Cosa fare se lo scaldabagno perde acqua

Come riconoscere una perdita dello scaldabagno e cosa fare: ecco tutti i consigli per una corretta prevenzione e una manutenzione efficace degli scaldabagni.
Pubblicato il

Cosa fare in caso di perdita dello scaldabagno


Il ruolo vitale dello scaldabagno nell'ambito del comfort e dell'igiene domestica è indiscutibile; tuttavia, talvolta, il suo funzionamento può essere compromesso da inconvenienti come le perdite d'acqua.

Aggiustare scaldanagno rotto - RawpixelAggiustare uno scaldabagno rotto - Rawpixel

In situazioni del genere, è essenziale intervenire prontamente per prevenire danni maggiori e ridurre i consumi energetici.


Come riconoscere una perdita dello scaldabagno e cosa fare se lo scaldabagno perde?

Ecco tutti i consigli sulla prevenzione e la manutenzione degli scaldabagni e come capire quando è necessario sostituire lo scaldabagno.


Quali sono le cause di una perdita dello scaldabagno?


Le perdite dello scaldabagno possono essere originate da diverse fonti, a seconda della zona da cui proviene l'acqua.

Come riparare scaldabagnoCome riparare lo scaldabagno

Le cause più comuni includono:

  • Perdita dalla valvola di sicurezza: questa valvola è progettata per rilasciare la pressione interna dello scaldabagno quando supera un certo limite, riducendo così il rischio di esplosioni. È normale che la valvola si attivi occasionalmente ma qualora la perdita fosse continua o eccessiva, potrebbe essere un segnale di malfunzionamento della valvola o del termostato, responsabile della regolazione della temperatura dell'acqua.

  • Perdita dal rubinetto di scarico: questo componente si trova nella parte inferiore dello scaldabagno ed è utilizzato per svuotare il serbatoio durante operazioni di manutenzione o sostituzione. Se il rubinetto non è ben chiuso o presenta crepe, può causare perdite d'acqua.

  • Perdita dalle tubazioni: queste connessioni collegano lo scaldabagno agli impianti idraulici della casa. Se sono danneggiate, usurati o mal sigillate, possono provocare infiltrazioni d'acqua.

  • Perdita dal serbatoio: questa è la causa più grave e meno frequente di una perdita dello scaldabagno. È spesso dovuta a corrosione interna del serbatoio, causata dall'acqua calcarea o dalla mancanza di manutenzione adeguata. In questo caso, l'unica soluzione è la sostituzione dello scaldabagno.


Come aggiustare uno scaldabagno che perde?


Per individuare la fonte di una perdita dello scaldabagno, è necessario effettuare un'ispezione accurata delle diverse parti del dispositivo alla ricerca di segni di umidità, gocce d'acqua o flussi d'acqua.

Aggiustare scaldabagno a gas - Antonio Mette, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia CommonsAggiustare scaldabagno a gas - Antonio Mette, CC BY-SA 4.0, Wikimedia Commons

Se la perdita è evidente, è possibile tentare di risolverla seguendo questi passaggi:

  • Chiudere l'alimentazione idrica ed elettrica dello scaldabagno.

  • Se la perdita proviene dalla valvola di sicurezza, verificare la temperatura dell'acqua e la pressione. Regolare il termostato o sostituire la valvola se necessario.

  • Se la perdita proviene dal rubinetto di scarico, assicurarsi che sia ben chiuso o sostituirlo se presenta danni.

  • Se la perdita proviene dalle tubazioni, verificare l'integrità delle connessioni e sostituire le tubazioni o applicare sigillanti se necessario.

  • Se la perdita proviene dal serbatoio, consultare un tecnico specializzato per valutare la gravità del problema e procedere con la sostituzione dello scaldabagno.


Come prevenire una perdita dello scaldabagno?


Evitare le perdite dello scaldabagno è possibile seguendo alcune semplici regole preventive:

Manutenzione Scaldabagno - Antonio Mette, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia CommonsManutenzione Scaldabagno - Antonio Mette, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

  • Effettuare una manutenzione periodica dello scaldabagno almeno una volta all'anno per verificare lo stato del dispositivo e rimuovere l'eventuale accumulo di calcare nel serbatoio.

  • Proteggere lo scaldabagno da sbalzi di temperatura evitando l'esposizione al sole o al gelo e da fonti di umidità come infiltrazioni o condense.

  • Scegliere uno scaldabagno di qualità dotato di buon isolamento termico e protezione anticorrosione per garantire maggiore durata e ridurre la probabilità di guasti.

  • Seguire scrupolosamente le istruzioni del produttore per l'installazione, l'uso e la manutenzione dello scaldabagno, rispettando le norme di sicurezza e le indicazioni tecniche.


Quando sostituire lo scaldabagno?


Se la perdita dello scaldabagno è irrimediabile o se il dispositivo manifesta altri segni di usura o malfunzionamento, potrebbe essere il momento di sostituirlo con uno nuovo.

I segnali di malfunzionamento sono:

  • rumori anomali;

  • surriscaldamento;

  • bassa produzione di acqua calda;

  • elevati consumi energetici.


Perdita scaldabagno - DryPot, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia CommonsPerdita scaldabagno - DryPot, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

In generale, si consiglia di cambiare lo scaldabagno ogni 10-15 anni, a seconda della qualità, del modello e dell'utilizzo.
scaldabagno
Inoltre, la sostituzione offre l'opportunità di scegliere uno scaldabagno più efficiente e adatto alle esigenze personali, considerando le diverse tipologie disponibili sul mercato, tra cui scaldabagni elettrici, a gas o solari.


Quanto costa riparare lo scaldabagno?


Il costo medio di riparazione di uno scaldabagno elettrico è di circa 150 euro, mentre per uno scaldabagno a gas è di circa 200 euro.

Questi costi comprendono sia il materiale che la manodopera; tuttavia, il costo può variare in base alla gravità del problema e alla complessità dell'intervento.

Perdite scaldabagno - Antonio Mette, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia CommonsPerdite scaldabagno - Antonio Mette, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Alcuni dei problemi più comuni che richiedono riparazione includono:

  • la sostituzione della resistenza elettrica o del bruciatore a gas (con costi tra i 50 e i 150 euro);

  • la sostituzione o regolazione del termostato (con costi tra i 30 e i 50 euro);


  • la pulizia o la sostituzione della valvola di sicurezza o del gruppo di sicurezza (con costi tra i 20 e i 40 euro).

Comunque, nel caso in cui il serbatoio sia corroso o danneggiato, la riparazione potrebbe richiedere un investimento significativo e potrebbe essere più conveniente sostituire l'intero scaldabagno, con un costo medio di circa 300-600 euro, a seconda del tipo.

riproduzione riservata
Cosa fare se lo scaldabagno perde acqua
Valutazione: 5.33 / 6 basato su 3 voti.
gnews
  • whatsapp
  • facebook
  • twitter

Inserisci un commento



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
347.073 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI