Degrado e risanamento del tufo

NEWS DI Restauro edile26 Luglio 2012 ore 15:53
Il tufo, roccia piuttosto resistente, leggera e lavorabile, è stato da sempre il materiale preferito nelle costruzioni edilizie in genere, a partire dal VII secolo a.C.
tufo , degrado , risanamento , degrado del tufo

Particole muratura in tufoIl tufo, grazie alle sue caratteristiche di estrema lavorabilità, si è prestato, nel tempo, alle più svariate lavorazioni, dal muro di sostegno alle tamponature di volte o, in epoca remota, come base per ottenere malte idrauliche.

Geologicamente, il tufo si presenta quale roccia di formazione vulcanica, altrimenti detta magmatica e piroclastica, formatasi a seguito di depositi, a volte in associazione a detriti marini, quali conchiglie e fossili conchigliferi.

Il tufo, è un materiale da costruzione poroso e molto diffuso in Italia, viene solitamente utilizzato sottoforma di blocchetti o mattoni di varia dimensione.

La sua porosità, garantisce l'ottimale aderenza con la malta di allettamento, oltre a proprietà igrometriche elevate.

Essendo però, una pietra tenera, resiste ben poco allo schiacciamento.


Caratteristiche del tufo


- Granulosità e microporosità

- Leggerezza

- Media durezza

- Lavorabilità


Varietà di tufo


tufo lazialeIl tufo è una roccia maggiormente diffusa nell'Italia centro-meridionale, dove da sempre, è stata utilizzata quale materiale da costruzione.

A seconda della località di cava si può distinguere:

- Tufo giallo napoletano, dal tipico colore giallo ocra intenso;
- Tufo verde di Ischia, un tufo dalle sfumature verde chiaro o verde grigio;
- Tufo vesuviano di Ercolano, dal colore scuro;
- Tufo sorrentino presente nella zona tra Meta e Sorrento;
- Tufo di Teano-Roccamonfina, dal colore bruno, grigio-violaceo;
- Tufo di Nocera, tipicamente grigio;
- Tufo laziale, con colorazioni che virano dal grigio al rossastro-bruno.


Cause di degrado del tufo


Il degrado del tufo è strettamente connesso alle proprie caratteristiche fisiche.

La peculiarità del tufo è, senza dubbio, la presenza di microporosità, che ne fa un materiale dal consistente potere isolante, oltre a dotarlo di caratteristiche termoigrometriche non indifferenti.

La presenza di questi pori, infatti, garantisce un'ottimale traspiranza della muratura che, se impacchettata, come troppo spesso avviene, in paretine di betoncino armato, viene a mancare e ad essere annullata.
In generale, tutte le lavorazioni che necessitano di acqua, non sono indicate per la protezione dei paramenti murari in tufo.

L'acqua, infatti, rimanendo imprigionata nel tufo e non riuscendo ad evaporare, inizia un processo che porterà a fenomeni di sfaldamento e deterioramento.

degrado del tufoLe cause di degrado del tufo sono quindi collegate alla porosità del materiale che, con processi degenaritivi, producono un'iniziale pulverulenta decoesione e permeazione all'acqua.

A seconda dello stato di degrado bisognerà intervenire con azioni volte al consolidamento, idrofobizzazione, rivestimento a mezzo di intonacature traspiranti.

Solitamente una muratura di tufo ammalorata e bisognosa di un intervento di consolidamento e risanamento , si presenta sconnessa e priva di malta tra i conci.

L'assenza della malta di allettamento è determinante per l'inizio del degrado del tufo.

Inizia infatti, il fenomeno della polverizzazione, fonte di decoesioni superficiali e sgretolamento del materiale.


Ciclo di risanamento delle murature in tufo


L'intervento di recupero del tufo dovrebbe, auspicabilmente, coincidere con i primi segnali di disgregazione superficiale, poiché, la sua struttura friabile, una volta intaccata, dà luogo a processi di degrado irreversibili.


Ma come intervenire?


A seconda dello stato di degrado in cui versa il paramento murario tufaceo, si può procedere con azioni volte a risolvere problemi di:

- idrofugazione;
- colmatura dei giunti;
- consolidamento;
- protezione muraria con intonacatura.

paramento tufaceoAlla base di ogni azione di recupero vi è la pulitura della superficie muraria.

Questa avviene attraverso una spazzolatura meccanica e/o manuale, tale da assicurare la completa rimozione di eventuali intonaci presenti sull'intera muratura.

Durante questa fase, se la temperatura non fosse sufficientemente adeguata, bisogna ricorrere a irrorazioni frequenti, fino a saturare completamente la pietra.

Anche le vecchie malte di allettamento vanno rimosse. Si procede con una rimozione delicata, spesso manuale, di quanto incongruente e presente tra i giunti dei conci.

Questo poiché, una malta ormai degradata, non garantisce più l'azione legante che assicura la stabilità del paramento murario.

Rimosse le vecchie malte, attraverso la stilatura dei giunti, si inserisce una malta a spessore, a base di calce e pozzolana, specifica per tufo e facendo attenzione che abbia, tra le proprie caratteristiche, il modulo elastico coincidente con quello della muratura.

Durante la fase della stilatura, la malta deve essere allettata in profondità, e in maniera che ripristini la forza legante tra i vari elementi murari, tale da assicurare la stabilità e l'efficienza strutturale originaria.

Il consolidamento protettivo, denominato waterproofing, è affidato a prodotti specifici che, come nel caso del Consilex Idrocon prodotto dalla Azichem S.r.l., ha la funzione di penetrare in profondità con la duplice funzione consolidante e idrorepellente.

