Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Danni da scuotimenti

Come comportarsi per eliminare i danni derivanti alle costruzioni, dallo scuotimento indotto dal traffico veicolare limitrofo, non disciplinato a norma di legge.
- NEWS Progettazione
danni , scuotimenti , dossi , sollecitazioni

Danni da scuotimenti: le cause


La necessità di limitare la velocità su molte strade comunali, allo scopo di ridurre al minimo la possibilità di incidenti, ha spinto molte amministrazioni comunali ad installare sulle strade comunali dei dossi artificiali a cui è demandato il compito di rallentare il traffico stradale.

Dossi artificiali in eccessoQuesta prassi diventata ormai molto diffusa, ha comportato come spesso accade nella vita del popolo Italiano, molti problemi legati all'impiego non a norma dei dissuasori citati.

Ai sensi dell'Art.179 del codice della strada, nei commi che vanno dal N.4 al N.9, è specificato che sulle strade dove vige un limite di velocità inferiore o uguale ai 50 km/h, si possono adottare dossi artificiali evidenziati mediante zebrature gialle e nere parallele alla direzione di marcia, di larghezza uguale sia per i segni che per gli intervalli visibili sia di giorno che di notte.

È inoltre precisato che la struttura e la dimensione in larghezza ed altezza di tali dissuasori, debbono avere determinate caratteristiche, in funzione dei limiti di velocità vigenti sulla strada interessata.

Per cui per limiti di velocità pari od inferiori a 50 km/h, la larghezza del dissuasore non può essere inferiore a 60 centimetri e l' altezza non superiore a 3 cm; per limiti pari o inferiori a 40 km/h, la larghezza non può essere inferiore a 90 cm e l'altezza non superiore a 5 cm; per limiti pari o inferiori a 30 km/h, la larghezza non può essere inferiore a 120 cm e l'altezza non può essere superiore a 7 cm.

Nonostante quanto sopra descritto, molte Amministrazioni Comunali eludendo la norma installano spesso dissuasori con caratteristiche ben diverse di quelle prescritte dal codice della strada, dimenticando che gli eventuali danni conseguenti a persone e cose, vanno a carico dell'Amministrazione.

Infatti, il Ministero competente in materia ha sottolineato che il permanere di tali dissuasori in opera in luoghi non consentiti, in caso di incidenti riconducibili alla loro collocazione, può dar luogo a Responsabilità Civile e Penale in capo a chi ne ha disposto la collocazione o a chi non ne ha disposto la rimozione.

Danni da scuotimenti possibili in presenza di dossi troppo alti

Fatta la debita premessa esaminiamo come e perché l'uso non a norma di tali dissuasori possa rappresentare un pericolo, non solo per l'incolumità degli automobilisti e in particolare dei motociclisti, ma anche per le costruzioni limitrofe a strade su cui essi sono installati.

Prendiamo in esame una abitazione distante 1 metro dal ciglio stradale, ed osserviamo il comportamento della sua struttura in presenza del traffico veicolare su strada priva di dissuasori.

Ebbene, indipendentemente dal tipo di struttura portante, muratura o intelaiatura in cemento armato, lo scorrere del traffico su un fondo stradale tenuto in buono stato di manutenzione, non comporta particolari problemi per la struttura.

Ma se sulla stessa strada venissero installati dei dissuasori la situazione cambierebbe radicalmente, una autobetoniera che a pieno carico pesa dalle 40 alle 45 tonnellate e che non può superare i 40 km/h, nel momento in cui impatta con un dissuasore regolamentare alto 3 cm, già produce uno scuotimento strutturale, paragonabile ad un evento sismico di modesta intensità.

Bastano però altri due centimetri in più in altezza, per provocare una sollecitazione ben più intensa, con conseguenze nel tempo anche gravi per l'integrità dell'involcro edilizio.


Danni da scuotimenti e dissesti relativi



I danni riportati dalle costruzioni in seguito a tali ripetute sollecitazioni, dipendono molto anche dalla natura del suolo circostante, da eventuali smorzatori naturali presenti, come canali di scolo laterali alla carreggiata, ecc.

Danni da scuotimenti prodotti nella muraturaLa comparsa delle prime lesioni sui vani o sulle pareti molto alte, sono i primi sintomi di una sofferenza strutturale dell'edificio, è stato rilevato in alcuni casi che le pareti realizzate in vetrocemento, in seguito alle sollecitazioni sussultorie ripetute manifestano rotture superficiali del vetrocemento, iniziando dalle parti perimetrali della singola formella.

I tramezzi interni alti più di 3,50 metri, aventi spessori di 10 cm. manifestano un principio di scollamento dei singoli blocchi e denotano alla percussione un suono che evidenzia un indebolimento della tenuta in generale.

