Deroga distanze minime e barriere architettoniche

NEWS DI Normative20 Settembre 2012 ore 19:31
Una sentenza della Corte di Cassazione ribadisce che gli impianti necessari al superamento delle barriere architettoniche possono derogare alle distanze minime.

Deroga alle distanze minime tra gli edifici



Le distanze minime da rispettare tra gli edifici sono dettate dai piani urbanistici dei Comuni e, in assenza di questi, dal Codice Civile.

distanze tra edificiCome per tutte le altre norme anche in questo caso sono possibili delle deroghe. Nota è ad esempio quella conseguente agli interventi sugli involucri edilizi per il miglioramento dell'efficienza energetica dell'edificio.
Se si possono infatti, migliorare le prestazioni energetiche di un edificio, applicando un cappotto isolante esterno, è possibile derogare alle distanze minime da rispettare, entro certi limiti stabiliti da comuni e Regioni. Si tratta, comunque, di deroghe di pochi centimetri.

Un altro caso noto in cui si può derogare alle distanze da rispettare è quello dell'installazione di presidi che contribuiscano all'abbattimento delle barriere architettoniche nel rispetto della legge n. 13 del 1989, come rampe ed ascensori, per i quali si può contravvenire all'osservanza delle distanze minime.

Tuttavia, una recente sentenza della Corte di Cassazione ha stabilito che ciò è vero, per l'abbattimento delle barriere architettoniche, a patto però che non si rendano inservibili le parti comuni dell'edificio.

Ma facciamo un passo indietro ed esaminiamo la vicenda grazie a cui si è arrivati a questa conclusione.

Distanze minime e vicende giudiziarie



ascensore esternoLa vicenda prende avvio dall'installazione di un ascensore all'interno di un cortile condominiale, deliberata dall'assemblea di condominio.

Tre dei condomini avevano impugnato la delibera presentando ricorso contro la condomina che aveva richiesto l'installazione dell'ascensore, contestandole la violazione delle distanze minime di tre metri da mantenere dalle vedute degli altri proprietari (art. 907 del codice civile), e chiedendo quindi il rispetto delle distanze legali anche in ambito condominiale, alla stregua di quanto accade tra edifici limitrofi. Essi lamentavano inoltre la lesione del decoro architettonico del fabbricato causata del manufatto.

In primo grado il Tribunale aveva dato ragione alla condomina che aveva installato l'ascensore esterno, ritenendo che esso non ledesse il decoro dell'edificio, non impedisse l'uso del cortile condominiale e comunque contribuisse a migliorare la vivibilità di tutto il fabbricato.

A seguito di questa sentenza fu presentato però dai condomini dissenzienti un ricorso poi accolto dalla Corte d'Appello di Catania, con il quale si chiedeva la rimozione dell'opera e il ripristino dello status quo ante.

La Corte d'Appello fu di avviso contrario e giunse ad una conclusione del tutto opposta da quella ottenuta in primo grado di giudizio. Essa ritenne, infatti, che l'ascensore non potesse derogare alle distanze minime da rispettare poiché non può essere considerato un impianto indispensabile in un edificio, ritenendo che rientrassero in tale nozione solo quello elettrico, idraulico e di riscaldamento. Quindi, per gli impianti a servizio solo di un singolo condomino, secondo la Corte, trovava applicazione l'inderogabilità delle distanze minime.

cortile condominialeLa decisione della Corte d'Appello fu comunque portata all'esame della Cassazione da parte del condominio, che reclamava la piena legittimità della delibera assembleare.

Con il terzo grado di giudizio il verdetto è stato nuovamente ribaltato dalla seconda sezione civile dalla corte di Cassazione, con la sentenza n. 14096 del 3 agosto 2012.
I giudici della Corte hanno infatti ricordato che sono possibili deroghe alle distanze minime in caso di necessità di superamento delle barriere architettoniche, sostenendo inoltre che l'esistenza dell'ascensore può senz'altro definirsi funzionale ad assicurare la vivibilità dell'appartamento, sia cioè assimilabile, quanto ai principi volti a garantirne la installazione, agli impianti di luce, acqua, riscaldamento e similari.

Del resto, per assicurare l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità di un edificio, così come prescritto dalla legge, anche a persone portatrici di handicap, l'ascensore rappresenta un ausilio indispensabile.

La Suprema Corte ha, però, ribadito anche un altro concetto importante e che, cioè, la deroga è consentita a patto che non impedisca a tutti coloro che ne hanno diritto di godere delle cose comuni e che quindi la nuova installazione non renda inservibili gli spazi collettivi.

riproduzione riservata
Articolo: Deroga distanze minime e barriere architettoniche
Valutazione: 5.07 / 6 basato su 29 voti.

Deroga distanze minime e barriere architettoniche: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Alfredo D'alto
    Alfredo D'alto
    Giovedì 8 Settembre 2016, alle ore 14:46
    Vogliamo istallare nel condominio dove abito una piattaforma elevatrice con l'intendo di abbattere le barriere architettoniche e servire in modo migliore i 4 piani dell'edificio.

    Nello stesso edificio abita una persona anziana con disabilità.

    L'impianto deve essere istallato in un accesso confinante con un altro palazzo e di sicuro non abbiamo la distanza minima di 3 mt dall'impianto una volta finito.