Applicato a pennello o a spruzzo, e messo in commercio già pronto all'uso, va steso su superfici fredde e a temperature che si aggirano tra i 10° e i 25°.

SK96 1-205 prodotto da Kimia invece, necessita di solvente tipo Klimstone K 10.

La particolarità del prodotto è che non forma pellicole e lascia traspirare il paramento murario su cui è applicato, oltre ad essere fortemente resistente agli agenti atmosferici.

CR&RC esecuzione di intonacoProdotti simili, riducono drasticamente lo sfarinamento del tufo, lo consolidano nel tessuto minerale e, al tempo stesso, riescono a prevenire la formazione di efflorescenze saline.

A seconda delle situazioni, il paramento murario tufaceo, può essere lasciato a faccia-vista, scelta però che va sempre verificata con le condizioni di esposizione e circostanziali, in genere.

Solitamente è consigliabile e, preferibile, concludere il ciclo di risanamento murario, con l'applicazione di intonaci traspiranti, che per loro funzione, proteggono le superfici sulle quali vengono applicati.

Molte case produttrici hanno messo a punto prodotti specifici per il risanamento di paramenti in tufo.

Alcuni prodotti presentano delle caratteristiche ad azione deumidificante, indicati sicuramente per murature poste in ambienti umidi o con evidenti segni di risalita capillare.

intonaco R CR&RCL'intonaco R messo a punto dalla C.R.&R.C., ad esempio, si presenta come un intonaco a base di calce e pozzolana.

Può essere applicato a mano, come un normale intonaco, seguendo cioè la formazione delle guide o poste, e applicando l'intonaco in uno spessore di 2 cm per strato.

Si consiglia sempre di realizzare almeno due strati di intonaco ed uno di finitura.

L'intonaco può essere applicato più agevolmente a mezzo di macchine intonacatrici.
Realizzato l'intonaco, si procederà con lo strato di finitura che, per una buona resa, dovrà presentare le stesse caratteristiche dell'intonaco realizzato.

Inoltre deve garantire la permeabilità al vapore acqueo.
Lo strato di finitura potrà essere realizzato se trascorsi almeno 15 giorni dall'esecuzione dell'intonaco a spessore.

riproduzione riservata
Articolo: Degrado e risanamento del tufo
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 35 voti.

Degrado e risanamento del tufo: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Giovanni carlogreco
    Giovanni carlogreco
    Sabato 23 Maggio 2015, alle ore 21:44
    Abito in una casa a pianto terra campagna zona Alghero realizzata con tufo calcareo intonacato non presenta macchie di umidita ne esterne ne interne. La casa è molto umida perchè esposta vicino al mare e il tetto è in tavelle pertanto vorremo creare un isolamento a cappotto oltre a isolare anche il tetto. QUale materiale si può utlizzare sul tufo intonacato, come consiglia di procedere ?Grazie
    rispondi al commento
  • Fabrizio La Rosa
    Fabrizio La Rosa
    Lunedì 24 Giugno 2013, alle ore 15:33
    Cercavo dei consigli su come risanare un muro di cinta in tufo ed ho trovato il suo articolo chiaro ed esaustivo.
    Grazie.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Degrado e risanamento del tufo che potrebbero interessarti
Pavimentazioni in battuto di tufo

Pavimentazioni in battuto di tufo

Progettazione - Come pavimentare con un materiale antico grazie alla tecnica moderna.
Mattoncini tufo fai-da-te

Mattoncini tufo fai-da-te

Fai da te Muratura - Recuperare e riutilizzare elementi in tufo provenienti da edifici antichi ristrutturati può produrre interessanti nuovi elementi decorativi e di richiamo della memoria.
Sistemi di deumidificazione

Sistemi di deumidificazione

Ristrutturazione - Intonaci risananti per il miglioramento del comfort abitativo

Usi progettuali e definizione commerciale della pietra naturale

Soluzioni progettuali - Con la definizione commerciale di pietra si intendono tutte le rocce non lucidabili utilizzate in edilizia, tra cui ad esempio il tufo, l'arenaria e il basalto.

Risanamento dei locali danneggiati dall'acqua

Ristrutturazione - Come risanare in maniera non invasiva i locali danneggiati da infiltrazioni d'acqua.

Edifici in tufo ed acciaio

Ristrutturazione - Le proroghe del Piano Casa, attraverso le leggi regionali, rendono possibili incrementi fino al 30% del volume degli edifici esistenti soggetti a ristrutturazione.

Malta di risanamento contro l'umidità

Ristrutturazione - Come intervenire su edifici ammalorati dall'umidità, utilizzando prodotti specifici come la malta a base di calce naturale, idonei anche per contesti di restauro

Barriere chimiche contro l'umidità di risalita capillare

Risanamento umidità - Uno dei sistemi più efficaci per proteggere un edificio dall'umidità di risalita consiste nel creare una barriera chimica iniettando appositi prodotti nelle murature.

Acciaio e cemento armato

Ristrutturazione - Da molti anni l'acciaio costituisce un'alternativa rapida ed economica al cemento armato, per la realizzazione di nuovi edifici o la loro ristrutturazione.
REGISTRATI COME UTENTE
295.444 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Rivestimento tufo bianco
    Rivestimento tufo bianco...
    182.00
  • Rivestimento tufo pietra
    Rivestimento tufo pietra...
    220.00
  • Rivestimento tufo mattoncino
    Rivestimento tufo mattoncino...
    207.00
  • Muri contenimento in tufo
    Muri contenimento in tufo...
    150.00
integra
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Weber
  • Faidatebook
  • Black & Decker
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.