o l'idraulico che ha eseguito il lavoro.

lavori faidate impiantiPer interventi fai-da-te sugli impianti diventa ancor più difficile gestire la questione. Ricordo innanzitutto quanto cita il D.M. 37/2008: «tutti gli impianti tecnologici devono essere realizzati a regola d'arte da Impresa Specializzata e iscritta ad apposito Albo, che rilasci regolare dichiarazione di conformità».

Da qui si comprende il motivo per cui idraulici ed elettricisti tendono a firmare solo dichiarazioni di impianti che hanno realizzato personalmente (o che hanno realizzato i propri dipendenti) e non impianti realizzati da persone esterne. Infatti firmando la dichiarazione di conformità di un impianto si assumono una certa responsabilità. Quindi prima di eseguire autonomamente modifiche agli impianti, consiglio di verificare bene tutti i presupposti per procedere in regola.


Quali lavori detraibili sono allora realizzabili con fai da te?


In considerazione di tutte le analisi appena condotte, possiamo considerare tranquillamente realizzabili con fai-da-te le opere di manutenzione ordinaria e straordinaria che non prevedano particolari obblighi, come ad esempio il rilascio della dichiarazione di conformità degli impianti o magari l'installazione di un ponteggio, per il quale subentrano ulteriori complicazioni. Il consiglio è comunque di rivolgersi sempre all'ufficio tecnico del Comune in modo da chiarire preventivamente cosa si può fare o meno autonomamente, vista la molteplicità degli interventi eseguibili su un'abitazione e vista anche la possibile presenza di norme locali.

Parlando di lavori eseguibili con fai da te, sulle parti comuni condominiali sono detraibili sia i lavori di manutenzione ordinaria che straordinaria, mentre sulle singole abitazioni sono detraibili solo i lavori di manutenzione straordinaria con l'aggiunta di alcune eccezioni ricadenti nella manutenzione ordinaria (opere semplici di abbattimento delle barriere architettoniche, opere che prevengono infortuni domestici, come l'installazione di vetri di sicurezza o corrimani, opere che prevengono il rischio di atti illeciti da parte di terzi, come l'installazione di tapparelle metalliche con ganci di sicurezza o la sostituzione della serratura della porta di ingresso).

Cito poi alcuni esempi di lavori di manutenzione straordinaria detraibili e che non dovrebbero suscitare problemi burocratici se eseguiti con fai da te:
- allargamento di una porta;
- realizzazione di un muretto di cinta e apposizione di un cancello;
- sostituzione di infissi;
- nuova pavimentazione esterna;
- realizzazione di marciapiede;
- sostituzione zoccolo esterno di facciata con altro avente caratteristiche diverse;
- ecc.

Per lavori che comportano necessariamente altri obblighi, procederei con la massima cautela. Se ad esempio decido di rifare completamente il bagno, comprensivo dell'impianto idraulico, potrò accedere alla detrazione sulle ristrutturazioni edilizie.

Tuttavia, dovendo necessariamente agire sull'impianto, un'impresa dovrà rilasciare la dichiarazione di conformità di questo impianto. Pertanto riterrei utile procedere così: presenterei una pratica edilizia dove si dichiari che l'impianto sarà realizzato da un idraulico (di cui si consegnerà il DURC), mentre la parte restante relativa ai sanitari e alle piastrelle sarà realizzata in economia. Si potrà quindi beneficiare della detrazione per le spese relative all'idraulico per la parte di sua competenza (impianto idraulico comprensivo del rilascio di certificazione di conformità) mentre per la parte eseguita in proprio porteremo in detrazione solo le spese relative ai materiali.


Iva sui lavori fai da te


iva su materiali lavori faidateQuando si eseguono interventi su edifici abitativi esistenti si parla spesso della possibilità di beneficiare dell' iva agevolata al 10%. In realtà non è sempre così.

Abbiamo detto che i lavori fai da te sono possibili solo per opere di manutenzione ordinaria e straordinaria. Per queste opere, se si acquistano solo i materiali, l'iva è al 22%.

