Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Risanamento e protezione murature di tufo

Risanare e proteggere dal degrado murature di tufo intonacate e faccia a vista, attraverso l'impiego di procedure di consolidamento e protezione della muratura
10 Giugno 2021 ore 16:30 - NEWS Facciate e pareti
risanamento , degrado , protezione , murature tufo

Il tufo materiale da costruzione tra bellezza e degrado


Il tufo, rappresenta uno dei materiali da costruzione molto diffuso, il suo impiego lo si ritrova nella realizzazione di ogni genere di costruzione:
Con esso vengono realizzate strutture portanti come murature, pilastri, muri di sostegno archi, volte, ecc.

Il tufo è una roccia sedimentaria piroclastica di origine vulcanica, la cui natura porosa la rende una pietra facilmente lavorabile.

Grazie alle sue elevate caratteristiche tecniche come lavorabilità, leggerezza, tenacità e resistenza a compressione, il tufo, rappresenta uno dei prodotti maggiormente utilizzati nell’edilizia.


Umidità di risalita nei primi 50 cm di altezza della muratura

Umidità di risalita nei primi 50 cm di altezza della muratura

Umidità di risalita nei primi 50 cm di altezza della muratura
Efflorescenze causate da infiltrazioni di umidità

Efflorescenze causate da infiltrazioni di umidità

Efflorescenze causate da infiltrazioni di umidità
Tufo etrusco facciavista

Tufo etrusco facciavista

Tufo etrusco facciavista
Edificio in muratura di tufo

Edificio in muratura di tufo

Edificio in muratura di tufo
Muratura faccia a vista eseguita a regola d'arte

Muratura faccia a vista eseguita a regola d'arte

Muratura faccia a vista eseguita a regola d'arte

La naturale bellezza di questo materiale è infatti molto ricercata da artigiani, designer e architetti per la realizzazione di interni dal gusto semplice e accogliente.

In Italia il suo impiego è molto diffuso dagli albori dell’architettura e pertanto lo si ritrova in costruzioni sparse per tutto il territorio, caratterizzate dalle diverse tonalità del materiale, in relazione alla località geografica in cui l’opera è stata realizzata.


Degrado delle opere in tufo cause principali


La presenza di una trama particolarmente porosa che lo caratterizza per essere un materiale leggero e facilmente lavorabile, lo espone agli attacchi dell’umidità e di tutte quelle sostanze volatili che contribuiscono al suo degrado.

I fenomeni di degrado più comunemente riscontrabili nelle opere realizzate in tufo, sono riconducibili alla decoesione degli elementi costituenti e si manifestano con il distacco e conseguente caduta di granuli e frammenti di piroclastite di forma e dimensioni variabili.

Intonaco degradato su muratura di tufo
A questi fenomeni disgregativi, si uniscono spesso efflorescenze biancastre, macchie e incrostazioni scure dovute ad attività biologica e/o a depositi superficiali.

Per affrontare il tema del recupero di tali murature degradate, occorre fare subito una distinzione tra murature a faccia a vista e murature intonacate.

Tale differenziazione è fondamentale per poter predisporre un intervento di recupero adeguato di tali strutture.


Murature in tufo intonacato: come trattarle


Le murature in tufo intonacate, quando sono interessate da fenomeni di degrado, manifestano tale evento con distacchi d’intonaco, rigonfiamenti e presenza di lesioni superficiali.

Queste ultime, quando non sono associate a fenomeni di dissesto statico, seguono l’andamento delle sottostanti convessure dei conci, quando queste ultime perdono la loro funzione di coesione.

Effetti dell'umidità di risalità su muratura in tufo
In presenza di tali fenomeni, è necessario effettuare una serie di rilievi in sito per cercare di individuare eventuali fenomeni di infiltrazioni di acqua conseguenti a fenomeni di umidità di risalita o a infiltrazioni laterali.

La ricerca di tali infiltrazioni è importante in quanto è proprio l’acqua a generare i pericolosi sali igroscopici, capaci di sgretolare, con il loro aumento volumetrico, la tenera struttura tufacea.

Le fasi operative principali per intervenire nel caso di un muro intonacato consistono nel verificare la tenuta del vecchio intonaco, percuotendo con una mazzola la superficie interessata.


Valutare il degrado con metodi antichi


Dal rumore a vuoto di tale percussione, è possibile rilevare il fenomeno di decoesione dell’intonaco, che va rimosso.
Se l’azione di percussione, produce un suono sordo vuol dire che l’intonaco è abbastanza coeso almeno nella maggior parte della superficie.

In presenza di umidità, occorre rimuovere l’intonaco esistente sulla muratura per un’altezza di almeno 50 cm oltre la linea evidente di umidità, provvedendo ad asportare anche i primi centimetri di malta da allettamento esistente qualora si presentasse inconsistente o degradata.

Percussione della muratura intonacata per verificare la tenuta dell'intonaco
Una volta messa a nudo la muratura, occorre effettuare un'operazione di pulizia del supporto con mezzi adeguati, al fine di rendere la superficie muraria priva di polvere, proliferazioni batteriche, efflorescenze saline, oli, grassi, cere, residui di precedenti lavorazioni, ecc.


L'importanza della pulizia superficiale


Se necessario, tale fase di pulizia può essere realizzata impiegando anche l’idrolavaggio a pressione e nei casi più resistenti la sabbiatura.

In questa fase è possibile inoltre procedere alla ricostruzione dei conci murari o alla loro sostituzione, mediante operazione di scuci e cuci, al fine di realizzare una parete perfettamente ristrutturata e completa di convessure ben stilate.

Parete in tufo pulita e con stilatura a regola d'arte
In seguito ,occorre applicare una soluzione impregnante ecologica, a base acquosa, specifica per eliminare le efflorescenze superficiali presenti, al fine di limitare i depositi cristallini di sali igroscopici presenti, conseguenza dei fenomeni di risalita capillare di umidità.

Il veicolo acquoso permette una buona penetrazione delle sostanze attive nelle capillarità delle murature soggette al fenomeno di umidità di risalita, producendo così un'azione di contrasto della formazione dei sali all’interno dei pori presenti.

L’applicazione può avvenire con due passate a pennello o spruzzo su murature omogenee soggette a umidità di risalita capillare in tufo, sia interne che esterne.


Ricostruire la continuità strutturale


Per ottenere una buona continuità strutturale, è utile impiegare uno specifico prodotto come il tufo liquido.

Malta di calce idraulica pozzolanica per l’iniezione consolidante e traspirante di murature storiche.

Questa è ottenuta dalla miscelazione a freddo di pura calce aerea ad alto titolo di idrato di calcio e pozzolane naturali scelte, misto ad aggregati carbonatici micronizzati ed elementi espansivi per il controllo del ritiro plastico.

operazione di consolidamento mediante tufo liquido Calchera San Giorgio
Non contiene solfati, né calce libera, né alcuna forma di clinker, è altamente traspirante e non altera la permeabilità al vapore delle murature, esente da materie dannose per la salute e l’ambiente.

Riciclabile come inerte a fine vita. Il prodotto citato, è idoneo al consolidamento di murature in tufo e al riempimento di crepe e lesioni mediante iniezioni anche a bassissima pressione, da eseguire preferibilmente dopo intervento di placcaggio murario o per la conservazione e il consolidamento di intonaci di pregio.


Rifare l'intonaco con materiali compatibili


A struttura muraria ormai ricostruita e consolidata è possibile applicare uno stato adeguato di intonaco costituito principalmente da malte idrauliche con legantiesclusivamente derivati dalla cottura di calcare puro a temperature inferiori ai 900/1000°C.

Ciò al fine di garantire una completa compatibilità tra l’intonaco e la sottostante struttura muraria in tufo.

Murature in tufo a faccia a vista: come proteggerle dal degrado


Come operazione di prevenzione per proteggere pareti, volte e altro ancora in tufo faccia a vista, è consigliabile impiegare prodotti specifici con azione consolidante e protettiva.

Tale metodo vale per tutte le diverse varietà di tufo esistenti sul territorio, la cui caratteristica principale è la presenza di pori su tutta la superficie dei conci murari.

Volte in tufo faccia a vista adeguatamente trattate e protette
Anche se tale presenza di porosità, contribuisce a garantire una eccellente traspirazione al supporto, purtroppo è allo stesso tempo causa di assorbimento di acqua e sostanze inquinanti dannose per l’integrita della pietra di tufo.

I fattori descritti, sono di conseguenza causa del fenomeno di sfarinamento della pietra, il quale se trascurato può nel tempo produrre il completo sgretolamento del materiale.

La fase di inizio di tale degrado sulle murature di tufo a facciavista, la si può facilmente rilevare dalla presenza sul pavimento sottostante di polveri precipitate a seguito di tale fenomeno di degrado.


Prodotti ecologici per una protezione sicura e durevole


Tra i prodotti utili ai fini del consolidamento dei materiali tufacei, troviamo Compatto®Eco di  Camp S.r.l. un consolidante per pietra formulato espressamente per il trattamento di materiali edili da costruzione sfarinanti e decoesi, come il tufo.

Le piccole dimensioni delle micelle che costituiscono il prodotto, consentono sia una buona penetrazione in supporti porosi e assorbenti che la conservazione delle ricercate caratteristiche di traspirabilità del materiale.


Grazie alla sua atossicità il prodotto è utilizzabile anche in ambienti chiusi e poco ventilati. La sua azione di consolidamento superficiale, rafforza la struttura del supporto trattato e ne previene lo sfarinamento, il suo impiego non comporta operazioni particolari essendo già pronto all'uso e facile da utilizzare.


Applicazioni di facile esecuzione per proteggere la muratura


Si presta efficacemente all’applicazione tramite rullo o pennello, ma risulta ottimale, soprattutto nel caso di trattamento di supporti molto sfarinanti, l’applicazione tramite nebulizzazione.

Trattamento protettivo consolidante Armoston ditta Dracoe
Un altro prodotto utile al consolidamento superficiale dei materiali porosi è Armostone di Draco Italiana consolidante corticale traspirante ad elevata capacità di penetrazione, a base di esteri dell’acido silicico in veicolo alcoolico.

Armostone è un prodotto specifico per il consolidamento corticale di elementi in muratura, intonaci, pietre porose, tufo e supporti deboli o incoerenti.

Non altera le superfici, resiste agli agenti chimici, non è reattivo agli alcali ed è ideale per interventi su edifici di interesse storico-artistico.

riproduzione riservata
Articolo: Degrado e risanamento del tufo
Valutazione: 3.89 / 6 basato su 44 voti.

Degrado e risanamento del tufo: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Salvatoremazza
    Salvatoremazza
    Lunedì 4 Febbraio 2019, alle ore 15:11
    Salve vi chiedo per coprire delle mura esterne fatte in pietra di tufo zona mare, quindi che materiale usare. Visto che si vorrebbe fare, bozza intonaco e poi tinteggiatura 
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Salvatoremazza
      Lunedì 11 Febbraio 2019, alle ore 22:21
      Notizie ed approfondimenti riguardo alla Sua domanda Le può trovare sul nostro portale al seguente link https://www.lavorincasa.it/costruzioni-a-prova-di-salsedine/. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Giovanni carlogreco
    Giovanni carlogreco
    Sabato 23 Maggio 2015, alle ore 21:44
    Abito in una casa a pianto terra campagna zona Alghero realizzata con tufo calcareo intonacato non presenta macchie di umidita ne esterne ne interne. La casa è molto umida perché esposta vicino al mare e il tetto è in tavelle pertanto vorremo creare un isolamento a cappotto oltre a isolare anche il tetto. QUale materiale si può utlizzare sul tufo intonacato, come consiglia di procedere ?Grazie
    rispondi al commento
  • Fabrizio La Rosa
    Fabrizio La Rosa
    Lunedì 24 Giugno 2013, alle ore 15:33
    Cercavo dei consigli su come risanare un muro di cinta in tufo ed ho trovato il suo articolo chiaro ed esaustivo.
    Grazie.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
330.311 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Degrado e risanamento del tufo che potrebbero interessarti


Imu e Tari: esenzioni per gli immobili oggetto di rigenerazione urbana

Fisco casa - Presentato ddl concernente la rigenerazione urbana. In piano l'esenzione dal pagamento dell'Imu e della Tari per gli immobili inutilizzati che saranno risanati.

Sistemi di deumidificazione e risanamento

Risanamento umidità - Intonaci risananti per il miglioramento del comfort abitativo

Risanamento dei locali danneggiati dall'acqua

Ristrutturazione - Come risanare in maniera non invasiva i locali danneggiati da infiltrazioni d'acqua.

Protezione e risanamento facciate e murature

Risanamento umidità - Le facciate e le murature degli edifici sono soggette nel tempo a degradarsi: esse vanno protette ed eventualmente risanate con interventi specifici e appropriati

Risanare dall'umidità

Risanamento umidità - Come risanare in maniera più capillare le strutture murarie danneggiate dal contatto con l'acqua, ottenendo un risanamento degli ambienti interni durevole e sicuro.

Analisi dei paramenti murari

Ristrutturazione - Base di partenza per ogni intervento di restauro e risanamento della muratura soprattutto in edifici di interesse storico-achitettonico.

Degrado e manutenzione dei parapetti e delle ringhiere

Pulizia e manutenzione - I parapetti e le ringhiere costituiscono l'elemento di protezione contro la caduta dall'alto in balconi, terrazze e altri spazi aggettanti di un edificio.

Recupero di infissi deteriorati

Infissi - Come recuperare gli infissi esterni deteriorati.

Degrado su strutture in calcestruzzo armato

Restauro edile - Anche il calcestruzzo armato, considerato indistruttibile, è soggetto a fenomeni di degrado.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img elela
Salve a tutti, vi chiedo un consiglio su una problematica che ho in casa.Si tratta di un muro dove ho collocato i mobili della cucina che purtroppo non posso spostare altrove...
elela 17 Maggio 2021 ore 09:44 1
Img vashkenazy
Ciao a tutti,vorrei sistemare e migliorare esteticamente un muro di cantina, in mattoni pieni, pitturato direttamente. Mi piacerebbe renderlo uniforme, e tendenzialmente liscio,...
vashkenazy 01 Marzo 2021 ore 14:07 3
Img dnyrulez
Buonasera, ho una parete di un bagno da impermeabilizzare in quanto si trova in uno scantinato sottoterra. Il bagno fa parte di una ristrutturazione non portata a termine un paio...
dnyrulez 03 Ottobre 2020 ore 11:51 6
Img nicolatenente2
Salve, è da tempo che soffro per tentativi di sanare muri a casa, questi tentativi sono in corso tuttora. Vorrei ragionare su alcuni confronti. Gli elementi sono questi: G...
nicolatenente2 09 Settembre 2019 ore 10:25 10
Img tedwallenberg
Esiste una legge (e se sì, qualè?) in forza della quale il costruttore-venditore di un appartamento a piano terra, con annesso grande terrazzo, è obbligato a...
tedwallenberg 19 Giugno 2017 ore 18:00 2