Costruzione, ricostruzione, ristrutturazione e distanze

NEWS DI Normative23 Settembre 2013 ore 00:44
La normativa sopravvenuta sulle distanze nelle costruzioni trova applicazione per le nuove costruzioni e non anche nei casi di ristrutturazione e ricostruzione.

Tirar giù un edificio per poi ricostruirlo più alto costituisce una nuova costruzione come tale assoggettata al rispetto della normativa sulle distanze previste dai regolamenti locali e dall'art. 873 c.c.


Questo, nel solco del proprio consolidato orientamento, il responso della Corte di Cassazione in relazione ad una controversia risolta con la sentenza n. 21000 del 13 settembre 2013.


La controversia nasce a seguito di un intervento edilizio.


In breve: il proprietario di un immobile lo abbatte e ricostruisce sopraelevandolo di un metro e quaranta centimetri.


Nasce una causa con il vicino: per quest'ultimo si tratta di nuova costruzione conseguente a sopraelevazione con annessa violazione della normativa sulle distanze tra costruzioni.


Per l'autore dell'opera una semplice ricostruzione pienamente legittima.


Distanze tra costruzioni


Ai sensi dell'art. 873 c.c.:


Le costruzioni su fondi finitimi, se non sono unite o aderenti, devono essere tenute a distanza non minore di tre metri. Nei regolamenti locali può essere stabilita una distanza maggiore.


La norma del codice civile, quindi, ha una funzione sussidiaria rispetto ai regolamenti locali che comunque non possono contenere distanze inferiori.


Che cosa deve intendersi per costruzione?


Secondo la Cassazione ai fini dell'osservanza delle distanze legali di cui agli artt. 873 e seguenti c.c., nonché di quelle prescritte dagli strumenti urbanistici o normativi che integrano la disciplina codicistica, deve considerarsi costruzione qualsiasi manufatto non completamente interrato che abbia i caratteri della solidità, stabilità e immobilizzazione al suolo, anche mediante appoggio, incorporazione o collegamento fisso a un corpo di fabbrica preesistente o contestualmente realizzato, e ciò indipendentemente dal livello di posa e di elevazione dell'opera, dai caratteri del suo sviluppo volumetrico esterno, dall'uniformità o continuità della massa, dal materiale impiegato per la sua realizzazione e dalla sua funzione o destinazione (Cass. 28 settembre 2007 n. 20574).


In questo contesto, prosegue la Corte per quanto riguarda gli sporti, le terrazze, le scale esterne o, in genere, i corpi avanzati costituenti aggetti di un edificio, questi, ove siano stabilmente incorporati nell'immobile e non abbiano una funzione meramente decorativa od ornamentale, accrescono la superficie, il volume e la funzionalità dell'immobile cui accedono e rientrano nel concetto civilistico di costruzione, per cui di essi deve tenersi conto ai fini delle distanze, che vanno misurate dal limite dei manufatti aggettanti verso il vicino (Cass. 28 settembre 2007 n. 20574).


Sopraelevazione e ricostruzione


CostruzioneSe esiste uno stato dei luoghi, non ogni modificazione dev'essere considerata rilevante ai fini del rispetto delle nuove norme sulle distanze.


Spieghiamoci meglio: esistono due edifici A e B posti alla distanza di tre metri. Successivamente alla loro costruzione viene modificato il regolamento edilizio locale che prevede una distanza minima di quattro metri. La norma chiaramente varrà per il futuro.


Accade, in questo futuro che il proprietario dell'immobile A deve ristrutturarlo e decide di buttarlo giù e ricostruirlo esattamente come il precedente, piuttosto d'intervenire in modo mirato.


In questo caso non si applicano le nuove norme (4 metri) ma si considera valida la situazione esistente che potrà essere riprodotta.


Ma che succede se l'edificio A viene ricostruito sostanzialmente uguale ma leggermente più alto?


Nel caso risolto dalla sentenza n. 21000 della Cassazione, come detto in precedenza, la sopraelevazione era pari ad 1,40 m.


Il giudice di primo grado e quello d'appello hanno ritenuto l'intervento ricostruttivo alla stregua di una ricostruzione dello status quo ante come tale non soggetto al rispetto delle nuove distanze previste dai regolamenti locali.


La Cassazione s'è mostrata di parere opposto.