Anche l'iva sulle fatture di eventuali professionisti iscritti ad Albi o Collegi che bisognerà coinvolgere (architetti, ingegneri, geometri) sarà al 22%, così come lo è sempre sui compensi professionali.

riproduzione riservata
Articolo: Detrazioni 50% e 65% per lavori fai da te
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 26 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Detrazioni 50% e 65% per lavori fai da te: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Giovy82
    Giovy82
    Sabato 21 Aprile 2018, alle ore 17:32
    Sto facemdo una ristrutturazione di sana pianta nei locali il bagno, cucina e balcone ( quindi impianto idrico, rivestimenti),  tutto tramite una CILA aperta e la ditta con la presentazione del DURC.
    Contemporaneamente vorrei rifarmi tutto l'impianto elettrico in economia ( io e mio padre siamo degli elettricisti).
    1) Il mio dubbio è: che procedura devo fare a livello burocratico? Devo farlo inserire all' Interno della CILA che presenterà il mio ingegnere?
    2) tutti i materiali che comprerò filo, cassette, tubi ecc.. Potrò inserirli nella pratica di detrazione decennale?
    rispondi al commento
  • Mariancarutasu
    Mariancarutasu
    Lunedì 5 Marzo 2018, alle ore 15:56
    Sto facendo i lavori in proprio nel mio appartamento.ho una pratica aperta per manutenzione straordinaria aperta anno scorso. Ho ancora da fare i lavori per 4-5 mesi.Domanda - posso portare in detrazione le spese di anno scorso se la pratica non è ancora chiusa?Vorrei finire tutti lavori e chiudere dopo. E possibile dettrare le spese sostenute anno scorso?
    rispondi al commento
  • Leon2
    Leon2
    Sabato 17 Febbraio 2018, alle ore 00:17
    Il mio vicino ha una ditta individuale e d'accordo con gli altri proprietari (tranne me) vorrebbe effettuare lavori di manutenzione tetto nuovo e cappotto.
    Essendo un artigiano può produrre le apposite certificazioni sul risparmio energetico piuttosto che la fattura da detrarre in sede di dichiarazione dei redditi se pagata con apposito bonifico?
    rispondi al commento
    • Arch.martinelli
      Arch.martinelli Leon2
      Giovedì 22 Febbraio 2018, alle ore 18:01
      Sì, è possibile, perchè la ditta individuale va considerata cosa diversa dalla persona fisica.
      rispondi al commento
  • Luca5
    Luca5
    Martedì 23 Gennaio 2018, alle ore 18:04
    Ho appena acquistato casa.
    Dovrei sostituire l’impianto elettrico e lo vorrei fare in proprio. Domanda:
    ho un elettricista che mi farebbe il favore di controllare l’impianto una volta finito da me e rilasciarmi la relativa dichiarazione di conformità dell’impianto se è tutto ok,
    Posso accedere alla detrazione in questo caso ?
    rispondi al commento
    • Sara.m.
      Sara.m. Luca5
      Giovedì 25 Gennaio 2018, alle ore 15:31
      Il D.M. 37/2008, citato anche nell'articolo, dice chiaramente che i lavori sugli impianti devono essere eseguiti da ditta specializzata. Purtroppo per gli impianti non è possibile il fai-da-te, nemmeno se poi un tecnico firma dichiarazione di conformità. Nel suo caso specifico, poi, le consiglierei, prima di iniziare i lavori, di presentare una CILA (Comunicazione Inizio Lavori Asseverata) in comune.
      rispondi al commento
  • Milanomarco
    Milanomarco
    Venerdì 9 Giugno 2017, alle ore 10:22
    Buongiorno, ho acquistato casa da poco e devo chiedere le detrazioni sull'importo che spenderò per l'acquisto dei mobili e grandi elettrodomestici. Ho capito che per ottenere delle detrazioni è necessario effettuare degli interventi di ristrutturazione e pertanto mi sono premurato di presentare la documentazione necessaria al comune di Torino (CILA: Certifica di Inizio Lavori). Il mio dubbio è il seguente: posso effettuare interventi di muratura in FAI-DA-TE senza coinvolgere un'impresa esterna (che produca fatture) e comunque non perdere il diritto alle detrazioni fiscali previste? Grazie
    rispondi al commento
    • Sara.m.
      Sara.m. Milanomarco
      Domenica 11 Giugno 2017, alle ore 12:42
      La presentazione di una CILA lascia intuire che i lavori sono stati inquadrati come manutenzione straordinaria. Benissimo. Questa categoria di lavori può essere eseguita con fai da te, ad eccezione di qualsiasi lavoro sugli impianti (elettrico, riscaldamento, idrico, ecc). Può tranquillamente detrarre le spese sui materiali utilizzati per i lavori di muratura, porte, piastrelle, ecc.
      rispondi al commento
  • Monica
    Monica
    Venerdì 19 Agosto 2016, alle ore 12:47
    Ho dovuto sostituire forno eletrico.

