Decreto Spalma Incentivi

NEWS DI Impianti rinnovabili30 Giugno 2014 ore 14:35
Il decreto Spalma Incentivi prevede la rimodulazione retroattiva degli incentivi per i grandi impianti fotovoltaici e un modello unico per le comunicazioni.

Che cos'è il Decreto Spalma Incentivi?


Il D.L. 24 giugno 2014, n. 91, definito spalma incentivi, pubblicato in G.U. n. 144 del 24 giugno 2014, recante Disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l'efficientamento energetico dell'edilizia scolastica e universitaria, il rilancio e lo sviluppo delle imprese, il contenimento dei costi gravanti sulle tariffe elettriche, nonché per la definizione immediata di adempimenti derivanti dalla normativa europea, contiene delle importanti novità relative al settore del fotovoltaico.

Decreto Spalma IncentiviIn particolare si parla di una rimodulazione degli incentivi previsti dal Conto Energia, e della semplificazione degli adempimenti necessari per la messa in opera degli impianti , con la predisposizione di un nuovo Modello Unico.

Uno degli obiettivi di questa misura è quello di portare alla riduzione degli importi in bolletta per l'energia elettrica, tanto che il provvedimento è stato definito anche taglia-bollette.

Ma il nostro Paese conferma in tal modo il suo antagonismo per la politica di incentivazione delle energie rinnovabili, vista come un onere eccessivo per le tasche dei consumatori.

Il decreto è in vigore dal giorno successivo alla pubblicazione, ma potrà subire delle modifiche prima della definitiva conversione in legge, che dovrà avvenire entro 60 giorni.


Rimodulazione degli incentivi previsti per impianti fotovoltaici


La rimodulazione al ribasso degli incentivi, riguarda gli impianti fotovoltaici superiori ai 200 kW. I proprietari di questi impianti potranno scegliere, entro novembre 2014, tra due modalità di riduzione degli incentivi:

1. La prima opzione consente di operare la riduzione in 24 anni (effettuando quindi un allungamento rispetto ai 20 previsti), seguendo le seguenti percentuali contenute nell'allegato 2 al decreto, a seconda degli ani residui:
- 12 anni residui > riduzione incentivo pari al 25%
- 13 anni residui > riduzione incentivo pari al 24%
- 14 anni residui > riduzione incentivo pari al 22%
- 15 anni residui > riduzione incentivo pari al 21%
- 16 anni residui > riduzione incentivo pari al 20%
- 17 anni residui > riduzione incentivo pari al 19%
- 18 anni residui > riduzione incentivo pari al 18%
- oltre 19 anni residui > riduzione incentivo pari al 17%.

Tali riduzioni vengono operate a partire dal primo gennaio 2015 e facendo decorrere i 24 anni dalla messa in esercizio degli impianti.
Per le tariffe onnicomprensive erogate in base al Quinto Conto Energia, queste riduzioni si applicano alla sola componente incentivante.

Decreto Spalma Incentivi2. La seconda opzione prevede una riduzione complessiva dell'8% dell'incentivo riconosciuto alla data di entrata in vigore del provvedimento (25 giugno 2014), per il periodo residuo dell'incentivazione.
Chi opta per questa seconda possibilità dovrà comunicarlo al GSE entro il 30 novembre 2014.

Quelli descritti sono impianti di grande taglia, che interessano circa 8.600 di 200.000 imprese coinvolte. Tuttavia Assorinnovabili, l'associazione di categoria, ha lamentato il pericolo che questa rimodulazione retroattiva rappresenti un duro colpo per le imprese coinvolte.

Per tutti gli altri impianti fotovoltaici di taglia differente è previsto che il GSE eroghi con rate mensili pari al 90% della producibilità media annua stimata di ciascun impianto, effettuando il conguaglio, in base alla produzione effettiva entro il 30 giugno dell'anno successivo.

Il decreto prevede anche che sulla quota di energia prodotta destinata all'autoconsumo si debba pagare una quota del 5% sugli oneri generali di sistema.
Tra gli impianti colpiti da questa norma, prevista dall'art. 23, risultano anche quelli di piccola taglia, installati sui tetti residenziali.


Semplificazioni previste dal Decreto Spalma Incentivi


Il decreto Spalma Incentivi prevede che dal primo ottobre 2014, per la comunicazione di installazione, connessione e messa in esercizio di impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile di piccola taglia, quelli con potenza fino a 1 MW elettrico, si utilizzi un modello unico standard valido per tutto il territorio nazionale.
Per questi impianti è prevista infatti la procedura abilitativa semplificata (PAS).

Il modello unico sostituirà eventuali altri modelli differenti da comune a comune e in base ai gestori di rete.
Questo modello dovrà essere predisposto dal Ministero dello Sviluppo Economico, sentito il parere dell'autorità per l'energia elettrica e il gas e il sistema idrico.
Norme particolari sono previste dal comma 2 dell'art. 30 per gli impianti a biometano.

Sono inoltre liberalizzati gli impianti su tetti di edifici non vincolati e che abbiano la stessa inclinazione e orientamento di falda e per i quali già non è prevista la Dia. Per questi adesso sarà sufficiente il nuovo modello unico.

riproduzione riservata
Articolo: Decreto Spalma Incentivi
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 5 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Decreto Spalma Incentivi: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Decreto Spalma Incentivi che potrebbero interessarti
Fotovoltaico, dettagli quinto conto energia

Fotovoltaico, dettagli quinto conto energia

Gli incentivi fotovoltaici hanno innescato delle speculazioni finalizzate solo ed esclusivamente alla vendita dell'energia prodotta, limitate dal quinto conto energia.
Guida al Conto Energia

Guida al Conto Energia

Pubblicata dal GSE una utile guida al Conto Energia per aiutare nella richiesta degli incentivi.
Quinto Conto Energia

Quinto Conto Energia

Il Quinto Conto Energia andrà in vigore dal prossimo 27 agosto, ma si teme che in breve tempo possa esaurirsi il tetto di spesa prefissato per gli incentivi.
Fotovoltaico fai da te

Fotovoltaico fai da te

Il kit fotovoltaico fai da te è un?alternativa alle aziende che propongono il servizio chiavi in mano a costi che per molte famiglie non sono accessibili.
Generatore  fotovoltaico

Generatore fotovoltaico

Un interessante caso di studio rappresentato da un impianto fotovoltaico installato su un terreno agricolo a Recanati.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.379 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Pulizia pannelli fotovoltaici
    Pulizia pannelli fotovoltaici...
    0.75
  • Impianto di irrigazione Acqua-Magic System Claber
    Impianto di irrigazione...
    79.30
  • Cappotto termico
    Cappotto termico...
    45.00
  • Ristrutturazione bagno
    Ristrutturazione bagno...
    4900.00
  • Control pad VELUX
    Control pad velux...
    121.00
  • Materasso vanity
    Materasso vanity...
    891.00
  • Mollettone tavolo trasparente 140 x 100 cm
    Mollettone tavolo trasparente 140...
    78.00
  • Mitsubishi climatizzatore inverter trial 9000+9000+12000 9+9+12 btu
    Mitsubishi climatizzatore inverter...
    2620.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Faidatebook
  • Kone
  • Weber
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 500.00
foto 2 geo Roma
Scade il 31 Luglio 2018
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 68.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
€ 59 000.00
foto 4 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.