Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Si può demolire un immobile abusivo se vi abita un disabile?

La demolizione di un immobile abusivo, abitato da un soggetto disabile, può essere disposta solo a seguito di una valutazione concreta degli interessi coinvolti
- NEWS Leggi e Normative Tecniche

Demolizione abusi edilizi e disabilità


L’accertamento della natura abusiva di un manufatto, sovente comporta la demolizione dell’opera stessa su ordine del giudice, perchè contra legem.

Come noto, l’ordine di demolizione, in quanto atto vincolato, posto a presidio del prevalente interesse pubblico alla rimozione dell’abuso non è soggetto ad alcun termine di prescrizione.

Ciò significa che, acclarata l’effettiva sussistenza di un abuso edilizio, in linea generale, occorre procedere con la rimozione dell’abuso stesso per ripristinare la situazione ante illecito.

Abusi edilizi disabilità
Tale conseguenzialità fra abuso e rimozione può sovente incontrare non trascurabili limiti. Uno di tali limiti è rappresentato dalla disabilità o, in ogni caso, dalla invalidità del soggetto che abita, a esempio, l’unità immobiliare accertata come abusiva.

Cosa accade in questi casi? Si deve procedere alla demolizione degli abusi edilizi o, stante le particolari condizioni di salute del soggetto che abita l’immobile, prevale l’altrettanto prevalente interesse del singolo per non causare un possibile aggravamento delle proprie condizioni?


Abusi edilizi e bilanciamento degli interessi contrapposti


Per rispondere a tale interrogativo occorre soffermarsi sull’analisi logico-giuridica della prevalenza fra gli interessi coinvolti.

In altri termini, è necessario individuare il c.d. interesse che l’ordinamento giuridico considera prevalente, rispetto all’interesse sacrificabile.

Prevale l’interesse statale che impone la rimozione degli abusi edilizi e, pertanto, delle opere in contrasto con la normativa vigente o l’interesse privato del singolo che si trovi in condizioni di oggettiva difficoltà?

Tale controversa questione è stata più volte affrontata dalla giurisprudenza nazionale che, negli anni, si è mostrata più attenta e recettiva dei principi da sempre sanciti in ambito unionale.

Diritto alla abitazione e abusi edilizi


Il diritto all’abitazione è un principio disciplinato dall’art. 8 della Convenzione europea dei Diritti dell’Uomo, il quale regolamenta e tutela il rispetto della vita privata e familiare, in particolare, nella sua sfera più intima, ovverosia abitativa.

Nel nostro ordinamento giuridico non è espressamente previsto un effettivo diritto all’abitazione, analogamente a quanto disciplinato in ambito europeo.

Il diritto alla abitazione è tutelato quale forma di diritto reale di godimento di cosa altrui di cui all’art. 1022 c.c.

Ciò nondimeno il riconoscimento di tale diritto si può evincere da diverse disposizioni, contenute nella Costituzione, essendo il diritto all’abitazione presupposto per l’esercizio di altri diritti e libertà costituzionalmente riconosciuti, quali a esempio, la libertà di domicilio (art. 14 Cost.), i diritti della famiglia (artt. 29-31 Cost.), il diritto alla salute (art. 32 Cost.) e il diritto al lavoro (art. 4, comma 1 e 35, comma 1).

Interesse collettivo a rimuovere gli abusi edilizi


Al diritto di abitazione del singolo in alcuni casi si contrappone l’interesse dello Stato volto a tutelare la collettività contro eventuali comportamenti che possono porsi in contrasto con le normative.

Abusi edilizi e ordine demolizione
Il diritto alla abitazione trova tutela contro eventuali ingerenze terze anche statali sino al momento in cui l’esercizio di tale diritto del singolo non compromette la sicurezza nazionale e la difesa dell’ordine e la prevenzione dei reati.

In tale limite, trova giustificazione la previsione della sanzionabilità dell’illecito amministrativo mediante la rimozione degli abusi edilizi.

Non demolibili gli abusi edilizi tollerabili


Come rilevato, recentemente la giurisprudenza nazionale si è trovata ad affrontare il caso specifico in cui l’opera abusiva sia abitata da un soggetto disabile o in oggettive e certificate difficoltà e in particolare, a decidere se, accertato l’illecito, si debba procedere con la demolizione del manufatto o se prevalga l’interesse del singolo.

È importante precisare che il dubbio non riguarda le ipotesi in cui l’abuso sia c.d. costruttivo.

Ai sensi dell’art. 34-bis del DPR 380/2001 costituiscono difformità minime il mancato rispetto dell’altezza, dei distacchi, della cubatura, della superficie coperta e di ogni altro parametro delle singole unità immobiliari se contenuto entro il limite del 2% delle misure previste nel titolo abilitativo.

Tali non conformità sono da intendersi abusi tollerabili e, in quanto tali, non soggetti a demolizione in ogni caso, e dunque, indipendentemente dall’accertamento di situazioni di disabilità o difficoltà.