Le parti a sbalzo dell'edificio, manifestano rotture di correnti perimetrali e in presenza di chiusure perimetrali dello sbalzo, evidenziano uno scollamento delle stesse dal solaio soprastante.

Come comportarsi di fronte ad una situazione del genere? Per prima cosa occorre stabilire se i dissuasori installati vicini alla nostra abitazione sono a norma o meno.

Danni da scuotimenti provocati nel vetrocementoStabilito ciò occorre inoltre verificare se i dissesti notati all'interno ed all'esterno dell'edificio, siano esclusivamente conseguenza degli scuotimenti prodotti dal traffico veicolare a cui sono assoggettati continuamente.

Inoltre risulta utile effettuare una piccola indagine, presso i proprietari delle abitazioni prossime alla nostra, al fine di verificare se il fenomeno fessurativo sia presente anche da loro.

Una volta accertato che la situazione è causata dalla presenza dei dissuasori citati, è bene monitorare il fenomeno al fine di verificarne l'eventuale progressione nel tempo.

Documentata con certezza, la relazione di causa/effetto tra scuotimento indotto dalla presenza di dissuasori nelle vicinanze e danni all'edificio, è necessario rappresentare nelle forme di legge, la situazione all'Amministrazione Responsabile al fine di indurre la stessa a prendere i provvedimenti del caso.

riproduzione riservata
Articolo: Danni da scuotimenti
Valutazione: 1.00 / 6 basato su 1 voti.

Danni da scuotimenti: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
332.919 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Danni da scuotimenti che potrebbero interessarti


Corretto montaggio delle porte interne

Porte interne - Quali sono gli errori da evitare nel montaggio delle porte interne, i possibili danni che emergono dalla scelta sbagliata e dalla posa in opera dei controtelai.

Immissioni e ruolo di proprietario ed inquilino

Normative - Le immissioni intollerabili alla luce della normativa dettata dal codice civile e le responsabilità nel caso d'unità immobiliare locata.

Condominio, responsabilità, prova e risarcimento danni

Parti comuni - S'ipotizzi che Tizio, proprietario in condominio Alfa, subisca danni da infiltrazioni proveniente da parti comuni. Cosa deve fare per ottenere il risarcimento danni.

Danni da infiltrazioni

Condominio - Tra i danni agli appartamenti, o alle parti comuni nei condomini, quelli lamentati più frequentemente sono i così detti danni da infiltrazioni d'acqua.

Gatti liberi di circolare in condominio

Regolamento condominiale - La libera circolazione dei gatti in condominio è un fenomeno noto a tutti noi, per la loro natura. Vediamo i principali paletti normativi entro cui può muoversi

Danni causati da nuove costruzioni in aderenza

Ristrutturazione - Come cautelarsi dai danni causati da un edificio in costruzione.

Vita privata e familiare e immissioni illecite

Proprietà - Contro le immissioni illecite si può pretendere il risarcimento del danno non patrimoniale alla vita privata e familiare, anche in assenza di danno alla salute.

Fognatura e danni ai condomini

Liti tra condomini - Un condomino fa causa alla compagine per chiederle il risarcimento del danno provocato da un rigurgito della fognatura condominiale.Il fatto, fin qui,

Vicini di casa rumorosi: Ok al risarcimento del danno anche senza CTU

Liti tra condomini - La Corte di Cassazione chiamata a pronunciarsi per risarcimento di un danno di natura non patrimoniale nell’ipotesi di rumori molesti da parte dei vicini di casa senza CTU
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img giomar68
Buongiornoabbiamo affidato i lavori di ristrutturazione della lavanderia ad una ditta idraulica.Nello smontare il calorifero, non sono riusciti a chiudere la valvola, per cui...
giomar68 07 Ottobre 2021 ore 15:31 3
Img info1
Come posso togliere alcune piastrelle dal pavimento senza romperle? Devo togliere da dentro un mobile e riposizionarle dove ho rotto perché non ne ho più, sono 4/5...
info1 02 Novembre 2020 ore 12:15 3
Img danieledilucca
Buonasera, il mio vicino ha installato da qualche anno una stufa a legna sostituendo la precedente a metano, ho il problema che continuamente il fumo viene verso casa mia e rende...
danieledilucca 29 Ottobre 2020 ore 17:37 2
Img anonimo
Buongiorno, in questo periodo di raccolta noci, il mio vicino ha un appezzamento di terra con arance e noci. Stamattina ha mandato operai con una macchina scuotitrice alberi noce...
anonimo 22 Settembre 2020 ore 18:56 1
Img pabo1985
Salve, il mio vicino sta effettuando dei lavori di ristrutturazione e ho notato delle crepe sui miei muri dovute a tali lavori. Dato che i lavori in questione per ciò che...
pabo1985 26 Giugno 2020 ore 19:31 8