    Posso fare detrazione, ma soprattutto devo avere dei permessi o basta fattura con pagamento elettronico consegnato nella compilazione del 730 ?
    rispondi al commento
  • Daniele
    Daniele
    Martedì 19 Luglio 2016, alle ore 11:55
    Seguo gli articoli sugli interventi di manutenzione ordinaria eseguiti in economia (fai da te), mi dareste conferma che la tinteggiatura delle pareti interne della propria abitazione, applicazione di parquet laminato, sostituzione di porte interne, sostituzione di vecchie prese e interruttori in fai da te godono della detrazione del 50% sulle spese del materiale?

    Questa detrazione è cumulabile con il bonus mobili giovani coppie?
    rispondi al commento
  • Irene margotgenovese
    Irene margotgenovese
    Sabato 6 Giugno 2015, alle ore 21:01
    Buonasera.ho comprato una casa da ristrutturare. i lavori li farebbe mio papà che è artigiano. risparmierei così i lavori di mano d'opera. ma in questo caso posso richiedere la detrazione fiscale. e in che modo dovrei procedere.grazie in anticipo.
    rispondi al commento
  • Rob.moni
    Rob.moni
    Mercoledì 27 Maggio 2015, alle ore 15:49
    Interventi di manutenzione straordinaria eseguiti in economia danno diritto anche al bonus mobili?Grazie.
    rispondi al commento
    • Giuseppe
      Giuseppe Rob.moni
      Sabato 16 Luglio 2016, alle ore 09:34
      Buongiorno chiedevo se posso usufruire del bonus mobili avendo acquistato una casa da ristrutturare grazie.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Detrazioni 50% e 65% per lavori fai da te che potrebbero interessarti
Arriva il bonus verde, la detrazione fiscale per sistemare terrazze e giardini

Arriva il bonus verde, la detrazione fiscale per sistemare terrazze e giardini

Tra le novità della Legge di Bilancio c'è il bonus verde, ovvero, la possibilità di detrarre una parte delle spese sostenute per riqualificare il verde privato.
Legge 27 dicembre 2002, n. 289

Legge 27 dicembre 2002, n. 289

Finanziaria 2008 Approvata Detrazione IRPEF del 36% sui lavori di ristrutturazione, richiamo alla Legge 27 dicembre 2002, n. 289 articolo 2, comma 5.
Detrazione 50% o 65%: quale scegliere quando un lavoro può beneficiare di entrambe?

Detrazione 50% o 65%: quale scegliere quando un lavoro può beneficiare di entrambe?

Optare per la detrazione più idonea verificando i requisiti tecnici, calcolando i vantaggi economici nel lungo termine e rispettando i limiti massimi di spesa.
Bonifico detrazioni errato

Bonifico detrazioni errato

Cosa accade quando si sbaglia ad effettuare il bonifico per lavori che beneficiano della detrazione fiscale sulle ristrutturazioni o sul risparmio energetico?...
Affitti studenti fuori sede: le nuove detrazioni fiscali 2018

Affitti studenti fuori sede: le nuove detrazioni fiscali 2018

Con il decreto fiscale 2017 approvato dal Senato, sono state introdotte delle novità sulle detrazioni del 19% dei canoni di affitto per gli studenti fuori sede.
usr REGISTRATI COME UTENTE
288.646 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Serramenti pvc
    Serramenti pvc...
    210.00
  • Allarme Casa Wireless Kit 249 Iron Progesty Pstn
    Allarme casa wireless kit 249 iron...
    299.00
  • Tunnel solare VELUX
    Tunnel solare velux...
    408.70
  • Tapparella elettrica e solare VELUX INTEGRA
    Tapparella elettrica e solare...
    435.54
  • Materasso ergo flex
    Materasso ergo flex...
    243.00
  • Inda porta scopino sospeso lea
    Inda porta scopino sospeso lea...
    60.00
  • Junkers bosch caldaia a condensazione cerapur incasso
    Junkers bosch caldaia a...
    1330.00
  • Tenda a pacchetto
    Tenda a pacchetto...
    68.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Tende.online
  • Black & Decker
  • Faidatebook
  • Kone
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
€ 229.00
foto 1 geo Lecce
Scade il 31 Maggio 2018
€ 39 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 09 Settembre 2018
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 160 000.00
foto 4 geo Viterbo
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.