Abusi edilizi fra diritto del singolo e interesse della collettività


In tutti gli altri casi in cui l’abuso sia oltre i parametri tollerabili, come procedere?

Al riguardo la giurisprudenza nazionale ha chiarito che la bussola per dirimere tali complicate questione di bilanciamento fra interessi contrapposti, presuppone una valutazione ad hoc, ovverosia una valutazione caso per caso, in una ottica di proporzionalità Corte europea dei diritti dell’uomo 21 aprile 2016, n. 46577/15).



In particolare, la decisione fra l’interesse da tutelare nel caso concreto presuppone una analisi fra l’interesse generale al rispetto delle norme edilizie a tutela del paesaggio e il diritto del singolo, che si trova in una condizione di disabilità o difficoltà, al mantenimento della propria abitazione (Cass., 8 aprile 2019, n. 15141).

L’ordine di demolizione può essere eseguito solo allorquando, a seguito di una valutazione concreta in termini di proporzionalità, non risulti ulteriormente compromessa la condizione del soggetto (Cass., n. 15141/19).

A contrariis, l’interesse del singolo può considerarsi prevalente rispetto all’esecuzione di un ordine di demolizione di per sé legittimo e, pertanto, esecutivo se, sulla base di un giudizio del singolo caso concreto, la rimozione dell’abuso sia motivo di aggravamento delle condizioni di salute del singolo (Cass., n. 34607/2021).

riproduzione riservata
Articolo: Demolizione abuso edilizio con disabile
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.

Demolizione abuso edilizio con disabile: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
334.092 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Demolizione abuso edilizio con disabile che potrebbero interessarti


Condono per mini abusi

Normative - Allo studio un condono per le piccole irregolarita' edilizie, prima della presentazione della Manovra Finanziaria in Commissione Bilancio.

Decreto Sblocca Cantieri: niente mini condono per piccoli abusi edilizi

Leggi e Normative Tecniche - Il mini condono sfugge dal decreto Sblocca Cantieri: il provvedimento al vaglio del Consiglio dei Ministri senza la misura volta a sanare i piccoli abusi edilizi

Condono abusi ambientali

Normative - In discussione in Senato un emendamento al decreto Milleproroghe che aprirebbe i termini per un condono degli abusi edilizi commessi su beni sottoposti a vincolo paesaggistico ed ambientale.

Condono edilizio per opere abusive su un'area con vincolo idrogeologico

Leggi e Normative Tecniche - Si può condonare un'opera abusiva realizzata su un'area soggetta a vincolo idrogeologico? La risposta a tale quesito in una recente sentenza del Consiglio di Stato

Rispunta il condono

Normative - Prontamente ritirato l'ennesimo emendamento alla manovra finanziaria, contenente ipotesi di nuovo condono edilizio.

Condono edilizio 2017: i criteri per stabilire demolizione o condono

Leggi e Normative Tecniche - Condono edilizio: il Ddl Falanga in fase di approvazione, consentirebbe di stabilire nuovi criteri per decidere quando condonare e quando demolire un'immobile.

Immobili abusivi: sanatoria solo se ultimati

Leggi e Normative Tecniche - Con la sentenza 05/02/2015 n. 554, il Consiglio di Stato ha sancito che la sanatoria per opere edilizie abusive possa essere concessa solo per immobili ultimati.

Le risposte del MEF per Superbonus 110% e abusi edilizi

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha risposto ai quesiti formulati dai due Deputati della Camera nell’interrogazione parlamentare della scorsa settimana

Superbonus 110%: abusi edilizi e possibili sanzioni penali!

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L’abuso edilizio ha da sempre rappresentato un ostacolo per chi volesse fruire di una qualsiasi detrazione fiscale. Vale lo stesso anche per il Superbonus 110%?
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img godnalyd
Ho acquistato una villetta. Sto facendo le pratiche ecobonus, ma mi hanno fatto notare che la casa ha delle tettoie non condonate. Perciò mi bocciano le pratiche. Che posso...
godnalyd 13 Settembre 2020 ore 20:02 5
Img maurizio.vit
Buongiorno,la domanda è...il condono edilizio legge 47/85 si può scroporare???Nel 1994 è stato presentato un condono edilizio di garage, portici etcc da parte...
maurizio.vit 25 Novembre 2014 ore 17:44 1
Img catello53
Salve,avendo eseguito lavori straordinari all'atto della ristrutturazione della mia abitazione circa un anno fa, consistenti in :1) una diversa disposizione delle stanze2)...
catello53 10 Ottobre 2014 ore 07:55 2
Img silicio
Se il committente non avesse i necessari permessi per i lavori (DIA ecc..) l'impresa che li esegue è perseguibile con qualche sanzione o risponde solo il proprietario?O il...
silicio 07 Marzo 2008 ore 17:39 7