    Possiamo procedere in deroga ?É prevista dalla regione Campania?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Alfredo D'alto
      Venerdì 9 Settembre 2016, alle ore 16:52
      La deroga non trova applicazione nell'ambito privato. Nel Suo caso va a ledere il diritto di terzi, che possono rivalersi nelle sedi opportune sia per la rimozione della piattaforma che per i danni arrecati. Il consiglio: prima di dar luogo ai lavori, conviene "trattare" con il condominio vicino, magari accettando una indennità economica, sono disposti a concederVi il diritto alla realizzazione della piettaforma elevatrice. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Panicostadio
    Panicostadio
    Domenica 29 Giugno 2014, alle ore 11:18
    A
    rispondi al commento
  • Vallarino Giovanni
    Vallarino Giovanni
    Giovedì 21 Febbraio 2013, alle ore 18:58
    Deroga da distanze e vedute fino a che limite in metri?
    rispondi al commento
    • Anonymous
      Anonymous Vallarino Giovanni
      Venerdì 22 Febbraio 2013, alle ore 11:43
      Per Vallarino Giovanni: quelli fissati dal codice civile.
      rispondi al commento
  • Gazzoli Domenica
    Gazzoli Domenica
    Domenica 27 Gennaio 2013, alle ore 17:58
    Il mio vicino sta costruendo un ascensore esterno per riduzione barriere artitettoniche utilizzando le deroghe regionali (Lombardia) e quindi va oltre le distanze di legge.
    Le due abitazioni sono divise da un muro di cinta. Qualora io dovessi ampliare il mio immobile, l'ascensore già costruito dal mio vicino farà distanza? dovrò fare riferimento all'ascensore per il calcolo delle distanze tra immobili?
    Grazie mille
    rispondi al commento
    • Sandra Velotti
      Sandra Velotti Gazzoli Domenica
      Mercoledì 30 Gennaio 2013, alle ore 10:18
      Per Gazzoli Domenica: no, perchè l'ascensore è un volume tecnico costruito in deroga alle distanze.
      rispondi al commento
  • Beltrami Ester
    Beltrami Ester
    Giovedì 15 Novembre 2012, alle ore 18:58
    Vorremmo costruire un ascensore in una palazzina adibita al 1°piano ad associazione religiosa, l'ascensore verrebbe posizionato su proprietà esclusiva dell'associazione ma non ci sono i 3 mt.di distanza da una stradina di accesso.
    Il Comune vorrebbela firma dei proprietari di quell'accesso che però si rifiutano di firmare.
    E' possibile usufruire della deroga di cui sopra?
    Ringrazio e saluto distintamente.
    Ester Beltrami
    rispondi al commento
    • Anonymous
      Anonymous Beltrami Ester
      Venerdì 16 Novembre 2012, alle ore 10:16
      Per Beltrami Ester: alla luce di questa sentenza .
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Deroga distanze minime e barriere architettoniche che potrebbero interessarti
Abbattimento delle barriere architettoniche e distanze tra le costruzioni

Abbattimento delle barriere architettoniche e distanze tra le costruzioni

Leggi e Normative Tecniche - In base alla decisione del Tar della Lombardia si può derogare alle norme sulle distanze per eseguire opere finalizzate all'abbattimento barriere architettoniche
Componenti igienici

Componenti igienici

Bagno - Distanze minime tra i componenti igienici.
Condominio, distanze e barriere architettoniche

Condominio, distanze e barriere architettoniche

Condominio - L'eliminazione delle barriere architettoniche non riguarda solamente il condominio ma anche le distanze dalle costruzioni limitrofe.

Ascensori esterni e distanze minime tra le costruzioni

Ascensori e montacarichi - Una sentenza del Consiglio di Stato esclude dal concetto di costruzione gli ascensori esterni ritenendo non applicabili le disposizioni sulle distanze tra immobili.

Barriere architettoniche: approvato il decreto per il riparto del fondo tra le Regioni

Leggi e Normative Tecniche - Approvato il decreto interministeriale che stabilisce la ripartizione tra le Regioni delle risorse per contribuire all'abbattimento delle barriere architettoniche

Piscine e distanze legali

Proprietà - Le norme sulle distanze tra costruzioni non valgono per le piscine interrate. Lo ha (ri)affermato il Tar Napoli con la sentenza n.3520 del 2015 del 2 luglio 2015.

Distanze tra fabbricati

Leggi e Normative Tecniche - Una delle cause più frequenti di lite tra vicini è costituita dalle distanze tra le proprietà o dai muri di confine, regolamentate dal c.c. e dalle norme locali.

Alberi e distanze dal confine

Proprietà - Chi vuol piantare alberi presso il confine, deve osservare le distanze stabilite dai regolamenti e, in mancanza, dagli usi locali, in caso contrario, devono essere osservate le seguenti distanze dal confine...

Approvati bonus volumetrici

Normative - Previsti dalla normativa nazionale premi di cubatura per incentivare l'isolamento termoacustico.
REGISTRATI COME UTENTE
294.276 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Ascensore
    Ascensore...
    9000.00
  • Miniascensore Wessex
    Miniascensore wessex...
    1.00
  • Piattaforma elevatrice Flexstep
    Piattaforma elevatrice flexstep...
    1.00
  • Porta alzante scorrevole in PVC alluminio KS430
    Porta alzante scorrevole in pvc...
    1.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Pensiline.net
  • Faidatebook
  • Kone
  • Black & Decker
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.