Si legge in sentenza: secondo il consolidato orientamento di questa Corte, nell'ambito delle opere edilizie, si ha semplice ristrutturazione ove gli interventi, comportando modificazioni esclusivamente interne, abbiano interessato un edificio del quale sussistano (e, all'esito degli stessi, rimangano inalterate) le componenti essenziali, quali i muri perimetrali, le strutture orizzontali, la copertura.


È ravvisabile, al contrario, una ricostruzione allorché dell'edificio preesistente siano venute meno, per evento naturale o per volontaria demolizione, dette componenti, e l'intervento si traduca nell'esatto ripristino delle stesse, operato senza alcuna variazione rispetto alle originarie dimensioni dell'edificio e, in particolare, senza aumenti della volumetria, né delle superfici occupate in relazione alla originaria sagoma di ingombro.


Nuova costruzioneIn presenza di tali aumenti, si verte, invece, in ipotesi di nuova costruzione, da considerare tale, ai fini del computo delle distanze rispetto agli edifici contigui, come previste dagli strumenti urbanistici locali, nel suo complesso, ove lo strumento urbanistico rechi una norma espressa con la quale le prescrizioni sulle maggiori distanze previste per le nuove costruzioni siano estese anche alle ricostruzioni, ovvero, ove una siffatta norma non esista, solo nelle parti eccedenti le dimensioni dell'edificio originario (Cass. Sez. Un. 19-10-2011 n. 21578; Cass. 11-2-2009 n. 3391; Cass. 27-4-2006 n. 9637) (Cass. 13 settembre 2013 n. 21000).


Gli ermellini hanno quindi concluso che il manufatto sopraelevato doveva essere considerata nuova costruzione e non semplice ricostruzione.

riproduzione riservata
Articolo: Costruzione, ricostruzione, ristrutturazione e distanze
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 3 voti.

Costruzione, ricostruzione, ristrutturazione e distanze: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Costruzione, ricostruzione, ristrutturazione e distanze che potrebbero interessarti
Volumi tecnici e distanze dal confine

Volumi tecnici e distanze dal confine

Leggi e Normative Tecniche - In materia di distanze tra le costruzioni, in assenza di specifiche indicazioni regolamentari, anche per i volumi tecnici bisogna applicare l'art. 873 del codice civile.
Abbattimento delle barriere architettoniche e distanze tra le costruzioni

Abbattimento delle barriere architettoniche e distanze tra le costruzioni

Leggi e Normative Tecniche - In base alla decisione del Tar della Lombardia si può derogare alle norme sulle distanze per eseguire opere finalizzate all'abbattimento barriere architettoniche
Distanze tra costruzioni: come sono disciplinate

Distanze tra costruzioni: come sono disciplinate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - In caso di costruzioni realizzate su fondi confinanti la legge impone il rispetto di precise distanze tra le costruzioni. Cosa succede per violazione della norma

Piscine e distanze legali

Proprietà - Le norme sulle distanze tra costruzioni non valgono per le piscine interrate. Lo ha (ri)affermato il Tar Napoli con la sentenza n.3520 del 2015 del 2 luglio 2015.

La canna fumaria non è una costruzione

Leggi e Normative Tecniche - La canna fumaria - la cui funzione è quella di consentire la canalizzazione e lo scarico dei fumi - quale elemento accessorio di un impianto, non è una costruzione.

Muro di cinta

Normative - Il muro di cinta, se presenta determinate caratteristiche strutturali, non dev'essere considerato nel calcolo delle distanze delle costruzioni di cui all'art.873 c.c.

Quando si può costruire un balcone in un edificio in condominio?

Manutenzione condominiale - La costruzione di un balcone in condominio può essere considerata lecita, ma per esserlo deve rispettare determinate norme che variano a seconda delle circostanze.

Ascensori esterni e distanze minime tra le costruzioni

Ascensori e montacarichi - Una sentenza del Consiglio di Stato esclude dal concetto di costruzione gli ascensori esterni ritenendo non applicabili le disposizioni sulle distanze tra immobili.

Distanze tra fabbricati

Leggi e Normative Tecniche - Una delle cause più frequenti di lite tra vicini è costituita dalle distanze tra le proprietà o dai muri di confine, regolamentate dal c.c. e dalle norme locali.
REGISTRATI COME UTENTE
295.587 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Nuove costruzioni Bologna
    Nuove costruzioni bologna...
    950.00
  • Costruzione piscine
    Costruzione piscine...
    10000.00
  • Costruzione ville
    Costruzione ville...
    800.00
  • Costruzione tetti mansarde
    Costruzione tetti mansarde...
    150.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Black & Decker
  • Faidatebook
  • Kone
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.